Salute 4 Giugno 2019

ECM, Leoni (FNOMCeO) contro la carenza di personale: «Così non riusciamo a sopperire alla formazione»

«La formazione permanente è parte integrante di quello che è anche l’orario di lavoro del medico», spiega Giovanni Leoni vicepresidente FNOMCeO. Per questo è necessario «il ripristino dell’organico normale degli ospedali per avere uno staff adeguato per far tutte quante le funzioni a loro richieste»

Immagine articolo

L’aggiornamento professionale dei camici bianchi è al centro del dibattito apertosi con gli Stati generali della professione medica. Dopo il caso Aosta, che ha visto la prima sanzione a danno di un odontoiatra colpevole di non aver curato la formazione continua, il mondo medico si interroga su quali potranno essere le soluzioni che aiuteranno i professionisti a sopperire all’obbligo di legge riguardo l’Eduzione Continua in Medicina (ECM). «L’aggiornamento professionale è fondamentale- spiega ai microfoni di Sanità Informazione Giovanni Leoni, vicepresidente FNOMCeO – perché l’evoluzione delle conoscenze praticamente da un dimezzamento di quello che è il know-how entro cinque anni».

Stati generali della professione medica, quanto è importante l’aggiornamento professionale per un medico oggi?

«La formazione permanente è parte integrante di quello che è anche l’orario di lavoro del medico. Infatti, quattro ore dell’orario settimanale del medico ospedaliero sono dedicate all’aggiornamento professionale. Naturalmente la fruizione di queste ore deve essere inserita in quello che è il contesto anche dell’attività clinica, del riposo, delle guardie, delle reperibilità e anche della problematica del dimezzamento di quell’1% del monte salari per quanto riguarda le spese per mandare i medici ai corsi e ai congressi, questo dal 2007. Inoltre, le carenze di organico hanno reso difficile anche fare le ferie, anche semplicemente il riposo normale. Ci sono volute delle direttive europee, due anni fa, per dare all’Italia l’incipit per quanto riguarda il rispetto del riposo dopo le undici ore di lavoro per il medico ospedaliero. A questo punto si inserisce anche l’aggiornamento professionale che deve essere inserito in quello che è il lavoro della settimana di un’equipe. Quindi un forte richiamo a quello che è il ripristino dell’organico normale degli ospedali per avere uno staff adeguato per far tutte quante le funzioni a loro richieste, cioè servizio di corsia, aggiornamento professionale, riposo, guardia, reperibilità, attività ambulatoriale e poi liste d’attesa. Il tempo necessario per far tutte queste cose deve essere ripristinato con un organico adeguato. Altrimenti non riusciremo a sopperire semplicemente con la buona volontà a tutti questi incarichi che ogni giorno noi abbiamo».

LEGGI: ECM, PENSIONATI CISL: «PERCHÉ IL SISTEMA SANITARIO NON INVESTE IN QUESTO AMBITO?»

Cosa può fare l’Europa per i medici?
«L’Europa per i medici ha fatto molto. Le direttive europee ci hanno sanato da questo punto di vista e hanno cercato anche di fare una deroga. L’Europa ha anche condannato l’Italia a dare semplicemente la borsa di studio per tutti quanti gli ex specializzandi che non l’hanno mai ricevuta negli anni precedenti. Io appartengo alla generazione della pletora medica di quelli che non sono stati pagati e quindi noi lavoravamo di notte, facevamo le guardie, per studiare di giorno. Spero che le prossime generazioni abbiano la possibilità di avere delle borse di studio in numero sufficiente come ce lo dice l’Europa per quanto riguarda la formazione, perché servono sia il corso di laurea sia il corso di specializzazione e alla fine dobbiamo affidarci a quelle che sono le regole europee per sistemare le cose a casa nostra, sembra assurdo ma è così».

Ritornando all’aggiornamento professionale, esporre il certificato può essere una soluzione?
«Normalmente esiste anche quello che è il certificato di laurea e di specializzazione, per quanto riguarda l’aggiornamento professionale questa è una possibilità sicuramente da discutere perché entra nel regolamento della privacy e si dovrà fare una variazione. Tuttavia, è da considerare».

Articoli correlati
Servizio Sanitario Nazionale: la FNOMCeO apre il Cantiere per le riforme
«Un cantiere per ricostruire il nostro SSN lasciandone intatte le fondamenta: i principi cardine di universalità, uguaglianza ed equità – spiega il presidente della FNOMCeO, Filippo Anelli - una fucina di idee nella quale prenderanno forma proposte concrete su cui puntare, investendo risorse»
Aggressioni, FNOMCeO in audizione alla Camera: «Applicare procedibilità d’ufficio»
Il presidente Anelli: «Aumentare la sicurezza delle sedi, formare e informare datori di lavoro e operatori e ricostruire un patto di fiducia tra medici e cittadini. Serve cambiamento culturale»
Nutrizione grande assente nei percorsi formativi dei medici europei. L’allarme di Espen
Muscaritoli: «L'apprendimento della nutrizione è obbligatorio per i futuri medici»
La frequenza di un evento all’estero, non accreditato in Italia, dà crediti validi nel sistema nazionale?
Per gli eventi non accreditati in Italia è possibile fare richiesta di riconoscimento dei crediti secondo quanto stabilito al paragrafo 3.4 (Formazione individuale all’estero) del Manuale sulla formazione continua del professionista sanitario.
Proroga Ecm: da Consulcesi il vademecum per evitare sanzioni
Dopo la decisione della Commissione Nazionale per l’Educazione Continua in Medicina di concedere un altro anno per assolvere all’obbligo formativo ecco tutto quello che c’è da sapere ed i principali rischi che corre chi non sarà in regola entro il 31 dicembre 2020
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Ecm

Ecm, Commissione nazionale proroga triennio 2017-2019. Un anno per recuperare i crediti mancanti

FNOMCeO: «Fino al 31 dicembre 2020 si possono acquisire crediti anche per il triennio 2014-2016». Confermato l’obbligo di 150 crediti per il periodo formativo 2020-2022. Roberto Stella: «Dopo pro...
Lavoro

Spese sanitarie in contanti e sgravi fiscali, cosa cambia per i professionisti della sanità

I pareri del fiscalista esperto in materia sanitaria Francesco Paolo Cirillo e del Tesoriere Sumai Napoli Luigi Sodano
Lavoro

«Il contratto sia applicato subito con incrementi e arretrati da gennaio 2020». I sindacati della dirigenza sollecitano le aziende

I sindacati che lo scorso 19 dicembre hanno firmato il nuovo contratto hanno sottoscritto una lettera aperta indirizzata agli enti del Servizio sanitario nazionale per chiedere l’immediata applicazi...