Salute 12 Luglio 2018

Disability Pride a Roma, Venuto (Campidoglio): «Così miglioreremo l’accessibilità e staneremo i furbetti dei contrassegni»

«Già avviata la mappatura delle barriere architettoniche della Capitale. In programma progetti scolastici per educare all’inclusione sociale». Andrea Venuto racconta gli impegni dell’amministrazione capitolina per rendere “universalmente accessibile” la città eterna

di Isabella Faggiano
Immagine articolo

«Controlli a tappeto per chi occupa abusivamente i posti auto riservati alle persone disabili o espone un permesso falso o scaduto. Ancora, implementazione dell’assistenza dedicata a chi ha disabilità gravissime, miglioramento dell’accessibilità a tutti i mezzi di trasporto, metro compresa e campagne di sensibilizzazione, a cominciare dalle nuove generazioni». È Andrea Venuto, disability manager del Campidoglio, a descrivere le strategie messe a punto dall’amministrazione comunale affinché Roma possa trasformarsi in una città “universalmente accessibile”.

E proprio mentre la Capitale è a lavoro per diventare un esempio di inclusione sociale per tutto il resto d’Italia, il prossimo 15 luglio le strade del suo centro storico faranno da cornice alla quarta edizione italiana del “Disability Pride” che, per la prima volta, sbarcherà nella città eterna.

LEGGI ANCHE: DISABILITA’, PILATI (CTO ALESINI): «LE BARRIERE ARCHITETTONICHE NEGLI OSPEDALI CREANO UNA FRATTURA NEL RAPPORTO MEDICO-PAZIENTE»

La manifestazione, nata per richiamare l’attenzione di tutti i cittadini e delle istituzioni sulle problematiche del mondo della disabilità, celebra la Convenzione Onu sui Diritti delle Persone con Disabilità che, con i suoi 50 articoli, indica la strada che gli Stati devono percorrere per garantire i diritti di uguaglianza e di inclusione sociale.

Una sfida che per una città come Roma, ricca di reperti antichissimi, diventa ancora più difficoltosa, ma certamente non impossibile. «La Capitale – ha detto Andrea Venuto –  è da sempre stata una città molto difficile dal punto di vista dell’accessibilità per le persone con disabilità. Ma lavorare affinché diventi più praticabile significa regalare un luogo più accessibile a tutti, a prescindere dalla loro condizione fisica».

Andrea Venuto ha ricevuto la delega capitolina alla disabilità dall’attuale sindaco Virginia Raggi nel mese di ottobre dello scorso anno: «È proprio con il primo cittadino della Capitale – ha sottolineato il disability manager – che abbiamo deciso di iniziare la mappatura delle barriere architettoniche della Capitale, così da individuare le zone su cui è necessario intervenire. A breve faremo anche un incontro con l’amministratore delegato di Atac, Paolo Simioni, per discutere dell’annosa problematica dell’accessibilità alle metro. Roma ha avuto occasione di spendere molti soldi durante il Giubileo, ma queste cifre non sono mai state impiegate per rendere accessibili le fermate della metropolitana».

I progetti del Campidoglio non riguardano solo gli adeguamenti strutturali ed architettonici, ma anche l’inasprimento delle sanzioni per tutti coloro che, non rispettando le regole, penalizzano le persone con disabilità. «Una task force – ha aggiunto Venuto – è stata già incaricata di intensificare i controlli delle auto impropriamente parcheggiate nei posti riservati ai disabili o che intralciano le rampe di accesso o di attraversamento».

Ma la vera novità arriverà tra breve: «Stiamo per acquistare dei lettori elettronici in grado di valutare la validità dei contrassegni per la sosta-auto dei disabili. I contrassegni, quei cartoncini blu che tutti conosciamo – ha specificato il disability manager – da tre anni sono dotati di un chip. La polizia municipale, grazie a questi lettori elettronici, potrà verificare la presenza e l’autenticità del chip, constatando se i contrassegni sono ancora in corso di validità e, soprattutto, se sono autentici. In giro, purtroppo – ha aggiunto Venuto – si vedono molto fotocopie esposte sulle automobili. Roma, infatti, perde più di mezzo milione ogni anno per il mancato pagamento della sosta sulle strisce blu. Parcheggio che per chi ha il contrassegno di invalidità è, appunto, gratuito».

