Salute 1 Aprile 2022 15:22

Iss, ricoveri in aumento e Rt mai così alto da fine dicembre

L’ultimo monitoraggio Iss-ministero della Salute mostra un aumento dei ricoveri per Covid e un aumento dell’indice Rt a 1,24

di Redazione
Iss, ricoveri in aumento e Rt mai così alto da fine dicembre

Continua a calare, seppur lievemente, l’incidenza settimanale dei casi di Covid a livello nazionale. Mentre i ricoveri, sia nei reparti di terapia intensiva che in quelli in area medica, sono in aumento. In crescita record, o almeno è così dalla fine dello scorso dicembre a oggi, l’indice di trasmissibilità Rt pari a 1,24 (range 1,14 – 1,31). Questi sono i dati più significativi del monitoraggio settimanale dell’Istituto superiore di sanità (Iss) e del ministero della Salute.

Rt medio da record, ma così alto dall’inizio dell’anno

Dal 25 al 31 marzo l’incidenza registrata è di 836 casi ogni 100.000 abitanti, mentre la settimana precedente erano 848 ogni 100.000 abitanti. Nel periodo 9-22 marzo 2022, l’Rt medio calcolato sui casi sintomatici ha raggiunto la soglia di 1,24, un valore mai raggiunto da quando è iniziato l’anno nuovo. Il valore di Rt si era infatti mantenuto sempre sotto 1,24 nei mesi di ottobre e novembre scorsi. E’ poi schizzato in alto nel monitoraggio del 7 gennaio 2022 relativo al periodo 15 dicembre -28 dicembre 2021, registrando un valore medio calcolato sui casi sintomatici pari a 1,43 con un range compreso appunto tra 1,23 e 2.

Cresce il tasso di occupazione in terapia intensiva e nei reparti ordinari

Il tasso di occupazione in terapia intensiva è al 4,7% contro 4,5% della settimana precedente. Il tasso di occupazione in aree mediche a livello nazionale sale invece al 15,2% contro il 13,9% di sette giorni fa. Secondo i dati del monitoraggio settimanale, i reparti di area medica superano dunque il livello della soglia di allerta fissato al 15%. E’ l’Umbria la regione con l’incidenza più alta, 1.314, seguita dalla Puglia con 1.281 e dall’Abruzzo con 1.167 rispetto al valore medio nazionale di 836 casi ogni 100 mila abitanti. Il valore più basso con 345 in Valle d’Aosta. Per l’area medica è sempre l’Umbria con il valore più alto di occupazione dei posti letto con 34,6%, seguita dalla Calabria 34,3% e la Basilicata rispetto al 15,2 di valore nazionale. Per le terapie intensive la Sardegna è al 10,3%, la Calabria a 10,1% e l’Abruzzo a 8,8% con un valore medio nazionale di 4,7%.

Brusaferro: «Siamo ancora in pandemia, dobbiamo continuare a rispondere a questa sfida»

La percentuale dei casi rilevati attraverso l’attività di tracciamento dei contatti è in lieve diminuzione (14% vs 15% la scorsa settimana). È stabile la percentuale dei casi rilevati attraverso la comparsa dei sintomi (37% vs 37%), come anche la percentuale dei casi diagnosticati attraverso attività di screening (49% vs 49%). «Oggi si è tenuta l’ultima riunione del Cts», dice il presidente dell’Iss Silvio Brusaferro. «È stato un momento importante per la gestione di questi due anni di pandemia. Ha permesso di raccogliere attorno a un tavolo esperienze molto diverse e integrate tra di loro», aggiunge. Infine Brusaferro conclude: «Oggi però siamo ancora nella pandemia, dobbiamo continuare a rispondere a questa sfida. In questo senso rimane la rete di sorveglianza con ministero, Iss, le regioni e le Asl, è l’impegno che questo Paese continua a dare attraverso i suoi professionisti per affrontare l’emergenza».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Covid, Gimbe: «Più 50% dei casi in 7 giorni. Aumentano ricoveri, terapie intensive e decessi»
Il presidente della Fondazione Gimbe, Nino Cartabellotta: «Prosegue impennata nuovi casi settimanali»
Medici di famiglia: «Di questo passo entro agosto saremo in piena emergenza». Prevale il test “fai da te” per non perdere le ferie
«Di questo passo, entro agosto potremmo trovarci in piena emergenza Covid. Uno scenario al quale i cittadini non pensano più, perché ritengono che il Covid sia ormai una banale influenza, senza comprendere che il virus può ancora essere letale»
Negativo con i sintomi, quando posso ripetere il test?
Capita sempre più spesso che una persona con i sintomi del Covid-19 risulti negativa al primo test. Con Omicron sono stati segnalati più casi di positività ritardata. Meglio ripetere il test dopo 24 ore
Sanità, Boldrini (Pd): «Prorogare e stabilizzare operatori sociosanitari nei penitenziari e nelle RSA»
La senatrice chiede ai ministri competenti «quali ragioni abbiano spinto a rinunciare a questa dotazione di personale in strutture che operano sempre sotto organico con conseguente burn out»
Lockdown controproducenti, in alcuni paesi hanno aumentato i contagi
Uno studio dell'Università della Finlandia orientale ha dimostrato che, in alcuni paesi, i lockdown sono stati inutili e controproducenti. In altre parole, i blocchi completi hanno aumentato la diffusione dei contagi
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 1° luglio, sono 547.500.575 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.335.874 i decessi. Ad oggi, oltre 11,74 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dall...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi della variante Omicron BA.5 e quanto durano?

La variante Omicron BA.5 tende a colpire le vie aeree superiori, causando sintomi lievi, come naso che cola e febbre. I primi dati indicano che i sintomi durano in media 4 giorni
Covid-19, che fare se...?

Negativo con i sintomi, quando posso ripetere il test?

Capita sempre più spesso che una persona con i sintomi del Covid-19 risulti negativa al primo test. Con Omicron sono stati segnalati più casi di positività ritardata. Meglio ripet...