Salute 12 Luglio 2018 11:39

Disability Pride a Roma, Venuto (Campidoglio): «Così miglioreremo l’accessibilità e staneremo i furbetti dei contrassegni»

«Già avviata la mappatura delle barriere architettoniche della Capitale. In programma progetti scolastici per educare all’inclusione sociale». Andrea Venuto racconta gli impegni dell’amministrazione capitolina per rendere “universalmente accessibile” la città eterna

di Isabella Faggiano
Disability Pride a Roma, Venuto (Campidoglio): «Così miglioreremo l’accessibilità e staneremo i furbetti dei contrassegni»

«Controlli a tappeto per chi occupa abusivamente i posti auto riservati alle persone disabili o espone un permesso falso o scaduto. Ancora, implementazione dell’assistenza dedicata a chi ha disabilità gravissime, miglioramento dell’accessibilità a tutti i mezzi di trasporto, metro compresa e campagne di sensibilizzazione, a cominciare dalle nuove generazioni». È Andrea Venuto, disability manager del Campidoglio, a descrivere le strategie messe a punto dall’amministrazione comunale affinché Roma possa trasformarsi in una città “universalmente accessibile”.

E proprio mentre la Capitale è a lavoro per diventare un esempio di inclusione sociale per tutto il resto d’Italia, il prossimo 15 luglio le strade del suo centro storico faranno da cornice alla quarta edizione italiana del “Disability Pride” che, per la prima volta, sbarcherà nella città eterna.

LEGGI ANCHE: DISABILITA’, PILATI (CTO ALESINI): «LE BARRIERE ARCHITETTONICHE NEGLI OSPEDALI CREANO UNA FRATTURA NEL RAPPORTO MEDICO-PAZIENTE»

La manifestazione, nata per richiamare l’attenzione di tutti i cittadini e delle istituzioni sulle problematiche del mondo della disabilità, celebra la Convenzione Onu sui Diritti delle Persone con Disabilità che, con i suoi 50 articoli, indica la strada che gli Stati devono percorrere per garantire i diritti di uguaglianza e di inclusione sociale.

Una sfida che per una città come Roma, ricca di reperti antichissimi, diventa ancora più difficoltosa, ma certamente non impossibile. «La Capitale – ha detto Andrea Venuto –  è da sempre stata una città molto difficile dal punto di vista dell’accessibilità per le persone con disabilità. Ma lavorare affinché diventi più praticabile significa regalare un luogo più accessibile a tutti, a prescindere dalla loro condizione fisica».

Andrea Venuto ha ricevuto la delega capitolina alla disabilità dall’attuale sindaco Virginia Raggi nel mese di ottobre dello scorso anno: «È proprio con il primo cittadino della Capitale – ha sottolineato il disability manager – che abbiamo deciso di iniziare la mappatura delle barriere architettoniche della Capitale, così da individuare le zone su cui è necessario intervenire. A breve faremo anche un incontro con l’amministratore delegato di Atac, Paolo Simioni, per discutere dell’annosa problematica dell’accessibilità alle metro. Roma ha avuto occasione di spendere molti soldi durante il Giubileo, ma queste cifre non sono mai state impiegate per rendere accessibili le fermate della metropolitana».

I progetti del Campidoglio non riguardano solo gli adeguamenti strutturali ed architettonici, ma anche l’inasprimento delle sanzioni per tutti coloro che, non rispettando le regole, penalizzano le persone con disabilità. «Una task force – ha aggiunto Venuto – è stata già incaricata di intensificare i controlli delle auto impropriamente parcheggiate nei posti riservati ai disabili o che intralciano le rampe di accesso o di attraversamento».

Ma la vera novità arriverà tra breve: «Stiamo per acquistare dei lettori elettronici in grado di valutare la validità dei contrassegni per la sosta-auto dei disabili. I contrassegni, quei cartoncini blu che tutti conosciamo – ha specificato il disability manager – da tre anni sono dotati di un chip. La polizia municipale, grazie a questi lettori elettronici, potrà verificare la presenza e l’autenticità del chip, constatando se i contrassegni sono ancora in corso di validità e, soprattutto, se sono autentici. In giro, purtroppo – ha aggiunto Venuto – si vedono molto fotocopie esposte sulle automobili. Roma, infatti, perde più di mezzo milione ogni anno per il mancato pagamento della sosta sulle strisce blu. Parcheggio che per chi ha il contrassegno di invalidità è, appunto, gratuito».

