Salute 16 Febbraio 2018 12:57

Contratto, l’Intersindacale conferma sciopero. Vergallo (AAROI-EMAC): «Aspettiamo di leggere proposta Aran»

«80 euro di aumento? Se i nuovi accordi demoliranno le basi normative della professione non basteranno a colmare l’insoddisfazione. Aspettiamo le prossime mosse» così il Presidente Nazionale dell’Associazione Anestesisti Rianimatori Ospedalieri Italiani

Contratto, l’Intersindacale conferma sciopero. Vergallo (AAROI-EMAC): «Aspettiamo di leggere proposta Aran»

Lo sciopero del 23 febbraio si farà. Per adesso questa la volontà espressa dall’Intersindacale all’indomani dell’incontro che ha visto le sigle confrontarsi in previsione del tavolo Aran e nonostante lo strappo della Cgil e della Uil, che invece hanno sospeso la protesta.

«È stato difficile trovare una posizione convergente per tutte le sigle» dichiara ai nostri microfoni Alessandro Vergallo, Presidente Nazionale AAROI-EMAC. «La situazione in questo momento è di grande confusione – ammette Vergallo – anche a causa della fibrillazione pre-elettorale che investe tutto il comune sentire». La volontà di mantenere la giornata di protesta è frutto di «una situazione nella quale – prosegue – nessuno di noi, ha una carta in mano per dire con certezza che uscirà qualcosa di positivo dalla convocazione del 20 febbraio. Quindi ogni valutazione è rimessa a ciò che in quell’occasione andremo a leggere e sentire».

Nello specifico «da un punto di vista economico – sottolinea il Presidente AAROI-EMAC – quello a cui abbiamo assistito negli ultimi tempi è una forte volontà politica, soprattutto da parte de governo uscente, di andare a utilizzare gli aumenti contrattuali come una sorta di camera di compensazione sociale, cioè andando a privilegiare i redditi base a sfavore di quelli considerati più alti. Questa impostazione ci piace poco perché, secondo noi, una remunerazione contrattale, deve soprattutto valorizzare la professionalità e il livello di percorso professionale che si è raggiunto per fornire servizi al cittadino. Detto questo, abbiamo assistito ad una politica fondamentalmente basata, forse per caso, su una cifra magica che è quella degli ‘80 euro’ ma a questi 80 euro non possiamo rispondere positivamente».

«Indubbiamente è difficile quantificare ciò che chiediamo economicamente – ci tiene a precisare Vergallo – soprattutto a fronte di un rinnovo contrattuale sulla parte normativa fatto anche su indicazioni dettate dall’atto d’indirizzo. Dunque, sulla base di ciò che ci verrà garantito – conclude il Presidente degli anestesisti ospedalieri – dal riassetto normativo  dipenderà anche la soglia economica che saremmo disposti ad accettare. Se ci verranno proposti 80 euro a fronte di una ulteriore demolizione delle tutele contrattuali, cosa che si è verificata negli ultimi tempi a suon di decreti attuativi, è chiaro che questo sarà assolutamente inaccettabile».

Articoli correlati
Contratto comparto sanità, è fumata bianca. Aumenti fino a 98 euro e per gli infermieri indennità aggiuntiva
Dopo mesi di trattative ARAN e sindacati (Fp Cgil, Cisl Fp, Uil Fpl, FIALS, Nursind, Nursing Up) hanno raggiunto un’intesa sul contratto del comparto sanità. Tra le novità l’indennità oraria per il lavoro notturno che passa da euro 2,74 a 4 euro e una nuova indennità per il Pronto soccorso. In tutto le risorse per il rinnovo ammontano a 241,6 milioni
di Francesco Torre
Faroni (Gruppo Ini): «No a medici di Serie A e B. Noi tra i primi a sottoscrivere rinnovo del contratto dei medici»
Il Direttore Generale del Gruppo INI, Cristopher Faroni, ribadisce l’importanza dell’impegno firmato lo scorso anno: «Un anno fa abbiamo intrapreso un percorso virtuoso e innovativo. Il medico è una figura sempre più centrale nelle nostre organizzazioni ed è necessario valorizzarne adeguatamente la professionalità»
Comparto sanità, è battaglia sull’indennità di specificità. De Palma (Nursing Up): «Non può valere come aumento contrattuale, così non ci stiamo»
Il presidente del sindacato degli infermieri Nursing Up non arretra e conferma lo sciopero dell’8 aprile. Tra i nodi l’aspetto economico e la richiesta di eliminare il vincolo di esclusività. «Tolta l’indennità, si ritorna a un aumento di 80,90 euro. Questo non è accettabile» spiega De Palma
di Francesco Torre
Contratto medici e dirigenti, Cimo-Fesmed diffida le Regioni per i ritardi
La Federazione Cimo-Fesmed ha inviato una lettera di diffida alla Conferenza delle Regioni e delle Province autonome per provvedere all’emanazione dell’atto di indirizzo per il rinnovo contrattuale della dirigenza sanitaria del triennio 2019-2021
Rinnovo CCNL, cosa non va nella proposta Aran per i sindacati
I sindacati commentano la proposta di revisione dell’ordinamento professionale e del sistema degli incarichi fatta dall’Agenzia per la rappresentanza Negoziale delle Pubbliche Amministrazioni
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 30 giugno, sono 546.396.932 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.334.351 i decessi. Ad oggi, oltre 11,73 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi della variante Omicron BA.5 e quanto durano?

La variante Omicron BA.5 tende a colpire le vie aeree superiori, causando sintomi lievi, come naso che cola e febbre. I primi dati indicano che i sintomi durano in media 4 giorni
Covid-19, che fare se...?

Il vaccino può causare il Long Covid?

Uno studio americano ha segnalato una serie di sintomi legati alla vaccinazione anti-Covid. Ma per gli esperti non si tratta di Long Covid, ma solo di normali effetti collaterali