Salute 20 Agosto 2020 08:00

Crescita dei contagi e aumento dei tamponi: gli ambulatori privati vogliono fare la loro parte

Lettera di Federanisap al ministro Speranza: «Non è funzionale alla tutela della salute tenere le strutture diagnostiche in grado di eseguire i tamponi fuori dal sistema Corona-Net»

L’aumento dei contagi da Covid-19 è direttamente proporzionale all’aumento dei tamponi che vengono effettuati. Se non si facessero i test, i numeri pubblicati quotidianamente sarebbero bassissimi, i positivi (soprattutto se asintomatici o paucisintomatici, che rappresentano la maggioranza) non si isolerebbero, la circolazione del virus aumenterebbe e ci accorgeremmo della gravità della situazione troppo tardi: con le terapie intensive già piene di malati gravi. È esattamente quello che è successo a fine febbraio, quando la circolazione del virus in Italia non era ancora nota.

Al contempo, però, l’aumento dei positivi è direttamente proporzionale al numero di tamponi che devono essere effettuati. È quello che prevede il metodo del tracciamento dei contatti, definito da tutti come il più utile per limitare la diffusione del contagio e isolare i focolai: tutti coloro che sono entrati in contatto con una persona risultata positiva al coronavirus devono essere sottoposti al test perché potrebbero essere stati contagiati. Se, come è probabile che sia, nelle prossime settimane assisteremo quindi ad un aumento dei casi (complici il ritorno dalle vacanze estive, la riapertura delle scuole, la fine dello smart working per molti lavoratori che torneranno in ufficio), il contact tracing comporterà l’aumento dei tamponi da effettuare.

Un cane che si morde la coda, quindi. Ma che rischia di sbattere il muso contro ritardi ed eventuali inefficienze dei laboratori, che presto potrebbero essere inondati di test da analizzare, con il rischio di nuove carenze di kit e reagenti. È esattamente quello che è successo a marzo e ad aprile, quando i laboratori sono stati sommersi di bastoncini oro-faringei da esaminare. Nel frattempo, in vista dell’autunno, aziende e regioni si sono attrezzate. Ma a sufficienza?

Il dubbio è degli ambulatori privati che, ovviamente, hanno offerto al ministro della Salute Roberto Speranza la disponibilità a fare la propria parte. In una lettera inviata al Ministro, la Federazione nazionale delle associazioni delle istituzioni sanitarie ambulatoriali private (Federanisap) evidenzia, appunto, che «in Italia ci sono moltissime strutture diagnostiche autorizzate ad eseguire esami di biologia molecolare in grado di eseguire i tamponi». Secondo Federanisap, «non sembra funzionale alla tutela della salute tenerle fuori dal sistema Corona-Net».

«Resta inteso – puntualizza la Federazione – che tali strutture si adeguerebbero alle procedure previste e praticherebbero tariffe concordate». Quello che gli ambulatori auspicano, quindi, è un intervento del Ministro di «moral suasion nei confronti delle Regioni perché le strutture diagnostiche private autorizzate non siano irragionevolmente tenute fuori dal sistema Corona-Net», ma anche di «coordinamento perché le procedure siano riallineate a livello nazionale», considerato che le Regioni, sul tema, hanno adottato disposizioni divergenti: alcune hanno aperto agli ambulatori privati, altre no.

Articoli correlati
Covid-19, Von der Leyen: «Ue leader mondiale sui vaccini. Ora evitare pandemia dei non vaccinati»
La Presidente della Commissione Europea Ursula Von der Leyen, nel corso del discorso sullo Stato dell'Unione, ha rivendicato con orgoglio il lavoro fatto da tutti gli Stati membri nel corso della pandemia
Ho contratto il Covid-19 dopo la prima dose di vaccino, cosa devo fare?
Cosa fare se una persona contrae il Covid-19 successivamente alla somministrazione della prima dose di vaccino? Il Ministero della Salute ha fornito i chiarimenti necessari tramite una circolare firmata dal Direttore della Prevenzione, Gianni Rezza
L’affondo di Villani (SIP): «Vaccino contro il morbillo reso obbligatorio con 8 morti al giorno»
Ricciardi al webinar Altems dedicato al ritorno in classe: «Sono preoccupato. I casi di Covid-19 tra i bambini sono molti, e alcuni finiscono in terapia intensiva. Nelle scuole non ci siano adulti non vaccinati»
Vaccino antinfluenzale, Maio (Fimmg): «Dall’anti-Covid attendere almeno un mese»
La responsabile dell’area vaccini di Fimmg: «Consigliato a over 60, soggetti fragili e lavoratori a rischio. Migliora la diagnosi differenziale tra influenza stagionale e Covid-19 ed evita il sovraffollamento degli ospedali»
di Isabella Faggiano
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 17 settembre, sono 227.070.462 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 4.670.479 i decessi. Ad oggi, oltre 5,81 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Salute

Aumentano i contagi tra i sanitari: 600% in più in un mese, l’84% sono infermieri

La presidente FNOPI Mangiacavalli interpreta i dati dell'ISS. Anche nel Regno Unito gli studi confermano che la protezione dall'infezione si riduce dopo 5 mesi dalla seconda dose per Pfizer e AstraZen...
Salute

Pericarditi e miocarditi dopo il vaccino, Perrone Filardi (SIC): «Casi rari e mai gravi»

Dopo i casi della pallavolista Marcon e del calciatore Obiang colpiti da pericardite e miocardite, la parola al professor Pasquale Perrone Filardi, presidente eletto della Società Italiana di C...
di Federica Bosco