Salute 20 Gennaio 2015 20:05

Ebola, l’Europa tira un sospiro di sollievo ma in Africa è ancora emergenza

E l’OMS richiede più poteri per la gestione delle crisi sanitarie

Ebola, l’Europa tira un sospiro di sollievo ma in Africa è ancora emergenza

Inghilterra e Italia unite ad accogliere con sollievo, e un pizzico d’orgoglio, la guarigione dei loro pazienti zero. Dopo le dimissioni di Fabrizio Pulvirenti dallo Spallanzani di Roma, anche Pauline Cafferkey, infermiera britannica che aveva contratto l’Ebola mentre lavorava come volontaria per l’organizzazione Save the Children in Sierra Leone, “non versa più in condizioni critiche”.

Lo ha annunciato il Royal Free Hospital, l’ospedale londinese che l’ha in cura dal 30 dicembre. Sono le storie a lieto fine di eroi silenziosi, che mettono le proprie competenze e il proprio coraggio al servizio delle popolazioni flagellate dall’epidemia. Il personale sanitario è il tributo più grande che il virus sta esigendo in termini di vite umane: solo in Sierra Leone, quasi 200 le vittime tra medici e operatori. A livello globale, l’ultimo bollettino diramato dall’Organizzazione Mondiale della Sanità parla di 8371 morti a fronte di oltre 21mila contagiati nei Paesi dell’Africa occidentale, in particolare Guinea, Sierra Leone, Liberia.

Ed è proprio l’Oms ad aver chiesto il conferimento di ancora più poteri per poter efficacemente gestire non solo questa emergenza ma anche altre, analoghe, che si presenteranno in futuro. Come? Ampliando il mandato dell’agenzia, e creando squadre di esperti e strutture in grado di gestire al meglio i fondi e le informazioni. Dietro a questa richiesta ci sarebbe, in realtà, un j’accuse dell’Organizzazione nei confronti dei governi, colpevoli di non aver tenuto fede ai loro obblighi durante la crisi di ebola in Africa, e di aver messo a rischio le “International Health Regulations” con azioni quali la chiusura delle frontiere e discriminando i viaggiatori provenienti dalle zone colpite dal virus.

Come se non bastasse, gli Stati che hanno reagito in modo corretto all’emergenza, garantendo adeguati sistemi di sorveglianza, preparazione e comunicazione del rischio, si conterebbero sulla dita di una mano. Criticità peraltro già riscontrate nella gestione di altre emergenze, anche non di carattere strettamente sanitario, cui è necessario porre rimedio.

Articoli correlati
Malaria in Africa: perché la maggior parte dei paesi non l’ha ancora sconfitta?
La malaria rimane una delle malattie parassitarie più devastanti che colpiscono gli esseri umani. Nel 2020 si sono registrati circa 241 milioni di casi e 672.000 decessi
di Stefano Piazza
Gli allarmi caduti nel vuoto e ora la Somalia rischia la più grande carestia della sua storia
In un recente report le Nazioni Unite prevedono che più di 300.000 persone in Somalia verranno colpite dalla carestia entro il mese di dicembre
di Stefano Piazza
Epidemia di Ebola, paura in Uganda
Torna la paura in Uganda: nell'ultimo mese, almeno 64 persone sono state infettate da una specie rara di virus Ebola, per la quale non sono disponibili vaccini o trattamenti e il primo bilancio parla di almeno 30 morti
di Stefano Piazza
La lunga battaglia contro la malaria, tra sfide vinte e ancora aperte
Da quando la sua eziologia è stata descritta per la prima volta più di 100 anni fa, la malaria è diventata una delle malattie infettive più conosciute al mondo. Tuttavia, nel 2019 ci sono stati ancora più di 620.000 decessi e circa 230 milioni di casi in tutto il mondo, quasi tutti nell'Africa subsahariana
di Stefano Piazza
Vaiolo delle scimmie: scoperta nuova variante in Congo, potrebbe diventare globale
Nella Repubbica Democratica del Congo si è diffusa una variante pericolosa del vaiolo delle scimmie che, secondo gli esperti, potrebbe diffondersi anche a livello globale
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Advocacy e Associazioni

Anziani, il ‘Patto per un nuovo welfare sulla non autosufficienza’ al Premier: “Riformare i servizi domiciliari e riqualificare le strutture residenziali”

Le 60 organizzazioni che hanno sottoscritto il 'Patto per un nuovo welfare sulla non autosufficienza' in una lettera aperta al Premier Meloni: “Lo schema di decreto legislativo recante disposizi...
Advocacy e Associazioni

Cancro delle ovaie: e se fosse possibile diagnosticarlo con un test delle urine? Nuove speranze per la diagnosi precoce

Cafasso (ALTo): “La sopravvivenza a cinque anni delle pazienti che scoprono la malattia ad un primo stadio si aggira intorno al 85-90%, percentuale che si riduce drasticamente al 17% nel quarto ...
Salute

In Italia l’obesità uccide 4 volte in più degli incidenti d’auto

Nel nostro paese l'obesità è in aumento esponenziale e sempre più "killer", con un numero di morti all'anno 4 volte superiore a quello degli incidenti d'auto, e una previsione, en...