Salute 8 Novembre 2018

Fiaso, l’orgoglio dei manager della sanità: «Abbiamo salvato il SSN». Ripa di Meana: «Ora fondo per innovazione e sblocco assunzioni»

A Roma il ventennale della Federazione Italiana Aziende sanitarie e ospedaliere che ha riunito i dirigenti di 170 aziende sanitarie. Il Presidente: «Abbiamo reso il sistema capace di produrre a costi sostenibili qualità. Chiediamo siano sbloccati i contratti»

Immagine articolo

Un ruolo fondamentale a garanzia del diritto alla salute sancito dall’articolo 32 della Costituzione. Lo rivendicano con forza i dirigenti delle aziende sanitarie e ospedaliere della Fiaso riuniti al Palazzo dei Congressi di Roma in una convention che celebra i 20 anni dell’associazione e che cade in un anno in cui si celebrano altre due ricorrenze: il quarantennale del Sistema Sanitario Nazionale istituito con la legge 833 e il venticinquennale dell’introduzione delle Asl in sostituzione delle Usl. Un’assise che vede tremila partecipanti, 170 aziende sanitarie e ospedaliere, 14 associazioni di middle management e 50 imprese partner: numeri sottolineati dal presidente Francesco Ripa di Meana che ha rivendicato l’autonomia dei dirigenti sanitari dalla politica: «Noi siamo scelti dalla politica regionale che rappresenta la proprietà pubblica e di questo siamo orgogliosi, al pari della nostra autonomia, e per questo vogliamo essere valutati per i risultati di gestione rispetto agli obiettivi che la proprietà ci affida».

Nella relazione introduttiva Ripa di Meana ha difeso l’aziendalizzazione del Sistema sanitario che «ha contribuito in modo determinante alla solidità del sistema che costa il 20% in meno di quelli europei salvaguardando la qualità». Ora però serve un progetto per il futuro e in questa ottica l’interlocuzione con la politica è un passaggio obbligato per la Fiaso. E nella giornata di apertura dei lavori non sono mancati i messaggi del mondo delle istituzioni, da quello del Capo dello Stato Sergio Mattarella a quello del Presidente del Senato Maria Elisabetta Alberti Casellati. E poi gli interventi del Presidente della Regione Lazio Nicola Zingaretti e della Presidente della Commissione Affari Sociali Marialucia Lorefice. «Alla politica chiediamo un fondo nazionale per l’innovazione annuale e che si chiuda la stagione dei contratti e si riprendano le assunzioni», sottolinea Ripa di Meana a Sanità Informazione.

LEGGI ANCHE: CARENZA MEDICI, ANCHE LA FIASO LANCIA L’ALLARME: «NEI PROSSIMI 5 ANNI NE MANCHERANNO QUASI 12MILA, MAGGIOR NUMERO TRA ANESTESISTI»

Presidente, qual è stato il contributo delle Aziende sanitarie al Sistema sanitario nazionale?

«Abbiamo arrestato l’irresponsabilità. Quella verso i pazienti, verso la responsabilità del Sistema, rendere sempre più il sistema capace di produrre a costi sostenibili qualità. Le aziende hanno prima reinventato la sanità attraverso proposte organizzative, attraverso progetti di presa in carico dei pazienti e poi quando è arrivata la stretta economica degli anni duemila anche su forte spinta delle regioni sono riuscite a spendere meglio, a volte addirittura a fare di più spendendo meno. Questa è la chiave di volta, il management cerca non di lamentarsi, non fa il viso triste quando non arrivano le risorse, le cerca all’interno del suo sistema e quindi in questi anni abbiamo fatto tanta innovazione anche perché mancavano le persone, mancavano le risorse e questo ha reso il sistema a volte più snello, più leggero e siamo riusciti a fare anche innovazioni impensabili se avessimo avuto tanti soldi».

Cosa chiede Fiaso alla politica?

