Salute 7 Giugno 2021 14:58

Dall’Università Statale di Milano e VisMederi Research in arrivo LeCoVax2, il nuovo vaccino anti-Covid

Zuccotti (prorettore) «Veicolato dalla Leishmania Tarantolae, si conserva a temperatura ambiente, sarà somministrato per via orale e colpirà solo le cellule coinvolte nella risposta immunitaria»

di Federica Bosco

Si chiama LeCoVax2 ed è il nuovo vaccino contro il Covid-19 sviluppato nei laboratori dell’Università Statale di Milano con un lavoro di ricerca coordinato dal prorettore Gian Vincenzo Zuccotti che ai microfoni di Sanità Informazione ha spiegato l’unicità di questa piattaforma vaccinale.

«La proteina spike, che è la parte antigenica del coronavirus e va ad indurre la protezione nei confronti di questa infezione, viene veicolata dalla Leishmania Tarantolae che è un microrganismo non patogeno per l’uomo, che non ha nulla a che vedere con la leishmaniosi nei cani, somministrabile in forma inattivata. Questa micro-fabbrica di proteine, a differenza degli altri vaccini che vanno a colpire un pochino tutte le cellule, è molto selettiva ed entra soltanto nelle cellule che sono coinvolte nella risposta immunitaria. In pratica va nelle cellule espone l’antigene e favorisce l’anticorpale e poi dovrebbe conferire risposta immunologica».

Vaccino monodose da somministrare per via orale

Caratteristiche innovative differenziano infatti LeCoVax 2 da Pfizer o AstraZeneca per il meccanismo d’azione, ma anche per la modalità di somministrazione. I vaccini anti-Covid attualmente in circolazione si basano essenzialmente su due tipologie di piattaforme: mRNA somministrati all’interno di piccole particelle lipidiche o virus modificati, incapaci di replicare e di determinare infezioni, contenenti frammenti genici del virus Sars-CoV.2. In entrambi i casi la produzione delle proteine del virus, i cosiddetti antigeni che scatenano la risposta immunitaria, avviene all’interno delle cellule dei soggetti vaccinati. Al contrario LeCoVax2 è un microrganismo unicellulare modificato che produce e trasporta le proteine virali che stimola la produzione di anticorpi nel soggetto vaccinato. Può essere sviluppato in preparati liofilizzati reidratabili, quindi agevole da conservare e distribuire.

«In questa ultima fase dello studio, che partirà la prossima settimana e si completerà in un mese e mezzo, capiremo se una singola dose sarà sufficiente per fornire una copertura anticorpale e la persistenza nel tempo – ammette Zuccotti -. Non si tratta di un vaccino a vettore virale o a mRNA, e ha caratteristiche che lo rendono facilmente riproducibile: si conserva a temperatura ambiente e dovrebbe essere efficace per via orale o rettale. Stiamo studiando ora la modalità di somministrazione perché, se così fosse, sarebbe utile anche nei paesi del Terzo Mondo e per le fasi future della pandemia».

In commercio tra un anno senza effetti collaterali

Lo sviluppo di LeCoVax2 reso possibile grazie al finanziamento della Fondazione Romeo ed Enrica Invernizzi e con il supporto dell’Università Statale di Milano e dell’istituto di ricerca VisMederi, punta a realizzare un vaccino in grado di ridurre al minimo anche gli effetti collaterali, come conferma lo stesso professor Zuccotti.

«Si tratta di un prodotto estremamente purificato in cui sono stati eliminati tutti quegli antigeni che potrebbero dare effetti collaterali e nessun beneficio per la risposta immunitaria – spiega il prorettore dell’Università Statale di Milano -, quindi confidiamo che anche tutte quelle persone che oggi fanno fatica ad accettare vaccini veicolati da virus a RNA o DNA potranno avvicinarsi con maggiore tranquillità e serenità, in modo da poter raggiungere finalmente l’immunità di gregge. L’obiettivo è poter disporre di questo vaccino nella primavera del 2022».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Dalle acque reflue le informazioni per conoscere in anticipo l’andamento del Covid
Binda (Università degli Studi di Milano): «Epidemiologia delle acque reflue utile per riconoscere focolai, individuare nuove varianti e prevenire la crescita dei contagi»
di Federica Bosco
Il Green pass durerà 9 mesi per i vaccinati. Ma come si ottiene e dove si usa?
Nove mesi per i vaccinati, sei per i guariti e 48 ore per i tamponi: in Italia è in vigore il Green pass. Non solo per spostarsi nelle Regioni rosse e arancioni, ma anche per matrimoni, concerti e visite in Rsa
Reithera: la Corte dei Conti blocca i fondi per il vaccino italiano. Figliuolo: «A giugno avremo CureVac»
Con il mancato via libera da parte della Corte dei Conti, il vaccino made in Italy resta senza fondi per la fase 3 e rischia di non vedere mai la luce
Covid-19, Guido Rasi: «Vaccino a guariti andrebbe posticipato, ma non c’è tempo per ripianificare campagna»
Numerosi studi dimostrano che la durata della risposta immunitaria contro il Sars-Cov-2 nei guariti è di lunga durata. Perché non posticipare i vaccini ai guariti per dare precedenza a chi non ha avuto l'infezione? Il commento di Guido Rasi, ex Direttore Esecutivo dell’EMA e Direttore Scientifico Consulcesi
Vaccino pazienti oncologici, Cisl medici appoggia Foce: «Seconda  dose  entro  tre  settimane»
Il sindacato e la società scientifica chiedono il rispetto dei 21 giorni per la seconda dose del vaccino anti-Covid a mRNA nei pazienti oncologici
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 23 giugno, sono 179.164.193 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 3.882.531 i decessi. Ad oggi, oltre 2,68 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Cause

Medico condannato a pagare 25mila euro di provvisionale. L’Azienda lo lascia solo

Dopo una condanna in sede penale di primo grado, un camice bianco ha chiesto sostegno alla direzione sanitaria, che gliel’ha negato: «Quel che è successo a me potrebbe succedere a t...
Ecm

Professionisti non in regola con gli ECM, Monaco (FNOMCeO): «Ordini dovranno applicare la legge»

Il segretario della Federazione degli Ordini dei Medici ricorda scadenze e adempimenti per non incappare in spiacevoli conseguenze. Poi guarda al futuro del sistema ECM