Salute 12 Luglio 2018

Disability Pride a Roma, Venuto (Campidoglio): «Così miglioreremo l’accessibilità e staneremo i furbetti dei contrassegni»

«Già avviata la mappatura delle barriere architettoniche della Capitale. In programma progetti scolastici per educare all’inclusione sociale». Andrea Venuto racconta gli impegni dell’amministrazione capitolina per rendere “universalmente accessibile” la città eterna

di Isabella Faggiano
Immagine articolo

«Controlli a tappeto per chi occupa abusivamente i posti auto riservati alle persone disabili o espone un permesso falso o scaduto. Ancora, implementazione dell’assistenza dedicata a chi ha disabilità gravissime, miglioramento dell’accessibilità a tutti i mezzi di trasporto, metro compresa e campagne di sensibilizzazione, a cominciare dalle nuove generazioni». È Andrea Venuto, disability manager del Campidoglio, a descrivere le strategie messe a punto dall’amministrazione comunale affinché Roma possa trasformarsi in una città “universalmente accessibile”.

E proprio mentre la Capitale è a lavoro per diventare un esempio di inclusione sociale per tutto il resto d’Italia, il prossimo 15 luglio le strade del suo centro storico faranno da cornice alla quarta edizione italiana del “Disability Pride” che, per la prima volta, sbarcherà nella città eterna.

LEGGI ANCHE: DISABILITA’, PILATI (CTO ALESINI): «LE BARRIERE ARCHITETTONICHE NEGLI OSPEDALI CREANO UNA FRATTURA NEL RAPPORTO MEDICO-PAZIENTE»

La manifestazione, nata per richiamare l’attenzione di tutti i cittadini e delle istituzioni sulle problematiche del mondo della disabilità, celebra la Convenzione Onu sui Diritti delle Persone con Disabilità che, con i suoi 50 articoli, indica la strada che gli Stati devono percorrere per garantire i diritti di uguaglianza e di inclusione sociale.

Una sfida che per una città come Roma, ricca di reperti antichissimi, diventa ancora più difficoltosa, ma certamente non impossibile. «La Capitale – ha detto Andrea Venuto –  è da sempre stata una città molto difficile dal punto di vista dell’accessibilità per le persone con disabilità. Ma lavorare affinché diventi più praticabile significa regalare un luogo più accessibile a tutti, a prescindere dalla loro condizione fisica».

Andrea Venuto ha ricevuto la delega capitolina alla disabilità dall’attuale sindaco Virginia Raggi nel mese di ottobre dello scorso anno: «È proprio con il primo cittadino della Capitale – ha sottolineato il disability manager – che abbiamo deciso di iniziare la mappatura delle barriere architettoniche della Capitale, così da individuare le zone su cui è necessario intervenire. A breve faremo anche un incontro con l’amministratore delegato di Atac, Paolo Simioni, per discutere dell’annosa problematica dell’accessibilità alle metro. Roma ha avuto occasione di spendere molti soldi durante il Giubileo, ma queste cifre non sono mai state impiegate per rendere accessibili le fermate della metropolitana».

I progetti del Campidoglio non riguardano solo gli adeguamenti strutturali ed architettonici, ma anche l’inasprimento delle sanzioni per tutti coloro che, non rispettando le regole, penalizzano le persone con disabilità. «Una task force – ha aggiunto Venuto – è stata già incaricata di intensificare i controlli delle auto impropriamente parcheggiate nei posti riservati ai disabili o che intralciano le rampe di accesso o di attraversamento».

Ma la vera novità arriverà tra breve: «Stiamo per acquistare dei lettori elettronici in grado di valutare la validità dei contrassegni per la sosta-auto dei disabili. I contrassegni, quei cartoncini blu che tutti conosciamo – ha specificato il disability manager – da tre anni sono dotati di un chip. La polizia municipale, grazie a questi lettori elettronici, potrà verificare la presenza e l’autenticità del chip, constatando se i contrassegni sono ancora in corso di validità e, soprattutto, se sono autentici. In giro, purtroppo – ha aggiunto Venuto – si vedono molto fotocopie esposte sulle automobili. Roma, infatti, perde più di mezzo milione ogni anno per il mancato pagamento della sosta sulle strisce blu. Parcheggio che per chi ha il contrassegno di invalidità è, appunto, gratuito».

