Salute 19 Marzo 2021 10:42

Covid-19, il 98% degli operatori sanitari vaccinati ha anticorpi molto alti

Uno studio clinico realizzato dall’Ospedale Niguarda e dall’Università di Milano su 2497 tra medici e infermieri a 14 giorni dall’inoculazione rivela una risposta immunitaria importante. Scaglione (laboratorio di Analisi chimiche e Microbiologia): «Da quando il personale è vaccinato, non ci sono più stati casi di Covid tra gli operatori sanitari. Ripeteremo le analisi a 3, 6 e 12 mesi»

di Federica Bosco
Covid-19, il 98% degli operatori sanitari vaccinati ha anticorpi molto alti

Il 98,4% dei 2497 operatori sanitari del grande Ospedale Niguarda di Milano vaccinati con Pfizer tra gennaio e febbraio ha sviluppato gli anticorpi attesi con valori molto alti, anche superiori a quanto ipotizzato. È questo il dato più importante ottenuto dallo studio clinico RENAISSANCE realizzato dall’Ospedale Niguarda in collaborazione con l’Università degli Studi di Milano. «Si tratta di una risposta significativa, anche superiore alle aspettative», ha spiegato Francesco Scaglione, Direttore del laboratorio di Analisi chimiche e Microbiologia di Niguarda raggiunto telefonicamente.

Professore, cosa avete indagato?

«Nello studio abbiamo fissato tre obiettivi: valutare la durata della risposta immunitaria, e per questo abbiamo previsto controlli a 14 giorni, 3 mesi, 6 mesi e ad un anno; se gli anticorpi prodotti sono neutralizzanti, ovvero se sono protettivi; e in terza analisi se viene conservata la memoria immunitaria».

Vi aspettavate questo risultato?

«Per il momento abbiamo potuto esaminare il risultato a 14 giorni e quanto è emerso è andato oltre ogni più rosea aspettativa: il 98,6% ha avuto una risposta molto importante, l’1,6% buona ma non eclatante, da valutare nel tempo; e solo 4 persone su 2500 analizzate hanno avuto un esito scarso, direi inesistente di anticorpi».

Andando nel dettaglio, si può fare un profilo delle persone che hanno avuto una risposta immunitaria molto alta così come di coloro che hanno avuto un esito meno felice?

«Siamo partiti con l’intento di fare lo studio solo su soggetti che non avevano avuto il Covid; invece, dagli esami fatti, abbiamo scoperto che oltre cento persone vaccinate in realtà avevano incontrato il virus senza rendersene conto. Erano stati asintomatici e l’abbiamo visto a posteriori. Dagli esami fatti è risultato infatti che oggi hanno sia gli anticorpi che vengono sviluppati dal vaccino, ma anche quelli prodotti dalla malattia con il risultato di avere una copertura molto alta».

Invece i quattro individui completamente privi di copertura a cosa devono la resistenza al vaccino?

«Sono soggetti che stavano facendo terapie con immunosoppressori. Ciò non vuol dire però che i soggetti immunocompromessi o trapiantati non rispondano al vaccino: in altri soggetti si è evidenziata una presenza di anticorpi in quantità inferiore».

Questo significa che dovrebbero fare una dose in più eventualmente?

«Sì, potrebbe essere quella la strada, è un’ipotesi da studiare».

Possiamo mandare un messaggio alla popolazione ora che è arrivato anche il via libera di Ema per AstraZeneca?

«Il dato più confortante arriva proprio dall’ospedale: da quando siamo tutti vaccinati non c’è più un caso di Covid tra il personale sanitario, neppure per le varianti».

Al Bambino Gesù di Roma su 3000 operatori il 99% ha sviluppato anticorpi contro il virus

Da Milano a Roma il risultato non cambia: al Bambino Gesù a 21 giorni dalla somministrazione della prima dose a 3000 operatori sanitari che non hanno mai incontrato il virus, il 99% dei vaccinati esaminati ha sviluppato una quantità di anticorpi specifici 50 volte superiori alla soglia di negatività, mentre per i 1425 operatori a cui è stata somministrata la seconda dose, a 7 giorni gli anticorpi sono stati sviluppati dal 100% dei vaccinati con un elevato tasso di protezione. A 7 giorni dalla prima somministrazione si è registrato un incremento delle cellule B di memoria, ovvero quelle che mantengono la produzione di anticorpi nel tempo, nell’80% dei casi, mentre delle cellule T che coordinano l’intera risposta immunitaria contro il virus nel 64% delle persone vaccinate.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Vaccino anti-Covid, il 90% dei medici europei favorevole all’obbligo per la popolazione
I risultati del sondaggio sull’obbligo vaccinale realizzato dai paesi aderenti alla Federazione Europea dei Medici Salariati
Vaccino in gravidanza, ISS: «Sì dal secondo trimestre. Nessun pericolo in allattamento»
L'Istituto Superiore di Sanità aggiorna le indicazioni per la vaccinazione in gravidanza e allattamento
Cosa rischia il medico no vax?
Sono 644 i medici che sono stati sospesi perché non vaccinati. Ma cosa prevede la procedura? E cosa succede alla polizza RC professionale?
di Riccardo Cantini, intermediario assicurativo (Iscrizione RUI di IVASS: E000570258)
«Ecco perché ampliare l’obbligo del vaccino anti-Covid è possibile»
Intervista all'avvocato Fabio Frattini, penalista di Tivoli e componente della Giunta Nazionale dell'Unione Camere Penali Italiane (UCPI)
di Vanessa Seffer, Uff. stampa Cisl Medici Lazio
Vaccino in gravidanza, 450 donne al primo open day organizzato da Regione Lombardia
L’iniziativa del Dipartimento donna, mamma e neonato del Fatebenefratelli Sacco ha messo a disposizione un team di ginecologi ed ostetriche: «I vaccini a mRNA sono assolutamente sicuri in tutti i trimestri della gravidanza e durante l’allattamento»
di Federica Bosco
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 20 ottobre, sono 241.574.393 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 4.913.555 i decessi. Ad oggi, oltre 6,67 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Ecm

Formazione ECM, Sileri: «Tre mesi per recuperare trienni passati, poi controlli e sanzioni a irregolari»

Il sottosegretario alla Salute Pierpaolo Sileri ricorda la scadenza della proroga dei trienni formativi 2014-2016 e 2017-2019 prevista per il 31 dicembre 2021, e chiarisce: «Non ci saranno altre...
Lavoro

Esonero contributivo Enpam, c’è tempo fino al 31 ottobre. Come funziona

Chi può accedere all'esonero contributivo per gli iscritti Enpam che arriva fino a 3mila euro?