«Il ruolo è quello di fare da ponte tra le aziende, fra le esperienze di tante regioni: in Fiaso sono rappresentate tutte le regioni, il 70% delle Asl. È chiaro che anche nei momenti in cui la regionalizzazione spingeva a farsi tutti il proprio sistema sanitario regionale, la Fiaso ha sempre rappresentato un ponte tra tutti i direttori generali delle Aziende e le loro esperienze. Quindi abbiamo messo le esperienze di successo a disposizione di tutti. Il futuro dev’essere basato sull’innovazione che è il driver più importante che spinge i sistemi sanitari in questo momento. Per questo ci vuole capacità di innovare e noi ne abbiamo accumulata molta in questi 20 anni, capacità di spendere qualcosa in più e quindi chiediamo un fondo nazionale per l’innovazione annuale e poi chiediamo che si chiuda la stagione dei contratti, si riprendano le assunzioni, si rientri in quella normalità che un sistema in equilibrio dimostra che è possibile».

Articoli correlati
«L’Italia non è un Paese attraente in cui lavorare», l’articolo su Lancet che “bacchetta” sindacati e politica
La situazione dei camici bianchi italiani 'guadagna' le pagine della rivista 'Lancet', in un articolo dal titolo 'Health worker gap in Italy, the untold truth', firmato da Luca La Colla del dipartimento di Anestesiologia della Duke University
Direzioni sanitarie, risoluzione Lega allarga platea. Tiramani: «Rivoluzione culturale, potranno essere nominati anche medici più giovani»
Il testo presentato in Commissione Affari Sociali prevede che potranno essere nominati in quel ruolo anche medici che hanno diretto strutture semplici e non per forza complesse. «Così si evitano i soliti nomi e vi è una più ampia possibilità di scelta» aggiunge il deputato del Carroccio
Ricerca finalizzata 2018, approvata la graduatoria per il finanziamento dei programmi: oltre 6 milioni di euro ai vincitori
Il Comitato Tecnico Sanitario ha approvato nell’ambito del Bando per la ricerca finalizzata la graduatoria finale e l’attribuzione del finanziamento ministeriale ai programmi di rete collocatisi in posizione utile, per una somma complessiva di € 6.172.633 a cui si aggiunge il co-finanziamento delle Istituzioni finanziatrici. LEGGI IL BANDO DELLA RICERCA FINALIZZATA ANNO 2018 Studi altamente […]
Patto per la Salute, igienisti dentali chiedono di entrare nel SSN: «Siamo decisivi per la prevenzione di malattie importanti»
Alla Maratona Patto per la Salute anche gli igienisti dentali. La Presidente UNID Lazio Piscicelli: «La letteratura scientifica non ha dubbi ed è concorde sull’importante ruolo che la nostra figura professionale riveste nella prevenzione, perché noi Igienisti Dentali siamo i principali  operatori della prevenzione odontoiatrica»
Rifiuti, D’Amato (Regione Lazio): «Da Asl verifica e monitoraggio per tutelare diritto alla salute cittadini»
«Nell’ordinanza presentata oggi e già notificata alle Aziende sanitarie locali per assicurare il ripristino della raccolta dei rifiuti urbani della Capitale, i Dipartimenti di igiene e sanità pubblica delle Asl Roma 1, 2 e 3 avranno il compito di attivare protocolli di verifica e monitoraggio per tutelare il diritto alla salute pubblica. Verrà inoltre inviata […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Il medico di famiglia che paga di tasca propria lo psicologo per i suoi pazienti: la storia di Antonio Antonaci

A Galatina i “precursori” del decreto Calabria. La psicologa: «La compresenza di queste due figure professionali all’interno dello studio di medicina generale limita l’assunzione di farmaci e...
di Isabella Faggiano
Lavoro

Riposo dopo la reperibilità, Spedicato (Fems): «In altri Paesi europei sempre garantito recupero di 24-48 ore»

La delegata della Federazione europea dei medici salariati illustra il funzionamento dell’istituto della reperibilità nel resto d’Europa: in Slovenia c’è una soglia limite oltre la quale diven...
di Giovanni Cedrone e Giulia Cavalcanti
Lavoro

Pronta reperibilità, ecco perché il nuovo contratto dei medici potrebbe violare la direttiva europea sulle 11 ore di riposo

L’ipotesi di CCNL dei medici, all’articolo 27, sembra derogare dalla direttiva Ue 88 del 2003 che sancisce le 11 ore di riposo consecutive. Sindacati sul piede di guerra. I casi di Francia, Spagna...
di Cesare Buquicchio e Giovanni Cedrone