Salute 15 Febbraio 2019 12:42

Disuguaglianze di salute, l’importanza della corretta informazione: «Stranieri e soggetti con basso livello di istruzione e reddito i più a rischio»

«Chi meno sa, meno ha. Necessaria una sanità di iniziativa per una corretta informazione delle notizie sensibili legate alla salute». Così marzia Sandroni (Usl Toscana sud-est) a Sanità Informazione a margine del corso “Comunicare il fenomeno delle diseguaglianze di salute: opinioni a confronto” erogato dall‘INMP (Istituto Nazionale salute, Migrazioni e Povertà)

di Lucia Oggianu

La salute diseguale rappresenta una delle maggiori criticità del contesto attuale, nel quale si rileva un generale miglioramento delle condizioni di salute dei cittadini ma anche una accentuata persistenza delle disuguaglianze tra classi sociali a svantaggio dei soggetti più poveri, con conseguente peggioramento delle condizioni di salute delle fasce più fragili: stranieri e soggetti con basso livello d’istruzione e reddito.

Tra le principali cause, il mancato accesso alle cure preventive e agli strumenti a disposizione del cittadino, spesso sconosciuti. Necessario dunque intervenire con soluzioni concrete in termini di welfare ma soprattutto attraverso una adeguata comunicazione delle notizie sensibili legate alla salute.

Come farlo? Risponde ai microfoni di Sanità Informazione Marzia Sandroni, responsabile della comunicazione delle aziende associate a Federsanità Nazionale.

Dottoressa Sandroni, nell’ambito della comunicazione oggi è necessario fare particolare attenzione al contenuto e alla forma delle notizie riguardanti le diseguaglianze di salute, quali sono i rischi maggiori?

«Il maggior rischio è quello che corrono i giornalisti nel cercare la notizia e nel non dare la notizia. Dare la notizia significa essere corretti, aver validato le fonti, mettere in atto tutti quei criteri di un buon giornalismo. Purtroppo, questo trova l’ostacolo delle finalità commerciali di vendita di un giornale, che tendono molto spesso a rincorrere il paradigma più diffuso nella popolazione quindi a cercare quella notizia più stuzzicante, che non sempre però tiene conto della giustezza e correttezza dell’informazione, creando invece delle narrazioni che producono paura, diffidenza e inutili attese nei confronti di fasce della popolazione che rappresenterebbero altresì una risorsa per il nostro paese».

Cosa si può fare per tutelare le fasce più fragili ed evitare disuguaglianze di salute?

«Si può recuperare quello che diceva Aristotele: ethos, pathos, logos quindi quelle tecniche di comunicazione che sono capaci di rendere più appetibili anche le notizie naturalmente meno piacevoli. Noi sappiamo bene che uno dei maggiori stigmi del nostro tempo è la cronicità delle malattie e che le persone che meno accedono alle cure sono le fasce più fragili, quelle che hanno un livello di scolarizzazione più basso e un livello economico meno elevato. Sono le fasce di popolazione che arrivano in pronto soccorso, che non conoscono l’esistenza di un medico di famiglia e che, proprio perché accedono quando già acute, perché non conoscono il valore della prevenzione o perché noi non siamo riusciti a fare una sanità di iniziativa, arrivano quando sono più gravi e quindi costano di più. In quel momento, proprio perché noi non siamo stati capaci di prenderli in cura, diventano un costo».

Articoli correlati
Costa: «Recovery opportunità per garantire concretamente diritto alla salute»
«Solo quest'anno 400mila persone non hanno potuto accedere alle cure farmacologiche – ha precisato il sottosegretario alla Salute -. Garantire il diritto alla salute significa renderla accessibile a tutti»
Covid-19, l’Argentina entra nella seconda ondata con il record di morti per 100mila abitanti
Il racconto a Sanità Informazione di Hector Carvallo, professore di Medicina Interna all’Universidad Abierta Interamericana di Buenos Aires: «Situazione spaventosa, abbiamo solo l'1,9% della popolazione vaccinato con doppia dose»
Reti oncologiche, la pandemia non frena cure e ricerca. In Campania, Puglia e Basilicata tipizzazioni per cure di qualità
La Rete AMORe (Alleanza Mediterranea Oncologia in Rete) torna a riunirsi per tracciare un bilancio delle attività a un anno dall'emergenza Covid. A confronto le competenze scientifiche, cliniche e di ricerca dei rispettivi poli oncologici delle tre regioni
Defibrillatori, il caso della legge ‘salvavita’ bloccata da MEF e Ministero della Salute. Le associazioni: «Fate presto»
Un Ddl approvato alla Camera all’unanimità giace da un anno e mezzo al Senato ostaggio di pareri che non arrivano. Ogni anno 60mila vittime per arresto cardiaco: con un intervento tempestivo si potrebbero ridurre del 40%. Gli esempi virtuosi del Progetto Vita a Piacenza e dell’associazione “Lorenzo Greco onlus” di Torino
I tocchi virtuali suscitano reazioni reali. Dalla realtà virtuale immersiva nuove possibilità di trattamento del dolore cronico
La ricercatrice: «Persone con disturbo dello spettro autistico, donne e uomini vittime di violenza sessuale e fisica, che rifiutano il contatto fisico, potrebbero trarre giovamento dall’utilizzo della realtà virtuale: sperimenterebbero solo le sensazioni piacevoli, senza il fastidio del tocco reale»
di Isabella Faggiano
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 12 aprile, sono 136.063.656 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 2.937.096 i decessi. Ad oggi, oltre 773,55 milioni di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata ...
Salute

Vaccini, mai più dosi avanzate: come funzionano le “liste di sostituti” in Lombardia, Lazio e Campania

Le chiamano "panchine", sono le liste straordinarie che le Regioni utilizzano per ottimizzare le dosi dopo l'ordinanza di Figliuolo. Ma chi rientra tra coloro che verranno contattati?
di Federica Bosco e Gloria Frezza
Salute

Terapia domiciliare anti-Covid, guida all’uso dei farmaci

Antivirali, antitrombotici, antibiotici e cortisone: facciamo chiarezza con gli esperti della SIMG (Società Italiana di Medicina Generale) ed il dirigente medico in Medicina Interna presso l&rs...