Salute 7 Luglio 2015 16:38

EBOLA, MERS E LE ALTRE PANDEMIE. Ecco il piano interforze per la sicurezza dei cittadini

Il questore di Roma Nicolò D’Angelo ed il generale Salvatore Luongo, comandante provinciale dei carabinieri, rassicurano: «Personale formato per questo tipo di emergenze, ma mai abbassare la guardia».Intanto Ebola, Mers e le altre pandemie continuano a far paura nel mondo

EBOLA, MERS E LE ALTRE PANDEMIE. Ecco il piano interforze per la sicurezza dei cittadini

Formazione ed informazione sono ormai riconosciute come le principali armi per affrontare Ebola, MERS (Middle East Respiratory Syndrome) e le altre epidemie che minacciano il mondo. E’ proprio di oggi la notizia che, secondo l’OMS, “l’epidemia di Ebola continua a costituire una Emergenza Internazionale di Salute Pubblica, e che le raccomandazioni formulate fin qui ai paesi colpiti dovrebbero essere estese”.

Ma sul piano della sicurezza come siamo messi? Possiamo contare su un piano di emergenza nel caso in Italia dovesse svilupparsi una pandemia?
Proprio questa perplessità è stata espressa da diversi cittadini, che ai microfoni di Sanità informazione, hanno riconosciuto e sottolineato i progressi della ricerca e della scienza ed i risultati raggiunti, palesando, però, una certa preoccupazione, generata principalmente da un nemico di cui si conosce ancora troppo poco. A rasserenare gli animi il coordinamento interforze da tempo già attivo e le parole del questore di Roma, il dottor Nicolò D’Angelo e del comandante provinciale dei carabinieri di Roma, il generale Salvatore Luongo. Fianco a fianco nell’appuntamento di Federfarma, incentrato proprio sulla sicurezza dei cittadini attraverso un innovativo sistema di videosorveglianza all’esterno delle farmacie, hanno fugato i dubbi espressi dai cittadini nel “vox populi” di Sanità informazione.

Parlando specificatamente di Roma, il questore è stato chiaro: «Abbiamo tutte le energie, le capacità e le professionalità adatte per far fronte a questo tipo di emergenze. Credo che il personale –  sia medico sia appartenente alle forze dell’ordine – sia adeguatamente formato». Ed al riguardo il generale Luongo fa notare che «Roma si è già trovata, in molte occasioni, a fronteggiare situazioni a rischio epidemia dovute all’afflusso di un numero elevatissimo di persone, dimostrando di riuscire a gestirle». Viene da chiedersi se ci siano però risorse sufficienti per affrontare una eventuale emergenza. « Le risorse sono quelle su cui possiamo contare oggi – aggiunge il comandante provinciale dei carabinieri –  e quelle che dobbiamo mettere nel sistema, proprio perché c’è un’opera continua di razionalizzazione ma anche di sviluppo di nuove progettualità. Queste risorse sarebbero in grado di assolvere al compito».

Parole rassicuranti che arrivano proprio mentre MERS continua a confermarsi una pericolosa minaccia e l’incubo Ebola torna a far paura anche in Liberia, che era stata dichiarata libera dal virus il 9 maggio scorso dall’ Organizzazione mondiale per la Sanità. Un ragazzo di 17 anni è morto la scorsa settimana, e un secondo caso è stato confermato nei giorni scorsi nello stesso villaggio, Nedowein, a 40 km a sud dalla capitale.  L’Italia, dopo essersi dimostrata un’eccellenza nella cura, con i risultati raggiunti dall’istituto per le malattie infettive “Lazzaro Spallanzani” (nella gestione dei due casi italiani registrati), punta ad essere anche una roccaforte della sicurezza. Questo può avvenire facendo il massimo nella formazione del personale impegnato in prima linea e con una corretta informazione. Resta fondamentale, però, non abbassare la guardia tenendo bene a mente che Ebola ha già fatto 11.200 vittime. Ben venga, in tal senso, anche l’attenzione delle forze dell’ordine, che anche su questo fronte confermano la totale disponibilità a collaborare per garantire la sicurezza dei cittadini.  «La sinergia interforze è fondamentale – chiosano il questore D’Angelo ed il generale comandante  Luongo – e da tempo ormai abbiamo aperto un tavolo di confronto e di scambio di informazioni cui lavoriamo quotidianamente per migliorare la risposta ai cittadini e aderire alle loro esigenze di sicurezza».

Articoli correlati
Epidemia di Ebola, paura in Uganda
Torna la paura in Uganda: nell'ultimo mese, almeno 64 persone sono state infettate da una specie rara di virus Ebola, per la quale non sono disponibili vaccini o trattamenti e il primo bilancio parla di almeno 30 morti
di Stefano Piazza
Focolaio di Ebola in Congo. Oms preoccupata, subito al via nuova campagna di vaccinazione
«Il tempo non è dalla nostra parte», ha affermato Matshidiso Moeti, direttore regionale dell'Oms per l'Africa
di Stefano Piazza
Tutte le emergenze sanitarie affrontate nel 2020 (di cui non si sente parlare)
Non solo Covid: la seconda più grande epidemia di Ebola nella Repubblica democratica del Congo, febbre gialla in Togo e Gabon, morbillo in Messico, la battaglia contro le malattie tropicali e quella costante contro Hiv, malaria ed epatite. Tutte le emergenze sanitarie del 2020 combattute dall'Organizzazione mondiale della sanità
Coronavirus, Parrino (Emergency): «Sono le popolazioni che sconfiggono i virus»
Intervista al responsabile delle field operations della ONG che ha allestito l’ospedale da campo a Bergamo: «Non è molto diverso dai miei giorni in Sierra Leone»
di Tommaso Caldarelli
Ebola, autorizzato in Europa il primo vaccino contro il virus
Si chiama Ervebo ed è lo stesso vaccino utilizzato in Congo in via sperimentale
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Advocacy e Associazioni

Mieloma multiplo. Aspettativa di vita in aumento e cure sul territorio, il paradigma di un modello da applicare per la prossimità delle cure

Il mieloma multiplo rappresenta, tra le patologie onco-ematologiche, un caso studio per l’arrivo delle future terapie innovative, dato anche che i centri ospedalieri di riferimento iniziano a no...
Salute

Parkinson, la neurologa Brotini: “Grazie alla ricerca, siamo di fronte a una nuova alba”

“Molte molecole sono in fase di studio e vorrei che tutti i pazienti e i loro caregiver guardassero la malattia di Parkinson come fossero di fronte all’alba e non di fronte ad un tramonto&...
di V.A.
Advocacy e Associazioni

Oncologia, Iannelli (FAVO): “Anche i malati di cancro finiscono in lista di attesa”

Il Segretario Generale Favo: “Da qualche anno le attese per i malati oncologici sono sempre più lunghe. E la colpa non è della pandemia: quelli con cui i pazienti oncologici si sco...