Politica 1 Agosto 2018

Disabilità, parla il Ministro Fontana: «Redigeremo Codice. Borse di studio e pensione anticipata per caregiver»

Tra gli obiettivi quello di potenziare e rendere più fruibile l’assistenza sanitaria domiciliare, favorire l’inclusione scolastica e universitaria. «Il governo deve avere al centro queste persone perché penso che essere loro vicini sia un segno di civiltà», afferma il titolare della Famiglia

Immagine articolo

Un Codice della disabilità per riordinare la materia. È l’idea che il Ministro della Famiglia Lorenzo Fontana ha illustrato alla Commissione Affari Sociali della Camera durante l’esposizione delle linee programmatiche. Il Ministro della Lega, oltre ad aver ribadito il suo no alla pratica dell’utero in affitto, ha sottolineato come «l’attuale sistema del welfare familiare non tuteli le esigenze delle famiglie e vada quindi riformato». Ma è sulla disabilità che si concentrano le prossime iniziative. A partire proprio da un disegno di legge delega del Governo avente l’obiettivo di riordinare tutta la disciplina inerente ai temi della disabilità nelle loro diverse articolazioni.

Il fine è quello di redigere uno specifico Codice per potenziare e rendere più fruibile l’assistenza sanitaria domiciliare, favorire l’inclusione scolastica e universitaria delle persone disabili, garantire anche un adeguato supporto psicologico alle persone disabili e ai loro familiari, assicurare un maggiore raccordo tra i diversi enti pubblici nel progetto di presa in carico della persona disabile, quali le Asl, i Comuni, le Regioni e l’Amministrazione centrale. Tra i punti anche l’introduzione della figura dello studente caregiver familiare, cui riconoscere, nell’ambito dei percorsi scolastici e universitari, specifici crediti formativi connessi all’attività di assistenza familiare. «A mio modo di vedere – spiega Fontana a Sanità Informazione – il governo deve avere al centro queste persone perché penso che essere loro vicini sia un segno di civiltà. È una cosa che non è di destra né di sinistra, ho chiesto aiuto anche ai colleghi del Pd. Tutti hanno dato disponibilità ad aiutarmi per rendere la vita migliore a queste persone».

Ministro, il tema della disabilità è un tema su cui il governo punta molto. Quale sarà uno dei primi provvedimenti in materia?

«Adesso ci stiamo occupando in particolar modo della questione dei caregiver perché abbiamo questa dotazione ma bisogna cercare di capire in che maniera utilizzare i fondi che ci sono in questo momento. Ovviamente l’obiettivo sarà quello di aumentarli. Abbiamo diverse questioni in ballo, una di queste potrebbe essere la creazione di borse di studio per le persone che hanno un caregiver familiare. Poi vorremmo vedere di fare in modo che ci sia una diminuzione dell’età pensionabile per le persone che hanno questa situazione. Ci sono anche altre cose abbastanza semplici che spero di fare nel breve periodo: una è il riconoscimento della lingua dei segni, aiutare le persone con questo tipo di disabilità ad avere maggiori informazioni, maggiore accessibilità in particolar modo ai programmi televisivi che ancora non riescono a seguire. E un’altra cosa sulla quale voglio intervenire in via rapida, mi sto già organizzando per una conferenza con i rettori universitari, è quello di permettere ai ragazzi che vogliono frequentare un corso di studio ma che per ovvi motivi non possono spostarsi per andare all’università, di frequentarli attraverso dei corsi online e avere la possibilità (che a volte in alcune università non c’è) di poter sostenere gli esami. C’è anche la questione degli ausili sportivi che stiamo pertanto avanti insieme all’onorevole Versace».

