Salute 4 Aprile 2018 16:15

Che cos’ha Cicciobello? Il morbillo. Ed è subito polemica

«Il morbillo non è un gioco» così Walter Ricciardi, Presidente dell’Istituto Superiore di Sanità e Roberto Burioni, noto medico pro-vax, prendono le distanze dal nuovo prodotto da ‘Giochi Preziosi’ che ha lanciato sul mercato il famoso bambolotto coperto da bollicine rosse. «Da sempre i bambini giocano al medico e al dottore», si difende l’azienda italiana

Che cos’ha Cicciobello? Il morbillo. Ed è subito polemica

«Che cosa ha Cicciobello? È tutto coperto di pois! Aiutalo a guarire con i cerottini, la cremina e la magica salvietta!». Così recita lo slogan della réclame di Cicciobello Morbillino, il nuovo bambolotto dell’azienda Giochi Preziosi che ha indignato buona parte del mondo medico scientifico. A sua insaputa il paffuto bambolotto che questa volta si ammala di morbillo – nelle precedenti 40 versioni si fa ‘la bua’, ‘ha il raffreddore’, ‘fa la pappa’ etc. –  è stato accusato di «indurre ad una banalizzazione e sottovalutazione di una patologia, quella del morbillo, che, come tutte le malattie virali, è molto insidiosa», spiega Walter Ricciardi, Presidente dell’Istituto Superiore di Sanità secondo il quale il prodotto andrebbe ritirato dal mercato.

Infatti il biondo bambolotto, che ha fatto fare preventiva pratica da mamme alle bambine dagli anni ’60 in poi, si ammala di morbillo e per essere curato ha bisogno soltanto di una salvietta (presente nel kit di pronto soccorso nella confezione) che magicamente cancella i puntini rossi su viso e braccia e risolve ogni problema. «Collegare una malattia come il morbillo a qualcosa di giocoso – afferma Ricciardi – è fuorviante. Si corre così il rischio di indurre le persone a preoccuparsi più del vaccino, che è sicuro, che della malattia che, invece, non è assolutamente banale» aggiunge il Presidente.

«Si tratta di un gioco, abbiamo fatto tutto in buona fede», si difende dalle accuse Dario Bertè, Ceo di Giochi Preziosi, rimasto particolarmente stupito dalla reazione all’ultimo prodotto della società. «Non pensiamo di aver fatto nulla di oltraggioso – prosegue – ripescando un concetto che è sempre esistito, quello delle bambole con la ‘bua’. Perché dovremmo ritirarlo? Il ritiro viene fatto solo dopo una decisione delle autorità. Noi produciamo giochi da una vita: i bambini hanno sempre giocato al dottore e all’ammalato con i bambolotti».

I maggiori rimproveri riguardano l’idea che il morbillo si possa curare con una pezza bagnata e una pennetta, «pensate davvero che un genitore vada in farmacia a chiedere la penna per curare il morbillo? – prosegue Bertè -. Piuttosto, penso che un bambino si informerà sulla malattia. Purtroppo è un periodo complicato, vista la polemica sui vaccini, ma non abbiamo pensato ci potessero essere criticità di questo tipo».

«Attendiamo il Cicciobello Linfomino e pure quello Meningitino» chiosa Roberto Burioni, il medico pro-vax che sul suo profilo Twitter condanna il nuovo prodotto dell’azienda di giocattoli. «Mi chiedo chi siano questi geni che banalizzano malattie gravi senza rispetto per i malati e per i loro familiari. E pensare – scrive Burioni – che me la prendo con gli antivaccinisti».

Foto tratta da www.giochipreziosi.it

 

SEGUICI ANCHE SU FACEBOOK <— CLICCA QUI

 

Articoli correlati
Danni da vaccinazione anti-Covid, novità in materia di indennizzo
La vaccinazione è un trattamento sanitario (art. 32 Cost.) che, secondo la Corte Costituzionale, ha una duplice finalità: “individuale” in quanto mira a proteggere la persona che si sottopone alla vaccinazione e “collettiva” poiché mira a proteggere gli altri dal rischio di diffusione del contagio
Il ritorno dei medici non vaccinati: ovvero, dell’obbligo vaccinale tra politica, scienza e deontologia
di Ciro Isidoro, Professore Ordinario di Patologia Generale e Immunologia (Scuola di Medicina dell’Università del Piemonte Orientale, Novara)
di Ciro Isidoro, Professore Ordinario di Patologia Generale e Immunologia (Scuola di Medicina dell’Università del Piemonte Orientale, Novara)
Covid, ricoveri crescono del 37%. Migliore (Fiaso): «Andiamo verso endemizzazione»
Incremento nei reparti ordinari, in terapia intensiva situazione stabile: «Anziani e fragili rimangono soggetti a rischio e sono proprio loro ad avere complicazioni»
La lunga battaglia contro la malaria, tra sfide vinte e ancora aperte
Da quando la sua eziologia è stata descritta per la prima volta più di 100 anni fa, la malaria è diventata una delle malattie infettive più conosciute al mondo. Tuttavia, nel 2019 ci sono stati ancora più di 620.000 decessi e circa 230 milioni di casi in tutto il mondo, quasi tutti nell'Africa subsahariana
di Stefano Piazza
Si può scegliere il tipo di vaccino da fare?
Non è possibile scegliere il vaccino anti-Covid da fare. Tuttavia, al momento della prenotazione è possibile selezionare la struttura in base al tipo di vaccino che somministra
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Dalla Redazione

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Ad oggi, 5 dicembre 2022, sono 645.344.408 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.641.218 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia L’ultimo bollettino di...
Covid-19, che fare se...?

Se ho avuto il Covid-19 devo fare lo stesso la quarta dose?

Il secondo booster è raccomandato anche per chi ha contratto una o più volte il virus responsabile di Covid-19. Purché la somministrazione avvenga dopo almeno 120 giorni dall'esit...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono gli effetti collaterali della quarta dose?

Gli effetti collaterali dell'ultimo richiamo di Covid-19 sono simili a quelli associati alle dosi precedenti: un leggero gonfiore o arrossamento nel punto di iniezione, stanchezza e mal di testa