Salute 26 Marzo 2018

Consiglio Fnomceo, Anelli convoca Stati generali professione medica: «Coinvolgiamo società civile e decidiamo il nostro destino»

Il presidente denuncia le disuguaglianze nella salute tra nord e sud: «Come medico non posso accettare che un milione e duecentomila italiani abbiano rinunciato a una terapia o a un esame diagnostico perché non potevano permetterselo». Nel suo discorso un passaggio contro la violenza agli operatori sanitari e contro il ‘gender gap’ che penalizza ancora le colleghe donne

Immagine articolo

Una dura denuncia delle disuguaglianze di salute tra Nord e Sud Italia. E la convocazione degli Stati Generali della professione medica. Questi i punti salienti della relazione del Presidente della Fnomceo Filippo Anelli al Consiglio nazionale della Federazione degli Ordini dei medici chirurghi e degli odontoiatri che si è svolto il 24 marzo a Roma.

«È il tempo di indire gli Stati generali della professione medica. È il tempo di attivarci, di essere concreti e di avviare un confronto con tutta la professione, coinvolgendo l’intera società civile», ha affermato Anelli all’assemblea dei 106 presidenti degli Ordini provinciali.

LEGGI ANCHE: FILIPPO ANELLI (FNOMCeO): STOP AI TEMPARI, SERVE TEMPO AL MEDICO PER COSTRUIRE DIALOGO CON I PAZIENTI

Un appello a «lavorare tutti insieme» per creare «un grande evento politico», «un avvenimento attraverso il quale la professione decide cosa fare. Decide il proprio destino». Un’occasione per denunciare le prime «rughe» del Servizio Sanitario nazionale che quest’anno compie 40 anni e che spesso non riesce più a garantire appieno uguaglianza equità e solidarietà nell’accesso alle cure. «Come medico non posso accettare che un milione e duecentomila italiani abbiano rinunciato a una terapia o a un esame diagnostico perché non potevano permetterselo», si è indignato Anelli.

Un’ampia denuncia quella del Presidente dei medici italiani, contro le disuguaglianze di salute tra Nord e Sud Italia ma anche contro la violenza agli operatori sanitari e contro il ‘gender gap’ che penalizza ancora le colleghe donne. Sono 159.669 i medici donna oggi in Italia, 11.825 le odontoiatre, 4.439 le professioniste iscritte a entrambi gli albi. In totale quasi 176mila professioniste, che, in tutte le fasce di età sotto i cinquant’anni, hanno ‘sorpassato’ per numero i colleghi uomini. E la forbice è tanto più evidente tra le generazioni più giovani. «Eppure – sottolinea Anelli – rappresentano ancora una parte che viene penalizzata, nella professione medica come in altri ambiti». Le donne presidenti di Ordine dei medici sono 11 su 106, mentre le presidenti Cao (Commissione albo odontoiatri) sono appena 5. Esiste quindi, oltre al divario retributivo, anche un problema di rappresentatività delle donne negli Ordini e in Fnomceo. Per questo è stato istituito dal Comitato Centrale, di comune accordo, un tavolo permanente di confronto tra l’esecutivo nazionale e le Presidenti Omceo e Cao.

Anelli ha poi puntato il dito contro le riforme degli anni ‘90 che hanno introdotto «meccanismi di carattere manageriale sostituendo gli obiettivi di salute con obiettivi economici: hanno trasformato il Ssn in un’azienda e dato rilievo a figure manageriali a discapito dei medici e degli operatori sanitari. Il rapporto tra medico e cittadino è stato minato dall’introduzione delle leggi di mercato, che hanno trasformato la salute in un prodotto».

 

SEGUICI ANCHE SU FACEBOOK <— CLICCA QUI

 

Articoli correlati
Ex specializzandi, anche la FNOMCeO appoggia i Ddl per la transazione
Il presidente Anelli: «Invitiamo ad approvare i provvedimenti e a individuare le risorse necessarie per chiudere l’annosa questione»
“Io medico giuro”: al via la nuova campagna di FNOMCeO in omaggio ai medici impegnati contro il Covid-19
«Ci hanno chiamati angeli, ci hanno chiamati eroi. La parola che meglio e pienamente ci definisce è ‘medici’ – spiega Filippo Anelli - perché il medico giura di tener fede ai valori che informano la professione e non viene mai meno a questo giuramento, nelle emergenze come nella quotidianità, anche a costo della propria vita»
Giovani medici in piazza con FNOMCeO. Cosa sta succedendo con i 13mila posti di Medicina e “l’imbuto formativo”
1500 posti in più e il rischio di allargare il bacino dei laureati precari. In piazza Giovani Medici con FNOMCeO e Anaao: «Chiediamo al Ministro contratti in rapporto 1:1 con le lauree, come in altri Paesi europei». Consulcesi: «Si tenga conto anche della meritocrazia. Ogni anno 18mila ricorsi per irregolarità ai test»
13 mila nuovi posti a Medicina. Fnomceo pronta al ricorso: «Ingiusto illudere giovani, cifra troppo alta»
Il presidente Anelli preoccupato per l'imbuto formativo: «Tutto questo deve essere legato a una riforma che porti a uno a uno il rapporto tra le lauree e le specializzazioni. Di questa riforma, però, attualmente non si vede traccia»
Covid-19, Speranza ai medici: «Se le istituzioni hanno retto è anche grazie a voi. Ora disegniamo insieme la sanità del futuro»
«I cittadini ora sanno che il SSN è la cosa più importante che abbiamo. Il Paese si stringa a coorte e investa in una riforma profonda»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 13 luglio, sono 12.910.357 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 569.128 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 12 luglio: nell’ambito de...
Diritto

Pensioni, la Cassazione: «Necessaria richiesta per lavorare fino a 67 anni». Altrimenti due anni di attesa per il primo assegno

Il rischio per il lavoratore è di essere sollevato dall’incarico al compimento dei 65 anni, senza ricevere la pensione. Possibile eccessiva riduzione degli organici in sanità
Lavoro

Riforma sistema 118, le posizioni (opposte) di medici dell’Emergenza e SIS 118

Presentato al Senato il Ddl di riforma del 118: prevede organici propri e un sistema dipartimentale. Ma è scontro tra Balzanelli (SIS 118) e Manca (Simeu)