Salute 1 Agosto 2018

Disabilità, parla il Ministro Fontana: «Redigeremo Codice. Borse di studio e pensione anticipata per caregiver»

Tra gli obiettivi quello di potenziare e rendere più fruibile l’assistenza sanitaria domiciliare, favorire l’inclusione scolastica e universitaria. «Il governo deve avere al centro queste persone perché penso che essere loro vicini sia un segno di civiltà», afferma il titolare della Famiglia

Immagine articolo

Un Codice della disabilità per riordinare la materia. È l’idea che il Ministro della Famiglia Lorenzo Fontana ha illustrato alla Commissione Affari Sociali della Camera durante l’esposizione delle linee programmatiche. Il Ministro della Lega, oltre ad aver ribadito il suo no alla pratica dell’utero in affitto, ha sottolineato come «l’attuale sistema del welfare familiare non tuteli le esigenze delle famiglie e vada quindi riformato». Ma è sulla disabilità che si concentrano le prossime iniziative. A partire proprio da un disegno di legge delega del Governo avente l’obiettivo di riordinare tutta la disciplina inerente ai temi della disabilità nelle loro diverse articolazioni.

Il fine è quello di redigere uno specifico Codice per potenziare e rendere più fruibile l’assistenza sanitaria domiciliare, favorire l’inclusione scolastica e universitaria delle persone disabili, garantire anche un adeguato supporto psicologico alle persone disabili e ai loro familiari, assicurare un maggiore raccordo tra i diversi enti pubblici nel progetto di presa in carico della persona disabile, quali le Asl, i Comuni, le Regioni e l’Amministrazione centrale. Tra i punti anche l’introduzione della figura dello studente caregiver familiare, cui riconoscere, nell’ambito dei percorsi scolastici e universitari, specifici crediti formativi connessi all’attività di assistenza familiare. «A mio modo di vedere – spiega Fontana a Sanità Informazione – il governo deve avere al centro queste persone perché penso che essere loro vicini sia un segno di civiltà. È una cosa che non è di destra né di sinistra, ho chiesto aiuto anche ai colleghi del Pd. Tutti hanno dato disponibilità ad aiutarmi per rendere la vita migliore a queste persone».

Ministro, il tema della disabilità è un tema su cui il governo punta molto. Quale sarà uno dei primi provvedimenti in materia?

«Adesso ci stiamo occupando in particolar modo della questione dei caregiver perché abbiamo questa dotazione ma bisogna cercare di capire in che maniera utilizzare i fondi che ci sono in questo momento. Ovviamente l’obiettivo sarà quello di aumentarli. Abbiamo diverse questioni in ballo, una di queste potrebbe essere la creazione di borse di studio per le persone che hanno un caregiver familiare. Poi vorremmo vedere di fare in modo che ci sia una diminuzione dell’età pensionabile per le persone che hanno questa situazione. Ci sono anche altre cose abbastanza semplici che spero di fare nel breve periodo: una è il riconoscimento della lingua dei segni, aiutare le persone con questo tipo di disabilità ad avere maggiori informazioni, maggiore accessibilità in particolar modo ai programmi televisivi che ancora non riescono a seguire. E un’altra cosa sulla quale voglio intervenire in via rapida, mi sto già organizzando per una conferenza con i rettori universitari, è quello di permettere ai ragazzi che vogliono frequentare un corso di studio ma che per ovvi motivi non possono spostarsi per andare all’università, di frequentarli attraverso dei corsi online e avere la possibilità (che a volte in alcune università non c’è) di poter sostenere gli esami. C’è anche la questione degli ausili sportivi che stiamo pertanto avanti insieme all’onorevole Versace».

LEGGI ANCHE: DISABILITA’, PILATI (CTO ALESINI):«LE BARRIERE ARCHITETTONICHE NEGLI OSPEDALI CREANO UNA FRATTURA NEL RAPPORTO MEDICO-PAZIENTE »

Nell’audizione in Commissione lei ha parlato anche di una carta dei servizi…

«Su quello ovviamente dovremo lavorare perché a mio modo di vedere quella sarà fatta nell’ambito di una legge delega che vogliamo fare dopo la manovra finanziaria per organizzare tutto il comparto. Essendo un ministero nuovo che prende alla fine delle competenze che sono di vari ministeri io vorrei innanzitutto con questa legge delega che ci sia una definizione di non autosufficienti che sia generale e che possa rimettere un po’ di ordine e da lì fare tutta una serie di normative che possano essere coerenti sia dal punto di vista fiscale che di quello normativo con una nuova visione che metta al centro prima di tutto la persona disabile e non, come succedeva prima, che era solo un comparto all’interno di un ministero, comparto di un progetto».

