Salute 14 Ottobre 2014

Ebola bussa alle porte dell’Europa: l’allarme aumenta

L’Oms esclude un’epidemia in Occidente, ma raccomanda l’implementazione delle misure di sicurezza

Immagine articolo

La notizia della morte del primo paziente affetto da Ebola negli Stati Uniti (e quella del contagio di un’infermiera che lo aveva in cura), aggiunge un altro tassello a quella che rischia di diventare una delle psicosi più giustificate del nostro secolo.

La notizia arriva in concomitanza con quella del primo caso di contagio in Europa, precisamente in Spagna: si tratta di un’infermiera, quarantaquattrenne, che aveva assistito uno dei missionari rimpatriati dalla Sierra Leone, poi deceduto. L’infermiera attribuisce il contagio ad un errore procedurale da lei commesso durante le cure somministrate al malato, ma la Spagna rischia di essere, oltre che primo focolaio europeo dell’epidemia, anche teatro di una bagarre istituzionale. Il Governo giudica infatti la situazione “sotto controllo”, ma la Commissione europea pone seri interrogativi circa l’adeguatezza del sistema sanitario iberico nel far fronte ad una tale emergenza sanitaria, e chiede conto della comprovata falla nella struttura ospedaliera dove si è verificato il contagio.

L’Organizzazione Mondiale della Sanità, dal canto suo, definisce “inevitabile il verificarsi di casi sporadici di Ebola in Europa, visti i viaggi verso i Paesi colpiti”, ma al tempo stesso “estremamente basso il rischio di diffusione del virus “. L’Europa insomma non avrebbe motivo di preoccuparsi, a patto di non abbassare mai la guardia e di rispettare scrupolosamente i protocolli e le misure di prevenzione. Il ministro Lorenzin, in audizione straordinaria al Senato, tranquillizza e ufficializza l’assenza di casi in Italia (dopo tanti falsi allarmi), e sottolinea che non si corrono rischi ma che, soprattutto in Sicilia, le misure di controllo dovranno essere implementate a causa della posizione geografica dell’isola.

Per Thomas Frieden, il capo del Cdc (Centers for Disease Control), l’epidemia di Ebola in Africa è senza precedenti dai tempi dell’Aids all’inizio degli anni Ottanta. “Sarà una guerra lunga”, ha detto Frieden a proposito di Ebola nel corso di una tavola rotonda a Washington organizzata dalla Banca Mondiale. Intanto, il virus continua a stringere l’Africa occidentale nella sua morsa letale: i morti sfiorano quota 4.000 a fronte del doppio dei contagiati.

Articoli correlati
Epidemia morbillo a New York, parla il direttore dell’Istituto USA malattie infettive: «No ad esenzione vaccini per ragioni ‘filosofiche’»
ESCLUSIVA | Le interviste di Sanità Informazione al NYC Department of Health e al direttore del National Institute for Allergy and Infectious Diseases Anthony Fauci, che dichiara: «Il morbillo è una malattia molto pericolosa. Prima del vaccino causava la morte di 2-3 milioni di persone l’anno in tutto il mondo. Le autorità devono far capire meglio alla popolazione che i vaccini sono sicuri ed efficaci in modo che si sottoponga volontariamente alla profilassi»
L’ultimo articolo di Fernando Aiuti: «Vi spiego perché i vaccini sono sicuri. Senza di loro non avremmo mai sconfitto molte malattie infettive»
Ecco l’ultimo scritto dell’immunologo di fama mondiale pubblicato sull’Italian Journal of Prevention, Diagnostic and Therapeutic Medicine: «Il problema fondamentale è sostenere che il rischio beneficio è centinaia di volte a favore dei vaccini rispetto alla malattia. Inoltre è essenziale indicare alla popolazione le evidenze scientifiche»
di Fernando Aiuti
Meningite, primi casi del 2019. Andreoni (Tor Vergata e Simit): «Profilassi indicata per bambini e fasce a rischio. Per gli adulti? Dipende…»
Si riaccende l’attenzione sulla Toscana per un caso di meningococco B. Anche all’Aquila un ricovero. L’intervista a Massimo Andreoni, responsabile Malattie infettive di Tor Vergata e past president del SIMIT
Febbre del Nilo, boom casi in Europa: sono 975. Italia paese con maggior numero di infezioni
Lo rileva bollettino Ecdc. Casi complessivi aumentati di 3,4 volte rispetto al 2017. Vittime per lo più pazienti affetti da altre patologie: in Serbia e Grecia più decessi
Vacanze esotiche e rischi per la salute: malaria e diarrea infettiva le patologie più diffuse, ecco rischi e precauzioni
Roberto Cauda (Gemelli): «Il vaccino rappresenta l’unico modo per poter contrastare delle malattie per le quali non esiste un’efficace terapia. Ma non sempre è necessario: prima di partire consultare i centri di medicina del viaggiatore»
di Isabella Faggiano