Salute 3 Agosto 2020

Da Roma l’algoritmo che prevede i nuovi focolai di Covid, prima era usato per individuare serial killer

Usato per scoprire l’abitazione dei criminali seriali in base ai loro omicidi, questo algoritmo potrebbe prevedere i nuovi focolai seguendo l’evoluzione geografica del virus

Immagine articolo

Come dare la caccia ai serial killer. Grazie all’intelligenza artificiale, infatti, con un algoritmo è possibile prevedere la diffusione geografica del coronavirus fin dal momento in cui si registrano i primissimi casi, e quindi individuare precocemente i focolai, le zone dove si stanno manifestando casi non ancora identificati e il perimetro di aree da sottoporre a eventuale lockdown per contenere la diffusione. È il risultato dello studio realizzato dai ricercatori del Centro Ricerche Semeion di Roma, in collaborazione con la Fondazione Vsm di Villa Santa Maria di Tavernerio (Como), appena pubblicato su Physica A, rivista specializzata in ricerche nel campo della meccanica statistica applicata al comportamento dei sistemi macroscopici.

Il nuovo algoritmo, sviluppato presso il Centro Ricerche Semeion e denominato Topological Weighted Centroid (TWC) ha, infatti, dimostrato di essere in grado di analizzare i casi di contagio considerando lo spazio nel quale essi si manifestano (latitudine e longitudine) e prevedere, sulla base dei dati a disposizione, la loro evoluzione geografica. L’analisi, che ha considerato esclusivamente 24 centri nei quali si era manifestato almeno un caso di Covid-19 in Italia alla data de 26 febbraio scorso, è stata condotta attraverso un algoritmo che appartiene alla famiglia del Geographic Profiling, metodo nato in ambito forense per individuare l’abitazione dei serial killer a partire dall’analisi dei luoghi nei quali questi avevano aggredito le loro vittime.

LE DIFFERENZE CON LE ANALISI EPIDEMIOLOGICHE

«Le analisi epidemiologiche che utilizzano i modelli matematici Sir per la propagazione di una malattia infettiva in genere non considerano dove si manifestano i casi, ma solo quanti sono e quando emergono. Anche per questa ragione le loro previsioni su Covid-19 si sono dimostrate quasi sempre fallaci», spiega Massimo Buscema, presidente del Centro Semeion e ideatore dell’algoritmo.

«Lo spazio, invece, ha un suo linguaggio che gli epidemiologi non conoscono e che ci fornisce una serie di informazioni utili». Il TWC, che è attualmente in uso presso la University of Colorado a Denver (Dipartimento di Matematica e di Fisica) per analizzare l’evoluzione di Covid-19 negli Stati Uniti e in Brasile, potrebbe quindi aprire nuovi scenari nelle strategie di contrasto e contenimento del coronavirus.

«Negli ultimi mesi è stata prodotta un’enorme quantità di letteratura su Covid-19, con circa 40 mila articoli pubblicati in tutto il mondo», commenta Enzo Grossi, direttore scientifico della Fondazione Vsm di Villa Santa Maria. «Solo una minoranza di questi, però, riguarda la distribuzione geografica-spaziale dell’infezione, e quasi tutti provengono dalla Cina. Il razionale di questa applicazione è che il conteggio preciso del numero di casi nelle fasi iniziali è spesso difficile, soprattutto nei Paesi sottosviluppati: il sistema TWC consente, invece, di identificare l’area dell’origine ell’epidemia e proiettare nel futuro il suo andamento».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Un algoritmo rileva le patologie cardiache. Per farlo gli bastano quattro selfie
Uno studio cinese ha sviluppato un algoritmo a cui basta un selfie per completare uno screening delle possibili patologie cardio-vascolari. Potrebbe essere una svolta per velocizzare i controlli, specie nei Paesi con meno risorse
Diabete e intelligenza artificiale, un aiuto anche nel trattamento psicologico del paziente
L’efficacia dell’uso di un trattamento psicologico nel percorso di cura, unita alla generazione di un risparmio per il SSN, è stata confermata. L'Intelligenza Artificiale (IA) può avere un grande impatto, soprattutto sugli aspetti di personalizzazione degli interventi, nonché di monitoraggio e miglioramento dell’aderenza ai processi di cura
di Mara Lastretti (Ordine Psicologi Lazio) e Tommaso Ciulli (Ordine Psicologi Toscana)
Intelligenza artificiale vs Covid-19: è lombardo il primo progetto per individuare la polmonite interstiziale
Nato grazie a una community di ricercatori internazionali, coordinati da Neoesperience e testato al Sacco di Milano, a disposizione gratuitamente per molti Paesi. Il presidente Melpignano: «Per la prima volta predice la presenza di una polmonite interstiziale caratteristica»
di Federica Bosco
AI-SCoRE, dal San Raffaele arriva il progetto di intelligenza artificiale per prevedere le forme più gravi di Covid-19
Intervista ad Antonio Esposito, vice-direttore del centro di Imaging sperimentale dell'IRCCS milanese: «Pronti per seconda ondata. Se fosse stato sviluppato in Cina a febbraio avremmo avuto l'equivalente di un medico con un'esperienza di 10 mila casi in ogni Pronto Soccorso»
Neuroriabilitazione a distanza: al via il progetto sperimentale di Neuromed
I medici seguono i pazienti a casa attraverso un software, sfruttando le nuove tecnologie e l’intelligenza artificiale
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 18 settembre, sono 30.183.223 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 946.158 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 18 settembre: Ad oggi in...
Formazione

Test di Medicina 2020, ecco come è andata: la cronaca dalle università di Roma, Firenze, Milano, Napoli e Bari

Oltre 66 mila candidati per 13.072 posti disponibili. Tra speranze, sogni, proteste e irregolarità, anche quest’anno il Test di medicina ha fatto parlare di sé. Pubblicate le risposte corrette al ...
Salute

«La prima ondata? Non è mai finita. Ora però risparmiamoci un altro lockdown»

Intervista all'infettivologo Stefano Vella: «Doveva finire la fase del terrore, non della paura. La paura in questi casi ci salva la vita»