Salute 20 Agosto 2020

Crescita dei contagi e aumento dei tamponi: gli ambulatori privati vogliono fare la loro parte

Lettera di Federanisap al ministro Speranza: «Non è funzionale alla tutela della salute tenere le strutture diagnostiche in grado di eseguire i tamponi fuori dal sistema Corona-Net»

L’aumento dei contagi da Covid-19 è direttamente proporzionale all’aumento dei tamponi che vengono effettuati. Se non si facessero i test, i numeri pubblicati quotidianamente sarebbero bassissimi, i positivi (soprattutto se asintomatici o paucisintomatici, che rappresentano la maggioranza) non si isolerebbero, la circolazione del virus aumenterebbe e ci accorgeremmo della gravità della situazione troppo tardi: con le terapie intensive già piene di malati gravi. È esattamente quello che è successo a fine febbraio, quando la circolazione del virus in Italia non era ancora nota.

Al contempo, però, l’aumento dei positivi è direttamente proporzionale al numero di tamponi che devono essere effettuati. È quello che prevede il metodo del tracciamento dei contatti, definito da tutti come il più utile per limitare la diffusione del contagio e isolare i focolai: tutti coloro che sono entrati in contatto con una persona risultata positiva al coronavirus devono essere sottoposti al test perché potrebbero essere stati contagiati. Se, come è probabile che sia, nelle prossime settimane assisteremo quindi ad un aumento dei casi (complici il ritorno dalle vacanze estive, la riapertura delle scuole, la fine dello smart working per molti lavoratori che torneranno in ufficio), il contact tracing comporterà l’aumento dei tamponi da effettuare.

Un cane che si morde la coda, quindi. Ma che rischia di sbattere il muso contro ritardi ed eventuali inefficienze dei laboratori, che presto potrebbero essere inondati di test da analizzare, con il rischio di nuove carenze di kit e reagenti. È esattamente quello che è successo a marzo e ad aprile, quando i laboratori sono stati sommersi di bastoncini oro-faringei da esaminare. Nel frattempo, in vista dell’autunno, aziende e regioni si sono attrezzate. Ma a sufficienza?

Il dubbio è degli ambulatori privati che, ovviamente, hanno offerto al ministro della Salute Roberto Speranza la disponibilità a fare la propria parte. In una lettera inviata al Ministro, la Federazione nazionale delle associazioni delle istituzioni sanitarie ambulatoriali private (Federanisap) evidenzia, appunto, che «in Italia ci sono moltissime strutture diagnostiche autorizzate ad eseguire esami di biologia molecolare in grado di eseguire i tamponi». Secondo Federanisap, «non sembra funzionale alla tutela della salute tenerle fuori dal sistema Corona-Net».

«Resta inteso – puntualizza la Federazione – che tali strutture si adeguerebbero alle procedure previste e praticherebbero tariffe concordate». Quello che gli ambulatori auspicano, quindi, è un intervento del Ministro di «moral suasion nei confronti delle Regioni perché le strutture diagnostiche private autorizzate non siano irragionevolmente tenute fuori dal sistema Corona-Net», ma anche di «coordinamento perché le procedure siano riallineate a livello nazionale», considerato che le Regioni, sul tema, hanno adottato disposizioni divergenti: alcune hanno aperto agli ambulatori privati, altre no.

Articoli correlati
Covid, Cavanna: «Casi severi in aumento, riabilitare l’idrossiclorochina. Pazienti vaccinati sembrano avere prognosi migliore»
L’oncologo famoso in tutto il mondo per le sue cure anti Covid a domicilio spiega: «Estate tranquilla ma ora qualcosa è cambiato». Presto sarà pubblicato uno studio sulla sua metodologia di cura, e appoggia la candidatura del corpo sanitario italiano al Nobel per la Pace
Covid-19, Oms segnala l’aumento di casi più grande da inizio epidemia. Preoccupano Francia e Spagna
Quasi due milioni di nuovi contagi in una settimana nel mondo. In cima restano Americhe e India, ma in Europa si teme la seconda ondata
Rapporto Inail, Cisl medici Lazio: «Tavolo di confronto per evitare le criticità della passata primavera»
«Dall’ottavo rapporto INAIL,  pubblicato il 21 settembre 2020, risulta che al 31 agosto sono stati denunciati in Italia 52.209 contagi sul lavoro da Covid-19, di cui 303 con esito mortale. Così in un comunicato il dott. Luciano Cifaldi segretario generale della Cisl Medici Lazio. «Nel Lazio i casi denunciati sono stati 1601 come risulta dalle […]
Covid, le Regioni accelerano sui tamponi ma i Mmg denunciano criticità nella comunicazione dei risultati
L'allarme della Fimmg in Campania, Lazio e Liguria: con l'aumento dei tamponi ritardi e difficoltà nella certificazione si aggraveranno
«Sono un infermiere e ho lottato contro il Covid-19 a Milano. Ma ora sogno di diventare medico»
Dalle corsie dell’Istituto geriatrico Redaelli alle aule della Statale per il test di Medicina: «Sono curioso ed appassionato della materia, avevo deciso prima del Covid»
di Federica Bosco
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 22 settembre, sono 31.328.238 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 964.839 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 21 settembre: Ad oggi in...
Formazione

Test di Medicina 2020, ecco come è andata: la cronaca dalle università di Roma, Firenze, Milano, Napoli e Bari

Oltre 66 mila candidati per 13.072 posti disponibili. Tra speranze, sogni, proteste e irregolarità, anche quest’anno il Test di medicina ha fatto parlare di sé. Pubblicate le risposte corrette al ...
Salute

Covid-19, studio italiano scopre meccanismo responsabile della morte dei pazienti in terapia intensiva

Lo studio, che vede come capofila il S. Orsola di Bologna, è stato pubblicato su “Lancet Respiratory Medicine” lo scorso 27 agosto