Salute 14 Gennaio 2021 16:21

Covid-19, Vergallo (Aaroi-Emac): «Nelle festività misure troppo blande. Con crisi Governo non sappiamo più con chi parlare»

Il Presidente dell’Associazione Anestesisti Rianimatori Ospedalieri Italiani – Emergenza Area Critica fa un quadro della situazione attuale, che comunque «fa riferimento a circa 3 settimane fa». E in prospettiva: «Non ce la sentiamo di essere allarmisti ma dobbiamo cercare di capire come fare per superare l’inverno»

Covid-19, Vergallo (Aaroi-Emac): «Nelle festività misure troppo blande. Con crisi Governo non sappiamo più con chi parlare»

Al momento il numero di posti occupati nelle terapie intensive italiane è «sufficientemente stabile», anche se «ogni tanto si vede una tendenza ad un rialzo tutto sommato contenuto. Detto questo, però, i numeri sono senza dubbio ancora alti». Ma per evitare di raggiungere soglie critiche, considerato anche il periodo non facile in cui stiamo andando incontro per la contemporanea presenza dell’influenza stagionale, potrebbero servire ulteriori misure restrittive? «Anche se volessimo chiederle, in questo momento di profonda instabilità di Governo non sapremmo a chi rivolgerci».

Alessandro Vergallo, Presidente di Aaroi-Emac (Associazione Anestesisti Rianimatori Ospedalieri Italiani – Emergenza Area Critica), spiega che, nonostante la pressione sulle terapie intensive non sia, al momento, a livelli critici (ma la situazione attuale mostra ciò che è successo circa tre settimane fa), l’obiettivo è quello di «cercare di capire come poter superare il periodo invernale che, come avevamo già previsto, fa registrare un aumento corposo di casi Covid».

Il problema, però, è che l’attuale crisi di Governo non rende ovviamente il lavoro più facile, anzi: «Qualunque provvedimento di restrizione – spiega a Sanità Informazione – ha delle contropartite non solo sanitarie ma anche economiche. Per questo ora non sappiamo bene con chi confrontarci».

Ragionando però in prospettiva, secondo Vergallo è «chiaro che da qui in avanti, fino ad almeno la prima decade di febbraio, si presuppone che le misure già adottate o che verranno adottate continueranno a produrre i loro effetti. Per questo – spiega –, non ci sentiamo di essere allarmisti».

C’è però da dire che «le misure ad elastico adottate in queste settimane hanno impedito un abbattimento dei flussi di pazienti così come si era verificato nella prima ondata». In questo periodo, invece, abbiamo assistito semplicemente «ad un rallentamento» dei contagi, a cui è seguita «una ripresa dei casi, senza dubbio causati dalle festività natalizie».

Si sarebbe dunque dovuto fare di più? «Secondo noi – spiega il Presidente di Aaroi-Emac – le festività sono state affrontate in maniera molto più blanda di quel che era necessario fare. Si è ceduto alla pur comprensibile, anche se non giustificabile, volontà popolare di dar sfogo a quella libertà a cui abbiamo dovuto rinunciare durante il primo lockdown». E forse è stato proprio «il calo così rapido di contagi che abbiamo registrato nella prima ondata», successivo alla prima serrata generale, che ha dato alle persone «una falsa sensazione di ottimismo su ciò che sarebbe accaduto».

E gli effetti si vedono, con una seconda ondata che ancora non è finita e che sconfina, per qualcuno, addirittura in una terza ondata. Ma che si tratti di una terza fase della pandemia o solo nella prosecuzione della seconda, poco cambia: «Forse sarebbe stato più opportuno riflettere meglio» sulle restrizioni relative al periodo invernale.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Legge di Bilancio, per la sanità si è fatto abbastanza? Parlano i sindacati
Palermo (Anaao): «Fondo sanitario riportato a livelli più consoni». Vergallo (Aaroi-Emac): «Bene aumento indennità di esclusività». Cimo-Fesmed: «Temiamo per il futuro della sanità»
Terapie intensive, ricoveri Covid oltre soglia 30% in 15 regioni. Lo studio Anaao-Assomed
L’analisi Anaao-Assomed, regione per regione, dei posti letto di Terapia intensiva al 2018, dei posti attivati nel 2020 e dei rapporti con il numero di abitanti, confrontati poi con il numero dei ricoveri Covid, ha messo in risalto regioni virtuose e regioni da “bocciare”
Il racconto del medico italiano a Bruxelles: «Covid fa meno paura della solitudine, ideato il compagno di coccole»
«Il peggio sembra essere passato. Tra i nuovi contagi, tanti sono asintomatici. Rispetto all’Italia c’è meno allarmismo»
di Federica Bosco
Calabria “Zona Rossa”, Minniti (AAROI-EMAC): «Il Governo ha ragionato in prospettiva, abbiamo ancora numeri bassi»
Il Presidente degli anestesisti-rianimatori sezione Calabria spiega qual è la situazione negli ospedali della regione alla luce dell’ultimo DPCM
Covid-19, Crisanti: «Numero letti in terapia intensiva criterio distorsivo. Virus va anticipato in tre mosse»
Il professore di Microbiologia dell’Università di Padova in audizione in Commissione Sanità al Senato ha spiegato: «Se a Vo’ Euganeo non avessimo testato tutti si sarebbe contagiato l’80% della popolazione». Poi sottolinea: «Gli indicatori più validi sono la densità di popolazione e la percentuale di positivi»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 22 gennaio, sono 97.536.545 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 2.091.848 i decessi. Ad oggi, oltre 57,58 milioni di persone sono state vaccinate nel mondo. Mappa elaborata dalla Johns H...
Voci della Sanità

Covid-19, professori di Yale condividono terapia domiciliare “made in Italy”

«Il nostro Paese ancora oggi non dispone di un adeguato schema terapeutico condiviso con i medici che hanno curato a domicilio e in fase precoce la malattia» spiega l'avvocato Erich Grimaldi, Presid...
Lavoro

Medici di famiglia vaccinatori, Scotti (Fimmg): «Impensabile coinvolgerci a queste condizioni»

Il Segretario Nazionale si scaglia contro la mancanza di programmazione: «Per noi nessun fondo in Finanziaria, ma non esiste vaccinazione di massa senza medicina del territorio»