Salute 28 Aprile 2015 15:46

Ecco perché Ebola non è ancora finito

Il monito dello Spallanzani e di Medici Senza Frontiere: “Alto il rischio di colpi di coda”. La formazione per il personale sanitario resta l’unica strada per arginare il pericolo

Ecco perché Ebola non è ancora finito

Ebola non è finito. Non ancora. Il virus vive nelle foreste africane da più di quarant’anni, e da più di quarant’anni fa ciclicamente la sua comparsa, servendosi di questo o quell’ospite, per dispiegare la sua furia mortifera tra le popolazioni locali. I suoi più grandi complici? La disinformazione e la carenza dei più elementari servizi igienici e sanitari. Deficit atavici, che difficilmente troveranno soluzione nel prossimo futuro.

Per queste ragioni sembra utopistico sperare in una sconfitta definitiva di Ebola. L’unica speranza è riuscire quanto meno a gestirlo.

L’avvertimento proviene da quella che si è dimostrata, sul campo, una delle punte di eccellenza internazionale: l’Istituto Nazionale per le Malattie Infettive Lazzaro Spallanzani di Roma, che ha gestito al meglio il primo (e unico) caso di Ebola in Italia. È il direttore scientifico dello Spallanzani, il professor Giuseppe Ippolito – che proprio nei giorni scorsi ha sottolineato ai nostri microfoni che si tratta di un “virus per il quale, ad oggi, non esistono trattamenti nè vaccini di comprovata efficacia” – ad evidenziare in un intervento sul Sole24Ore l’importanza di non abbassare la guardia di fronte a Ebola. 

“L’epidemia non può dirsi debellata come ha ribadito l’Oms il 10 Aprile 2015 in occasione della 5a riunione del comitato di emergenza quando ha affermato che l’epidemia continua ad essere una emergenza di sanità pubblica internazionale. Questo in quanto i casi continuano a interessare più aree dei paesi colpiti: ancora 8 prefetture in Guinea e Sierra Leone. Anche se l’area si è ridotta rispetto ai 55 distretti che riportavano i casi all’inizio dell’epidemia in Guinea, Liberia e Sierra Leone”, scrive Ippolito.

La malattia ha rallentato, è ora sotto controllo, come ha dichiarato anche Gino Strada nei giorni scorsi mettendo in guardia la sua organizzazione e gli altri sanitari dal “rischio dei colpi di coda”. Dietro al carico di terrore e morte che in un anno il virus ha lasciato dietro di sé si può nascondere l’ennesimo scherzo crudele ai danni di popoli messi già duramente alla prova da calamità di ogni genere, sanitarie e non.

Ma c’è un aspetto che, più di ogni altro, continua ad avere grande rilevanza: la conoscenza. La formazione dei medici e l’informazione dei cittadini di tutto il mondo è un elemento fondamentale per prevenire e gestire Ebola e altre emergenze di questo tipo. Un bisogno raccolto dai giornali e fotografi più importanti del globo. Basti pensare che a fine 2014 la rivista americana Time ha nominato, quale “persona dell’anno”, gli “Ebola fighters”, ovvero gli operatori sanitari che hanno “rischiato, perseverato, si sono sacrificati e hanno salvato vite umane”. Più di recente, invece, due fotografi (l’australiano Daniel Berehulak e l’americano John Moore) hanno vinto rispettivamente uno dei premi Pulitzer e l’ “Iris d’or” 2015 grazie ai loro lavori dedicati ai tragici effetti del virus sulle popolazioni dell’Africa occidentale colpite. E che medici e cittadini vogliano essere informati è un fatto certo, testimoniato dai più recenti trend di Google che vedono le ricerche relative al tema Ebola costantemente tra i primi posti.

Tanto è stato fatto negli ultimi mesi, grazie al supporto delle organizzazioni internazionali, con Medici Senza Frontiere in prima linea e insignita nei giorni scorsi di un premio per l’impegno nella lotta al virus da parte della società europea di microbiologia clinica e della malattie infettive (Escmid). Tanto, però, c’è ancora da fare. Fondamentale sarà continuare a prevedere – ed implementare – un’adeguata formazione per gli operatori sanitari impegnati sul campo: proprio la formazione, di altissimo profilo, è stata l’elemento che ha fatto la differenza, e che ha permesso all’Istituto Spallanzani di salvare la vita a Fabrizio Pulvirenti, il paziente zero italiano, medico di Emergency.

Articoli correlati
Epidemia di Ebola, paura in Uganda
Torna la paura in Uganda: nell'ultimo mese, almeno 64 persone sono state infettate da una specie rara di virus Ebola, per la quale non sono disponibili vaccini o trattamenti e il primo bilancio parla di almeno 30 morti
di Stefano Piazza
Focolaio di Ebola in Congo. Oms preoccupata, subito al via nuova campagna di vaccinazione
«Il tempo non è dalla nostra parte», ha affermato Matshidiso Moeti, direttore regionale dell'Oms per l'Africa
di Stefano Piazza
Tutte le emergenze sanitarie affrontate nel 2020 (di cui non si sente parlare)
Non solo Covid: la seconda più grande epidemia di Ebola nella Repubblica democratica del Congo, febbre gialla in Togo e Gabon, morbillo in Messico, la battaglia contro le malattie tropicali e quella costante contro Hiv, malaria ed epatite. Tutte le emergenze sanitarie del 2020 combattute dall'Organizzazione mondiale della sanità
Coronavirus, Parrino (Emergency): «Sono le popolazioni che sconfiggono i virus»
Intervista al responsabile delle field operations della ONG che ha allestito l’ospedale da campo a Bergamo: «Non è molto diverso dai miei giorni in Sierra Leone»
di Tommaso Caldarelli
Ebola, autorizzato in Europa il primo vaccino contro il virus
Si chiama Ervebo ed è lo stesso vaccino utilizzato in Congo in via sperimentale
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Advocacy e Associazioni

Cirrosi epatica, i pazienti chiedono meno burocrazia e maggior accesso al teleconsulto

Nella nuova puntata di The Patient Voice, Ivan Gardini (EpaC Ets), Ilenia Malavasi (Affari Sociali) e Francesca Ponziani (Pol. Gemelli)
Politica

Liste d’attesa: nel decreto per abbatterle c’è anche la Carta dei diritti dei cittadini

Il Cup dovrà attivare un sistema di “Recall”. Il paziente che non si presenterà alla visita senza disdirla dovrà pagare la prestazione. Cambiano le tariffe orarie per ...
Politica

Liste di attesa addio? La risposta del Consiglio dei Ministri in due provvedimenti

Ieri il Consiglio dei ministri, su proposta del Presidente, Giorgia Meloni, e del Ministro della salute, Orazio Schillaci, ha approvato due provvedimenti, un decreto-legge e un disegno di legge, che i...
Salute

Tumori: boom di casi nei paesi occidentali. Cinieri (Aiom): “Prevenzione attiva per ridurre carico della malattia”

Nel 2024 negli USA, per la prima volta nella storia, si supera la soglia di 2 milioni di casi di tumore. Una crescita importante, comune a tutti i Paesi occidentali. Per Saverio Cinieri, presidente di...