Salute 6 giugno 2018

Ecco come sarà la città del futuro. Spinato (Health City Institute): «Puntare su recupero spazi e mobilità sostenibile»

Entro il 2050 il 70% della popolazione vivrà in un contesto urbano. Il Direttore Generale del think tank presieduto da Prof. Andrea Lenzi (La Sapienza): «Necessario limitare i rischi legati ad un’urbanizzazione eccessiva e ad un ambiente troppo antropizzato»

Immagine articolo

Come si trasformeranno le città del mondo nei prossimi decenni? Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità, entro il 2050 oltre il 70% della popolazione vivrà all’interno dei contesti urbani. Ciò significa città sempre più grandi e popolate e campagne sempre più deserte. Cambiamenti come questi hanno conseguenze anche pesanti non solo sulla vita delle persone, ma anche e soprattutto sulla loro salute. Città più popolate comportano, tra le altre cose, una mole molto maggiore di cittadini che si spostano fisicamente ogni giorno (per lavoro o per qualsiasi altro motivo) e pesanti ricadute sull’inquinamento atmosferico e sulla vivibilità degli spazi. Tutto questo avverrà, ovviamente, se non si fa qualcosa ora, subito. Ne abbiamo parlato con Chiara Spinato, Direttore Generale di Health City Institute, un think tank che raggruppa diversi esperti e competenze per cercare di dare delle risposte concrete agli studi dei determinanti della salute nelle città.

Direttore Spinato, come cambieranno le città nei prossimi decenni?

«L’Health City Institute si occupa di salute nelle città perché tutti i principali istituti statistici globali ci dicono che entro il 2050 la popolazione urbana, ovvero quella residente nelle città, salirà fino al 70% del totale. Appare dunque necessario occuparsi della città come luogo in cui le politiche pubbliche devono trovare una forte realizzazione, una forte costruzione di opportunità nel limitare invece quelli che sono i rischi legati ad un’urbanizzazione e ad un ambiente troppo antropizzato».

Nello specifico, come deve cambiare il sistema dei trasporti per diventare sostenibile?

«Le dimensioni del trasporto pubblico e privato hanno diverse direttrici: sono sicuramente legate ad aspetti economici, e quindi di accessibilità e di neutralizzazione della tecnologia, oltre che a diversi aspetti ambientali. Parliamo delle emissioni sonore e di particolato nell’atmosfera. Per questo il trasporto pubblico ha una dimensione sociale sotto il profilo della salute per tutte quelle che sono le ricadute nello stile di vita, nello stress psicologico e nell’accessibilità alle infrastrutture. Naturalmente ha anche una dimensione molto importante relativa alla pianificazione, che deve coinvolgere la comunità nel riappropriarsi dei propri spazi, molto spesso occupati da parcheggi o da zone completamente abbandonate. Se ne deve riappropriare da un lato per privilegiare la mobilità cosiddetta dolce, per favorire stili di vita corretti e per un invecchiamento attivo della popolazione, per i giovani e per tutte le fasce d’età e di abilità, attraverso piste ciclabili e percorsi camminabili; dall’altro lato attraverso uno sviluppo di un sistema di trasporti intermodali e che quindi favoriscano il dialogo tra le aree urbane e le aree circostanti».

 

Articoli correlati
Meningite, Regione Lazio: «Al via vaccinazioni per studenti Istituto Alberghiero Vespucci»
«A partire da domani mattina e fino alla prossima settimana presso il centro vaccinale della Asl Roma 2 (via Bardanzellu, n°8) i docenti e gli studenti dell’Istituto alberghiero A. Vespucci potranno vaccinarsi contro la meningite. I ragazzi dell’istituto romano hanno ricevuto una lettera della Asl per la prenotazione al servizio e potranno vaccinarsi con il […]
Migranti, Foad Aodi (AMSI): «Con il rapporto Oms sul “falso mito” che gli immigrati portano malattie, è finita la pacchia degli spot da bar»
Grande soddisfazione viene espressa dall’Associazione Medici di Origine straniera in Italia (AMSI) e dalla Confederazione Internazionale-Unione Medica Euro Meditteranea (UMEM) insieme a tutte le associazioni aderenti al movimento Internazionale Uniti per Unire, dopo il recente rapporto curato dall’Organizzazione Mondiale della Sanità, che ha sancito la totale inconsistenza delle teorie che affermano che «gli immigrati portano […]
“Una cicogna per la sclerosi multipla”: ecco il progetto di Onda
Al via il nuovo progetto di Onda (Osservatorio nazionale sulla salute della donna e di genere): “una cicogna per la sclerosi multipla”, nato con il patrocinio di AISM (Associazione Italiana Sclerosi Multipla Onlus) SIN (Società Italiana di Neurologia) e il contributo incondizionato di Teva. La nuova iniziativa promossa da Onda, ha l’obiettivo di costituire un network […]
Consulta salute mentale, nel Lazio e a Roma rischio emergenza
“Per la grave carenza di personale e per il progressivo svuotamento dei Servizi psichiatrici territoriali ed ospedalieri”, a Roma e nel Lazio sono a rischio “i livelli essenziali di cura con gravi ricadute sulla salute dei pazienti e pesanti ripercussioni sulle famiglie”. Lo sottolineano la Consulta regionale per la salute mentale e quella cittadina permanente […]
Salute, ecco l’app “Farmacia aperta” con mappe, orari e informazioni sulla farmacia più vicina
È scaricabile su App Store la nuova App “Farmacia Aperta”. Sviluppata da Federfarma Lombardia in collaborazione con T4Project, l’applicazione permette di geolocalizzarsi e individuare rapidamente la farmacia aperta più vicina, con informazioni dettagliate su orario, turni, e percorso più rapido per raggiungerla. L’applicazione è gratuita ed è fruibile in modo facile e intuitivo: dopo aver […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

Formazione ECM, tutte le novità 2019: dall’aggiornamento all’estero alla certificazione

Un dovere sentito sempre più come opportunità professionale. Ecco, in una rapida carrellata, i principali cambiamenti che hanno investito negli ultimi anni il sistema dell’Educazione Continua in M...
Politica

Deroga iscrizione Ordini, Beux (TSRM e PSTRP): «Condividiamo obiettivi ma così si rischia sanatoria. In decreti attuativi si ponga rimedio o faremo da soli»

Il provvedimento inserito in legge di Bilancio prevede che chi ha lavorato 36 mesi negli ultimi 10 anni possa continuare ad esercitare anche senza i titoli per iscriversi al maxi Ordine delle professi...
Lavoro

Taglio pensioni e quota 100, che succede ai medici iscritti all’Enpam? Parla il vicepresidente Malagnino

Ad agosto le prime uscite dei dipendenti pubblici con 62 anni di età e 38 di contributi. Secondo i sindacati, saranno circa mille i medici che ogni anno approfitteranno della riforma pensionistica, c...