Formazione 24 Maggio 2019

ECM, Pensionati Cisl: «Perché il Sistema sanitario non investe in questo ambito?»

Emilio Didone, segretario dell’associazione pensionati della Cisl Lombardia, sottolinea come i pazienti non si sentano adeguatamente tutelati: «Ad una richiesta, lecita, di aggiornamento, non è seguito un investimento delle strutture nella formazione, mentre i medici in organico sono sempre meno…»

di Federica Bosco
Immagine articolo

Due medici su dieci non sono aggiornati: la criticità messa in luce dai dati forniti dalla Federazione degli Ordini dei medici chirurghi e odontoiatri (Fnomceo), secondo cui ci sarebbe un 20 percento di camici bianchi non in regola, trova conferma nelle stime di chi organizza i corsi di aggiornamento e soprattutto solleva gli animi dei pazienti che non si sentono tutelati adeguatamente.  In particolare, l’associazione dei pensionati accusa il colpo e allarga la problematica su più temi connessi alla professione medica. «Il peccato originale è stato commesso dal professor Sirchia – esordisce Emilio Didone, segretario dell’associazione pensionati della Cisl Lombardiache ha spinto sull’acceleratore imponendo troppi crediti formativi ad una platea di 600/700 mila professionisti del settore.  Per contro ad una richiesta, lecita, di aggiornamento, non è seguito un investimento delle strutture nella formazione, mentre i medici in organico sono sempre meno e non hanno dunque il tempo per la formazione che invece è una cosa seria e dunque occorre metterli nelle migliori condizioni per formarsi. Perché il Sistema sanitario non investe in quell’ambito? Sarebbe opportuno rivedere il metodo della formazione non solo per i medici, ma anche per altre categorie, come ad esempio gli infermieri».

LEGGI ANCHE: ECM, FINISCE A STRISCIA LA NOTIZIA IL CASO DEI MEDICI NON IN REGOLA. FNOMCeO: «DAl 2020 SANZIONI PER CHI NON SARA’ IN REGOLA»

Mancanza di tempo e costi elevati, questo binomio per il rappresentante dei pensionati ha reso fragile una categoria che invece, per il ruolo che riveste, dovrebbe essere aggiornata e stimolata a lavorare al meglio. «Oggi se abbiamo bisogno di un servizio sanitario, e noi pensionati siamo nella fascia di età più a rischio, troviamo liste di attesa infinite, Pronto soccorso intasati e professionisti giovani che non hanno avuto la possibilità di crescere affiancati da luminari come accadeva in passato, quando i più giovani crescevano nell’ombra di grandi professori, imparando la professione. Se a tutto ciò aggiungiamo una mancanza di aggiornamento per i turni massacranti a cui sono costretti, costi troppo elevati e magari anche in piccola parte per mancanza di volontà, il danno è fatto. Fondamentale dunque sarebbe rivedere tutta l’organizzazione. Solo così potrà essere recepito il cambiamento ed avremo medici aggiornati». Tanti medici cercano di ovviare al problema della mancanza di tempo con la formazione a distanza, con corsi e-learning facilmente fruibili grazie all’innovazione tecnologica. La sfida, però, è consentire ai camici bianchi uno spazio adeguato alla formazione così come previsto dal contratto.

Articoli correlati
Digitalizzazione e piano del rischio, la sanità lombarda supera l’esame Corte dei Conti. Cajazzo: «Efficienza sì, ma finalizzata alla sicurezza»
L'appello del direttore generale del Welfare di Regione Lombardia al Governo: «Fateci gestire la sanità secondo una logica di adeguatezza di risposte al bisogno»
di Federica Bosco
Salute nelle città, arriva anche in Italia l’Health City Manager: corsi aperti a medici e operatori sanitari
ANCI e Health City Institute promuovono la formazione di un nuovo professionista che avrà il compito di coordinare e attivare attività comunali in ambito di salute. Tra i promotori il vicepresidente ANCI Pella. Plauso anche del ministro Speranza
Servizio Sanitario Nazionale: la FNOMCeO apre il Cantiere per le riforme
«Un cantiere per ricostruire il nostro SSN lasciandone intatte le fondamenta: i principi cardine di universalità, uguaglianza ed equità – spiega il presidente della FNOMCeO, Filippo Anelli - una fucina di idee nella quale prenderanno forma proposte concrete su cui puntare, investendo risorse»
Legge Gelli: a che punto siamo? Siciliano (Tribunale Milano): «Medici da tutelare»
Troppe denunce nei confronti dei camici bianchi. Per il procuratore Tiziana Siciliano occorre incidere sulle cause ingiustificate e pretestuose finalizzate al risarcimento. Rossi (OMCeO Milano): «Non archiviato solo l’8% delle denunce, e di queste molte si concludono con l’assoluzione in sede penale»
di Federica Bosco
Spese sanitarie in contanti e sgravi fiscali, cosa cambia per i professionisti della sanità
I pareri del fiscalista esperto in materia sanitaria Francesco Paolo Cirillo e del Tesoriere Sumai Napoli Luigi Sodano
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Ecm

Ecm, Commissione nazionale proroga triennio 2017-2019. Un anno per recuperare i crediti mancanti

FNOMCeO: «Fino al 31 dicembre 2020 si possono acquisire crediti anche per il triennio 2014-2016». Confermato l’obbligo di 150 crediti per il periodo formativo 2020-2022. Roberto Stella: «Dopo pro...
Lavoro

Spese sanitarie in contanti e sgravi fiscali, cosa cambia per i professionisti della sanità

I pareri del fiscalista esperto in materia sanitaria Francesco Paolo Cirillo e del Tesoriere Sumai Napoli Luigi Sodano
Lavoro

«Il contratto sia applicato subito con incrementi e arretrati da gennaio 2020». I sindacati della dirigenza sollecitano le aziende

I sindacati che lo scorso 19 dicembre hanno firmato il nuovo contratto hanno sottoscritto una lettera aperta indirizzata agli enti del Servizio sanitario nazionale per chiedere l’immediata applicazi...