Salute 3 Marzo 2015

Ebola: avanti a tentoni, ma il nuovo farmaco accende una speranza

Continua la sperimentazione del Favipiravir in West Africa, a breve lo studio di un nuovo vaccino

Immagine articolo

La buona notizia è che il Favipiravir – nuovo farmaco sperimentale anti Ebola protagonista del trial clinico in atto in Africa – riduce il tasso di mortalità dal 15% al 30%.

La cattiva, invece, è che tale efficacia si riscontra solo su pazienti che presentano una carica virale bassa, mentre non sortisce effetto su coloro nei quali il virus si è già manifestato in forma grave, né tantomeno sui bambini. Questi i primi risultati del progetto ‘Reaction’ finanziato dall’Ue, di cui si attendono gli esiti definitivi alla fine della sperimentazione. Il trial, condotto dall’istituto francese di ricerca INSERM, è stato avviato lo scorso dicembre nel Centro di trattamento Ebola di Medici Senza Frontiere a Guéckédou, in Guinea, dove l’epidemia ha avuto inizio. Da allora il trial è stato ampliato per includere pazienti dagli altri centri di trattamento sul territorio guineano.

Che il Favipiravir non sia la cura miracolosa che tutti aspettavano è un dato di fatto, ma è anche vero che la ricerca deve andare avanti per avere dati più chiari e, si spera, più incoraggianti. Concetti sottolineati anche da Annick Antierens, che conduce il trial per Medici Senza Frontiere, che aggiunge: “I nostri pazienti ricevono informazioni complete sul farmaco e sui test clinici prima di scegliere se prendervi parte”. Naturalmente tutti i pazienti che rifiutano il trattamento sperimentale continuano a ricevere tutte le cure di supporto del caso”. Tuttavia finora, almeno a Guéckédou, nessuno dei malati ha scelto di non partecipare al trial: il buon senso suggerisce ai pazienti che tra una condanna a morte quasi certa e una speranza, tanto vale non perdere la seconda.

Il trial per il Favipiravir continuerà in Guinea, ma al tempo stesso si esplorano altre strade. Nella capitale Conakry, presso il centro di trattamento Ebola di Medici Senza Frontiere, è in corso un trial che somministra ai pazienti il plasma di sopravvissuti a Ebola, che contiene gli anticorpi contro il virus. E nei prossimi giorni, sempre in Guinea, Medici Senza Frontiere inizierà lo studio di un vaccino sperimentale contro la malattia.

Tags

Articoli correlati
Ebola, non si arresta epidemia in Congo. Dalla UE altri 5 milioni di euro per fronteggiare la crisi
L’ebola continua a mietere vittime in Congo e per aiutare la nazione africana si muove l’Ue che sta intensificando l’aiuto umanitario con altri 5 milioni di euro. Il numero di morti confermate dell’epidemia è attualmente di oltre mille persone. Con l’annuncio odierno, il finanziamento totale dell’UE per affrontare la malattia nel paese ammonta a 17 […]
Bollettino Ebola, in Congo già registrati 27 morti e 58 casi
Esattamente 20 giorni fa, il Ministro della Salute della Repubblica Democratica del Congo ha dichiarato il ritorno di ebola. Per la nona volta negli ultimi 40 anni, il Paese è costretto ad affrontare nuovamente un’emergenza che già conta decine di morti. L’ultimo bollettino dell’Organizzazione Mondiale della Sanità, pubblicato lo scorso 23 maggio, riporta i numeri […]
Ebola è tornata. Roberto Cauda (Gemelli): «In realtà il virus non se n’è mai andato, c’è sempre stato»
«L'infezione rimane latente in alcuni animali definiti 'serbatoi' e quando l'uomo entra in contatto con qualche specie infetta ecco che torna il focolaio». L'intervista al Direttore dell'Area Malattie Infettive del Policlinico Gemelli di Roma
Ebola, arriva il vaccino per combattere l’epidemia in Congo
«La distribuzione del vaccino contro l’Ebola nella Repubblica Democratica del Congo (RDC) potrebbe dare un impulso vitale alla lotta contro la malattia» ha affermato il Dottor Seth Berkley, CEO di Gavi, The Vaccine Alliance, una partnership pubblico-privata dedicata a salvare le vite dei bambini e a proteggere la salute delle persone tramite l’incremento di un […]
OMS, al via l’Assemblea Mondiale. L’agenda del Direttore Tedros: più sanità per tre miliardi di persone
Pubblicato il World Health Statistics 2018. Ecco gli obiettivi dei prossimi cinque anni che i delegati dei 194 Paesi membri dell'Organizzazione Mondiale della Sanità stanno discutendo a Ginevra
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Sanità internazionale

«La sanità si basa sullo sfruttamento infinito e gratuito di medici e professionisti sanitari»

Riuscite a immaginare un idraulico o un avvocato che lavorano il 30% in più senza chiedere ulteriori compensi? In sanità viene dato per scontato
Lavoro

Ex specializzandi, a Roma l’Appello dà ragione ai camici bianchi. L’avvocato Marco Tortorella: «300mila medici abbandonati dallo Stato, ora giustizia»

L’ultima sentenza della Corte di Appello di Roma ha portato all’assegnazione di rimborsi per 12 milioni di euro per i camici bianchi tutelati dal network legale Consulcesi. «Lo Stato è obbligato...
Salute

Lo psicologo di famiglia è un diritto riconosciuto dalla legge. Alle Regioni il compito di trovare accordi con gli MMG

La norma inserita nel Dl Calabria. Lazzari (Cnop): «Gli psicologi saranno al servizio dei cittadini anche nell’ambito delle cure primarie, accanto ai medici di medicina generale ed ai pediatri di l...
di Isabella Faggiano