Salute 27 Febbraio 2018 12:54

Il manifesto di Assobiomedica: più soldi a Ssn e spazio a innovazione e ricerca. Boggetti: «Sanità torni al centro dell’agenda politica»

Il presidente della federazione di Confindustria che rappresenta le imprese del settore dei dispositivi medici chiede anche la difesa dei brevetti e l’allungamento del periodo di status start-up innovativa. Poi aggiunge: «Serve collaborazione tra medici e imprese, ma oggi viene vista male»

«La sanità torni ad essere parte integrante dei programmi politici perché è un’opportunità per il Paese». Il presidente di Assobiomedica, Massimiliano Boggetti, si è rivolto con queste parole a tutte le formazioni politiche in vista delle prossime elezioni politiche. Un appello che si accompagna ad un manifesto intitolato “Il valore delle tecnologie mediche”, presentato a Roma durante il convegno “Le sfide per la salute del Paese. 2018-2023: una road map per l’industria e la Sanità del futuro”, e che contiene un piano di misure per rilanciare il settore.

Tra i punti qualificanti il rifinanziamento e rafforzamento della governance del Servizio sanitario nazionale, acquisti basati sul valore delle tecnologie mediche, introduzione precoce dell’innovazione e ammodernamento del parco tecnologico, agevolazioni agli investimenti in ricerca e innovazione, valorizzazione della ricerca scientifica e della collaborazione tra industria e mondo scientifico. Misure concrete che permetterebbero di riconoscere le opportunità che il settore della salute può offrire per la crescita economica e sociale, creando occupazione, sviluppo e innovazione. Il mondo delle imprese legate alle tecnologie mediche è un mondo particolarmente variegato: la parte del leone la fanno quelle che producono dispositivi monouso come siringhe, protesi ortopediche, cerotti, pacemaker, defribillatori: sono il 45% del totale. Il 19% è costituito da strumenti e apparecchiature per chirurgia, monitoraggio, riabilitazione. La difesa dei brevetti e l’allungamento del periodo di status “start-up innovativa” sono altre policy auspicate da Assobiomedica.

Dottor Boggetti, la sanità è scomparsa dai radar di questa campagna elettorale: quali sono le richieste che Assobiomedica fa alla politica?

«La richiesta principale è che la sanità torni ad essere parte integrante dei programmi politici perché, oltre ad essere un impegno sociale e morale, è un’opportunità per il Paese. Noi nello specifico abbiamo declinato un nostro manifesto dove indichiamo delle soluzioni per investire nel nostro comparto e nel mondo della sanità attraverso le nostre innovazioni tecnologiche, generando da una parte valore per l’economia, l’occupazione e l’indotto che il nostro comparto genera e dall’altro producendo ricadute positive: attraverso i nostri dispositivi medici stiamo promuovendo questo salto di paradigma da una medicina che oggi tende a trattare le patologie e in alcuni casi a curarle verso una medicina che sia capace di prevenirle. E oggi, attraverso i dispositivi medici, questo è possibile farlo».

Nel vostro programma è indicata la necessità di una stretta collaborazione tra industria e ricerca pubblica. Cosa manca per una più proficua collaborazione?

«Innanzitutto manca la consapevolezza che il rapporto tra noi, i professionisti e i medici è una collaborazione virtuosa. Purtroppo non sempre viene vista così. Quindi se non si parte da questo presupposto non si riescono ad attuare quelle manovre che servono per potenziare il nostro mondo. Glielo spiego con un esempio pratico: l’Anac, l’autorità anti corruzione, sostiene che chi oggi abbia un rapporto di collaborazione con l’industria abbia un conflitto di interesse. E’ chiaro che se si parte da questo presupposto è difficile. Noi invece siamo molto decisi nel ribadire che l’innovazione nasce proprio da questa collaborazione perché senza di essa non può avvenire. Qual è il rischio: non è che non ci sarà più innovazione, l’innovazione ci sarà ma non ci sarà più innovazione attraverso la collaborazione tra industria italiana e professionisti italiani. Semplicemente si andrà a farla all’estero».

La sanità vale il 10% del Pil italiano, come mai però in questo momento c’è così poca attenzione dal mondo politico?

«Perché in questo momento la politica non ha ancora deciso come tornare, dopo anni di tagli, ad affrontare il problema della sanità e quindi, come sempre accade, si scappa».

Articoli correlati
«Sempre più medici e infermieri aprono la partita Iva», parla Nursing Up
Nursing Up denuncia la sempre maggiore fuga di medici e infermieri dalla sanità pubblica. Molti si licenziano e preferiscono aprire la partita Iva. I casi del Piemonte e dell'Emilia Romagna
La responsabilità del medico specialista
Ci occupiamo di un caso di responsabilità del medico specialista. Per la Cassazione questi non può considerarsi un mero esecutore
di Riccardo Cantini, intermediario assicurativo (Iscrizione RUI di IVASS: E000570258)
Camici bianchi e operatori sanitari in corsa per un seggio in Parlamento. Speranza si candida in Campania
Tra i sottosegretari non si ricandida Pierpaolo Sileri, mentre Andrea Costa corre in Liguria. Candidata nel Lazio per Azione Annamaria Parente, presidente della commissione Sanità. In corsa anche Sandra Zampa, Andrea Mandelli e Marcello Gemmato, responsabili sanità di Pd, Forza Italia e Fratelli d’Italia. I virologi Andrea Crisanti e Pierluigi Lopalco candidati per il centrosinistra
di Francesco Torre
Medici cubani in Calabria, cosa è successo?
Il presidente della Regione Calabria Roberto Occhiuto ha siglato un accordo con il governo cubano per assumere poco meno di 500 medici a tempo indeterminato per far fronte alla gravissima carenza di personale. Una scelta, quella di Occhiuto, che ha sollevato un polverone di polemiche
Dal reinserimento al lavoro alla formazione, nel Lazio una proposta di legge contro le aggressioni ai sanitari
L’ha presentata il consigliere della Lega Daniele Giannini, raccogliendo le proposte dell’associazione AMAD. L’obiettivo è quello di incrementare le tutele introdotte dalla legge 113 del 2020
di Francesco Torre
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 23 settembre 2022, sono 614.093.002 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.533.948 i decessi. Ad oggi, oltre 12.25 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata ...
Covid-19, che fare se...?

Se risulto negativo al test ma ho ancora i sintomi posso contagiare gli altri?

Sintomi come febbre e tosse possono durare più della positività al test antigenico rapido. Gli scienziati si stanno interrogando quindi sulla durata della contagiosità. L'ipotesi ...
Covid-19, che fare se...?

Quanto durano i sintomi del Long Covid?

La durata dei sintomi collegati al Long Covid può essere molto variabile: si va da qualche settimana fino anche a 24 mesi