Salute 25 Febbraio 2020

Coronavirus, Andreoni (Simit): «Infezione decorre perlopiù in maniera asintomatica. Mortalità interessa persone fragili»

«In Italia migliaia di tamponi anche a chi non presenta segni di malattia: questa ricerca così accurata e puntuale può portare ad avere più casi positivi. Cerchiamo il virus con molta più attenzione rispetto agli altri Paesi» precisa a Sanità Informazione il presidente Simit Massimo Andreoni

Immagine articolo

«L’epidemia si sta diffondendo ma non in maniera vertiginosa. La mortalità interessa, quasi nella totalità dei casi, persone anziane e con comorbidità». Gli ultimi dati di infezione da nuovo coronavirus in Italia parlano di più di duecento contagiati. Si sono registrati i primi casi anche in Liguria, Toscana e Sicilia. La situazione è seria e da non sottovalutare, «ma le misure di quarantena obbligatoria e sorveglianza attiva disposte dal Governo sono, al momento, corrette e sufficienti». È questo il pensiero del professor Massimo Andreoni, direttore scientifico della Società italiana di malattie infettive e tropicali Simit che, nell’intervista a Sanità Informazione, fa il punto della situazione.

LEGGI ANCHE: CORONAVIRUS E BAMBINI, LO PSICOTERAPEUTA: «HANNO PAURA SE VEDONO ADULTI SPAVENTATI SENZA CONOSCERNE IL MOTIVO. DICIAMO LORO LA VERITÀ»

Presidente Andreoni, che tipo d’infezione è quella da nuovo coronavirus?

«È un’infezione virale, un virus che dall’animale, sembra dal pipistrello, è passato all’uomo. Questo passaggio, che si definisce salto di specie, è un evento sempre molto pericoloso, perché l’essere umano viene infettato da un virus che non ha conosciuto precedentemente, è nuovo per lui e questo determina il fatto che non ha nessuna difesa immunitaria nei suoi confronti. Quando questo fenomeno accade, così come è accaduto per l’HIV e la SARS, effettivamente c’è un grande pericolo che si possa sviluppare una pandemia, ossia che il virus si riesca a diffondere in maniera non controllata tra tutte le persone e in tutto il mondo. Ad oggi, non possiamo ancora di parlare di pandemia per il Covid-19, ma il rischio c’è».

Dai dati registrati finora, parliamo di una mortalità bassa?

«È una mortalità intermedia, più bassa della letalità della SARS che aveva una mortalità di quasi il 10%. Il tasso di letalità di questo virus è intorno al 2,5%, questo significa che su 100 persone ce ne sono 2,5 che muoiono. Confrontato con l’influenza, che ha una mortalità dello 0,1 %, è una mortalità più alta, ma non altissima. E poi, soprattutto, la mortalità interessa quasi nella totalità dei casi persone anziane e con comorbidità, le più fragili».

Qual è la situazione attuale, dai numeri registrati finora in Italia?

«Dai dati che abbiamo in Italia possiamo dire che l’epidemia si sta diffondendo ma non in maniera vertiginosa, è abbastanza controllata. Nella maggior parte dei casi l’infezione decorre in maniera o del tutto asintomatica o con pochi sintomi. In questo senso, prendere l’infezione non vuol dire avere una polmonite gravissima: nella maggior parte dei casi, vuol dire non sviluppare nessuna malattia; se compare la malattia, in casi molto rari sarà grave e potrebbe portare a problemi seri fino ad arrivare anche alla morte.Le persone più anziane certamente hanno un sistema immunitario più fragile degli altri e anche altre comorbidità».

Perché il numero dei contagi in Italia è di gran lunga superiore agli altri Paesi europei?

«Una risposta certa su questo non l’abbiamo: certamente una cosa che possiamo dire è che noi in Italia stiamo facendo migliaia di tamponi a persone che non presentano segni di malattia ma che sono state in qualche modo a contatto con persone malate. Questa ricerca così accurata e puntuale evidentemente determina il fatto che noi potremo avere molti più casi emersi proprio perché cerchiamo il virus con molta più attenzione rispetto agli altri Paesi».

LEGGI ANCHE: CORONAVIRUS A MILANO, PARLA IL DERMATOLOGO DEL POLICLINICO CONTAGIATO: «IL PEGGIO È PASSATO»

Secondo lei, a chi devono essere fatti i tamponi?

