Salute 4 Giugno 2019

ECM, Leoni (FNOMCeO) contro la carenza di personale: «Così non riusciamo a sopperire alla formazione»

«La formazione permanente è parte integrante di quello che è anche l’orario di lavoro del medico», spiega Giovanni Leoni vicepresidente FNOMCeO. Per questo è necessario «il ripristino dell’organico normale degli ospedali per avere uno staff adeguato per far tutte quante le funzioni a loro richieste»

Immagine articolo

L’aggiornamento professionale dei camici bianchi è al centro del dibattito apertosi con gli Stati generali della professione medica. Dopo il caso Aosta, che ha visto la prima sanzione a danno di un odontoiatra colpevole di non aver curato la formazione continua, il mondo medico si interroga su quali potranno essere le soluzioni che aiuteranno i professionisti a sopperire all’obbligo di legge riguardo l’Eduzione Continua in Medicina (ECM). «L’aggiornamento professionale è fondamentale- spiega ai microfoni di Sanità Informazione Giovanni Leoni, vicepresidente FNOMCeO – perché l’evoluzione delle conoscenze praticamente da un dimezzamento di quello che è il know-how entro cinque anni».

Stati generali della professione medica, quanto è importante l’aggiornamento professionale per un medico oggi?

«La formazione permanente è parte integrante di quello che è anche l’orario di lavoro del medico. Infatti, quattro ore dell’orario settimanale del medico ospedaliero sono dedicate all’aggiornamento professionale. Naturalmente la fruizione di queste ore deve essere inserita in quello che è il contesto anche dell’attività clinica, del riposo, delle guardie, delle reperibilità e anche della problematica del dimezzamento di quell’1% del monte salari per quanto riguarda le spese per mandare i medici ai corsi e ai congressi, questo dal 2007. Inoltre, le carenze di organico hanno reso difficile anche fare le ferie, anche semplicemente il riposo normale. Ci sono volute delle direttive europee, due anni fa, per dare all’Italia l’incipit per quanto riguarda il rispetto del riposo dopo le undici ore di lavoro per il medico ospedaliero. A questo punto si inserisce anche l’aggiornamento professionale che deve essere inserito in quello che è il lavoro della settimana di un’equipe. Quindi un forte richiamo a quello che è il ripristino dell’organico normale degli ospedali per avere uno staff adeguato per far tutte quante le funzioni a loro richieste, cioè servizio di corsia, aggiornamento professionale, riposo, guardia, reperibilità, attività ambulatoriale e poi liste d’attesa. Il tempo necessario per far tutte queste cose deve essere ripristinato con un organico adeguato. Altrimenti non riusciremo a sopperire semplicemente con la buona volontà a tutti questi incarichi che ogni giorno noi abbiamo».

LEGGI: ECM, PENSIONATI CISL: «PERCHÉ IL SISTEMA SANITARIO NON INVESTE IN QUESTO AMBITO?»

Cosa può fare l’Europa per i medici?
«L’Europa per i medici ha fatto molto. Le direttive europee ci hanno sanato da questo punto di vista e hanno cercato anche di fare una deroga. L’Europa ha anche condannato l’Italia a dare semplicemente la borsa di studio per tutti quanti gli ex specializzandi che non l’hanno mai ricevuta negli anni precedenti. Io appartengo alla generazione della pletora medica di quelli che non sono stati pagati e quindi noi lavoravamo di notte, facevamo le guardie, per studiare di giorno. Spero che le prossime generazioni abbiano la possibilità di avere delle borse di studio in numero sufficiente come ce lo dice l’Europa per quanto riguarda la formazione, perché servono sia il corso di laurea sia il corso di specializzazione e alla fine dobbiamo affidarci a quelle che sono le regole europee per sistemare le cose a casa nostra, sembra assurdo ma è così».

Ritornando all’aggiornamento professionale, esporre il certificato può essere una soluzione?
«Normalmente esiste anche quello che è il certificato di laurea e di specializzazione, per quanto riguarda l’aggiornamento professionale questa è una possibilità sicuramente da discutere perché entra nel regolamento della privacy e si dovrà fare una variazione. Tuttavia, è da considerare».

Articoli correlati
Il ricorso al MES spacca la politica e la sanità: cos’è, a cosa serve e perché fa tanto discutere
Sia la maggioranza che l’opposizione sono divise sulla possibilità di aderire al Meccanismo Europeo di Stabilità, con Lega, Fdi e M5S contrarie e Pd-Iv-Fi a favore. I pro e i contro di una possibile adesione
“Io medico giuro”: al via la nuova campagna di FNOMCeO in omaggio ai medici impegnati contro il Covid-19
«Ci hanno chiamati angeli, ci hanno chiamati eroi. La parola che meglio e pienamente ci definisce è ‘medici’ – spiega Filippo Anelli - perché il medico giura di tener fede ai valori che informano la professione e non viene mai meno a questo giuramento, nelle emergenze come nella quotidianità, anche a costo della propria vita»
Quali regole deve adottare il Provider sul luogo di svolgimento di un evento?
La sede dell’evento deve essere conforme alla normativa in materia di sicurezza dei luoghi e deve essere adeguata alla tipologia di attività formativa erogata. Il provider non può organizzare eventi formativi presso sedi, anche estere, rese disponibili da aziende aventi interessi commerciali in ambito sanitario.
Giovani medici in piazza con FNOMCeO. Cosa sta succedendo con i 13mila posti di Medicina e “l’imbuto formativo”
1500 posti in più e il rischio di allargare il bacino dei laureati precari. In piazza Giovani Medici con FNOMCeO e Anaao: «Chiediamo al Ministro contratti in rapporto 1:1 con le lauree, come in altri Paesi europei». Consulcesi: «Si tenga conto anche della meritocrazia. Ogni anno 18mila ricorsi per irregolarità ai test»
13 mila nuovi posti a Medicina. Fnomceo pronta al ricorso: «Ingiusto illudere giovani, cifra troppo alta»
Il presidente Anelli preoccupato per l'imbuto formativo: «Tutto questo deve essere legato a una riforma che porti a uno a uno il rapporto tra le lauree e le specializzazioni. Di questa riforma, però, attualmente non si vede traccia»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 2 luglio, sono 10.695.608 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 516.255 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 1 luglio: nell’ambito del ...
Diritto

Pensioni, la Cassazione: «Necessaria richiesta per lavorare fino a 67 anni». Altrimenti due anni di attesa per il primo assegno

Il rischio per il lavoratore è di essere sollevato dall’incarico al compimento dei 65 anni, senza ricevere la pensione. Possibile eccessiva riduzione degli organici in sanità
Salute

Coronavirus, il fisico Sestili: «I numeri che abbiamo in Italia sono ancora distanti dalla realtà. Nel mondo contagi in aumento»

Il fondatore della pagina Facebook “Coronavirus – Dati e Analisi Scientifiche”: «Gli italiani hanno fame di notizie, ma servono dati di qualità»
di Tommaso Caldarelli