Salute 3 marzo 2015

Ebola: avanti a tentoni, ma il nuovo farmaco accende una speranza

Continua la sperimentazione del Favipiravir in West Africa, a breve lo studio di un nuovo vaccino

Immagine articolo

La buona notizia è che il Favipiravir – nuovo farmaco sperimentale anti Ebola protagonista del trial clinico in atto in Africa – riduce il tasso di mortalità dal 15% al 30%.

La cattiva, invece, è che tale efficacia si riscontra solo su pazienti che presentano una carica virale bassa, mentre non sortisce effetto su coloro nei quali il virus si è già manifestato in forma grave, né tantomeno sui bambini. Questi i primi risultati del progetto ‘Reaction’ finanziato dall’Ue, di cui si attendono gli esiti definitivi alla fine della sperimentazione. Il trial, condotto dall’istituto francese di ricerca INSERM, è stato avviato lo scorso dicembre nel Centro di trattamento Ebola di Medici Senza Frontiere a Guéckédou, in Guinea, dove l’epidemia ha avuto inizio. Da allora il trial è stato ampliato per includere pazienti dagli altri centri di trattamento sul territorio guineano.

Che il Favipiravir non sia la cura miracolosa che tutti aspettavano è un dato di fatto, ma è anche vero che la ricerca deve andare avanti per avere dati più chiari e, si spera, più incoraggianti. Concetti sottolineati anche da Annick Antierens, che conduce il trial per Medici Senza Frontiere, che aggiunge: “I nostri pazienti ricevono informazioni complete sul farmaco e sui test clinici prima di scegliere se prendervi parte”. Naturalmente tutti i pazienti che rifiutano il trattamento sperimentale continuano a ricevere tutte le cure di supporto del caso”. Tuttavia finora, almeno a Guéckédou, nessuno dei malati ha scelto di non partecipare al trial: il buon senso suggerisce ai pazienti che tra una condanna a morte quasi certa e una speranza, tanto vale non perdere la seconda.

Il trial per il Favipiravir continuerà in Guinea, ma al tempo stesso si esplorano altre strade. Nella capitale Conakry, presso il centro di trattamento Ebola di Medici Senza Frontiere, è in corso un trial che somministra ai pazienti il plasma di sopravvissuti a Ebola, che contiene gli anticorpi contro il virus. E nei prossimi giorni, sempre in Guinea, Medici Senza Frontiere inizierà lo studio di un vaccino sperimentale contro la malattia.

Tags

Articoli correlati
Bollettino Ebola, in Congo già registrati 27 morti e 58 casi
Esattamente 20 giorni fa, il Ministro della Salute della Repubblica Democratica del Congo ha dichiarato il ritorno di ebola. Per la nona volta negli ultimi 40 anni, il Paese è costretto ad affrontare nuovamente un’emergenza che già conta decine di morti. L’ultimo bollettino dell’Organizzazione Mondiale della Sanità, pubblicato lo scorso 23 maggio, riporta i numeri […]
Ebola è tornata. Roberto Cauda (Gemelli): «In realtà il virus non se n’è mai andato, c’è sempre stato»
«L'infezione rimane latente in alcuni animali definiti 'serbatoi' e quando l'uomo entra in contatto con qualche specie infetta ecco che torna il focolaio». L'intervista al Direttore dell'Area Malattie Infettive del Policlinico Gemelli di Roma
Ebola, arriva il vaccino per combattere l’epidemia in Congo
«La distribuzione del vaccino contro l’Ebola nella Repubblica Democratica del Congo (RDC) potrebbe dare un impulso vitale alla lotta contro la malattia» ha affermato il Dottor Seth Berkley, CEO di Gavi, The Vaccine Alliance, una partnership pubblico-privata dedicata a salvare le vite dei bambini e a proteggere la salute delle persone tramite l’incremento di un […]
OMS, al via l’Assemblea Mondiale. L’agenda del Direttore Tedros: più sanità per tre miliardi di persone
Pubblicato il World Health Statistics 2018. Ecco gli obiettivi dei prossimi cinque anni che i delegati dei 194 Paesi membri dell'Organizzazione Mondiale della Sanità stanno discutendo a Ginevra
Ebola in Congo, OMS: «Rischio da ‘alto’ a ‘molto alto’. 4mila dosi di vaccino pronte, ne servono più di 7mila»
Di nuovo l'incubo, dopo gli 11mila morti causati dall'epidemia del 2013-16, il virus torna e provoca 25 decessi in pochi giorni
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

E-fattura, Marino (OMCeO Roma): «Dal 2019 cambia tutto, professionisti sanitari si attivino o rischio sanzioni»

«Per attivare la procedura occorre il ‘sistema d’interscambio’: ecco come funziona» così Emanuela Marino dell’Ufficio relazioni con il pubblico dell’OMCeO Roma parla delle novità in mate...
Salute

Endometriosi, arriva nuovo Ddl: 25 milioni per la ricerca e bonus malattia. Sileri (Comm. Sanità): «Prevenzione e tutela contro patologia subdola»

Per contrastare il ritardo nella diagnosi il disegno di legge presentato al Senato prevede corsi di formazione per ginecologi e medici di famiglia e una Giornata nazionale per parlare della malattia. ...
Politica

Sunshine Act, ecco cosa prevede Ddl trasparenza. Il relatore Baroni (M5S): «Così si previene corruzione. Per i medici no oneri burocratici»

Il provvedimento, in discussione in Commissione Affari Sociali, è sul modello di una analoga legge francese. Soglia minima per la dichiarazione è 10 euro: l’obbligo sarà in capo alle industrie sa...