Salute 15 Dicembre 2020 10:19

Immunoglobuline, l’allarme: «Prevedibile carenza per ridotta raccolta plasma a livello globale»

Il calo della raccolta ha sfiorato il 20% in ottobre rispetto all’anno precedente. A rischio terapie essenziali per alcuni pazienti

Sono diverse migliaia e per molti di questi pazienti le immunoglobuline e i farmaci derivati dal plasma, i cosiddetti SoHo (Substance of Human origine), sono l’unica terapia possibile. Soffrono di immunodeficienze primitive e secondarie, polineuropatia demielinizzante infiammatoria cronica, neuropatia motoria multifocale e altre patologie rare.

Ma la pandemia da coronavirus degli ultimi mesi sta determinando problemi nella raccolta di sangue e plasma e da diverse parti si è sollevato il problema che interessa ormai tutti i Paesi dell’Unione Europea e non solo. L’impatto della pandemia sulla raccolta del plasma, soprattutto negli Usa, potrebbe avere ripercussioni negative nei prossimi mesi sulla produzione dei farmaci plasmaderivati che vengono utilizzati anche dai pazienti italiani.

A questo proposito nel nostro Paese si è attivato a novembre un gruppo di lavoro con AIFA, Centro Nazionale Sangue (CNS), Ministero della Salute, Regioni e Aziende che ha già individuato alcune linee d’intervento per prevenire le carenze. Aumentare la raccolta di plasma, massimizzare l’appropriatezza di utilizzo clinico-terapeutico, aumentare le rese produttive, rendere la produzione di immunoglobuline economicamente sostenibile sono le misure a cui si guarda per scongiurare la possibilità che alcune fasce di pazienti rimangano senza cure salvavita e prodotti essenziali come le immunoglobuline.

«Già nelle scorse settimane – si legge in una nota – dalle Associazioni di pazienti, era stato lanciato un allarme sulle possibili difficoltà future nell’accesso alle terapie con immunoglobuline polivalenti. Le stesse Associazioni di pazienti supportano un accesso alle cure per criteri di priorità, come peraltro fatto in Francia e Regno Unito e ricordano come l’OMS abbia stilato dei criteri per distribuire le immunoglobuline in caso di carenze».

«La raccolta e la lavorazione dei plasmaderivati sono di vitale interesse per la salute pubblica. Gli ostacoli alla raccolta di sangue e plasma sono un rischio concreto per il mantenimento di una fornitura sostenibile e di qualità. A problemi già esistenti prima del Covid, come la diminuzione del personale dedicato alla raccolta e alla lavorazione del plasma e l’invecchiamento dei donatori, si sono aggiunti altri potenziali problemi legati all’accesso ai centri a causa della pandemia».

Un preoccupante precedente è la diminuzione del 60% delle donazioni durante l’epidemia di SARS a Singapore. «In Italia i Centri trasfusionali regionali raccolgono circa 860.000 chili di plasma all’anno che poi vengono trasformati in proteine terapeutiche. Grazie a questo sistema, è stato raggiunto un alto grado di autosufficienza. Una parte del fabbisogno, tuttavia, viene coperta ricorrendo al mercato. Per alcune proteine plasmatiche, in alcune Regioni, l’autosufficienza è stata raggiunta, ma non è così per le immunoglobuline polivalenti, riconosciute anche dall’OMS come medicinali essenziali».

«Per questi prodotti da anni assistiamo a un gap crescente tra uso clinico in aumento e gradi di copertura della fornitura nazionale» ha dichiarato Oliver Schmitt, Amministratore Delegato di CSL Behring, che ha ribadito come sia «necessario incoraggiare la plasmaferesi per migliorare l’autosufficienza e, contemporaneamente, adottare misure per garantire la sostenibilità economica per le immunoglobuline commerciali».

«In Italia – prosegue la nota – il plasma raccolto dalle donazioni è sufficiente a coprire circa il 60% del fabbisogno nazionale di immunoglobuline, sia pure con differenze marcate tra Regioni. Quello che manca viene reperito sul mercato internazionale, Stati Uniti in particolare. Aziende che negli Usa raccolgono plasma si aspettano un calo della raccolta di almeno il 10% rispetto all’anno scorso, ma il calo della raccolta ha sfiorato il 20% in ottobre rispetto all’anno precedente».

La conclusione a cui arriva anche un rapporto della Commissione Europea è che l’impatto della pandemia sull’approvvigionamento di plasma e, quindi, di immunoglobuline sarà significativo. Per questo, «è necessaria l’attivazione di piani straordinari per garantire l’approvvigionamento e la fornitura ai pazienti, in particolare a quelli per i quali questi prodotti sono essenziali, non sostituibili e, perciò, salvavita».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Covid, si inverte la curva dei contagi: +11,3% di casi negli ultimi 7 giorni
Continua la discesa di ricoveri e decessi. Il nuovo monitoraggio GIMBE relativo alla settimana 14-20 settembre
Covid, leggero calo dei ricoveri (-3,3%). In ospedale l’83% dei vaccinati non ha la quarta dose
Migliore (Fiaso): «Meno pressione sugli ospedali ma allerta massima. Da sorvegliare il leggero aumento di ricoveri con Covid in età scolare»
Covid, calano ancora i ricoveri (-23,1%). È il dato migliore delle ultime 6 settimane
Migliore (Fiaso): «L’arrivo dei vaccini bivalenti potrà dare ora un ulteriore contributo nella lotta al virus: ripartire con vigore con la campagna vaccinale per immunocompromessi e anziani»
Cina: milioni di persone in lockdown senza cibo e medicine
Decine di milioni di persone sono bloccate in Cina a causa di lockdown estesi. I residenti denunciano carenze di beni di prima necessità
Via alle prenotazioni per i vaccini aggiornati, ora cosa bisogna fare?
I nuovi vaccini si possono prenotare sui siti regionali già utilizzati per le dosi precedenti. Priorità alle persone over 60, fragili e operatori sanitari
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 27 settembre 2022, sono 615.555.422 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.538.312 i decessi. Ad oggi, oltre 12.25 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata ...
Covid-19, che fare se...?

Se risulto negativo al test ma ho ancora i sintomi posso contagiare gli altri?

Sintomi come febbre e tosse possono durare più della positività al test antigenico rapido. Gli scienziati si stanno interrogando quindi sulla durata della contagiosità. L'ipotesi ...
Covid-19, che fare se...?

Quanto durano i sintomi del Long Covid?

La durata dei sintomi collegati al Long Covid può essere molto variabile: si va da qualche settimana fino anche a 24 mesi