Salute 16 febbraio 2018

Sciopero medici, strappo di Cgil e Uil. Filippi: «Revochiamo la protesta. Abbiamo vinto su tutti i fronti»

Anche la Uil interrompe la mobilitazione. «Abbiamo avuto garanzia dalle regioni di un rinnovo contrattuale rapido, abbiamo avuto garanzie sul finanziamento» sottolinea il segretario della Fp Cgil Medici

Immagine articolo

Il fronte dello sciopero dei medici e degli operatori sanitari, convocato per il 23 febbraio, inizia a mostrare le prime crepe. Oggi la Fp Cgil Medici e Dirigenti Ssn e la Uil Fpl Coordinamento Nazionale delle Aree Contrattuali Medica, Veterinaria e Sanitaria hanno annunciato la revoca della protesta alla luce anche della convocazione dell’Aran prevista per il 20 febbraio. Una presa di posizione che era nell’aria già da ieri: durante la riunione dell’intersindacale medica era emersa una diversità di vedute rispetto ad altre sigle. Oggi infatti l’intersindacale medica ha confermato lo sciopero del 23 febbraio anche se dice disposta a «rivedere il calendario di protesta».

«Abbiamo vinto su tutti i fronti su quelle che erano le motivazioni del nostro stato di agitazione iniziale – spiega a Sanità Informazione il segretario della Fp Cgil Medici Andrea Filippi – Abbiamo ottenuto la convocazione, abbiamo avuto garanzia dalle regioni di un rinnovo contrattuale rapido, abbiamo avuto garanzie sul finanziamento perché è stato fatto l’atto integrativo per il comparto e a breve uscirà l’atto integrativo per la dirigenza. Il mantenimento dello sciopero in questo momento è un atto che non ha significato ma i cui significati non sono da ricondurre alle vere esigenze dei lavoratori»

Filippi, dunque si rompe sostanzialmente l’unità intersindacale?

«Su questa revoca dello sciopero sì, poi vedremo. L’intersindacale presumibilmente lo mantiene ma chiedetelo a loro».

Da quello che abbiamo colto ieri sembravano intenzionati a mantenerlo, salvo novità dal 20 febbraio.

«La loro intenzione è quella di revocarlo il 20, ma noi non capiamo perché. Noi preferiamo essere coerenti fino in fondo con le battaglie intraprese. Abbiamo fatto 15 giorni di trattativa con governo e regioni per avere garanzie di rinnovo contrattuale, aprire il tavolo e avere le finanze. Abbiamo vinto su tutti i fronti, ci sembra coerente e serio nei confronti della parte datoriale a questo punto revocare lo sciopero oggi prima di sedersi al tavolo».

Al tavolo delle trattative, quale sarà la quota che ritenete accettabile da un punto di vista economico per il rinnovo del contratto.

«Quella che è già stata finanziata, la quota accettabile è il 3,48% così come per tutti gli altri comparti. Noi siamo in una condizione per cui grazie all’accordo del 30 novembre 2016 è stata fatta un’operazione in cui si è ridato valore all’unità di tutti i comparti del pubblico impiego, parametrando un aumento contrattuale di 85 euro medi. Per noi questa parametratura corrisponde al 3,48% sulla massa salariale. Non è un aumento che va a risanare otto anni di blocco contrattuale, ma è comunque un contratto che noi riteniamo transitorio che ci consente di rimettere i paletti, soprattutto dalla parte normativa, su quegli aspetti di esigibilità del contratto che venivano continuamente mortificati nelle contrattazioni decentrate e non solo».

Ci sono altri aspetti del contratto abbastanza delicati, come gli orari e i tempari. Su questo cosa chiedete al governo?

