Salute 14 Novembre 2019 09:27

«Ecco come ci accorgiamo che le partorienti assumono droga». Parla la capo ostetrica del Policlinico Casilino

L’ospedale è al centro delle cronache per aver assistito nello stesso periodo quattro bambini in astinenza da cocaina. Il polo neonatale è da anni un’eccellenza della Capitale e quest’anno si appresta a superare i 4mila parti l’anno. L’intervista alla capo ostetrica Cristina Griguoli

«Ecco come ci accorgiamo che le partorienti assumono droga». Parla la capo ostetrica del Policlinico Casilino

«L’ostetrica dà il campanello d’allarme, perché seguendo la paziente in travaglio si rende conto se ci sono delle dinamiche particolari che possono provenire da una dipendenza da stupefacenti». Lo racconta Cristina Griguoli, capo ostetrica del Policlinico Casilino. Nelle ultime settimane, il nosocomio è stato al centro delle cronache per aver assistito nello stesso periodo quattro bambini in astinenza da cocaina.

L’ostetrica, continua Griguoli «ha il ruolo di mettere in allarme tutti i componenti dell’equipe, a partire dal neonatologo, ma anche assistenti sociali e psicologi che nel percorso della paziente poi ci aiuteranno a sostenerla ed eventualmente ad aiutarla. Nel caso anche a metterci in contatto con il Tribunale dei Minori».

I segnali che mettono in allarme le professioniste della salute di mamme e bambini sono di solito «comportamenti particolari, come la volontà ripetuta di allontanarsi dalla sala parto anche in travaglio attivo oppure l’esigenza di andare a prendere qualcosa nella stanza». Sintomatica anche «la capacità di affrontare con disinvoltura il post parto. Una fase ancora faticosa che invece in queste donne è affrontata con facilità, anche dopo un taglio cesareo». «Negli anni ci sono stati diversi casi, ma – precisa la capo ostetrica – non è l’unico polo in cui questo avviene. Sicuramente facendo un numero notevole di parti, la frequenza è più alta».

Il Policlinico Casalino, infatti, si appresta a superare la cifra record di 4mila parti l’anno. Un traguardo che dimostra come l’ospedale sia diventato un polo attrattivo per tante neo mamme, non solo a Roma, bensì in tutto il Lazio e nelle regioni limitrofe. «Abbiamo strutturato molto bene quelli che sono i percorsi sia per quanto riguarda la gravidanza fisiologica sia per quella patologica. Facciamo i corsi preparto che accolgono le donne intorno alle 26/28 settimane e quindi da quel momento in poi la paziente sta con noi fino al momento del parto. Nei due mesi iniziali gli facciamo conoscere la struttura, visitare la sala parto, gli ambienti dei reparti e degli ambulatori. Gli diamo tutte le informazioni riguardanti proprio il nostro percorso e inoltre hanno la possibilità sia di conoscere il personale ostetrico sia neonatologi, anestesisti, psicologi e ginecologi che incontreranno durante il percorso».

LEGGI: DROGA, BAMBINI IN ASTINENZA. PARLA IL NEONATOLOGO: «NON C’È UN PICCO, MA A VOLTE CONSEGUENZE DEVASTANTI»

Un’attenzione verso la gestante che si intensifica con l’avvicinarsi del parto. «Con l’ambulatorio di cardiotocografia a 37 settimane iniziano un monitoraggio settimanale della gravidanza che ci dà la possibilità di decidere quello che sarà il timing del parto. Decidere eventualmente se anticipare o aspettare le 41 settimane. Alla 38esima settimana abbiamo un momento di counseling con la paziente che ci permette di conoscere la situazione clinica, sia della gravidanza ma anche la anamnesi familiare. Tutto quello che è importante viene segnalato all’equipe in modo tale che quando arriva la paziente già sappiamo quali sono le problematiche da affrontare. A 40 settimane infine, oltre al monitoraggio, facciamo un eco office in cui controlliamo la quantità di liquido amniotico che per noi è un dato importante per vedere la funzionalità placentare e le facciamo la visita ostetrica, – conclude Griguoli – così decidiamo se la paziente può continuare ad andare avanti con la gravidanza oppure se dobbiamo aiutarla a partorire».

Articoli correlati
Droga, bambini in astinenza. Parla il neonatologo: «Non c’è un picco, ma a volte conseguenze devastanti»
L'intervista ad Antonello Del Vecchio, neonatologo della Società Italiana di Pediatria: «Mix di droghe devastante, ma il loro utilizzo in gravidanza non è in aumento». E a provocare le crisi non c'è solo la cocaina ma anche gli antidepressivi
«Ho fatto nascere 5mila bambini e assistito due generazioni di mamme». La storia di Gabriella, 42 anni nello stesso ospedale
«Io ho usufruito poco della sala parto, ho un figlio solo…». Ha prestato servizio per 42 anni e 2 mesi sempre nello stesso ospedale: va in pensione Gabriella Bagatella, 60 anni, residente ad Arre, ostetrica agli Ospedali Riuniti Padova Sud “Madre Teresa di Calcutta” di Monselice, in forze allo stesso presidio ospedaliero anche quando era […]
Cassazione: feto durante il travaglio è una persona. Condannata ostetrica per omicidio colposo
Sottolinea la Cassazione: l'ostetrica negligente che provoca la morte del feto risponde di omicidio colposo e non di aborto colposo
Droghe, preoccupano le nuove sostanze. Testi (medico legale): «Alle classiche si sono aggiunte oppiodi sintetici e derivati dell’anfetamina»
«Oggi rispetto al passato c’è un quadro molto più complesso: la maggior parte dei decessi sono legati a cocaina ed eroina, ma non possiamo dimenticare che i nuovi oppiodi sintetici e anche le droghe di sintesi derivate dall’anfetamina possono concorrere a causare il decesso», commenta il medico legale Roberto Testi
#UnGiornoCon | Ostetrica. Chantal è in attesa del piccolo Vittorio: ecco come la futura mamma si prepara al lieto evento
Marocchini (ostetrica): «Superato il travaglio e il parto, io, Chantal e Vittorio affronteremo un percorso a domicilio per valutare il corretto andamento dell’allattamento, la crescita del neonato e il benessere di mamma e bambino»
di Isabella Faggiano
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 20 settembre, sono 228.557.439 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 4.692.079 i decessi. Ad oggi, oltre 5,9 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&n...
Salute

Aumentano i contagi tra i sanitari: 600% in più in un mese, l’84% sono infermieri

La presidente FNOPI Mangiacavalli interpreta i dati dell'ISS. Anche nel Regno Unito gli studi confermano che la protezione dall'infezione si riduce dopo 5 mesi dalla seconda dose per Pfizer e AstraZen...
Salute

Pericarditi e miocarditi dopo il vaccino, Perrone Filardi (SIC): «Casi rari e mai gravi»

Dopo i casi della pallavolista Marcon e del calciatore Obiang colpiti da pericardite e miocardite, la parola al professor Pasquale Perrone Filardi, presidente eletto della Società Italiana di C...
di Federica Bosco