Salute 3 Dicembre 2020 09:22

Covid-19, con ruxolitinib e cortisone possibile riduzione della mortalità del 70%

D’Alessio (Policlinico San Marco di Zingonia): «Dopo aver sperimentato diversi farmaci, questo, somministrato precocemente, ha dato risultati interessanti in attesa del vaccino»

di Federica Bosco

Si chiama ruxolitinib ed è il farmaco che a basso dosaggio e combinato al cortisone ridurrebbe del 70% la mortalità da Covid. Ad arrivare a questa conclusione un gruppo di specialisti del Policlinico San Marco di Zingonia (Bergamo) – Gruppo San Donato – guidati dal dottor Andrea D’Alessio.

Una strada per bloccare la tempesta di citochine

«Questo è un farmaco che si usa nei tumori ematologici nelle malattie mieloproliferative croniche, dove si ha una cattiva regolazione delle citochine che sono i mediatori delle infiammazioni che ritroviamo alte anche nella polmonite da Covid – spiega il medico raggiunto via Skype -. Questo virus ha due fasi: una prima prettamente virale, attacca l’organismo, in particolare l’epitelio respiratorio, e compaiono i primi sintomi, tosse e mancanza di fiato; non solo, attacca le cellule del sistema immunitario e le fa impazzire. Questo fa sì che perdano la capacità di regolare la risposta infiammatoria. In particolare, sono interessati i macrofagi e i linfociti T che iniziano ad avere quella che è chiamata la risposta immunitaria. Al tempo stesso producono un eccesso di citochine, chiamata anche tempesta delle citochine. Questo determina un ingrossamento dell’interstizio, il richiamo di altre cellule infiammatorie e la produzione di alcuni pneumociti. Gli alveoli si chiudono e si hanno quelle immagini radiologiche di polmoni bianchi, e dall’altro lato il danno endoteliale con la trombosi loco regionale. Poi le citochine vanno in giro per tutto il corpo e determinano il danno renale, il danno epatico, e diventa una vera e propria malattia sistemica».

Approvazione da comitato etico nazionale e AIFA per uso compassionevole

Un’intuizione di D’Alessio e l’approvazione del comitato etico unico nazionale e dell’AIFA per l’utilizzo in emergenza nell’ambito delle cure compassionevoli permettono al San Marco di testare il farmaco su una casistica più ampia. È nato lo studio denominato “Low – dose ruxolitinib plus steroid in severe SARS – COV-2 penumonia” per verificare effetti del farmaco sul decorso della malattia.

«Io ero a casa malato con la polmonite e stavo cercando di guidare i miei medici per capire cosa fosse questa malattia – ricostruisce il percorso che ha portato all’utilizzo del farmaco il dottor D’Alessio -. Abbiamo provato diversi farmaci, tra cui questo che tra l’altro stava dando buoni risultati in Cina e a Livorno seppur su un numero di pazienti limitato. Allora ho chiesto alla ditta produttrice di donarcelo. È stato il primo farmaco ad essere somministrato precocemente e questo è l’altro elemento determinante per la buona riuscita della sperimentazione. Il tempo di utilizzo è fondamentale, ovvero nella fase iniziale della malattia quando la malattia non ha ancora devastato il polmone e si può bloccarla sul nascere. Ho iniziato ad usare questo farmaco ed i malati hanno iniziato a stare meglio. Questo ci ha dato coraggio. Così abbiamo ridotto la mortalità del 70%».

Risultati incoraggianti in attesa del vaccino, senza abbassare la guardia

75 pazienti del San Marco hanno preso parte allo studio: 32 trattati con un ciclo di 10 giorni di ruxolitinib, mentre 43 trattati con terapia convenzionale. Alla conclusione i tassi di sopravvivenza erano più elevati nel gruppo ruxolitinib. Un traguardo significativo che per il dottor D’Alessio non deve però far abbassare la guardia.

«Questa malattia è evitabile se ci distanziamo e stiamo lontani – conclude il dottor D’Alessio visibilmente emozionato –. Ho vissuto la prima ondata e ora la seconda, mi auguro che non arrivi la terza e questo è possibile se tutti usiamo buon senso e coscienza. In questo momento i cinesi sono riusciti ad eliminare il virus dal loro territorio perché si sono distanziati e si sono riuniti solo nel momento in cui il virus non c’era più sul territorio. Noi anche mantenendo le attività lavorative e i negozi aperti, dobbiamo stare lontani. Poi il vaccino farà la sua parte ed allora probabilmente il 2021 sarà l’anno in cui riusciremo a vincere la battaglia, altrimenti avremo la terza ondata».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Senior Italia FederAnziani: «Boom di calo dell’aderenza alla terapia negli anziani»
Messina: «Occorrono nuove forme di supporto per migliorare la presa in carico del paziente e l’aderenza terapeutica, sfruttando le potenzialità delle nuove tecnologie»
Variante Delta, quanto proteggono i vaccini? Il caso Uk
Quella che fino a poco tempo fa chiamavamo “variante indiana” è molto più contagiosa e pericolosa di quella inglese. I vaccini attualmente disponibili offrono una protezione adeguata?
Fisioterapisti e Covid, i numeri dello studio AIFI: uno su sette positivo durante la prima ondata
La ricercatrice Silvia Gianola, prima autrice dello studio pubblicato su 'Physical Therapy': «Picco di prevalenza più alto nel mese di marzo quando uno su tre dei fisioterapisti che avevano fatto il tampone risultavano positivi»
Sospensione AstraZeneca, Cisl Medici Lazio: «Doverosa, ma è ora di riflettere sul da farsi»
Con nota protocollo U0517817 del 11.06.2021 la Direzione Regionale Salute e Integrazione Sociosanitaria della Regione Lazio ha sospeso la somministrazione del vaccino Vaxevria, comunemente noto come Astra-Zeneca «in attesa degli imminenti pronunciamenti delle istituzioni e degli Enti Regolatori competenti circa possibile limitazioni di uso». «La Cisl Medici Lazio plaude alla iniziativa – si legge nella nota – peraltro […]
Vaccinare i più piccoli ha senso? I dubbi degli scienziati tra immunità di gregge e pericolo varianti
Su Nature il confronto tra esperti di pareri opposti, mentre la Germania ha deciso per sé: vaccinerà solo i minori più fragili, non gli altri. Intanto l'Oms chiede dosi per i paesi più poveri, dove gli anziani sono ancora scoperti
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 15 giugno, sono 176.273.244 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 3.812.157 i decessi. Ad oggi, oltre 2,37 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Cause

Medico condannato a pagare 25mila euro di provvisionale. L’Azienda lo lascia solo

Dopo una condanna in sede penale di primo grado, un camice bianco ha chiesto sostegno alla direzione sanitaria, che gliel’ha negato: «Quel che è successo a me potrebbe succedere a t...
Cause

Primario imputato per associazione a delinquere insieme ad un centinaio di colleghi: assolto 7 anni dopo. La sua storia

Giornali e tv, locali e nazionali, diedero la notizia dell’indagine con tanto di nomi e cognomi. «All’assoluzione, invece, al massimo un trafiletto». Quando il mostro sbattuto ...