Salute 30 Settembre 2020

Covid, Osservasalute: «Letalità ridotta in seconda fase, ma preoccupano quattro regioni del Sud»

Sardegna, Campania, Sicilia e Lazio osservate speciali. Solipaca direttore scientifico: «Molte persone non intercettate dalla sorveglianza. Prevalenza 6 volte superiore rispetto ai casi notificati»

Immagine articolo

La letalità di Covid-19 in Italia si è ridotta: dal 14,5% dei contagiati fino a giugno all’11,5% attuale. Lo conferma il rapporto sui dati dell’emergenza redatto da Osservasalute, coordinato da Walter Ricciardi e Alessandro Solipaca. I contagi, però, rilevano un’impennata in quattro regioni, per ora “osservate speciali”: Lazio, Sardegna, Campania e Sicilia.

QUATTRO REGIONI OSSERVATE SPECIALI

La Sardegna registra in assoluto l’aumento maggiore di positivi, +154,2% dal 16 giugno al 24 settembre, seguita dal +140,7% della Campania, dal +90,8% del Lazio e dal +83,8% della Sicilia. In generale, nelle quattro regioni si registra anche mediamente un numero più basso di soggetti sottoposti a test: dagli 11,7 su 100 abitanti del Lazio ai 6,1 su 100 della Campania. Resta però bassa la letalità da Covid: 4,1 decessi ogni 100 contagiati in Campania, 4,3 in Sicilia, 4,6 in Sardegna e 5,9 nel Lazio. Sulla media italiana di 11,8.

LEGGI IL FOCUS OSSERVASALUTE

LOMBARDIA E PIEMONTE

Le regioni più colpite nella prima fase della pandemia, ovvero Lombardia e Piemonte, mostrano  invece «un incremento mediamente più limitato dei nuovi contagi, rispettivamente del 14,6% e 11,5%. Il numero medio di contagi giornalieri dal 24 febbraio al 23 aprile era pari a 1.169 in Lombardia e 386 in Piemonte», mentre ora  sono scesi mediamente a 159 e 51 contagi. La Lombardia conserva però 16,1 decessi su 100 abitanti, attualmente la percentuale di letalità più elevata in Italia. Segue il Piemonte con il 12% dei contagiati.

LA PANDEMIA È IN UNA NUOVA FASE

La pandemia sembra essere entrata in una nuova fase secondo gli esperti. Quel costante sebbene lento abbassamento dei contagi che sperimentavamo da fine aprile si è arrestato, per lasciar spazio a una risalita altrettanto lenta. Al 16 giugno i casi totali di persone positive erano 237.500 (pari allo 0,4% della popolazione), a fronte di 4.695.707 tamponi effettuati, corrispondenti a 2.891.846 persone (pari al 4,8% della popolazione). Il numero di decessi era pari a 34.405 (5,7 ogni 10.000 abitanti) e la letalità al 14,5% dei contagiati. Dal 16 giugno al 24 settembre i casi totali sono aumentati a 304.323 (circa il 28% in più), i test effettuati 10.787.694, corrispondenti a 6.520.661 persone (circa il 126% in più). I decessi 35.781 (il 4% in più), mentre la letalità da Covid è scesa all’11,8%.

PRIME STIME CONTAGIO SOTTOSTIMATE 

«Sono state molto numerose le persone positive non intercettate dal sistema di sorveglianza nella prima fase – ha sottolineato il direttore scientifico Solipaca -. Ciò ha favorito la circolazione di molte persone in grado di trasmettere il virus al resto della popolazione». L’esperto cita i dati pubblicati agli inizi di agosto dell’indagine campionaria, svolta dall’Istituto nazionale di statistica (Istat) in collaborazione con il ministero della Salute e la Croce Rossa, che ha stimato attraverso test sierologici il numero di contagiati al 27 luglio: circa 1 milione e mezzo di persone, pari al 2,5% della popolazione, hanno sviluppato gli anticorpi per il Sars-CoV-2. Una prevalenza «superiore di circa 6 volte rispetto ai casi notificati», confermando che la prevalenza dei contagiati fosse sottostimata.

Solo il 27,3% dei positivi era asintomatico, mentre ben il 66% dei positivi ha dichiarato di aver avuto i sintomi riconducibili al virus. In particolare, il numero stimato di persone con anticorpi Sars-CoV-2 e sintomi era pari a 981.000, mentre alla data del 27 luglio i contagiati totali registrati erano 246.000, cioè oltre 700.000 in meno.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Carenza medici, in 15 anni il Servizio sanitario nazionale perderà 14mila camici bianchi
Uno studio dell'Osservatorio Nazionale sulla Salute nelle Regioni Italiane lancia l'allarme: «Non è stata fatta una programmazione adeguata». FNOMCeO: «Confermiamo il dato»
Osservasalute, l’Italia è divisa a metà: al Sud meno longevi che al Nord. Impennata delle malattie croniche
Il rapporto annuale certifica: aumentano i tumori e le malattie croniche, ma migliorano le cure. Solipaca (Direttore ONSRI): «Tra gli anziani, troppi non-autosufficienti». Nel Mezzogiorno si fa poca prevenzione e si vive di meno.
di Isabella Faggiano
Osservatoriosalute: nella Regione tasso di mortalità più alto in Italia
I dati di Osservasalute 2016 registrano il tasso di mortalità più alto d’Italia in Sicilia. Nel 2014, ultimo anno analizzato, la mortalità è stata pari a 114,8 per 10.000 uomini e 79,1 per 10.000 donne, mentre la media nazionale è pari a 107,8 per gli uomini e 69,8 per le donne.
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 19 ottobre, sono 39.965.414 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.113.307 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 19 ottobre: Ad oggi in I...
Contributi e Opinioni

«Tamponi Covid sui bambini: troppe prescrizioni che non tengono conto dei rischi intra-procedurali»

di prof. Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche all’Università degli Studi di Firenze
di Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche, Università di Firenze
Salute

Covid, Cavanna: «Casi severi in aumento, riabilitare l’idrossiclorochina. Pazienti vaccinati sembrano avere prognosi migliore»

L’oncologo famoso in tutto il mondo per le sue cure anti Covid a domicilio spiega: «Estate tranquilla ma ora qualcosa è cambiato». Presto sarà pubblicato uno studio sulla sua metodologia di cura...