Salute 29 Aprile 2020 14:30

Coronavirus e la strage nelle RSA, nasce un Advisory Board per soluzioni e proposte

Il comitato di esperti messo in piedi da FederAnziani ha redatto un documento sulla gestione dell’emergenza Covid-19 nelle strutture residenziali per anziani: DPI, tamponi e supporto psicologico a pazienti e famiglie

Sarà forse ricordata come la strage degli anziani, quella che in queste settimane si sta verificando nelle case di riposo di tutto il mondo. I più vulnerabili al Coronavirus, pare che nessuno sia stato in grado di proteggerli in modo adeguato.

In Italia, secondo l’Istituto superiore di sanità, il 40% dei circa 7mila decessi che si sono verificati nelle Rsa da primo febbraio a metà aprile. Ma il fenomeno è tristemente comune alla maggior parte dei Paesi del mondo. È l’Organizzazione mondiale della sanità, nei giorni scorsi, ad aver lanciato l’allarme: sul totale delle vittime europee da Coronavirus, circa la metà è costituita da anziani che abitavano nelle case di cura.

In Canada si incontra la stessa percentuale: la metà delle vittime del Covid era ricoverata negli ospizi, dove il premier Justin Trudeau è stato costretto ad inviare i militari per assistere gli anziani; gli Istituti d’accoglienza per anziani non autonomi rappresentano quasi il 40% della mortalità da Covid-19 in Francia; nel Regno Unito sono almeno 4mila gli anziani morti all’interno delle ‘care homes’. E l’elenco potrebbe continuare ancora per molto.

Senior Italia FederAnziani ha quindi preso in mano la situazione, costituendo un Advisory Board con i massimi esperti del settore sanitario per offrire suggerimenti alle direzioni delle RSA sulla gestione dell’emergenza e avanzare proposte precise ai decisori politici.

Il gruppo, composto da rappresentanti della medicina generale, delle specializzazioni coinvolte, degli infermieri, ma anche da esponenti istituzionali come Ranieri Guerra dell’OMS, ha già elaborato un documento, “Gestione dell’emergenza COVID 19 nelle strutture residenziali per anziani”, da cui emergono le prime indicazioni.

LEGGI IL DOCUMENTO

«È fondamentale adottare – si legge nel documento – una speciale attenzione per la prevenzione e il controllo delle infezioni all’interno delle RSA, riconoscendo il ruolo di primo piano di tali strutture come spina dorsale del sistema di welfare e la particolare vulnerabilità dei loro residenti. Deve essere garantita a ogni RSA una preventiva dotazione di DPI adeguati, sufficienti per residenti e personale per almeno due settimane».

Altro punto centrale, accanto a quello dei dispositivi, è quello dei tamponi, che «devono essere effettuati in modo sistematico e non a macchia di leopardo, con esiti garantiti in tempi rapidi» ed estesi anche agli asintomatici.

Tra le indicazioni per i decisori politici quella di rafforzare il ruolo della sanità territoriale affinché possa gestire anche il trasferimento degli ospiti in ambito familiare prevedendo un ruolo di primo piano dei MMG e degli specialisti ambulatoriali. Devono essere forniti poi alle RSA adeguate informazioni circa le procedure da rispettare per contenere l’infezione, e sistemi di telemonitoraggio cardiorespiratorio, per individuare precocemente il deterioramento dei parametri vitali.

LEGGI ANCHE: FASE 2, DEGANI (UNEBA LOMBARDIA): «VIROLOGI E MEDICI SPECIALISTI SI TRASFERISCANO NELLE RSA»

Secondo gli esperti non va trascurato poi l’impatto psicologico dell’emergenza, da gestire con un adeguato supporto a famiglie e ospiti. Occorre inoltre, si legge nel documento, «riaffermare con chiarezza ruoli e responsabilità delle direzioni sanitarie rispetto alle procedure e dei medici del lavoro rispetto alla valutazione del rischio del personale». In caso di pandemia, «occorre prevedere che la responsabilità dei Gestori e degli operatori sanitari e socio-sanitari sia circoscritta al solo caso di dolo».

Una particolare attenzione si raccomanda nella vaccinazione e nella gestione delle cronicità degli ospiti, per cui «è necessario rafforzare tutte le azioni necessarie alla gestione preventiva e terapeutica delle cronicità». Anche la riabilitazione conserva un ruolo centrale nell’emergenza: «La prolungata immobilizzazione soprattutto nei casi gravi – recita il documento – provoca un grave decondizionamento con conseguente disabilità, danno funzionale (miopatia e neuropatia da Critical Illness) danno polmonare e netto peggioramento della qualità di vita. È quindi evidente come, anche nelle RSA, ogni intervento riabilitativo per disabilità di origine differente, anche come esiti della Covid-19, debba essere gestito dal Medico specialista in Medicina Fisica e Riabilitativa come responsabile e coordinatore di un Team multidisciplinare».

