Salute 20 Gennaio 2015

Ebola, l’Europa tira un sospiro di sollievo ma in Africa è ancora emergenza

E l’OMS richiede più poteri per la gestione delle crisi sanitarie

Immagine articolo

Inghilterra e Italia unite ad accogliere con sollievo, e un pizzico d’orgoglio, la guarigione dei loro pazienti zero. Dopo le dimissioni di Fabrizio Pulvirenti dallo Spallanzani di Roma, anche Pauline Cafferkey, infermiera britannica che aveva contratto l’Ebola mentre lavorava come volontaria per l’organizzazione Save the Children in Sierra Leone, “non versa più in condizioni critiche”.

Lo ha annunciato il Royal Free Hospital, l’ospedale londinese che l’ha in cura dal 30 dicembre. Sono le storie a lieto fine di eroi silenziosi, che mettono le proprie competenze e il proprio coraggio al servizio delle popolazioni flagellate dall’epidemia. Il personale sanitario è il tributo più grande che il virus sta esigendo in termini di vite umane: solo in Sierra Leone, quasi 200 le vittime tra medici e operatori. A livello globale, l’ultimo bollettino diramato dall’Organizzazione Mondiale della Sanità parla di 8371 morti a fronte di oltre 21mila contagiati nei Paesi dell’Africa occidentale, in particolare Guinea, Sierra Leone, Liberia.

Ed è proprio l’Oms ad aver chiesto il conferimento di ancora più poteri per poter efficacemente gestire non solo questa emergenza ma anche altre, analoghe, che si presenteranno in futuro. Come? Ampliando il mandato dell’agenzia, e creando squadre di esperti e strutture in grado di gestire al meglio i fondi e le informazioni. Dietro a questa richiesta ci sarebbe, in realtà, un j’accuse dell’Organizzazione nei confronti dei governi, colpevoli di non aver tenuto fede ai loro obblighi durante la crisi di ebola in Africa, e di aver messo a rischio le “International Health Regulations” con azioni quali la chiusura delle frontiere e discriminando i viaggiatori provenienti dalle zone colpite dal virus.

Come se non bastasse, gli Stati che hanno reagito in modo corretto all’emergenza, garantendo adeguati sistemi di sorveglianza, preparazione e comunicazione del rischio, si conterebbero sulla dita di una mano. Criticità peraltro già riscontrate nella gestione di altre emergenze, anche non di carattere strettamente sanitario, cui è necessario porre rimedio.

Articoli correlati
Meningite, primi casi del 2019. Andreoni (Tor Vergata e Simit): «Profilassi indicata per bambini e fasce a rischio. Per gli adulti? Dipende…»
Si riaccende l’attenzione sulla Toscana per un caso di meningococco B. Anche all’Aquila un ricovero. L’intervista a Massimo Andreoni, responsabile Malattie infettive di Tor Vergata e past president del SIMIT
Firenze, al Meyer lo spettacolo di Natale per sostenere il progetto “Bambini nel mondo”
Un Bolero per l’Africa: uno spettacolo di musica, parole e scienza per supportare un progetto di solidarietà. L’Università di Firenze, Fondazione Meyer e Azienda Ospedaliero-Universitaria Meyer promuovono lo spettacolo che andrà in scena lunedì 3 dicembre al Teatro del Maggio Musicale Fiorentino (ore 20.30). L’obiettivo è raccogliere fondi per “Bambini nel mondo”, il progetto della Fondazione Meyer che […]
Febbre del Nilo, boom casi in Europa: sono 975. Italia paese con maggior numero di infezioni
Lo rileva bollettino Ecdc. Casi complessivi aumentati di 3,4 volte rispetto al 2017. Vittime per lo più pazienti affetti da altre patologie: in Serbia e Grecia più decessi
Vacanze esotiche e rischi per la salute: malaria e diarrea infettiva le patologie più diffuse, ecco rischi e precauzioni
Roberto Cauda (Gemelli): «Il vaccino rappresenta l’unico modo per poter contrastare delle malattie per le quali non esiste un’efficace terapia. Ma non sempre è necessario: prima di partire consultare i centri di medicina del viaggiatore»
di Isabella Faggiano
Dalla Chikungunya alla Dengue, tornano le malattie infettive. Ricciardi (ISS): «Siamo preoccupati…»
Il Presidente dell’Istituto Superiore di Sanità: «Stiamo monitorando anche un virus legato ai pipistrelli in Oriente. Popolazione senza vaccinazione più vulnerabile»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Riscatto agevolato della laurea, ecco perché ai medici conviene. Cavallero (Cosmed): «È l’unico modo per programmare un’uscita dal lavoro prima dei 70 anni»

La norma voluta dal governo permetterà a chi ha iniziato a lavorare dal 1996 di poter guadagnare anni di contribuzione pagando 5240 euro per ogni anno di studio. «Dobbiamo capire perché universitar...
Lavoro

Allarme pensioni, Palermo (Anaao): «Si rischia il caos. Speriamo che aderisca a Quota 100 solo il 25%»

In base alle stime del sindacato, per il combinato disposto di Quota 100 e gobba pensionistica, in tre anni lasceranno il SSN 24mila medici, che si aggiungono all’attuale deficit di 10mila camici bi...
Lavoro

Rinnovo contratto sanità privata, Aiop: «Siano coinvolte Regioni». Cgil: «Chi fa profitti non può chiedere che a pagare siano altri»

Dopo 18 mesi di trattativa, i sindacati confederati hanno interrotto il dialogo perché le controparti, Aiop e Aris, non sono disposte a farsi carico della parte economica del rinnovo del contratto di...
di Giulia Cavalcanti e Giovanni Cedrone