«Su questo chiediamo che non sia fatta nessuna forma di deroga sulla legge europea sull’orario di servizio se prima non si rivedono i fabbisogni. Noi aspettiamo ancora un incontro al ministero della salute per capire su quali criteri fare il calcolo sui fabbisogni. Abbiamo superato il rischio che i calcoli venissero fatti sui criteri da tempari fatti dalla regione Piemonte. È girata invece una proposta che tiene in considerazione l’organizzazione del lavoro, però non l’abbiamo ancora ricevuta ufficialmente, aspettiamo la convocazione al ministero della Salute per rivedere il fabbisogno. A fronte di una revisione dei fabbisogni, di un loro finanziamento, solo a quel punto si potrà cominciare a ragionare di deroghe».

Articoli correlati
Sciopero dei medici, c’è la data: 25 gennaio. Intersindacale: «Rinnovo del contratto, difesa dell’intramoenia e più fondi, ecco le ragioni della protesta»
La seconda giornata di sciopero sarà proclamata, nel rispetto della normativa, entro la prima settimana di febbraio dall’AAROI-EMAC. «La protesta –sottolineano - comprenderà altre iniziative, anche di carattere giudiziario, nei confronti di chi intende disattendere la sentenza della Corte Costituzionale in tema di diritto ad avere un contratto di lavoro»
I sindacati della dirigenza medica, veterinaria e sanitaria bocciano la manovra e chiedono un incontro al ministro Grillo
I sindacati dei medici, veterinari e dirigenti sanitari replicano. «Non avendo ricevuto alcuna risposta dal Ministro alla richiesta di incontro inoltrata i primi di dicembre, tornano a sollecitare un confronto esprimendo un forte disappunto per i contenuti della legge di bilancio che accoglie in modo marginale le richieste della categoria. Sarebbe davvero increscioso – si […]
Assunzioni in sanità, verso tetti di spesa diversificati tra regioni. No di Cgil, Cisl e Uil, cauta apertura dell’Ugl
I confederali bocciano l'idea su cui starebbe lavorando il Governo: «Sarebbe una intollerabile diversificazione che determinerà una ulteriore esplosione delle diseguaglianze in termini di diritto alla salute». Giuliano (Ugl): «Se ne può discutere ma non aumentino differenze tra nord e sud»
Sciopero medici, la voce degli studenti: «Senza programmazione e finanziamenti il nostro futuro è drammatico»
Blocco del turnover, imbuto formativo e precarietà sono solo alcune delle ragioni che hanno spinto tanti studenti di medicina e specializzandi a supportare lo sciopero di venerdì scorso indetto dalla dirigenza medica e sanitaria: «Per noi studenti diventa sempre più complesso capire se avremo un futuro nell’ambito della sanità»
Sciopero medici, adesione tra 80 e 90%. Sindacati: «Senza risposte ci fermeremo anche a dicembre». E Grillo li convoca: «Accoglieremo loro istanze»
Forte adesione anche tra gli anestesisti: hanno aderito in 12mila. Il Ministro della Salute annuncia: «Passi avanti su contratto, nelle prossime settimane ci sarà annuncio». Anelli (Fnomceo): «Medici stufi, ma dimostrano loro attaccamento a SSN»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Taglio pensioni e quota 100, che succede ai medici iscritti all’Enpam? Parla il vicepresidente Malagnino

Ad agosto le prime uscite dei dipendenti pubblici con 62 anni di età e 38 di contributi. Secondo i sindacati, saranno circa mille i medici che ogni anno approfitteranno della riforma pensionistica, c...
Sanità internazionale

La lettera di un medico stressato: «Il mio lavoro sta prosciugando la mia umanità»

«L’ultimo tuo contatto umano, poco prima che le tue condizioni peggiorassero velocemente e morissi, è stato con un medico stressato e distaccato, che ha interrotto il tuo ricordo felice. Ti chiedo...
Lavoro

Ex specializzandi: nel 2018 dallo Stato rimborsi per oltre 48 milioni e nuovi ricorsi sono pronti per il 2019

La "road map dei risarcimenti" regione per regione: Lazio in testa con 9 milioni, sul podio Lombardia e Sicilia. Più di 31 milioni al centro-sud con la Sardegna in forte crescita. Pronta la nuova azi...