Salute 19 Marzo 2019 11:32

Depressione post partum: ne soffrono anche i papà

Lai (psicologo clinico): «Oggi gli uomini si occupano sia dell’accudimento pratico, che di quello emotivo dei propri figli. Tanto da avere un ruolo intercambiabile con le donne, nel bene e nel male»

di Isabella Faggiano
Depressione post partum: ne soffrono anche i papà

Pannolini, poppate, ninna nanna, bagnetto. Così i papà moderni si prendono cura dei loro piccoli esattamente come farebbe la più premurosa delle mamme. Cosi bravi a vestire i panni delle donne da rischiare addirittura di pagarne la peggiore delle conseguenze: sprofondare in una depressione post partum.

«Tra le principali cause scatenanti ci sarebbe proprio la forte empatia che il padre moderno crea con il neonato e la sua mamma», dice Carlo Lai, professore associato di Psicologia Clinica all’università Sapienza di Roma, membro del network di Psicologia Perinatale dell’Ordine degli Psicologi del Lazio che, in occasione della festa del Papà traccia un identikit dei padri contemporanei, ai microfoni di Sanità Informazione.

«Oggi gli uomini si occupano sia dell’accudimento pratico, che di quello emotivo dei propri figli. Tanto da avere un ruolo intercambiabile con quello delle donne, nel bene e nel male – continua il professore Lai -. Recenti ricerche scientifiche, infatti, dimostrano chiaramente che la depressione post partum, tipicamente femminile, può manifestarsi anche nei papà».

Uno dei più recenti studi condotti sull’argomento ha misurato l’umore e gli eventuali livelli di depressione di 622 uomini durante il terzo trimestre di gravidanza della loro partner e a 2 e 6 mesi dopo il parto. L’analisi ha mostrato l’importanza di effettuare screening precoci, mettendo in atto strategie di prevenzione, per tutti quei padri che già durante il periodo della gestazione risultano a rischio di depressione post partum.

La patologia è la stessa, ma le cause sono differenti: «Se nella donna la depressione post partum, oltre ad avere un riferimento psicologico, può avere un ancoraggio ormonale, per tutta una serie di cambiamenti che quel periodo di vita comporta, nel papà questi fattori biologici sono sicuramente meno evidenti. La loro depressione è legata soprattutto ad aspetti psicologici ed ambientali, compresa la troppa empatia». Tra le principali cause scatenanti evidenziate dalla ricerca: l’età avanzata, la scarsa qualità del sonno, il peggioramento della relazione di coppie e lo stress legato a problemi economici.

La prevalenza dei sintomi depressivi nei padri è risultata del 13,76% a 2 mesi e del 13,6% a 6 mesi dopo il parto. Gli uomini che erano depressi durante la gravidanza della loro partner avevano 7 volte più probabilità di essere depressi a 2 mesi dopo il parto.

«Naturalmente – spiega il professore di Psicologia Clinica – le percentuali di incidenza della depressione post partum maschile non sono paragonabili a quelle tra le neomamme e le forme sono di gravità minore. Ma rappresentano sicuramente un aspetto importante che ci obbliga a confrontarci con questa nuova dimensione».

Fortunatamente la medaglia della paternità moderna ha anche la sua faccia positiva: «Occuparsi dell’emotività dei propri figli è sicuramente una grande responsabilità per i papà dei giorni nostri – sottolinea Lai -, ma per un uomo si traduce anche nella possibilità di provare emozioni e piaceri finora riservati solo alle mamme. Un cambiamento così evidente che ha reso necessario anche un adeguamento normativo: la legge italiana oggi consente ai papà di richiedere il congedo di paternità».

E dedicare più tempo ai propri figli significa anche sostenere la loro crescita: «Trascorrere molte più ore della giornata con il proprio padre e, soprattutto, condividere una relazione più intima – spiega il professore – migliorerà lo sviluppo psichico del bambino in tutte le sue fasi. Un sostegno che, nella vita di tutti i giorni, si tradurrà nella possibilità di avere a disposizione maggiori strumenti e competenze per instaurare relazioni più mature con tutte le altre figure maschili che si incontreranno nel corso dell’esistenza».

Articoli correlati
“Alliance for woman’s Health”: per la cura della donna non solo farmaci
Per la prima volta gli esperti mondiali sulla ricerca dell’inositolo (EGOI) partecipano al congresso congiunto della Società Italiana di Fitoterapia e Integratori Ostetricia e Ginecologia (SIFIOG) e l’International Society of Dietary Supplements and Phytotherapy (ISDSP). Molte patologie ostetrico-ginecologiche richiedono, ormai, un approccio integrato
Depressione e malattie organiche, il legame killer che abbassa l’aspettativa di vita
Numerosi studi internazionali dimostrano un aumento della mortalità legata a patologie non trasmissibili nei soggetti affetti da disturbo depressivo
Vincere la depressione? Oggi si può con uno spray nasale
L’Esketamina è un farmaco realizzato da Janssen. Presentato ieri a Milano è stato approvato da AIFA dopo essere stato testato da vari Istituti con ottimi risultati. Maina (Uni Torino) «Prodotto innovativo per il disturbo depressivo maggiore efficace nel 70% dei casi con una riduzione dei sintomi già dopo 24 ore dalla prima somministrazione»
Voglie e nausee in gravidanza? «La risposta non è negli ormoni ma nella psiche»
Colacurci (SIGO – Università Vanvitelli): «Per gestire al meglio questi disturbi puntare su maggior accudimento della gravida e supporto emotivo/psicologico, soprattutto nel post parto»
Lo smog provoca danni non solo ai polmoni e al cuore, anche al cervello
Lo studio DeprAir coordinato da Michele Carugno ha evidenziato come la qualità dell’aria possa influenzare negativamente la salute mentale fino a comportare cambiamenti biologici nell’organismo tale da aumentare la vulnerabilità e sviluppare sintomi depressivi
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 24 giugno, sono 542.130.868 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.326.038 i decessi. Ad oggi, oltre 11,63 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi della variante Omicron BA.5 e quanto durano?

La variante Omicron BA.5 tende a colpire le vie aeree superiori, causando sintomi lievi, come naso che cola e febbre. I primi dati indicano che i sintomi durano in media 4 giorni
Covid-19, che fare se...?

Il vaccino può causare il Long Covid?

Uno studio americano ha segnalato una serie di sintomi legati alla vaccinazione anti-Covid. Ma per gli esperti non si tratta di Long Covid, ma solo di normali effetti collaterali