Anche l’assistenza alla persona sarà implementata: «Ci stiamo muovendo per fornire un maggiore supporto alle persone con disabilità gravissima». Più attenzione anche all’educazione: «Il cambiamento – ha detto Andrea Venuto –  deve essere anche culturale, iniziando dalle nuove generazioni. Abbiamo intenzione di promuovere degli incontri nelle scuole per diffondere tra i giovani le storie positive che molte persone disabili possono raccontare. Ovviamente – ha concluso il delegato capitolino alla disabilità – per portare a termine tutti questi progetti un solo mandato non basta. Ci vorrebbero molti più anni, ma da qualche parte bisogna pur cominciare. E noi lo abbiamo fatto».

LEGGI ANCHE: DISABILITA’, 2/3 DEGLI OSPEDALI ITALIANI NON SONO ACCESSIBILI: PUNTARE SU FORMAZIONE ECM

 

SEGUICI ANCHE SU FACEBOOK <— CLICCA QUI

 

Articoli correlati
World Down Syndrome Day 2019, CoorDown Onlus lancia la campagna di comunicazione “Reasons to celebrate”
Andare a scuola, praticare uno sport, uscire con gli amici, trovare un lavoro, vivere in autonomia una volta diventati adulti. Una vita fatta di routine, che appare la più ordinaria per la maggioranza della popolazione, è un traguardo possibile, ma raggiungibile ancora da troppe poche persone con sindrome di Down. A partire dall’istruzione, sono ancora […]
LA STORIA | «Disabile dopo un incidente in moto, ora sono campione del motociclismo italiano ed internazionale»
Maurizio Castelli, 26 anni, la ricetta del suo successo: «Prima per la riabilitazione, poi per l’allenamento fuori pista, ho scelto l’elettromiostimolazione, una tecnica che permette di allenare in profondità oltre 300 muscoli, attraverso degli esercizi a corpo libero effettuati con degli elettrodi, in soli 20 minuti a settimana»
di Isabella Faggiano
Assistenti sociali, Gianmario Gazzi (Cnoas) «Assistenza continua non garantita a tutti, troppo divario Nord-Sud»
«Noi pensiamo che vadano considerate le specificità di ogni territorio: una regione alpina non è uguale a una regione padana, per restare al Nord, ma certamente questo non significa rinunciare all’universalismo e alla garanzia di solidarietà tra regioni» così il Presidente del Consiglio Nazionale Ordine Assistenti Sociali
di Viviana Franzellitti e Giovanni Cedrone
Solitudine e fragilità dell’anziano: a Milano il convegno Onda
Vulnerabilità, perdita di autosufficienza e disabilità sono alla base di fragilità fisica ed emotiva e di solitudine tipica delle persone anziane. Condizioni destinate a interessare una fetta sempre più consistente della popolazione visto che, secondo Istat nel 2065 gli over 65 saranno quasi 20 milioni. Il convegno di Onda (Osservatorio nazionale sulla salute della donna […]
Policlinico Campus Bio-Medico, partiti i lavori del Dipartimento di Emergenza e Accettazione
E’ stato il Presidente della Regione Lazio Nicola Zingaretti a dare avvio ai lavori per la realizzazione del pronto soccorso del Policlinico Universitario Campus Bio-Medico dando per primo una picconata a una simbolica parete. Il nuovissimo Dipartimento di Emergenza e Accettazione (DEA) di I livello amplierà la rete dell’emergenza nel quadrante sud ovest di Roma completando l’offerta assistenziale del Policlinico […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Allarme pensioni, Palermo (Anaao): «Si rischia il caos. Speriamo che aderisca a Quota 100 solo il 25%»

In base alle stime del sindacato, per il combinato disposto di Quota 100 e gobba pensionistica, in tre anni lasceranno il SSN 24mila medici, che si aggiungono all’attuale deficit di 10mila camici bi...
Lavoro

Rinnovo contratto sanità privata, Aiop: «Siano coinvolte Regioni». Cgil: «Chi fa profitti non può chiedere che a pagare siano altri»

Dopo 18 mesi di trattativa, i sindacati confederati hanno interrotto il dialogo perché le controparti, Aiop e Aris, non sono disposte a farsi carico della parte economica del rinnovo del contratto di...
di Giulia Cavalcanti e Giovanni Cedrone
Politica

Professioni sanitarie, Beatrice Lorenzin: «Ordine importante per combattere abusivismo. Ma dal Governo passi indietro con deregulation»

«Abbiamo bisogno sempre di una maggiore specializzazione e anche di una capacità di intercettare i cambiamenti tecnologici», sottolinea a Sanità Informazione l’ex ministro della Salute, oggi dep...