Salute 3 Marzo 2015 13:28

Ebola: avanti a tentoni, ma il nuovo farmaco accende una speranza

Continua la sperimentazione del Favipiravir in West Africa, a breve lo studio di un nuovo vaccino

Ebola: avanti a tentoni, ma il nuovo farmaco accende una speranza

La buona notizia è che il Favipiravir – nuovo farmaco sperimentale anti Ebola protagonista del trial clinico in atto in Africa – riduce il tasso di mortalità dal 15% al 30%.

La cattiva, invece, è che tale efficacia si riscontra solo su pazienti che presentano una carica virale bassa, mentre non sortisce effetto su coloro nei quali il virus si è già manifestato in forma grave, né tantomeno sui bambini. Questi i primi risultati del progetto ‘Reaction’ finanziato dall’Ue, di cui si attendono gli esiti definitivi alla fine della sperimentazione. Il trial, condotto dall’istituto francese di ricerca INSERM, è stato avviato lo scorso dicembre nel Centro di trattamento Ebola di Medici Senza Frontiere a Guéckédou, in Guinea, dove l’epidemia ha avuto inizio. Da allora il trial è stato ampliato per includere pazienti dagli altri centri di trattamento sul territorio guineano.

Che il Favipiravir non sia la cura miracolosa che tutti aspettavano è un dato di fatto, ma è anche vero che la ricerca deve andare avanti per avere dati più chiari e, si spera, più incoraggianti. Concetti sottolineati anche da Annick Antierens, che conduce il trial per Medici Senza Frontiere, che aggiunge: “I nostri pazienti ricevono informazioni complete sul farmaco e sui test clinici prima di scegliere se prendervi parte”. Naturalmente tutti i pazienti che rifiutano il trattamento sperimentale continuano a ricevere tutte le cure di supporto del caso”. Tuttavia finora, almeno a Guéckédou, nessuno dei malati ha scelto di non partecipare al trial: il buon senso suggerisce ai pazienti che tra una condanna a morte quasi certa e una speranza, tanto vale non perdere la seconda.

Il trial per il Favipiravir continuerà in Guinea, ma al tempo stesso si esplorano altre strade. Nella capitale Conakry, presso il centro di trattamento Ebola di Medici Senza Frontiere, è in corso un trial che somministra ai pazienti il plasma di sopravvissuti a Ebola, che contiene gli anticorpi contro il virus. E nei prossimi giorni, sempre in Guinea, Medici Senza Frontiere inizierà lo studio di un vaccino sperimentale contro la malattia.

Articoli correlati
Epidemia di Ebola, paura in Uganda
Torna la paura in Uganda: nell'ultimo mese, almeno 64 persone sono state infettate da una specie rara di virus Ebola, per la quale non sono disponibili vaccini o trattamenti e il primo bilancio parla di almeno 30 morti
di Stefano Piazza
Focolaio di Ebola in Congo. Oms preoccupata, subito al via nuova campagna di vaccinazione
«Il tempo non è dalla nostra parte», ha affermato Matshidiso Moeti, direttore regionale dell'Oms per l'Africa
di Stefano Piazza
Tutte le emergenze sanitarie affrontate nel 2020 (di cui non si sente parlare)
Non solo Covid: la seconda più grande epidemia di Ebola nella Repubblica democratica del Congo, febbre gialla in Togo e Gabon, morbillo in Messico, la battaglia contro le malattie tropicali e quella costante contro Hiv, malaria ed epatite. Tutte le emergenze sanitarie del 2020 combattute dall'Organizzazione mondiale della sanità
Coronavirus, Parrino (Emergency): «Sono le popolazioni che sconfiggono i virus»
Intervista al responsabile delle field operations della ONG che ha allestito l’ospedale da campo a Bergamo: «Non è molto diverso dai miei giorni in Sierra Leone»
di Tommaso Caldarelli
Ebola, autorizzato in Europa il primo vaccino contro il virus
Si chiama Ervebo ed è lo stesso vaccino utilizzato in Congo in via sperimentale
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Advocacy e Associazioni

Anziani, il ‘Patto per un nuovo welfare sulla non autosufficienza’ al Premier: “Riformare i servizi domiciliari e riqualificare le strutture residenziali”

Le 60 organizzazioni che hanno sottoscritto il 'Patto per un nuovo welfare sulla non autosufficienza' in una lettera aperta al Premier Meloni: “Lo schema di decreto legislativo recante disposizi...
Advocacy e Associazioni

Cancro delle ovaie: e se fosse possibile diagnosticarlo con un test delle urine? Nuove speranze per la diagnosi precoce

Cafasso (ALTo): “La sopravvivenza a cinque anni delle pazienti che scoprono la malattia ad un primo stadio si aggira intorno al 85-90%, percentuale che si riduce drasticamente al 17% nel quarto ...
Salute

In Italia l’obesità uccide 4 volte in più degli incidenti d’auto

Nel nostro paese l'obesità è in aumento esponenziale e sempre più "killer", con un numero di morti all'anno 4 volte superiore a quello degli incidenti d'auto, e una previsione, en...