Anche l’assistenza alla persona sarà implementata: «Ci stiamo muovendo per fornire un maggiore supporto alle persone con disabilità gravissima». Più attenzione anche all’educazione: «Il cambiamento – ha detto Andrea Venuto –  deve essere anche culturale, iniziando dalle nuove generazioni. Abbiamo intenzione di promuovere degli incontri nelle scuole per diffondere tra i giovani le storie positive che molte persone disabili possono raccontare. Ovviamente – ha concluso il delegato capitolino alla disabilità – per portare a termine tutti questi progetti un solo mandato non basta. Ci vorrebbero molti più anni, ma da qualche parte bisogna pur cominciare. E noi lo abbiamo fatto».

LEGGI ANCHE: DISABILITA’, 2/3 DEGLI OSPEDALI ITALIANI NON SONO ACCESSIBILI: PUNTARE SU FORMAZIONE ECM

 

SEGUICI ANCHE SU FACEBOOK <— CLICCA QUI

 

Articoli correlati
LA STORIA | «Ho perso la vista a venti anni e ho deciso di diventare psicologa. Ora la mia forza è al servizio degli altri»
Katia Caravello: «Essere una psicologa con disabilità è un’arma a doppio taglio. È un valore aggiunto che ti consente di comprendere meglio l’altro, il suo vissuto e le sue sofferenze. Ma la disabilità altrui può riattivare nel terapeuta ferite ancora aperte»
di Isabella Faggiano
Fondazione TIM: con “TIMPEOPLE for Good” dona 200 mila euro a sostegno dei migliori progetti per il sociale
È BOT-TOM il vincitore dell’edizione 2019 di TIMPEOPLE for Good, l’iniziativa di Fondazione TIM finalizzata a dare spazio all’impegno delle persone del Gruppo TIM nel campo del sociale e alle loro esperienze di solidarietà. Il premio del valore di 100 mila euro, è stato consegnato a Roma dal Presidente TIM Fulvio Conti. Il progetto, nato […]
Disabilità, parla il sottosegretario Zoccano: «Investire sulle abilità residue. Risorse ci sono, vanno ottimizzate»
Allo studio una collaborazione con l’Ordine degli psicologi per applicare il Sistema internazionale di classificazione della disabilità ICF: «È importante per dare dignità lavorativa e formativa alla persona. Al MEF chiedo sensibilità e collaborazione su tutta la filiera della non autosufficienza»
Giornata Mondiale Sclerosi Multipla. Eleonora racconta la sua voglia di vivere: «Io non sono la mia patologia»
Per l’edizione 2019, che quest’anno si celebra il 30 maggio in 70 paesi del mondo, lanciata la campagna #MyInvisibileMS per sensibilizzare sull’ invisibilità dei sintomi. Questa malattia è la prima causa di disabilità nei giovani dopo gli incidenti stradali: colpisce una persona ogni 3 ore
di Isabella Faggiano
Giornata malato oncologico, De Lorenzo (FAVO): «Spesa aggiuntiva per le famiglie di 40mila euro l’anno, cresce il disagio»
È quanto risulta dall’11esimo Rapporto della FAVO sulla condizione assistenziale dei malati oncologici presentato oggi in Senato. «Fino a 400-450 euro all'anno sono spesi in farmaci non coperti dal SSN» dichiara il presidente Francesco De Lorenzo ai nostri microfoni
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Il medico di famiglia che paga di tasca propria lo psicologo per i suoi pazienti: la storia di Antonio Antonaci

A Galatina i “precursori” del decreto Calabria. La psicologa: «La compresenza di queste due figure professionali all’interno dello studio di medicina generale limita l’assunzione di farmaci e...
di Isabella Faggiano
Lavoro

Riposo dopo la reperibilità, Spedicato (Fems): «In altri Paesi europei sempre garantito recupero di 24-48 ore»

La delegata della Federazione europea dei medici salariati illustra il funzionamento dell’istituto della reperibilità nel resto d’Europa: in Slovenia c’è una soglia limite oltre la quale diven...
di Giovanni Cedrone e Giulia Cavalcanti
Lavoro

Pronta reperibilità, ecco perché il nuovo contratto dei medici potrebbe violare la direttiva europea sulle 11 ore di riposo

L’ipotesi di CCNL dei medici, all’articolo 27, sembra derogare dalla direttiva Ue 88 del 2003 che sancisce le 11 ore di riposo consecutive. Sindacati sul piede di guerra. I casi di Francia, Spagna...
di Cesare Buquicchio e Giovanni Cedrone