Salute 12 Agosto 2022 11:35

Covid, monitoraggio ISS: «Incidenza scende a 365. Rt cala a 0,81»

L’ultimo monitoraggio ISS-ministero registra un calo del tasso di occupazione in terapia intensiva e in aree mediche dei malati Covid. Due regioni a rischio moderato e 19 a rischio basso. Ecco i principali dati emersi dalla cabina di regia

Covid, monitoraggio ISS: «Incidenza scende a 365. Rt cala a 0,81»

Il report Covid-19 con i dati principali del monitoraggio della cabina di regia dell’Istituto Superiore di Sanità (ISS) e del ministero della Salute mostra un netto miglioramento della situazione Covid in Italia. Si mantiene in discesa la curva dei contagi e tutti gli indicatori sono in calo.

I dati del monitoraggio ISS-ministero: giù incidenza e Rt

Scende, infatti, l’incidenza settimanale a livello nazionale: 365 ogni 100.000 abitanti (5-11 agosto) contro 533 ogni 100.000 abitanti (29 luglio – 4 agosto). Nel periodo 20 luglio – 2 agosto 2022, l’Rt medio calcolato sui soggetti sintomatici è stato pari a 0,81, in diminuzione rispetto alla settimana precedente. È in diminuizione anche l’indice di trasmissibilità basato sui casi con ricovero ospedaliero, sotto la soglia epidemica: Rt=0.76 al 2 agosto contro Rt=0.82 al 26 luglio.

Ancora in calo terapie intensive al 3,2% e ricoveri al 13%

Sempre più bassa la pressione sui reparti Covid. Il tasso di occupazione in terapia intensiva è al 3,2% (secondo la rilevazione giornaliera del ministero della Salute all’11 agosto) contro il 3,6% (rilevazione al 4 agosto). Il tasso di occupazione in aree mediche a livello nazionale decresce al 13,0% (rilevazione all’11 agosto) contro 15,2% (rilevazione al 4 agosto).

Monitoraggio Iss: Due regioni a rischio moderato e 19 basso. Nessuna regione a rischio alto

Migliora il quadro epidemiologico delle regioni. Questa settimana nessuna è considerata a rischio alto. Due sono classificate dall’Iss a rischio moderato e le rimanenti 19 sono valutate a rischio basso.

In lieve diminuzione casi diagnosticati con attività screening. Stabile tracciamento contatti

La percentuale dei nuovi positivi scoperti con l’attività di tracciamento dei contatti è bassa ma stabile rispetto alla settimana precedente (13% contro 12%). Così come la percentuale dei casi rilevati con la comparsa dei sintomi (44% contro 44%). Scende, leggermente, la percentuale dei casi diagnosticati attraverso attività di screening (43% contro 44%). L’ISS precisa che «l’attuale situazione caratterizzata da elevata incidenza non consente una puntuale mappatura dei contatti dei casi, come evidenziato dalla bassa percentuale dei casi rilevati attraverso l’attività di tracciamento».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 5 ottobre 2022, sono 619.212.284 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.550.223 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia Il bollettino di oggi (5 ottobre 20...
Covid-19, che fare se...?

Se risulto negativo al test ma ho ancora i sintomi posso contagiare gli altri?

Sintomi come febbre e tosse possono durare più della positività al test antigenico rapido. Gli scienziati si stanno interrogando quindi sulla durata della contagiosità. L'ipotesi ...
Covid-19, che fare se...?

Quanto durano i sintomi del Long Covid?

La durata dei sintomi collegati al Long Covid può essere molto variabile: si va da qualche settimana fino anche a 24 mesi