Salute 3 Dicembre 2020 09:22

Covid-19, con ruxolitinib e cortisone possibile riduzione della mortalità del 70%

D’Alessio (Policlinico San Marco di Zingonia): «Dopo aver sperimentato diversi farmaci, questo, somministrato precocemente, ha dato risultati interessanti in attesa del vaccino»

di Federica Bosco

Si chiama ruxolitinib ed è il farmaco che a basso dosaggio e combinato al cortisone ridurrebbe del 70% la mortalità da Covid. Ad arrivare a questa conclusione un gruppo di specialisti del Policlinico San Marco di Zingonia (Bergamo) – Gruppo San Donato – guidati dal dottor Andrea D’Alessio.

Una strada per bloccare la tempesta di citochine

«Questo è un farmaco che si usa nei tumori ematologici nelle malattie mieloproliferative croniche, dove si ha una cattiva regolazione delle citochine che sono i mediatori delle infiammazioni che ritroviamo alte anche nella polmonite da Covid – spiega il medico raggiunto via Skype -. Questo virus ha due fasi: una prima prettamente virale, attacca l’organismo, in particolare l’epitelio respiratorio, e compaiono i primi sintomi, tosse e mancanza di fiato; non solo, attacca le cellule del sistema immunitario e le fa impazzire. Questo fa sì che perdano la capacità di regolare la risposta infiammatoria. In particolare, sono interessati i macrofagi e i linfociti T che iniziano ad avere quella che è chiamata la risposta immunitaria. Al tempo stesso producono un eccesso di citochine, chiamata anche tempesta delle citochine. Questo determina un ingrossamento dell’interstizio, il richiamo di altre cellule infiammatorie e la produzione di alcuni pneumociti. Gli alveoli si chiudono e si hanno quelle immagini radiologiche di polmoni bianchi, e dall’altro lato il danno endoteliale con la trombosi loco regionale. Poi le citochine vanno in giro per tutto il corpo e determinano il danno renale, il danno epatico, e diventa una vera e propria malattia sistemica».

Approvazione da comitato etico nazionale e AIFA per uso compassionevole

Un’intuizione di D’Alessio e l’approvazione del comitato etico unico nazionale e dell’AIFA per l’utilizzo in emergenza nell’ambito delle cure compassionevoli permettono al San Marco di testare il farmaco su una casistica più ampia. È nato lo studio denominato “Low – dose ruxolitinib plus steroid in severe SARS – COV-2 penumonia” per verificare effetti del farmaco sul decorso della malattia.

«Io ero a casa malato con la polmonite e stavo cercando di guidare i miei medici per capire cosa fosse questa malattia – ricostruisce il percorso che ha portato all’utilizzo del farmaco il dottor D’Alessio -. Abbiamo provato diversi farmaci, tra cui questo che tra l’altro stava dando buoni risultati in Cina e a Livorno seppur su un numero di pazienti limitato. Allora ho chiesto alla ditta produttrice di donarcelo. È stato il primo farmaco ad essere somministrato precocemente e questo è l’altro elemento determinante per la buona riuscita della sperimentazione. Il tempo di utilizzo è fondamentale, ovvero nella fase iniziale della malattia quando la malattia non ha ancora devastato il polmone e si può bloccarla sul nascere. Ho iniziato ad usare questo farmaco ed i malati hanno iniziato a stare meglio. Questo ci ha dato coraggio. Così abbiamo ridotto la mortalità del 70%».

Risultati incoraggianti in attesa del vaccino, senza abbassare la guardia

75 pazienti del San Marco hanno preso parte allo studio: 32 trattati con un ciclo di 10 giorni di ruxolitinib, mentre 43 trattati con terapia convenzionale. Alla conclusione i tassi di sopravvivenza erano più elevati nel gruppo ruxolitinib. Un traguardo significativo che per il dottor D’Alessio non deve però far abbassare la guardia.

«Questa malattia è evitabile se ci distanziamo e stiamo lontani – conclude il dottor D’Alessio visibilmente emozionato –. Ho vissuto la prima ondata e ora la seconda, mi auguro che non arrivi la terza e questo è possibile se tutti usiamo buon senso e coscienza. In questo momento i cinesi sono riusciti ad eliminare il virus dal loro territorio perché si sono distanziati e si sono riuniti solo nel momento in cui il virus non c’era più sul territorio. Noi anche mantenendo le attività lavorative e i negozi aperti, dobbiamo stare lontani. Poi il vaccino farà la sua parte ed allora probabilmente il 2021 sarà l’anno in cui riusciremo a vincere la battaglia, altrimenti avremo la terza ondata».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Vaccino Covid-19, Chimici e Fisici a Speranza: «Ci inserisca tra le categorie prioritarie da vaccinare»
«Nessun professionista sanitario deve essere escluso dalla lista delle categorie prioritarie da vaccinare» sottolinea la Presidente della FNCF, Nausicaa Orlandi
In Gran Bretagna contagi fuori controllo, cambia il piano vaccinale
Un cardiologo italiano racconta: «Variante più contagiosa, ora si predilige vaccinare il maggior numero di persone con la prima dose, ritardando la seconda. Ci vorranno almeno due o tre mesi per vedere un vero effetto del vaccino»
di Federica Bosco
Incubo terza ondata, i numeri tornano a salire in tutto il mondo
Risalgono i contagi in tutto il mondo, gli esperti temono la terza ondata. Al primo posto gli Stati Uniti con 3 milioni di nuovi casi in 15 giorni, segue il Regno Unito vittima della variante inglese. Italia ottava con tasso di mortalità ancora alto. In Cina si torna a morire per Covid
L’OMS lancia un’indagine in 26 Paesi europei per valutare le conseguenze del Covid sulla psiche
De Girolamo (IRCCS Fatebenefratelli): «Questionario online per 10000 cittadini tra i 18 e i 70 anni per conoscere ripercussione che avrà il virus su sfera economica, percezione della malattia attraverso l’informazione e ruolo del vaccino»
di Federica Bosco
All’ospedale San Paolo di Milano supereroi per i piccoli pazienti
Il primario di Pediatria: «Necessario infondere ottimismo. Momenti come quello regalato dalla onlus Supereroi Acrobati sono fondamentali nel percorso di guarigione»
di Federica Bosco
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 15 gennaio, sono 93.129.104 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.994.440 i decessi. Ad oggi, oltre 35,57 milioni di persone sono state vaccinate nel mondo. Mappa elaborata dalla Johns H...
Assicurativo

Posso portare in deduzione la mia Rc professionale?

Tutti coloro che devono stipulare una polizza per la responsabilità civile in ambito professionale hanno la necessità di far pesare il meno possibile tale onere obbligatorio sul loro reddito da lavo...
Voci della Sanità

Covid-19, professori di Yale condividono terapia domiciliare “made in Italy”

«Il nostro Paese ancora oggi non dispone di un adeguato schema terapeutico condiviso con i medici che hanno curato a domicilio e in fase precoce la malattia» spiega l'avvocato Erich Grimaldi, Presid...