Salute 30 Marzo 2020 15:10

Covid-19 in giovani sani, perché alcuni sono asintomatici e altri in terapia intensiva? La risposta (forse) nei geni

Dalle mutazioni del recettore ACE2 alle differenze nel sistema dell’antigene leucocitario umano, le ipotesi in campo

Covid-19 in giovani sani, perché alcuni sono asintomatici e altri in terapia intensiva? La risposta (forse) nei geni

Covid-19 è una malattia estremamente selettiva. Non nel contagio: è ormai chiaro a tutti che anche persone giovani e sane possono essere vittima del Coronavirus. È altresì evidente che l’eventualità di sviluppare complicazioni ed il tasso di mortalità siano più alti negli anziani e in chi soffre di patologie preesistenti. Tuttavia, l’evoluzione della malattia può essere molto diversa nei giovani e nelle persone altrimenti sane. Un dato, questo, su cui gli studiosi iniziano ad interrogarsi: perché in alcune persone contagiate il virus non si manifesta affatto o al più causa una ‘banale’ influenza, e in altre invece la malattia si sviluppa sino a rendere necessario il ricovero in terapia intensiva e a portare, in alcuni casi, alla morte?

La risposta risiede probabilmente nei geni. Ed è quindi il DNA di migliaia di persone che ricercatori da tutto il mondo stanno raccogliendo e analizzando. Come evidenziato da Science, i risultati di questi studi serviranno ad identificare chi è più a rischio di sviluppare una malattia seria e chi al contrario è maggiormente protetto, ma potrebbero emergere dati interessanti anche per la ricerca di nuovi trattamenti.

LEGGI ANCHE: CORONAVIRUS, L’IMMUNOLOGO: «DAGLI ORMONI AI GENI, ECCO PERCHÉ LE DONNE RESISTONO DI PIÙ

Ma quali sono i sospetti degli studiosi? Quali potrebbero essere le cause di sviluppi tanto diversi della malattia in persone giovani e sane? Per alcuni, come l’immunologo Philip Murphy del National Institute of Allergy and Infectious Diseases, potrebbero essere le mutazioni del recettore ACE2, utilizzato dal coronavirus per entrare nelle cellule, a rendere l’ingresso del virus più o meno semplice.

Tra le altre ipotesi in campo, ci sono anche differenze nel sistema dell’antigene leucocitario umano, che influenza la risposta del sistema immunitario a virus e batteri. Inoltre, altri centri di ricerca come l’università di Stanford intendono approfondire un’analisi condotta da un team cinese per la quale le persone con gruppo sanguigno 0 sembrerebbero protette dal virus.

Quel che è certo, è che per poter portare avanti questi studi è necessario un numero consistente di geni da analizzare. Da qui, la richiesta di Andrea Ganna dell’Istituto finlandese di medicina molecolare ai responsabili delle biobanche di tutto il mondo di contribuire alla “COVID-19 Host Genetics Initiative”. I primi risultati delle ricerche, secondo Ganna, saranno disponibili tra un paio di mesi.

 

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
Così Israele guida la corsa alla somministrazione dei vaccini anti Covid-19
Luci e ombre della campagna vaccinale a Tel Aviv: «Ma le scorte si stanno esaurendo»
di Tommaso Caldarelli
Variante inglese, i test rapidi possono riconoscerla?
Alcune domande al Professor Luigi Toma, Infettivologo dell'IFO Regina Elena di Roma, sulla cosiddetta “variante inglese” del SARS-CoV-2
di Vanessa Seffer
Covid-19 e infodemia, il vademecum per districarsi in un oceano di informazioni
Che differenza c’è tra studio osservazionale e studio clinico controllato e randomizzato? Qual è il più affidabile? Di cosa si occupano, esattamente, virologi, infettivologi e immunologi? Giovanni De Gaetano, Presidente dell'IRCCS Istituto Mediterraneo Neuromed ci aiuta a capirne un po’ di più
di Peter D'Angelo
Covid-19, scoperta in Sudafrica variante del virus ancora più contagiosa
Una nuova mutazione del coronavirus è stata individuata nel Regno Unito proveniente dal Sudafrica
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 25 gennaio, sono 99.225.963 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 2.130.179 i decessi. Ad oggi, oltre 64,02 milioni di persone sono state vaccinate nel mondo. Mappa elaborata dalla Johns H...
Voci della Sanità

Covid-19, professori di Yale condividono terapia domiciliare “made in Italy”

«Il nostro Paese ancora oggi non dispone di un adeguato schema terapeutico condiviso con i medici che hanno curato a domicilio e in fase precoce la malattia» spiega l'avvocato Erich Grimaldi, Presid...
Lavoro

Medici di famiglia vaccinatori, Scotti (Fimmg): «Impensabile coinvolgerci a queste condizioni»

Il Segretario Nazionale si scaglia contro la mancanza di programmazione: «Per noi nessun fondo in Finanziaria, ma non esiste vaccinazione di massa senza medicina del territorio»