Salute 7 Giugno 2021 14:58

Dall’Università Statale di Milano e VisMederi Research in arrivo LeCoVax2, il nuovo vaccino anti-Covid

Zuccotti (prorettore) «Veicolato dalla Leishmania Tarantolae, si conserva a temperatura ambiente, sarà somministrato per via orale e colpirà solo le cellule coinvolte nella risposta immunitaria»

di Federica Bosco

Si chiama LeCoVax2 ed è il nuovo vaccino contro il Covid-19 sviluppato nei laboratori dell’Università Statale di Milano con un lavoro di ricerca coordinato dal prorettore Gian Vincenzo Zuccotti che ai microfoni di Sanità Informazione ha spiegato l’unicità di questa piattaforma vaccinale.

«La proteina spike, che è la parte antigenica del coronavirus e va ad indurre la protezione nei confronti di questa infezione, viene veicolata dalla Leishmania Tarantolae che è un microrganismo non patogeno per l’uomo, che non ha nulla a che vedere con la leishmaniosi nei cani, somministrabile in forma inattivata. Questa micro-fabbrica di proteine, a differenza degli altri vaccini che vanno a colpire un pochino tutte le cellule, è molto selettiva ed entra soltanto nelle cellule che sono coinvolte nella risposta immunitaria. In pratica va nelle cellule espone l’antigene e favorisce l’anticorpale e poi dovrebbe conferire risposta immunologica».

Vaccino monodose da somministrare per via orale

Caratteristiche innovative differenziano infatti LeCoVax 2 da Pfizer o AstraZeneca per il meccanismo d’azione, ma anche per la modalità di somministrazione. I vaccini anti-Covid attualmente in circolazione si basano essenzialmente su due tipologie di piattaforme: mRNA somministrati all’interno di piccole particelle lipidiche o virus modificati, incapaci di replicare e di determinare infezioni, contenenti frammenti genici del virus Sars-CoV.2. In entrambi i casi la produzione delle proteine del virus, i cosiddetti antigeni che scatenano la risposta immunitaria, avviene all’interno delle cellule dei soggetti vaccinati. Al contrario LeCoVax2 è un microrganismo unicellulare modificato che produce e trasporta le proteine virali che stimola la produzione di anticorpi nel soggetto vaccinato. Può essere sviluppato in preparati liofilizzati reidratabili, quindi agevole da conservare e distribuire.

«In questa ultima fase dello studio, che partirà la prossima settimana e si completerà in un mese e mezzo, capiremo se una singola dose sarà sufficiente per fornire una copertura anticorpale e la persistenza nel tempo – ammette Zuccotti -. Non si tratta di un vaccino a vettore virale o a mRNA, e ha caratteristiche che lo rendono facilmente riproducibile: si conserva a temperatura ambiente e dovrebbe essere efficace per via orale o rettale. Stiamo studiando ora la modalità di somministrazione perché, se così fosse, sarebbe utile anche nei paesi del Terzo Mondo e per le fasi future della pandemia».

In commercio tra un anno senza effetti collaterali

Lo sviluppo di LeCoVax2 reso possibile grazie al finanziamento della Fondazione Romeo ed Enrica Invernizzi e con il supporto dell’Università Statale di Milano e dell’istituto di ricerca VisMederi, punta a realizzare un vaccino in grado di ridurre al minimo anche gli effetti collaterali, come conferma lo stesso professor Zuccotti.

«Si tratta di un prodotto estremamente purificato in cui sono stati eliminati tutti quegli antigeni che potrebbero dare effetti collaterali e nessun beneficio per la risposta immunitaria – spiega il prorettore dell’Università Statale di Milano -, quindi confidiamo che anche tutte quelle persone che oggi fanno fatica ad accettare vaccini veicolati da virus a RNA o DNA potranno avvicinarsi con maggiore tranquillità e serenità, in modo da poter raggiungere finalmente l’immunità di gregge. L’obiettivo è poter disporre di questo vaccino nella primavera del 2022».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Vaiolo delle scimmie, casi in aumento nel mondo. Si ipotizzano ipermutazioni più contagiose
I casi di vaiolo delle scimmie nel mondo sono in aumento. Si ipotizzano ipermutazioni che possono aver reso il virus più contagioso. I paesi europei iniziano a difendersi
Vaiolo delle scimmie, cresce allarme in GB. L’ECDC teme l’endemia
Triplicano i casi di vaiolo delle scimmie nel Regno Unito. Mentre l'ECDC teme che possibili contagi in animali possano far diventare il virus endemico
Vaiolo delle scimmie, perché colpisce di più gli uomini omosessuali e bisessuali?
Gli uomini giovani che hanno rapporti sessuali con altri uomini potrebbero essere più a rischio perché il vaiolo delle scimmie si trasmette più facilmente tramite i rapporti anali
Vaiolo delle scimmie, primo caso in Italia. L’Iss istituisce una task force
In Italia è stato registrato il primo caso di vaiolo delle scimmie. Ci sono altri due casi sospetti. L'Iss ha istituito un nuova task force
Epatiti misteriose nei bambini, smentito legame con vaccino anti-Covid
L'Iss smentisce l'ipotesi di un legame tra le epatiti misteriose nei bambini e il vaccino anti-Covid
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 26 maggio, sono 527.393.956 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.283.228 i decessi. Ad oggi, oltre 11,48 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Salute

Vaiolo delle scimmie, la “profezia” di Bill Gates e il bioterrorismo

Bill Gates aveva parlato pubblicamente del rischio di future pandemia e di bioterrorismo, facendo riferimento a possibili attacchi con il vaiolo. Spazio per nuove teorie del complotto
Cause

Medici specializzandi, apertura della Cassazione su prescrizione, rivalutazione interessi e borse di studio

Due ordinanze della Cassazione riaprono la vertenza, con udienza pubblica. L’avvocato Tortorella: «La giurisprudenza può rivedere le sue posizioni in senso più favorevole ai ...