Salute 28 Aprile 2015

Ecco perché Ebola non è ancora finito

Il monito dello Spallanzani e di Medici Senza Frontiere: “Alto il rischio di colpi di coda”. La formazione per il personale sanitario resta l’unica strada per arginare il pericolo

Immagine articolo

Ebola non è finito. Non ancora. Il virus vive nelle foreste africane da più di quarant’anni, e da più di quarant’anni fa ciclicamente la sua comparsa, servendosi di questo o quell’ospite, per dispiegare la sua furia mortifera tra le popolazioni locali. I suoi più grandi complici? La disinformazione e la carenza dei più elementari servizi igienici e sanitari. Deficit atavici, che difficilmente troveranno soluzione nel prossimo futuro.

Per queste ragioni sembra utopistico sperare in una sconfitta definitiva di Ebola. L’unica speranza è riuscire quanto meno a gestirlo.

L’avvertimento proviene da quella che si è dimostrata, sul campo, una delle punte di eccellenza internazionale: l’Istituto Nazionale per le Malattie Infettive Lazzaro Spallanzani di Roma, che ha gestito al meglio il primo (e unico) caso di Ebola in Italia. È il direttore scientifico dello Spallanzani, il professor Giuseppe Ippolito – che proprio nei giorni scorsi ha sottolineato ai nostri microfoni che si tratta di un “virus per il quale, ad oggi, non esistono trattamenti nè vaccini di comprovata efficacia” – ad evidenziare in un intervento sul Sole24Ore l’importanza di non abbassare la guardia di fronte a Ebola. 

“L’epidemia non può dirsi debellata come ha ribadito l’Oms il 10 Aprile 2015 in occasione della 5a riunione del comitato di emergenza quando ha affermato che l’epidemia continua ad essere una emergenza di sanità pubblica internazionale. Questo in quanto i casi continuano a interessare più aree dei paesi colpiti: ancora 8 prefetture in Guinea e Sierra Leone. Anche se l’area si è ridotta rispetto ai 55 distretti che riportavano i casi all’inizio dell’epidemia in Guinea, Liberia e Sierra Leone”, scrive Ippolito.

La malattia ha rallentato, è ora sotto controllo, come ha dichiarato anche Gino Strada nei giorni scorsi mettendo in guardia la sua organizzazione e gli altri sanitari dal “rischio dei colpi di coda”. Dietro al carico di terrore e morte che in un anno il virus ha lasciato dietro di sé si può nascondere l’ennesimo scherzo crudele ai danni di popoli messi già duramente alla prova da calamità di ogni genere, sanitarie e non.

Ma c’è un aspetto che, più di ogni altro, continua ad avere grande rilevanza: la conoscenza. La formazione dei medici e l’informazione dei cittadini di tutto il mondo è un elemento fondamentale per prevenire e gestire Ebola e altre emergenze di questo tipo. Un bisogno raccolto dai giornali e fotografi più importanti del globo. Basti pensare che a fine 2014 la rivista americana Time ha nominato, quale “persona dell’anno”, gli “Ebola fighters”, ovvero gli operatori sanitari che hanno “rischiato, perseverato, si sono sacrificati e hanno salvato vite umane”. Più di recente, invece, due fotografi (l’australiano Daniel Berehulak e l’americano John Moore) hanno vinto rispettivamente uno dei premi Pulitzer e l’ “Iris d’or” 2015 grazie ai loro lavori dedicati ai tragici effetti del virus sulle popolazioni dell’Africa occidentale colpite. E che medici e cittadini vogliano essere informati è un fatto certo, testimoniato dai più recenti trend di Google che vedono le ricerche relative al tema Ebola costantemente tra i primi posti.

Tanto è stato fatto negli ultimi mesi, grazie al supporto delle organizzazioni internazionali, con Medici Senza Frontiere in prima linea e insignita nei giorni scorsi di un premio per l’impegno nella lotta al virus da parte della società europea di microbiologia clinica e della malattie infettive (Escmid). Tanto, però, c’è ancora da fare. Fondamentale sarà continuare a prevedere – ed implementare – un’adeguata formazione per gli operatori sanitari impegnati sul campo: proprio la formazione, di altissimo profilo, è stata l’elemento che ha fatto la differenza, e che ha permesso all’Istituto Spallanzani di salvare la vita a Fabrizio Pulvirenti, il paziente zero italiano, medico di Emergency.

Articoli correlati
Ebola in Congo, oltre 1.900 morti: è la seconda epidemia più grande della storia
Il virus si diffonde con una media di 81 casi a settimana. I dati diffusi dall'Organizzazione Mondiale della Sanità (Oms)
Ebola torna a far paura, quali rischi per l’Europa? Parla il presidente della Simit Massimo Galli
Oltre duemila infettati in Congo, l’OMS ha dichiarato emergenza di sanità pubblica di rilevanza internazionale. Il presidente della Società Italiana Malattie Infettive e Tropicali sottolinea: « Il vaccino c’è e sarebbe stato possibile forse usarlo meglio e in maniera più vasta di quanto fatto sinora»
Torna Ebola in Congo, ecco i sintomi e come riconoscerla: i consigli del “paziente zero”
«Niente allarmismo, ma è importante che i medici italiani riconoscano la sintomatologia». Parla Fabrizio Pulvirenti, “paziente zero” e consulente del primo corso ECM FAD sul virus Ebola. On line anche “e-bola”, prima pellicola della collana dei Film Formazione, un nuovo modello di edutainment per aggiornarsi in maniera ancora più coinvolgente
Ebola, il ministro della Salute del Congo si è dimesso
L’ormai ex Ministro avrebbe criticato le «pressioni ricevute dall’esterno per utilizzare un nuovo vaccino sperimentale» al posto di quello attuale
Ebola, è “emergenza di salute pubblica internazionale”: massima allerta a Fiumicino
«Ad oggi - si legge nel documento del ministero della Salute di cui è in possesso l'Adnkronos - vengono eseguiti controlli sanitari sugli operatori delle Organizzazioni governative e le Ong che rientrano dalla Repubblica democratica del Congo»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Il medico di famiglia che paga di tasca propria lo psicologo per i suoi pazienti: la storia di Antonio Antonaci

A Galatina i “precursori” del decreto Calabria. La psicologa: «La compresenza di queste due figure professionali all’interno dello studio di medicina generale limita l’assunzione di farmaci e...
di Isabella Faggiano
Lavoro

Riposo dopo la reperibilità, Spedicato (Fems): «In altri Paesi europei sempre garantito recupero di 24-48 ore»

La delegata della Federazione europea dei medici salariati illustra il funzionamento dell’istituto della reperibilità nel resto d’Europa: in Slovenia c’è una soglia limite oltre la quale diven...
di Giovanni Cedrone e Giulia Cavalcanti
Lavoro

Pronta reperibilità, ecco perché il nuovo contratto dei medici potrebbe violare la direttiva europea sulle 11 ore di riposo

L’ipotesi di CCNL dei medici, all’articolo 27, sembra derogare dalla direttiva Ue 88 del 2003 che sancisce le 11 ore di riposo consecutive. Sindacati sul piede di guerra. I casi di Francia, Spagna...
di Cesare Buquicchio e Giovanni Cedrone