Salute 10 Marzo 2023 13:42

Covid, ecco i danni “nascosti” del virus: danneggia Dna, aumenta infiammazione e accelera invecchiamento cellulare

Uno studio italiano ha identificato le basi molecolari dell’aggressività e degli effetti del virus Sars-CoV-2. Il virus provocherebbe danni al Dna della cellula e le impedirebbe di ripararli, provocando così senescenza cellulare ed infiammazione cronica. Lo studio, pubblicato sulla rivista Nature Cell Biology, pone le premesse conoscitive per sviluppare in prospettiva nuovi trattamenti farmacologici che limitino gli effetti di Sars-CoV-2

Covid, ecco i danni “nascosti” del virus: danneggia Dna, aumenta infiammazione e accelera invecchiamento cellulare

Sebbene dal dicembre 2019 ad oggi diversi progressi siano stati fatti in termini di diagnosi, cura e prevenzione, non è ancora chiaro perché il virus Sars-CoV-2 abbia un impatto così grave sulla salute umana rispetto ad altri virus respiratori. Il gruppo dell’Istituto Fondazione di Oncologia Molecolare Ets (Ifom) guidato da Fabrizio d’Adda di Fagagna ha scoperto che il virus provoca danni al Dna della cellule e le impedisce di ripararli, provocando così la senescenza cellulare ed infiammazione cronica. I risultati dello studio sono stati pubblicati sulla rivista Nature Cell Biology.

Il virus «hackera» la cellula e provoca danni al Dna

«Tutti i virus, si sa, sono parassiti», spiega d’Adda di Fagagna, responsabile del laboratorio Ifom «Risposta al danno al DNA e Senescenza Cellulare» e dirigente di ricerca all’Istituto di genetica molecolare del Consiglio nazionale delle ricerca (Cnr-Igm) di Pavia. «Entrano in una cellula e iniziano a sfruttare tutto quello messo a disposizione dalla cellula infettata per replicarsi e diffondersi. E il Sars-CoV-2 è un virus particolarmente avido – continua – e abile. Nel nostro laboratorio ci siamo chiesti come avvenga questa operazione di ‘hackeraggio’ da parte del virus e se vi possa essere una connessione con quei processi che studiamo quotidianamente in ambiti patologici solo apparentemente distanti, quali tumori, malattie genetiche e condizione legate all’invecchiamento: tutti eventi accomunati dall’accumulo di danno al Dna» .

Alterazioni del processo cellulare innescano la replicazione virale

Partendo da queste premesse i ricercatori hanno individuato, attraverso l’uso di diversi sistemi cellulari in vitro, le cause molecolari alla base degli effetti deleteri del Covid-19, e ne hanno trovato conferma in vivo, sia in sistemi modello murini di infezione, sia in tessuti post-mortem derivati da pazienti affetti da Covid-19. «Quello che abbiamo osservato – illustrano i ricercatori Ubaldo Gioia e Sara Tavella – è che Sars-CoV-2, una volta entrato nella cellula, ne dirotta i processi fondamentali, costringendola a smettere di produrre deossinucleotidi, i ‘mattoni’ del Dna, per farle produrre i ribonucleotidi ovvero i ‘mattoni’ che servono a sintetizzare l’Rna della cellula e, soprattutto, quello del virus. È proprio questa alterazione del processo cellulare operata dal virus a proprio vantaggio a consentire l’esplosiva replicazione virale all’interno della cellula infetta da Sars-CoV-2».

Il virus inibisce la proteina essenziale per la riparazione del Dna

Una conseguenza drammatica di questo sfruttamento dei meccanismi cellulari da parte del virus risulta essere la carenza di deossinucleotidi. «La cellula – descrivono i ricercatori – non riesce a replicare adeguatamente il proprio Dna e accumula danni nel suo genoma. Inoltre abbiamo scoperto che il virus, oltre a causare la rottura del Dna per mancanza di deossinucleotidi, interferisce anche con i meccanismi cellulari di riparazione di questo Dna danneggiato, inibendo la proteina 53BP1 essenziale per il processo di riparazione». Questi due eventi, danneggiamento del Dna e inibizione della sua riparazione, hanno effetti drammatici sulla cellula infetta da Sars-CoV-2 e sui pazienti.

«L’accumulo di danno al Dna contribuisce alla tempesta infiammatoria»

«Tra questi – commenta d’Adda di Fagagna – sicuramente il precoce invecchiamento delle cellule, detto senescenza cellulare, e l’associata produzione di citochine infiammatorie. Non a caso la principale causa dei sintomi più gravi nei pazienti affetti da Covid-19 è proprio un’eccessiva produzione di citochine infiammatorie, nota anche come ‘tempesta di citochine’. In base ai risultati ottenuti abbiamo evidenziato come l’accumulo di danno al Dna, l’unico componente insostituibile delle nostre cellule, possa dare un contributo importante alla tempesta infiammatoria scatenata dal virus».

Nei casi gravi il virus causa un invecchiamento cellulare accelerato

Ma i ricercatori non si sono fermati a questa osservazione. «Fornendo alle cellule infettate un supplemento di deossinucleotidi – spiegano Gioia e Tavella – abbiamo dimostrato che, riducendo il danno al Dna causato dal virus, abbattiamo anche i livelli di infiammazione». Precisa d’Adda di Fagagna: «È importante sottolineare che senescenza cellulare e infiammazione cronica sono alla base dei processi di invecchiamento, che esso sia fisiologico o patologico, e infatti molti scienziati stanno scoprendo sempre più frequentemente evidenze di un invecchiamento accelerato in casi di gravi di Covid-19. In questo senso sarà importante studiare anche la correlazione tra queste nostre nuove scoperte e condizioni quali il cosiddetto Long Covid, per sviluppare nuovi trattamenti farmacologici
che limitino gli effetti di tale patologia».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Contributi e Opinioni

Giornata Infermieri. Testimonianze: “Chi va via, e chi ritorna…”

Rosaria ha accolto l’ordine di servizio arrivato a dicembre 2013. Ad accompagnarlo una frase: “Sono pazienti particolari, si prenda cura di loro”. Era il 2013 e Rosaria da allora non...
Politica

Diabete: presentate al Governo le istanze dei medici e dei pazienti

Dopo aver promosso gli Stati Generali sul Diabete, lo scorso 14 marzo, alla presenza del ministro della Salute, di rappresentanti dell’ISS e di AGENAS, FeSDI, l'Università di Roma Tor Ver...
Advocacy e Associazioni

Malattia renale cronica, Vanacore (ANED): “La diagnosi precoce è un diritto: cambia la storia dei pazienti e il decorso della patologia”

Il Presidente dell’ANED: “Questa patologia, almeno agli esordi, non dà segni di sé, è subdola e silenziosa. I primi sintomi compaiono spesso quando la malattia renale ...