Salute 15 Febbraio 2019 12:42

Disuguaglianze di salute, l’importanza della corretta informazione: «Stranieri e soggetti con basso livello di istruzione e reddito i più a rischio»

«Chi meno sa, meno ha. Necessaria una sanità di iniziativa per una corretta informazione delle notizie sensibili legate alla salute». Così marzia Sandroni (Usl Toscana sud-est) a Sanità Informazione a margine del corso “Comunicare il fenomeno delle diseguaglianze di salute: opinioni a confronto” erogato dall‘INMP (Istituto Nazionale salute, Migrazioni e Povertà)

di Lucia Oggianu

La salute diseguale rappresenta una delle maggiori criticità del contesto attuale, nel quale si rileva un generale miglioramento delle condizioni di salute dei cittadini ma anche una accentuata persistenza delle disuguaglianze tra classi sociali a svantaggio dei soggetti più poveri, con conseguente peggioramento delle condizioni di salute delle fasce più fragili: stranieri e soggetti con basso livello d’istruzione e reddito.

Tra le principali cause, il mancato accesso alle cure preventive e agli strumenti a disposizione del cittadino, spesso sconosciuti. Necessario dunque intervenire con soluzioni concrete in termini di welfare ma soprattutto attraverso una adeguata comunicazione delle notizie sensibili legate alla salute.

Come farlo? Risponde ai microfoni di Sanità Informazione Marzia Sandroni, responsabile della comunicazione delle aziende associate a Federsanità Nazionale.

Dottoressa Sandroni, nell’ambito della comunicazione oggi è necessario fare particolare attenzione al contenuto e alla forma delle notizie riguardanti le diseguaglianze di salute, quali sono i rischi maggiori?

«Il maggior rischio è quello che corrono i giornalisti nel cercare la notizia e nel non dare la notizia. Dare la notizia significa essere corretti, aver validato le fonti, mettere in atto tutti quei criteri di un buon giornalismo. Purtroppo, questo trova l’ostacolo delle finalità commerciali di vendita di un giornale, che tendono molto spesso a rincorrere il paradigma più diffuso nella popolazione quindi a cercare quella notizia più stuzzicante, che non sempre però tiene conto della giustezza e correttezza dell’informazione, creando invece delle narrazioni che producono paura, diffidenza e inutili attese nei confronti di fasce della popolazione che rappresenterebbero altresì una risorsa per il nostro paese».

Cosa si può fare per tutelare le fasce più fragili ed evitare disuguaglianze di salute?

«Si può recuperare quello che diceva Aristotele: ethos, pathos, logos quindi quelle tecniche di comunicazione che sono capaci di rendere più appetibili anche le notizie naturalmente meno piacevoli. Noi sappiamo bene che uno dei maggiori stigmi del nostro tempo è la cronicità delle malattie e che le persone che meno accedono alle cure sono le fasce più fragili, quelle che hanno un livello di scolarizzazione più basso e un livello economico meno elevato. Sono le fasce di popolazione che arrivano in pronto soccorso, che non conoscono l’esistenza di un medico di famiglia e che, proprio perché accedono quando già acute, perché non conoscono il valore della prevenzione o perché noi non siamo riusciti a fare una sanità di iniziativa, arrivano quando sono più gravi e quindi costano di più. In quel momento, proprio perché noi non siamo stati capaci di prenderli in cura, diventano un costo».

Articoli correlati
50° Congresso SIRM. Con l’imaging ibrido i vantaggi di medicina nucleare e radiologia in un unico esame
Tra le tavole rotonde in programma, la presentazione di un’indagine condotta dalla SIRM e dal Censis sulla percezione del ruolo del radiologo nella popolazione, un incontro sulla responsabilità amministrativo-contabile e una sessione dedicata alle donne radiologo che rappresentano oltre il 50% della categoria professionale
Tumore al seno, dopo la diagnosi 1 donna su 4 smette di lavorare e rinuncia alla possibilità di avere figli
Fondazione Onda fotografa il vissuto e i bisogni delle donne con la malattia HER2+. Cambia inoltre la percezione del tempo: il 37 per cento da più valore alle piccole cose e al tempo in generale (30 per cento), ma quasi la metà dichiara di aver paura per il futuro e di percepire negativamente il tempo dedicato alla cura della malattia (20 per cento)
Inquinamento atmosferico, il killer silenzioso che uccide più del Covid (ma fa meno rumore)
Miani (SIMA): «Ogni anno in Italia circa 80mila persone muoiono prematuramente per inquinamento atmosferico». E i tumori pediatrici aumentano a velocità doppia rispetto alla media UE
La pandemia ha cambiato le nostre personalità?
Una nuova ricerca suggerisce che siamo meno aperti, piacevoli e coscienziosi. Ma possiamo tornare a come eravamo prima?
di Stefano Piazza
Chirurgia intima: ringiovanimento vaginale e labioplastica tra gli interventi più desiderati
Torna, per il nono anno consecutivo, dal 26 settembre al 1° ottobre 2022, l’appuntamento con la Settimana del Benessere Sessuale (SBS): incontri e consulenze, offerte dagli specialisti in tutta Italia, in tema di sessualità, educazione sessuale e affettività. L’indagine della FISS sulla chirurgia estetica dei genitali: «Chi ha ceduto alla tentazione del bisturi l’ha fatto per colmare un senso di insoddisfazione e per migliorare la relazione sessuale con il partner»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 6 ottobre 2022, sono 619.806.972 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.552.302 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia Il bollettino di oggi (6 ottobre 20...
Covid-19, che fare se...?

Se risulto negativo al test ma ho ancora i sintomi posso contagiare gli altri?

Sintomi come febbre e tosse possono durare più della positività al test antigenico rapido. Gli scienziati si stanno interrogando quindi sulla durata della contagiosità. L'ipotesi ...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi in caso di reinfezioni?

I sintomi delle reinfezioni tendono a essere più lievi, anche se non si possono escludere forme gravi della malattia. I più comuni sono: affaticamento, febbre, tosse e mal di gola