Salute 20 Giugno 2019 09:28

Droghe, preoccupano le nuove sostanze. Testi (medico legale): «Alle classiche si sono aggiunte oppiodi sintetici e derivati dell’anfetamina»

«Oggi rispetto al passato c’è un quadro molto più complesso: la maggior parte dei decessi sono legati a cocaina ed eroina, ma non possiamo dimenticare che i nuovi oppiodi sintetici e anche le droghe di sintesi derivate dall’anfetamina possono concorrere a causare il decesso», commenta il medico legale Roberto Testi

Droghe, preoccupano le nuove sostanze. Testi (medico legale): «Alle classiche si sono aggiunte oppiodi sintetici e derivati dell’anfetamina»

“Trovato morto in camera da letto, incubo droga killer”. Non è raro di questi tempi imbattersi in articoli di cronaca che lanciano l’allarme sugli effetti delle nuove pericolosissime droghe sintetiche che in qualche modo si stanno affiancando alle più ‘classiche’ cocaina ed eroina. Un fenomeno in crescita, così come in generale il consumo di droga dopo anni di regressione del fenomeno.

Del resto gli ultimi dati ufficiali a disposizione parlavano chiaro: nel 2017, secondo la relazione sui dati relativi alle tossicodipendenze presentata lo scorso novembre, in Italia i decessi direttamente attribuibili all’uso di sostanze stupefacenti sono stati 294, con un aumento di quasi il 10 % rispetto al 2016. In oltre il 50% dei casi, la sostanza correlata al decesso è stata l’eroina.

LEGGI ANCHE: «LOTTA ALLE DROGHE, BARRA (VILLA MARAINI): «GARANTIRE LIBERA SCELTA DEL MEDICO E DEL LUOGO DI CURA AI TOSSICODIPENDENTI»

Abbiamo approfondito l’argomento con il medico legale Roberto Testi, dell’Accademia Italiana di Scienze Forensi, che al convegno “La sicurezza delle cure e la tutela dei diritti”, che si è svolto all’Università La Sapienza di Roma, ha tenuto un intervento su “L’epidemiologia sulle droghe d’abuso oggi in Italia”.

Dottore, lei ha parlato dell’epidemiologia dell’abuso di droghe. Un tema molto dibattuto anche dal punto di vista medico-legale. Qual è il quadro delle droghe attuali, c’è un cambiamento rispetto al passato?

«C’è un cambiamento netto. Mentre una volta noi eravamo abituati a confrontarci con morti legate ad overdose di determinate sostanze, oggi sempre più si tratta di morti droga-correlate, cioè ci sono quadri di cambiamenti d’organo legati all’utilizzo di sostanze stupefacenti che non erano nel mercato. Oggi abbiamo poliassuntori, cioè persone che assumono più sostanze delle quali è necessario stabilire l’efficienza causale nel decesso, soprattutto abbuiamo nuove sostanze che non sono comunemente ricercate negli esami di laboratorio. Quindi dobbiamo lavorare sempre di più con i tossicologi e con i chimici per sviluppare metodi che permettano degli screening rapidi, completi e che vadano a rincorrere le nuove droghe che costantemente entrano nel mercato. Quest’anno il sistema nazionale di allerta precoce ha segnalato 144 nuove sostanze che solo nel 2017 sono entrate in circolazione. È chiaro che il lavoro dev’esser fatto insieme tra la sanità pubblica, il patologo forense e il laboratorio di tossicologia».

Quali sono le droghe più riscontrate negli esami autoptici?

«Dal punto di vista statistico noi troviamo sempre che la maggior parte dei decessi sono legati a cocaina ed eroina, ma non possiamo dimenticare che i nuovi oppiodi sintetici, i catinoni, e anche per certi versi le droghe di sintesi derivate dall’anfetamina possono concorrere quantomeno con cocaina ed eroina a causare il decesso. È un quadro molto più complesso e molto più da studiare in termini di collaborazione tra professionisti».

Articoli correlati
Covid-19, Iss: «Da febbraio quasi 99 deceduti su 100 non avevano completato il ciclo vaccinale»
Tra i soggetti vaccinati in modo completo, l'età media è più alta così come il numero medio di patologie pregresse
Medici legali chiedono al Ministero del Lavoro equo compenso e minimi salariali
Il segretario nazionale di SISMLA: «Categoria e dignità professionali a rischio per oltre 2000 medici legali. Tariffe irrisorie mettono a rischio la qualità dei servizi»
di Federica Bosco
Giornata contro le droghe, Pacifici (ISS): «Vi spiego i rischi delle nuove sostanze psicoattive»
In tempi di lockdown boom per le nuove sostanze psicoattive e per le benzodiazepine di sintesi. La direttrice del Centro nazionale dipendenze e doping dell’ISS: «Molti per tamponare la crisi astinenziale da cocaina ed eroina hanno scelto di spostarsi in questa direzione». Dal 2016 il sistema di monitoraggio ha lanciato in tutto 733 segnalazioni
Gimbe: «Ospedali svuotati, da inizio aprile -90%. Rallenta la campagna vaccinale»
Il monitoraggio della Fondazione Gimbe conferma, nella settimana 16-22 giugno, la riduzione di nuovi casi (-36,5%) e decessi (-46,2%) e, grazie alla vaccinazione di anziani e fragili, un sostanziale svuotamento degli ospedali
Procedure, scudo penale e gestione integrata: come la medicina legale ha gestito il contenzioso in pandemia
Prima la gestione delle procedure sui pazienti, con il rischio di contagio, poi quella delle autopsie sui positivi, la medicina legale si è confrontata con la pandemia in maniera pronta. Di fronte al contenzioso ha reagito in aiuto dei professionisti sanitari
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 22 settembre, sono 229.563.544 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 4.709.292 i decessi. Ad oggi, oltre 5,96 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Salute

Aumentano i contagi tra i sanitari: 600% in più in un mese, l’84% sono infermieri

La presidente FNOPI Mangiacavalli interpreta i dati dell'ISS. Anche nel Regno Unito gli studi confermano che la protezione dall'infezione si riduce dopo 5 mesi dalla seconda dose per Pfizer e AstraZen...
Salute

Pericarditi e miocarditi dopo il vaccino, Perrone Filardi (SIC): «Casi rari e mai gravi»

Dopo i casi della pallavolista Marcon e del calciatore Obiang colpiti da pericardite e miocardite, la parola al professor Pasquale Perrone Filardi, presidente eletto della Società Italiana di C...
di Federica Bosco