Salute 3 Dicembre 2020 09:22

Covid-19, con ruxolitinib e cortisone possibile riduzione della mortalità del 70%

D’Alessio (Policlinico San Marco di Zingonia): «Dopo aver sperimentato diversi farmaci, questo, somministrato precocemente, ha dato risultati interessanti in attesa del vaccino»

di Federica Bosco

Si chiama ruxolitinib ed è il farmaco che a basso dosaggio e combinato al cortisone ridurrebbe del 70% la mortalità da Covid. Ad arrivare a questa conclusione un gruppo di specialisti del Policlinico San Marco di Zingonia (Bergamo) – Gruppo San Donato – guidati dal dottor Andrea D’Alessio.

Una strada per bloccare la tempesta di citochine

«Questo è un farmaco che si usa nei tumori ematologici nelle malattie mieloproliferative croniche, dove si ha una cattiva regolazione delle citochine che sono i mediatori delle infiammazioni che ritroviamo alte anche nella polmonite da Covid – spiega il medico raggiunto via Skype -. Questo virus ha due fasi: una prima prettamente virale, attacca l’organismo, in particolare l’epitelio respiratorio, e compaiono i primi sintomi, tosse e mancanza di fiato; non solo, attacca le cellule del sistema immunitario e le fa impazzire. Questo fa sì che perdano la capacità di regolare la risposta infiammatoria. In particolare, sono interessati i macrofagi e i linfociti T che iniziano ad avere quella che è chiamata la risposta immunitaria. Al tempo stesso producono un eccesso di citochine, chiamata anche tempesta delle citochine. Questo determina un ingrossamento dell’interstizio, il richiamo di altre cellule infiammatorie e la produzione di alcuni pneumociti. Gli alveoli si chiudono e si hanno quelle immagini radiologiche di polmoni bianchi, e dall’altro lato il danno endoteliale con la trombosi loco regionale. Poi le citochine vanno in giro per tutto il corpo e determinano il danno renale, il danno epatico, e diventa una vera e propria malattia sistemica».

Approvazione da comitato etico nazionale e AIFA per uso compassionevole

Un’intuizione di D’Alessio e l’approvazione del comitato etico unico nazionale e dell’AIFA per l’utilizzo in emergenza nell’ambito delle cure compassionevoli permettono al San Marco di testare il farmaco su una casistica più ampia. È nato lo studio denominato “Low – dose ruxolitinib plus steroid in severe SARS – COV-2 penumonia” per verificare effetti del farmaco sul decorso della malattia.

«Io ero a casa malato con la polmonite e stavo cercando di guidare i miei medici per capire cosa fosse questa malattia – ricostruisce il percorso che ha portato all’utilizzo del farmaco il dottor D’Alessio -. Abbiamo provato diversi farmaci, tra cui questo che tra l’altro stava dando buoni risultati in Cina e a Livorno seppur su un numero di pazienti limitato. Allora ho chiesto alla ditta produttrice di donarcelo. È stato il primo farmaco ad essere somministrato precocemente e questo è l’altro elemento determinante per la buona riuscita della sperimentazione. Il tempo di utilizzo è fondamentale, ovvero nella fase iniziale della malattia quando la malattia non ha ancora devastato il polmone e si può bloccarla sul nascere. Ho iniziato ad usare questo farmaco ed i malati hanno iniziato a stare meglio. Questo ci ha dato coraggio. Così abbiamo ridotto la mortalità del 70%».

Risultati incoraggianti in attesa del vaccino, senza abbassare la guardia

75 pazienti del San Marco hanno preso parte allo studio: 32 trattati con un ciclo di 10 giorni di ruxolitinib, mentre 43 trattati con terapia convenzionale. Alla conclusione i tassi di sopravvivenza erano più elevati nel gruppo ruxolitinib. Un traguardo significativo che per il dottor D’Alessio non deve però far abbassare la guardia.

«Questa malattia è evitabile se ci distanziamo e stiamo lontani – conclude il dottor D’Alessio visibilmente emozionato –. Ho vissuto la prima ondata e ora la seconda, mi auguro che non arrivi la terza e questo è possibile se tutti usiamo buon senso e coscienza. In questo momento i cinesi sono riusciti ad eliminare il virus dal loro territorio perché si sono distanziati e si sono riuniti solo nel momento in cui il virus non c’era più sul territorio. Noi anche mantenendo le attività lavorative e i negozi aperti, dobbiamo stare lontani. Poi il vaccino farà la sua parte ed allora probabilmente il 2021 sarà l’anno in cui riusciremo a vincere la battaglia, altrimenti avremo la terza ondata».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
«Coinvolgeteci nei processi decisionali sui farmaci come fa EMA». La richiesta di 43 associazioni dei pazienti ad AIFA
Per Annamaria Mancuso, Coordinatrice del Gruppo “La salute: un bene da difendere, un diritto da promuovere”, «occorre trasparenza, vogliamo capire come vengono assunte alcune decisioni che incidono sulle nostre vite». L’EMA ha istituzionalizzato il coinvolgimento già dal 2005
di Francesco Torre
Tobia (Federfarma): «Garantire ai cittadini europei equo accesso a farmaci»
Si è tenuto oggi a Roma il simposio annuale PGEU, nell'ambito del quale si è discusso della nuova regolamentazione sui farmaci dell'Unione Europea
Si possono bere alcolici quando si risulta positivi al Sars-CoV-2?
Il consumo di alcolici è controindicato quando si è positivi al virus Sars CoV-2. Gli studi mostrano infatti che gli alcolici possono compromettere il sistema immunitario
Dopo quanto tempo ci si può ammalare di nuovo di Covid-19?
Gli studi indicano che le reinfezioni con Omicron sono più frequenti. Una ricerca suggerisce un intervallo tra i 90 e i 640 giorni, un'altra tra i 20 e i 60 giorni
DL Riaperture, via libera dalla Camera. Cosa cambia per mascherine, isolamento, green pass e obbligo vaccinale
Il provvedimento recepisce la fine dello stato di emergenza. Prorogato lo smart working per i lavoratori fragili. Medici in quiescenza potranno continuare a ricevere incarichi di lavoro autonomo
di Francesco Torre
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 6 luglio, sono 551.283.678 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.342.322 i decessi. Ad oggi, oltre 11,77 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nbs...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi della variante Omicron BA.5 e quanto durano?

La variante Omicron BA.5 tende a colpire le vie aeree superiori, causando sintomi lievi, come naso che cola e febbre. I primi dati indicano che i sintomi durano in media 4 giorni
Covid-19, che fare se...?

Negativo con i sintomi, quando posso ripetere il test?

Capita sempre più spesso che una persona con i sintomi del Covid-19 risulti negativa al primo test. Con Omicron sono stati segnalati più casi di positività ritardata. Meglio ripet...