Salute 27 febbraio 2018

Il manifesto di Assobiomedica: più soldi a Ssn e spazio a innovazione e ricerca. Boggetti: «Sanità torni al centro dell’agenda politica»

Il presidente della federazione di Confindustria che rappresenta le imprese del settore dei dispositivi medici chiede anche la difesa dei brevetti e l’allungamento del periodo di status start-up innovativa. Poi aggiunge: «Serve collaborazione tra medici e imprese, ma oggi viene vista male»

«La sanità torni ad essere parte integrante dei programmi politici perché è un’opportunità per il Paese». Il presidente di Assobiomedica, Massimiliano Boggetti, si è rivolto con queste parole a tutte le formazioni politiche in vista delle prossime elezioni politiche. Un appello che si accompagna ad un manifesto intitolato “Il valore delle tecnologie mediche”, presentato a Roma durante il convegno “Le sfide per la salute del Paese. 2018-2023: una road map per l’industria e la Sanità del futuro”, e che contiene un piano di misure per rilanciare il settore.

Tra i punti qualificanti il rifinanziamento e rafforzamento della governance del Servizio sanitario nazionale, acquisti basati sul valore delle tecnologie mediche, introduzione precoce dell’innovazione e ammodernamento del parco tecnologico, agevolazioni agli investimenti in ricerca e innovazione, valorizzazione della ricerca scientifica e della collaborazione tra industria e mondo scientifico. Misure concrete che permetterebbero di riconoscere le opportunità che il settore della salute può offrire per la crescita economica e sociale, creando occupazione, sviluppo e innovazione. Il mondo delle imprese legate alle tecnologie mediche è un mondo particolarmente variegato: la parte del leone la fanno quelle che producono dispositivi monouso come siringhe, protesi ortopediche, cerotti, pacemaker, defribillatori: sono il 45% del totale. Il 19% è costituito da strumenti e apparecchiature per chirurgia, monitoraggio, riabilitazione. La difesa dei brevetti e l’allungamento del periodo di status “start-up innovativa” sono altre policy auspicate da Assobiomedica.

Dottor Boggetti, la sanità è scomparsa dai radar di questa campagna elettorale: quali sono le richieste che Assobiomedica fa alla politica?

«La richiesta principale è che la sanità torni ad essere parte integrante dei programmi politici perché, oltre ad essere un impegno sociale e morale, è un’opportunità per il Paese. Noi nello specifico abbiamo declinato un nostro manifesto dove indichiamo delle soluzioni per investire nel nostro comparto e nel mondo della sanità attraverso le nostre innovazioni tecnologiche, generando da una parte valore per l’economia, l’occupazione e l’indotto che il nostro comparto genera e dall’altro producendo ricadute positive: attraverso i nostri dispositivi medici stiamo promuovendo questo salto di paradigma da una medicina che oggi tende a trattare le patologie e in alcuni casi a curarle verso una medicina che sia capace di prevenirle. E oggi, attraverso i dispositivi medici, questo è possibile farlo».

Nel vostro programma è indicata la necessità di una stretta collaborazione tra industria e ricerca pubblica. Cosa manca per una più proficua collaborazione?

«Innanzitutto manca la consapevolezza che il rapporto tra noi, i professionisti e i medici è una collaborazione virtuosa. Purtroppo non sempre viene vista così. Quindi se non si parte da questo presupposto non si riescono ad attuare quelle manovre che servono per potenziare il nostro mondo. Glielo spiego con un esempio pratico: l’Anac, l’autorità anti corruzione, sostiene che chi oggi abbia un rapporto di collaborazione con l’industria abbia un conflitto di interesse. E’ chiaro che se si parte da questo presupposto è difficile. Noi invece siamo molto decisi nel ribadire che l’innovazione nasce proprio da questa collaborazione perché senza di essa non può avvenire. Qual è il rischio: non è che non ci sarà più innovazione, l’innovazione ci sarà ma non ci sarà più innovazione attraverso la collaborazione tra industria italiana e professionisti italiani. Semplicemente si andrà a farla all’estero».

La sanità vale il 10% del Pil italiano, come mai però in questo momento c’è così poca attenzione dal mondo politico?

«Perché in questo momento la politica non ha ancora deciso come tornare, dopo anni di tagli, ad affrontare il problema della sanità e quindi, come sempre accade, si scappa».

Articoli correlati
Dissezione su cadavere, l’eccellenza all’università di Bologna: 400 metri quadri al servizio di studenti, chirurghi e ricercatori
L’Italia ferma ad un Regio Decreto del 1933. Ad ottobre 2018, Pierpaolo Sileri (M5S) ha presentato un disegno di legge in tema disposizione del proprio corpo e dei tessuti post mortem a fini di studio, di formazione e di ricerca scientifica
di Isabella Faggiano
Accademia dei pazienti-Eupati Italia, il paziente “esperto” affianca il medico nel percorso terapeutico
Informazione, formazione e competenza: un paziente preparato e consapevole supporta il professionista sanitario con la sua esperienza diretta di malattia, veicola le necessità degli altri ed aiuta ad arginare il fenomeno della disinformazione in salute
Fondo sanitario, Regioni approvano riparto 2019. Antonio Saitta: «SSN sottofinanziato, in nuovo Patto della Salute risorse certe»
Alla Conferenza delle Regioni suddiviso il Fondo di 111,2 miliardi. Il Presidente Stefano Bonaccini: «Così diamo un contributo importante alle successive azioni del ministero e consentiamo alle Regioni di avviare una programmazione in tempi certi». Sul tema dell’autonomia differenziata posizioni diverse dei governatori. L’Assessore alla Sanità del Piemonte: Su alcune materie, come la formazione, non possiamo stare con le mani in mano. Servino regole certe»
Aids, vaccino italiano abbatte il 90% del virus
Lo studio è condotto in otto centri clinici in Italia e presenta i dati del monitoraggio clinico a lungo termine di 92 volontari vaccinati del precedente studio clinico condotto dall'Iss.
Libera professione, Cimo: « Un affare per le aziende sanitarie. Medici estranei a liste d’attesa»
Una chiara e pubblica smentita delle demagogiche argomentazioni contro i medici e l’esercizio della libera professione. È quanto emerge, secondo il sindacato dei medici CIMO, dalla relazione al Parlamento sulla libera professione del Ministero della Salute, le cui rilevazioni sulle attività ospedaliere in libera professione evidenziano nonostante la diminuzione di queste ultime, il contestuale aumento […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Sanità internazionale

La lettera di un medico stressato: «Il mio lavoro sta prosciugando la mia umanità»

«L’ultimo tuo contatto umano, poco prima che le tue condizioni peggiorassero velocemente e morissi, è stato con un medico stressato e distaccato, che ha interrotto il tuo ricordo felice. Ti chiedo...
Lavoro

Ex specializzandi: nel 2018 dallo Stato rimborsi per oltre 48 milioni e nuovi ricorsi sono pronti per il 2019

La "road map dei risarcimenti" regione per regione: Lazio in testa con 9 milioni, sul podio Lombardia e Sicilia. Più di 31 milioni al centro-sud con la Sardegna in forte crescita. Pronta la nuova azi...
Mondo

Da Messina alla Nuova Zelanda, la storia del fondatore di Doctors in Fuga: «Così aiuto giovani medici ad andare all’estero»

Stipendi più alti, maggiore attenzione al merito, assenza di contenziosi legali grazie ad una migliore comunicazione tra medici e pazienti. Davide Conti è in Nuova Zelanda da nove anni e non ha alcu...