Salute 4 Giugno 2019

ECM, Leoni (FNOMCeO) contro la carenza di personale: «Così non riusciamo a sopperire alla formazione»

«La formazione permanente è parte integrante di quello che è anche l’orario di lavoro del medico», spiega Giovanni Leoni vicepresidente FNOMCeO. Per questo è necessario «il ripristino dell’organico normale degli ospedali per avere uno staff adeguato per far tutte quante le funzioni a loro richieste»

Immagine articolo

L’aggiornamento professionale dei camici bianchi è al centro del dibattito apertosi con gli Stati generali della professione medica. Dopo il caso Aosta, che ha visto la prima sanzione a danno di un odontoiatra colpevole di non aver curato la formazione continua, il mondo medico si interroga su quali potranno essere le soluzioni che aiuteranno i professionisti a sopperire all’obbligo di legge riguardo l’Eduzione Continua in Medicina (ECM). «L’aggiornamento professionale è fondamentale- spiega ai microfoni di Sanità Informazione Giovanni Leoni, vicepresidente FNOMCeO – perché l’evoluzione delle conoscenze praticamente da un dimezzamento di quello che è il know-how entro cinque anni».

Stati generali della professione medica, quanto è importante l’aggiornamento professionale per un medico oggi?

«La formazione permanente è parte integrante di quello che è anche l’orario di lavoro del medico. Infatti, quattro ore dell’orario settimanale del medico ospedaliero sono dedicate all’aggiornamento professionale. Naturalmente la fruizione di queste ore deve essere inserita in quello che è il contesto anche dell’attività clinica, del riposo, delle guardie, delle reperibilità e anche della problematica del dimezzamento di quell’1% del monte salari per quanto riguarda le spese per mandare i medici ai corsi e ai congressi, questo dal 2007. Inoltre, le carenze di organico hanno reso difficile anche fare le ferie, anche semplicemente il riposo normale. Ci sono volute delle direttive europee, due anni fa, per dare all’Italia l’incipit per quanto riguarda il rispetto del riposo dopo le undici ore di lavoro per il medico ospedaliero. A questo punto si inserisce anche l’aggiornamento professionale che deve essere inserito in quello che è il lavoro della settimana di un’equipe. Quindi un forte richiamo a quello che è il ripristino dell’organico normale degli ospedali per avere uno staff adeguato per far tutte quante le funzioni a loro richieste, cioè servizio di corsia, aggiornamento professionale, riposo, guardia, reperibilità, attività ambulatoriale e poi liste d’attesa. Il tempo necessario per far tutte queste cose deve essere ripristinato con un organico adeguato. Altrimenti non riusciremo a sopperire semplicemente con la buona volontà a tutti questi incarichi che ogni giorno noi abbiamo».

LEGGI: ECM, PENSIONATI CISL: «PERCHÉ IL SISTEMA SANITARIO NON INVESTE IN QUESTO AMBITO?»

Cosa può fare l’Europa per i medici?
«L’Europa per i medici ha fatto molto. Le direttive europee ci hanno sanato da questo punto di vista e hanno cercato anche di fare una deroga. L’Europa ha anche condannato l’Italia a dare semplicemente la borsa di studio per tutti quanti gli ex specializzandi che non l’hanno mai ricevuta negli anni precedenti. Io appartengo alla generazione della pletora medica di quelli che non sono stati pagati e quindi noi lavoravamo di notte, facevamo le guardie, per studiare di giorno. Spero che le prossime generazioni abbiano la possibilità di avere delle borse di studio in numero sufficiente come ce lo dice l’Europa per quanto riguarda la formazione, perché servono sia il corso di laurea sia il corso di specializzazione e alla fine dobbiamo affidarci a quelle che sono le regole europee per sistemare le cose a casa nostra, sembra assurdo ma è così».

Ritornando all’aggiornamento professionale, esporre il certificato può essere una soluzione?
«Normalmente esiste anche quello che è il certificato di laurea e di specializzazione, per quanto riguarda l’aggiornamento professionale questa è una possibilità sicuramente da discutere perché entra nel regolamento della privacy e si dovrà fare una variazione. Tuttavia, è da considerare».

Articoli correlati
Crisi di governo, la preoccupazione di Anelli (FNOMCeO): «Ddl aggressioni sarà rallentato nonostante nostre sollecitazioni»
Il Presidente della Federazione nazionale degli Ordini dei medici chirurghi e degli odontoiatri traccia un bilancio dell’operato del ministro Grillo: «Con lei siamo riusciti a mettere a fuoco molte delle problematiche che avevamo sollecitato. Ora se ci sarà un cambio al dicastero dovremmo ricominciare da capo»
Ebola in Congo, oltre 1.900 morti: è la seconda epidemia più grande della storia
Il virus si diffonde con una media di 81 casi a settimana. I dati diffusi dall'Organizzazione Mondiale della Sanità (Oms)
Carenza medici, Veneto assume 500 neolaureati. FNOMCeO e sindacati all’attacco: «Così si svilisce professione e si abbassa la qualità delle cure»
La Giunta guidata da Luica Zaia ha deliberato l’assunzione di 500 giovani medici, laureati e abilitati, ma non ancora in possesso della specializzazione: sarà sufficiente la frequentazione di un corso. Anaao Assomed annuncia l’impugnazione del provvedimento. Anelli: «Con il pretesto dell’emergenza si mandano allo sbaraglio professionisti con minori competenze»
Formazione ECM, agevolazioni per i medici delle aree terremotate. La decisione in una delibera della Commissione
L’agevolazione riguarderà tutti i camici bianchi in servizio nei territori colpiti dal terremoto 2016 e 2017
Giovani medici, Pollifrone (Cao Roma): «Ecco come l’Ordine vi supporta e agevola nell’avviamento alla professione»
«Corsi formativi, il 50% della quota d’iscrizione per i primi tre anni, le consulenze legali e commerciali da parte nei nostri esperti e l’apertura di uno studio medico in sole 24 ore» così Brunello Pollifrone, Presidente Cao
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Il medico di famiglia che paga di tasca propria lo psicologo per i suoi pazienti: la storia di Antonio Antonaci

A Galatina i “precursori” del decreto Calabria. La psicologa: «La compresenza di queste due figure professionali all’interno dello studio di medicina generale limita l’assunzione di farmaci e...
di Isabella Faggiano
Lavoro

Riposo dopo la reperibilità, Spedicato (Fems): «In altri Paesi europei sempre garantito recupero di 24-48 ore»

La delegata della Federazione europea dei medici salariati illustra il funzionamento dell’istituto della reperibilità nel resto d’Europa: in Slovenia c’è una soglia limite oltre la quale diven...
di Giovanni Cedrone e Giulia Cavalcanti
Lavoro

Pronta reperibilità, ecco perché il nuovo contratto dei medici potrebbe violare la direttiva europea sulle 11 ore di riposo

L’ipotesi di CCNL dei medici, all’articolo 27, sembra derogare dalla direttiva Ue 88 del 2003 che sancisce le 11 ore di riposo consecutive. Sindacati sul piede di guerra. I casi di Francia, Spagna...
di Cesare Buquicchio e Giovanni Cedrone