«Anche alle persone che non presentano sintomi. Questo è il sistema che permette di controllare la diffusione della malattia; se noi troviamo il virus anche nelle persone non malate le mettiamo comunque in quarantena, in un sistema controllato e sorvegliato in modo tale da verificare se sviluppano la malattia e che non la trasmettano ad altri. Fare tanti tamponi e trovare la positività in gente sana è estremamente utile per fermare l’epidemia».

A livello di prevenzione, cosa possiamo fare?

«Noi dobbiamo fare attenzione quando ci troviamo nelle zone interessate dalla circolazione del virus e quindi, al momento, solo in alcune Regioni. Ci sono da adottare alcune precauzioni: un minimo di distanza dalle persone, soprattutto se starnutiscono o tossiscono perché le goccioline del virus arrivano fino a un metro e mezzo da noi. Poi, dobbiamo lavarci le mani spesso perché possono essere un veicolo che trasporta il virus; acqua calda e sapone in maniera energica e per un tempo sufficientemente lungo è già un buon sistema, ma sono efficaci anche i detergenti ambientali semplici come idrogel alcolici, ipoclorito di sodio, alcol diluito. Sono ottimi strumenti per sanificare l’ambiente e uccidere il virus se fosse presente sulle nostre mani».

Le misure adottate finora sono corrette e sufficienti?

«Le misure di contenimento devono essere limitate in questo momento alle zone dove c’è circolazione del virus. Chiudere le scuole o disporre misure che riducano l’accalcarsi di persone è corretto. Ma chiudere le scuole dove il virus non è segnalato non avrebbe alcun senso. C’è un sistema di sorveglianza molto attento: se il virus dovesse circolare anche nelle zone per ora non coinvolte, saremo pronti a intervenire».

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
Farmaci e vaccini coronavirus, se la ricerca va più veloce delle autorizzazioni
Centri di ricerca e di analisi lavorano a pieno regime, spiega il New England Journal of Medicine: le autorizzazioni per analogia farmaceutica sono cruciali
di Tommaso Caldarelli
Covid-19, 43mila infezioni di origine professionale denunciate all’Inail. Il 72% da Sanità e assistenza sociale
Pubblicato il terzo report elaborato dalla Consulenza statistico attuariale dell’Istituto, con la collaborazione della Direzione centrale organizzazione digitale. I casi mortali sono 171 (+42) e circa la metà riguarda il personale sanitario e socio-assistenziale
Covid-19 e HCV, la proposta: «Abbinare ai test sierologici gli screening per l’Epatite C»
«L’opportunità di effettuare questi test per rilevare la presenza di HCV non ha precedenti. Auspichiamo un Paese senza Covid, ma anche senza Epatite C. E per questo, più persone potremo curare, più ci avvicineremo all’obiettivo», evidenzia il Prof. Massimo Galli
La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia
Al 22 maggio, sono 5.410.439 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 345.105 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA     Bollettino delle ore 18:00 del 25 maggio: nell’ambito del monitoraggio sanitario relativo alla diffusione del Coronavirus sul nostro territorio, a oggi, 25 maggio, il totale delle […]
Analisi mortalità Inps: in Italia i decessi sono aumentati del 48%, nelle province lombarde più colpite si supera il 200%
Il primato a Bergamo, con un aumento tra 400% e 500%. Più colpiti gli uomini delle donne, al Sud le variazioni meno significative. Dai dati del report: «Veneto ha gestito la crisi meglio della Lombardia»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 22 maggio, sono 5.410.439 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 345.105 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA     Bollettino delle ore 18:00 de...
Lavoro

Covid-19 e Fase 2, come prevenire il contagio: ecco il vademecum per gli operatori sanitari

Le misure di protezione per gli operatori e i pazienti, l’organizzazione degli spazi di lavoro, la guida al corretto utilizzo dei Dpi, il triage telefonico, la sanificazione e la disinfezione degli ...
Salute

«A Piacenza onda d’urto impressionante, per questo abbiamo il più alto numero di morti». Parla il pioniere della lotta al virus Luigi Cavanna

L’oncologo noto per i suoi interventi ‘casa per casa’ per sconfiggere l’epidemia: «Azione precoce arma vincente, nessun paziente curato a domicilio è morto». E ricorda i primi giorni dell'e...