Salute 26 Marzo 2018

Consiglio Fnomceo, Anelli convoca Stati generali professione medica: «Coinvolgiamo società civile e decidiamo il nostro destino»

Il presidente denuncia le disuguaglianze nella salute tra nord e sud: «Come medico non posso accettare che un milione e duecentomila italiani abbiano rinunciato a una terapia o a un esame diagnostico perché non potevano permetterselo». Nel suo discorso un passaggio contro la violenza agli operatori sanitari e contro il ‘gender gap’ che penalizza ancora le colleghe donne

Immagine articolo

Una dura denuncia delle disuguaglianze di salute tra Nord e Sud Italia. E la convocazione degli Stati Generali della professione medica. Questi i punti salienti della relazione del Presidente della Fnomceo Filippo Anelli al Consiglio nazionale della Federazione degli Ordini dei medici chirurghi e degli odontoiatri che si è svolto il 24 marzo a Roma.

«È il tempo di indire gli Stati generali della professione medica. È il tempo di attivarci, di essere concreti e di avviare un confronto con tutta la professione, coinvolgendo l’intera società civile», ha affermato Anelli all’assemblea dei 106 presidenti degli Ordini provinciali.

LEGGI ANCHE: FILIPPO ANELLI (FNOMCeO): STOP AI TEMPARI, SERVE TEMPO AL MEDICO PER COSTRUIRE DIALOGO CON I PAZIENTI

Un appello a «lavorare tutti insieme» per creare «un grande evento politico», «un avvenimento attraverso il quale la professione decide cosa fare. Decide il proprio destino». Un’occasione per denunciare le prime «rughe» del Servizio Sanitario nazionale che quest’anno compie 40 anni e che spesso non riesce più a garantire appieno uguaglianza equità e solidarietà nell’accesso alle cure. «Come medico non posso accettare che un milione e duecentomila italiani abbiano rinunciato a una terapia o a un esame diagnostico perché non potevano permetterselo», si è indignato Anelli.

Un’ampia denuncia quella del Presidente dei medici italiani, contro le disuguaglianze di salute tra Nord e Sud Italia ma anche contro la violenza agli operatori sanitari e contro il ‘gender gap’ che penalizza ancora le colleghe donne. Sono 159.669 i medici donna oggi in Italia, 11.825 le odontoiatre, 4.439 le professioniste iscritte a entrambi gli albi. In totale quasi 176mila professioniste, che, in tutte le fasce di età sotto i cinquant’anni, hanno ‘sorpassato’ per numero i colleghi uomini. E la forbice è tanto più evidente tra le generazioni più giovani. «Eppure – sottolinea Anelli – rappresentano ancora una parte che viene penalizzata, nella professione medica come in altri ambiti». Le donne presidenti di Ordine dei medici sono 11 su 106, mentre le presidenti Cao (Commissione albo odontoiatri) sono appena 5. Esiste quindi, oltre al divario retributivo, anche un problema di rappresentatività delle donne negli Ordini e in Fnomceo. Per questo è stato istituito dal Comitato Centrale, di comune accordo, un tavolo permanente di confronto tra l’esecutivo nazionale e le Presidenti Omceo e Cao.

Anelli ha poi puntato il dito contro le riforme degli anni ‘90 che hanno introdotto «meccanismi di carattere manageriale sostituendo gli obiettivi di salute con obiettivi economici: hanno trasformato il Ssn in un’azienda e dato rilievo a figure manageriali a discapito dei medici e degli operatori sanitari. Il rapporto tra medico e cittadino è stato minato dall’introduzione delle leggi di mercato, che hanno trasformato la salute in un prodotto».

 

SEGUICI ANCHE SU FACEBOOK <— CLICCA QUI

 

Articoli correlati
Patto salute, Fugatti (Trentino): «Rimodulare rete punti nascita alla luce del calo demografico e intervenire su carenza medici specialisti»
«I cittadini trentini chiedono maggiori servizi e nuovi investimenti: se non interveniamo, anche a causa della denatalità, rischiamo lo spopolamento della montagna». E sulla carenza degli specialisti: «Il Governo deve adoperarsi o mancheranno, soprattutto, pediatri, medici di base, guardie mediche e anestetisti» così il Presidente della Provincia autonoma di Trento
di Viviana Franzellitti e Giovanni Cedrone
SSN, governo apre a nuove assunzioni. Giuliano (UGL): «Bene emendamenti a quota 100, soddisfatti dalla strada intrapresa»
In relazione ai due emendamenti al decreto Quota 100, riguardanti le novità per le assunzioni nel SSN, il segretario nazionale dell’Ugl Sanità, Gianluca Giuliano, ha voluto commentare così: «Siamo soddisfatti di questi due emendamenti al decreto su quota 100. Come abbiamo ripetuto più volte, il SSN è tra i settori più sensibili agli effetti delle […]
Salute e migrazione, la FNOMCeO presenta il corso ECM per curare e prendersi cura. Anelli: «Nessuno va trascurato»
Il corso è disponibile gratuitamente per tutti i medici italiani ed è stato realizzato con la collaborazione di Sanità di Frontiera OIS, presieduta da Francesco Aureli: «La salute e il benessere dei migranti devono procedere di pari passo con la salute e il benessere della comunità ospitante»
Pensioni, FNOPI: «’Quota 100′ decimerà gli organici: oltre 22mila infermieri in meno da subito»
Il dato, calcolato in base agli anni di anzianità lavorativa e all’età anagrafica degli infermieri dipendenti del Ssn, è stato elaborato dal Centro studi della Federazione degli Ordini delle professioni infermieristiche (FNOPI). «Chi esce dalla professione attiva per ‘Quota 100’ – dichiara Barbara Mangiacavalli, presidente FNOPI – deve essere subito rimpiazzato, al di là dell’economia e della politica»
Salute migranti, un corso ECM di FNOMCeO e Sanità di Frontiera OIS per curare le ferite invisibili
Il corso "Salute e migrazione: curare e prendersi cura” sarà presentato alla stampa il 14 marzo alle ore 12.30 a Roma, presso la sede della FNOMCeO
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Riscatto agevolato della laurea, ecco perché ai medici conviene. Cavallero (Cosmed): «È l’unico modo per programmare un’uscita dal lavoro prima dei 70 anni»

La norma voluta dal governo permetterà a chi ha iniziato a lavorare dal 1996 di poter guadagnare anni di contribuzione pagando 5240 euro per ogni anno di studio. «Dobbiamo capire perché universitar...
Lavoro

Allarme pensioni, Palermo (Anaao): «Si rischia il caos. Speriamo che aderisca a Quota 100 solo il 25%»

In base alle stime del sindacato, per il combinato disposto di Quota 100 e gobba pensionistica, in tre anni lasceranno il SSN 24mila medici, che si aggiungono all’attuale deficit di 10mila camici bi...
Lavoro

Rinnovo contratto sanità privata, Aiop: «Siano coinvolte Regioni». Cgil: «Chi fa profitti non può chiedere che a pagare siano altri»

Dopo 18 mesi di trattativa, i sindacati confederati hanno interrotto il dialogo perché le controparti, Aiop e Aris, non sono disposte a farsi carico della parte economica del rinnovo del contratto di...
di Giulia Cavalcanti e Giovanni Cedrone