Salute 27 Febbraio 2018

Il manifesto di Assobiomedica: più soldi a Ssn e spazio a innovazione e ricerca. Boggetti: «Sanità torni al centro dell’agenda politica»

Il presidente della federazione di Confindustria che rappresenta le imprese del settore dei dispositivi medici chiede anche la difesa dei brevetti e l’allungamento del periodo di status start-up innovativa. Poi aggiunge: «Serve collaborazione tra medici e imprese, ma oggi viene vista male»

«La sanità torni ad essere parte integrante dei programmi politici perché è un’opportunità per il Paese». Il presidente di Assobiomedica, Massimiliano Boggetti, si è rivolto con queste parole a tutte le formazioni politiche in vista delle prossime elezioni politiche. Un appello che si accompagna ad un manifesto intitolato “Il valore delle tecnologie mediche”, presentato a Roma durante il convegno “Le sfide per la salute del Paese. 2018-2023: una road map per l’industria e la Sanità del futuro”, e che contiene un piano di misure per rilanciare il settore.

Tra i punti qualificanti il rifinanziamento e rafforzamento della governance del Servizio sanitario nazionale, acquisti basati sul valore delle tecnologie mediche, introduzione precoce dell’innovazione e ammodernamento del parco tecnologico, agevolazioni agli investimenti in ricerca e innovazione, valorizzazione della ricerca scientifica e della collaborazione tra industria e mondo scientifico. Misure concrete che permetterebbero di riconoscere le opportunità che il settore della salute può offrire per la crescita economica e sociale, creando occupazione, sviluppo e innovazione. Il mondo delle imprese legate alle tecnologie mediche è un mondo particolarmente variegato: la parte del leone la fanno quelle che producono dispositivi monouso come siringhe, protesi ortopediche, cerotti, pacemaker, defribillatori: sono il 45% del totale. Il 19% è costituito da strumenti e apparecchiature per chirurgia, monitoraggio, riabilitazione. La difesa dei brevetti e l’allungamento del periodo di status “start-up innovativa” sono altre policy auspicate da Assobiomedica.

Dottor Boggetti, la sanità è scomparsa dai radar di questa campagna elettorale: quali sono le richieste che Assobiomedica fa alla politica?

«La richiesta principale è che la sanità torni ad essere parte integrante dei programmi politici perché, oltre ad essere un impegno sociale e morale, è un’opportunità per il Paese. Noi nello specifico abbiamo declinato un nostro manifesto dove indichiamo delle soluzioni per investire nel nostro comparto e nel mondo della sanità attraverso le nostre innovazioni tecnologiche, generando da una parte valore per l’economia, l’occupazione e l’indotto che il nostro comparto genera e dall’altro producendo ricadute positive: attraverso i nostri dispositivi medici stiamo promuovendo questo salto di paradigma da una medicina che oggi tende a trattare le patologie e in alcuni casi a curarle verso una medicina che sia capace di prevenirle. E oggi, attraverso i dispositivi medici, questo è possibile farlo».

Nel vostro programma è indicata la necessità di una stretta collaborazione tra industria e ricerca pubblica. Cosa manca per una più proficua collaborazione?

«Innanzitutto manca la consapevolezza che il rapporto tra noi, i professionisti e i medici è una collaborazione virtuosa. Purtroppo non sempre viene vista così. Quindi se non si parte da questo presupposto non si riescono ad attuare quelle manovre che servono per potenziare il nostro mondo. Glielo spiego con un esempio pratico: l’Anac, l’autorità anti corruzione, sostiene che chi oggi abbia un rapporto di collaborazione con l’industria abbia un conflitto di interesse. E’ chiaro che se si parte da questo presupposto è difficile. Noi invece siamo molto decisi nel ribadire che l’innovazione nasce proprio da questa collaborazione perché senza di essa non può avvenire. Qual è il rischio: non è che non ci sarà più innovazione, l’innovazione ci sarà ma non ci sarà più innovazione attraverso la collaborazione tra industria italiana e professionisti italiani. Semplicemente si andrà a farla all’estero».

La sanità vale il 10% del Pil italiano, come mai però in questo momento c’è così poca attenzione dal mondo politico?

«Perché in questo momento la politica non ha ancora deciso come tornare, dopo anni di tagli, ad affrontare il problema della sanità e quindi, come sempre accade, si scappa».

Articoli correlati
Giuramento d’Ippocrate per 600 medici, Magi (OMCeO Roma): «Un faro per il cammino lavorativo con la speranza che restino qui in Italia»
Centinaia di neoiscritti si sono riuniti per la cerimonia del Giuramento di Ippocrate organizzata dall’OMCeO Roma. Un momento di festa, con famiglie e amici, per sottolineare l’appartenenza alla categoria e stimolare la consapevolezza della responsabilità sociale che ne deriva. Anelli (FNOMCeO): «Auguro ai colleghi di guidare il processo di risanamento etico di questo paese»
Carenza medici, in Emilia Romagna ne mancheranno 8mila entro il 2025: ecco i dati diffusi da Amsi
Secondo gli ultimi dati aggiornati, all'appello mancherebbero 350 medici, 150 infermieri e 50 fisioterapisti
Responsabilità medica, Macrì (Medicina Legale) «Importante sia tutelare i pazienti che garantire maggiore tranquillità ai professionisti»
«Dobbiamo pensare che la buona sanità è un interesse collettivo generale». E sui contenziosi medico-legali: «Si stanno imponendo meccanismi conciliativi e di mediazione, anche se avvocati e giudici sono ancora restii a soluzioni alternative»
Amsi: «400 medici, 300 infermieri e 150 fisioterapisti richiesti all’Amsi dal 2018 nella Regione Lazio»
«Nel 2025 mancheranno 15 mila medici nella Regione Lazio che è tra le prime in Italia come numero di strutture sanitarie pubbliche e private» così Foad Aodi, presidente dell’associazione medici di origine straniera in Italia (Amsi) con la collaborazione del Movimento internazionale “Uniti per Unire”, anticipando alcune statistiche importanti e costruttive che saranno presentate durante […]
Human Technopole pronto nel 2024. Mattaj (direttore) : «Permetterà all’Italia di diventare un paese più competitivo nella ricerca biomedica»
Human Technopole è un centro di ricerca scientifico dedicato alle scienze della vita dotato delle tecnologie più avanzate al mondo e sopratutto di mezzi che non ha nessuno: quasi un miliardo di euro, secondo la Legge di Bilancio 2017, direttamente dalle tasche dello Stato, dal 2016 al 2024 quando dovrebbe essere completato (per un totale […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Sanità internazionale

«La sanità si basa sullo sfruttamento infinito e gratuito di medici e professionisti sanitari»

Riuscite a immaginare un idraulico o un avvocato che lavorano il 30% in più senza chiedere ulteriori compensi? In sanità viene dato per scontato
Lavoro

Ex specializzandi, a Roma l’Appello dà ragione ai camici bianchi. L’avvocato Marco Tortorella: «300mila medici abbandonati dallo Stato, ora giustizia»

L’ultima sentenza della Corte di Appello di Roma ha portato all’assegnazione di rimborsi per 12 milioni di euro per i camici bianchi tutelati dal network legale Consulcesi. «Lo Stato è obbligato...
Salute

Anatomia Patologica, viaggio nel laboratorio dove si scoprono i tumori. Virgili (Campus Bio-Medico): «Sanità digitale e I.A. il futuro»

Sanità Informazione è entrata nel laboratorio del Policlinico Campus Bio-Medico di Roma dove vengono analizzati i tessuti: la tecnologia consente precisione e velocità. Il coordinatore Roberto Virg...