Su questi temi può esserci un consenso bipartisan?

«Il mio obiettivo è di fare in modo che tutti abbiano questa sensibilità, una cosa che non arriva dall’oggi al domani. A mio modo di vedere il governo deve avere al centro queste persone perché penso che essere loro vicini sia un segno di civiltà. È una cosa che non è di destra né di sinistra, ho chiesto aiuto anche ai colleghi del Pd. Tutti hanno dato disponibilità ad aiutarmi per rendere la vita migliore a queste persone».

 

SEGUICI ANCHE SU FACEBOOK <— CLICCA QUI

 

Articoli correlati
Ictus cerebrale, la storia del giornalista Rai Andrea Vianello. «Non riuscivo più a parlare»
«Il 2 febbraio dello scorso anno ho avuto un ictus, ho subito un’operazione d’urgenza, e quando mi sono risvegliato non riuscivo più a parlare. Proprio io, che sapevo solo parlare: non potevo dire nemmeno i nomi dei miei figli». Ha affidato a Twitter il racconto dell’evento drammatico che lo ha colpito il giornalista Rai Andrea […]
Dalla Mesopotamia ad oggi, Gian Antonio Stella racconta “La lunga battaglia dei disabili per cambiare la storia”
Nel suo ultimo libro la firma del Corriere della Sera racconta di errori e orrori, incubi religiosi, pregiudizi. Poi sottolinea: «Presto avremo oltre 6 milioni di non autosufficienti, cosa stiamo facendo per loro?»
Disabilità, D’Arrando (M5S) lancia il ‘budget di salute’: «Così mettiamo la persona al centro di un progetto terapeutico personalizzato»
«L’obiettivo è un utilizzo virtuoso delle risorse economiche, sia pubbliche che private, affinchè la persona venga veramente sostenuta e reintegrata nella comunità», sottolinea la deputata M5S Celeste D’Arrando. Nella legge di Bilancio previsto un piano nazionale per la disabilità di 1,3 miliardi di euro
Cronicità, sette pazienti su dieci bocciano presa in carico e accesso alle cure. Aurilio (PreSa): «Offrire servizi mirati oltre a tutele economiche»
In occasione della consegna dei premi PreSa, presentata l’indagine conoscitiva "I Bisogni dei pazienti cronici”: il 60% promuove informazione e tempo dedicato dal professionista ma boccia la programmazione degli esami. Mennini (CEIS-EEHTA): «Ritardo nella presa in carico fa alzare spesa per sistema sanitario e previdenziale»
Ricerca, pochi fondi ma tante eccellenze. Leonardi (Carlo Besta): «Qui è difficile ma vale la pena restare»
Insignita del premio 100 eccellenze italiane, la ricercatrice Matilde Leonardi racconta la sua esperienza: «Da più di 30 anni mi occupo di ricerca sulla disabilità in Italia e nel mondo»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Ecm

Ecm, Commissione nazionale proroga triennio 2017-2019. Un anno per recuperare i crediti mancanti

FNOMCeO: «Fino al 31 dicembre 2020 si possono acquisire crediti anche per il triennio 2014-2016». Confermato l’obbligo di 150 crediti per il periodo formativo 2020-2022. Roberto Stella: «Dopo pro...
Ecm

Formazione Ecm, si cambia. Un anno per la riforma e la valorizzazione del sistema

La Commissione nazionale per l'Educazione continua in medicina ha istituito un Gruppo di lavoro che riformerà il sistema Ecm. Obiettivi: puntare sulla qualità degli eventi formativi e adeguare la fo...
Lavoro

«Il contratto sia applicato subito con incrementi e arretrati da gennaio 2020». I sindacati della dirigenza sollecitano le aziende

I sindacati che lo scorso 19 dicembre hanno firmato il nuovo contratto hanno sottoscritto una lettera aperta indirizzata agli enti del Servizio sanitario nazionale per chiedere l’immediata applicazi...