Non va dimenticata, infine, la mortalità degli anziani presso il proprio domicilio, che secondo quanto emerso dalle ricerche dell’Osservatorio Settoriale sulle RSA della LIUC Business School non va considerato necessariamente un luogo più sicuro delle RSA.

I componenti dell’Advisory Board:

  • Pierluigi Bartoletti – Vice Segretario Generale Nazionale FIMMG
  • Rossella Costantino – Delegata SIMFER – Società Italiana di Medicina Fisica e Riabilitativa
  • Fernando De Benedetto – Delegato Società Italiana di Pneumologia (SIP IRS) e del Centro Studi SIP
  • Nicola Draoli – Delegato FNOPI
  • Claudio Ferri – Professore Ordinario in Medicina Interna, Università degli Studi dell’ Aquila
  • Ranieri Guerra – Esperto
  • Antonio Magi – Segretario Generale SUMAI-Assoprof – Sindacato Unico Medicina Ambulatoriale Italiana e Professionalità dell’Area Sanitaria
  • Marcella Marletta – già DG della Direzione generale dei dispositivi medici e del servizio farmaceutico del Ministero della Salute
  • Roberto Messina – Presidente Senior Italia FederAnziani
  • Fabrizio Pregliasco – Virologo, Direttore Sanitario dell’IRCCS Istituto Ortopedico Galeazzi di Milano
  • Mariuccia Rossini – Presidente AGeSPI Nazionale
  • Antonio Sebastiano – Direttore Osservatorio RSA, Liuc Business School
  • Eleonora Selvi – Consigliere Nazionale Senior Italia FederAnziani – Responsabile Comunicazione
  • Angelo Testa – Presidente SNAMI – Sindacato Nazionale Autonomo Medici Italiani

 

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo
Al 15 ottobre, sono 239.611.288 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 4.882.126 i decessi. Ad oggi, oltre 6,57 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I casi in Italia Il bollettino di oggi (15 ottobre): Ad oggi in Italia il totale delle persone […]
Il 10 ottobre scatta l’obbligo vaccinale nelle RSA ma manca il decreto per stabilire chi controlla
Degani (Uneba Lombardia) «L’obbligo vaccinale scatta il 10 ottobre e l’accertamento del rispetto dell’obbligo viene affidato ai responsabili delle strutture e ai datori di lavoro. Il testo però rimanda per le modalità di verifica dell’adempimento ad un successivo decreto di cui non c’è notizia»
di Federica Bosco
Salvare i nonni colpiti dall’Ictus si può con Fast Heroes
Al via nelle scuole primarie milanesi, in collaborazione con l’’associazione A.L.I.Ce, il progetto che insegna ai bambini delle scuole primarie a riconoscere i sintomi e ad attivare il numero di emergenza
di Federica Bosco
HappyAgeing, come gestire l’immunizzazione negli anziani in vista dell’inverno
In occasione della II Assise Nazionale HappyAgeing sull’immunizzazione dell’adulto e dell’anziano, un dialogo tra il presidente del CTS Conversano e tanti professionisti sui risultati da raggiungere per la stagione fredda e sul nuovo approccio per avvicinare la popolazione a vaccini come influenza, pneumococco e Herpes Zoster
Effetto vaccini, crolla mortalità per Covid-19 nelle Rsa. Il report ISS
Onder (ISS): «I dati mostrano un lieve nuovo aumento dei focolai nei mesi estivi, in linea con quanto è avvenuto anche nella popolazione generale. Questo dato sottolinea la necessità di rinforzare l’immunità dei residenti tramite una dose booster o addizionale»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 15 ottobre, sono 239.611.288 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 4.882.126 i decessi. Ad oggi, oltre 6,57 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Ecm

Formazione ECM, Sileri: «Tre mesi per recuperare trienni passati, poi controlli e sanzioni a irregolari»

Il sottosegretario alla Salute Pierpaolo Sileri ricorda la scadenza della proroga dei trienni formativi 2014-2016 e 2017-2019 prevista per il 31 dicembre 2021, e chiarisce: «Non ci saranno altre...
Lavoro

Esonero contributivo Enpam, c’è tempo fino al 31 ottobre. Come funziona

Chi può accedere all'esonero contributivo per gli iscritti Enpam che arriva fino a 3mila euro?