LEGGI ANCHE: DISABILITA’, PILATI (CTO ALESINI):«LE BARRIERE ARCHITETTONICHE NEGLI OSPEDALI CREANO UNA FRATTURA NEL RAPPORTO MEDICO-PAZIENTE »

Nell’audizione in Commissione lei ha parlato anche di una carta dei servizi…

«Su quello ovviamente dovremo lavorare perché a mio modo di vedere quella sarà fatta nell’ambito di una legge delega che vogliamo fare dopo la manovra finanziaria per organizzare tutto il comparto. Essendo un ministero nuovo che prende alla fine delle competenze che sono di vari ministeri io vorrei innanzitutto con questa legge delega che ci sia una definizione di non autosufficienti che sia generale e che possa rimettere un po’ di ordine e da lì fare tutta una serie di normative che possano essere coerenti sia dal punto di vista fiscale che di quello normativo con una nuova visione che metta al centro prima di tutto la persona disabile e non, come succedeva prima, che era solo un comparto all’interno di un ministero, comparto di un progetto».

Su questi temi può esserci un consenso bipartisan?

«Il mio obiettivo è di fare in modo che tutti abbiano questa sensibilità, una cosa che non arriva dall’oggi al domani. A mio modo di vedere il governo deve avere al centro queste persone perché penso che essere loro vicini sia un segno di civiltà. È una cosa che non è di destra né di sinistra, ho chiesto aiuto anche ai colleghi del Pd. Tutti hanno dato disponibilità ad aiutarmi per rendere la vita migliore a queste persone».

 

SEGUICI ANCHE SU FACEBOOK <— CLICCA QUI

 

Articoli correlati
Quando il medico è anche caregiver. Boschero (Cisl Medici): «Le aspettative sono maggiori, rischio burnout»
«I medici genitori di figli disabili o figli di persone anziane con malattie degenerative vengono caricati di responsabilità. I possibili peggioramenti o non miglioramenti del familiare si possono riflettere sulla sua autostima»
di Vanessa Seffer
Terapista occupazionale di comunità. Parone (AITO): «Facilita la vita di tutti i giorni»
Il professionista sanitario: «Il terapista occupazionale di comunità agisce in una prima fase a casa, poi anche a scuola, a lavoro e nell’ambiente sociale, a seconda dell’età del paziente e delle sue abitudini di vita».
di Isabella Faggiano
Caregiver, fase cruciale per Ddl al Senato. Parente (Italia Viva): «Figura va inserita nei servizi sociali. Al lavoro per contributi figurativi»
Il 22 luglio scadono i termini per presentare emendamenti al Ddl 1461 sulla riforma del caregiver. Sull’indennità dibattito aperto ma intanto la senatrice Annamaria Parente annuncia: «Proporrò una indennità come compenso al fatto che con i centri chiusi le famiglie si sono trovate sole e abbandonate durante l’emergenza Covid-19»
Le Supposte Di Carmelo, la prima “Sit down comedy” italiana per raccontare la quarantena di un disabile
Carmelo Comisi a 14 anni è stato vittima di un incidente stradale che gli ha causato una gravissima disabilità. Già ideatore del Disability Pride Italia, durante l’emergenza Covid ha realizzato una web-serie: «I normodotati ci presentano come un caso umano o come un supereroe sportivo. E invece noi non siamo nulla di tutto questo»
di Isabella Faggiano
Inps, presentato Osservatorio per la disabilità psichiatrica e psicosociale
Lo scopo è valutare e monitorare l’impatto che tali patologie generano sul “sistema Paese” e coinvolgere Centri di ricerca universitari, Istituzioni del settore sanitario e sociale e i principali stakeholder nazionali
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 5 agosto, sono 18.543.662 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 700.714 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 5 agosto: nell’ambito del ...
Contributi e Opinioni

«Contro il Covid non fate come noi. Non sta funzionando». La lettera di 25 scienziati e medici svedesi

Un gruppo di 25 scienziati e medici dalla Svezia scrive una lettera su Usa Today al resto del mondo: «La strategia "soft" non funziona, abbiamo perso troppe vite»
di 25 dottori e scienziati svedesi
Lavoro

SIMG, appello ai Ministri Azzolina e Speranza: «Utilizziamo i medici in pensione nelle scuole»

«Una eccezionale risorsa professionale totalmente inutilizzata, professionisti esperti e perfettamente formati con esperienza ultratrentennale, ben aggiornati e spesso in prima linea su Covid-19», s...