Anche l’assistenza alla persona sarà implementata: «Ci stiamo muovendo per fornire un maggiore supporto alle persone con disabilità gravissima». Più attenzione anche all’educazione: «Il cambiamento – ha detto Andrea Venuto –  deve essere anche culturale, iniziando dalle nuove generazioni. Abbiamo intenzione di promuovere degli incontri nelle scuole per diffondere tra i giovani le storie positive che molte persone disabili possono raccontare. Ovviamente – ha concluso il delegato capitolino alla disabilità – per portare a termine tutti questi progetti un solo mandato non basta. Ci vorrebbero molti più anni, ma da qualche parte bisogna pur cominciare. E noi lo abbiamo fatto».

LEGGI ANCHE: DISABILITA’, 2/3 DEGLI OSPEDALI ITALIANI NON SONO ACCESSIBILI: PUNTARE SU FORMAZIONE ECM

 

SEGUICI ANCHE SU FACEBOOK <— CLICCA QUI

 

Articoli correlati
Trial clinici, la storia di Daniele: paure e speranze di chi mette la propria vita nelle mani della ricerca
Daniele ha 14 anni. Ha ricevuto la diagnosi definitiva di distrofia muscolare di Duchenne quando ne aveva soltanto uno. Ha dovuto compierne dieci per avere la possibilità di partecipare ad un trial clinico. A Sanità Informazione, il racconto di papà Fabio: «Un trial non è la soluzione, ma un’opportunità a cui non ci si può sottrarre»
di Isabella Faggiano
Educatori professionali, Titta (CdA Roma): «Puntare su assistenza domiciliare per rilanciare servizi. Stop a Ddl che ‘sdoppia’ la professione»
Il Presidente della Commissione d’Albo degli Educatori professionali di Roma e membro del Consiglio direttivo Anep spiega: «Gli iscritti chiedono più assunzioni nel settore pubblico». Poi chiede di «creare in ogni quartiere organizzazioni sociosanitarie integrate»
Un giro d’Italia a nuoto, l’impresa di Salvatore Cimmino per accendere un faro sulla disabilità
L’atleta del Circolo Canottieri Roma, senza una gamba dall’età di 15 anni, percorrerà quasi 300 chilometri da Ventimiglia a Trieste in 14 tappe. «Le persone con disabilità e le loro famiglie sono sempre più invisibili. La politica ha deciso che non è conveniente vedere la loro realtà»
Disability manager, il professionista per l’inclusione dei lavoratori disabili e malati cronici
Leonardi (neurologa): «Finora sono pochissime le amministrazioni pubbliche ad aver individuato la figura del disability manager. La Lombardia è l’unica regione a riconoscere il percorso di studi universitario come abilitante. La pandemia porterà ad un ulteriore aumento dei malati cronici.  Attendiamo l’albo professionale».
di Isabella Faggiano
Il teatro salva Covid: gli attori disabili de Il Veliero di Monza in strada per vincere l’isolamento
Il regista Roveris, da 20 anni alla guida del progetto: «Da marzo abbiamo inventato degli esercizi di vita e raccontato la quotidianità da lockdown in una serie di video. Per Natale grande festa via Zoom»
di Federica Bosco
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 24 febbraio, sono 112.116.627 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 2.485.601 i decessi. Ad oggi, oltre 212,15 milioni di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata da...
Cause

Dermatologa condannata a pagare 90mila euro, l’assicurazione le nega la copertura: «Colleghi, attenzione alla clausola claims made»

In Italia succede che un medico possa pagare per anni un’assicurazione che poi, nel momento in cui riceve una richiesta risarcitoria, non vale più. Una stortura che potrebbe essere risolta con un d...
Cause

Perde causa contro due medici, Tribunale chiede 140mila euro di spese legali

La vicenda di una dottoressa che ha fatto causa a due colleghi perché convinta delle loro responsabilità nella morte del padre. «L'esborso mi ha messo in difficoltà ma ho proseguito in appello per...