Salute 6 Giugno 2019 09:56

Congresso ICAR, l’immunologo Silvestri: «Non abbassare la guardia contro l’Aids, contagi non si stanno fermando»

A Milano il congresso dell’Italian Conference on AIDS and Antiviral Research alla Statale. «Se una persona non si controlla, e non sa di essere infettato, può infettare altri e quindi l’epidemia non si ferma», sottolinea il ricercatore dell’Università di Atlanta

di Federica Bosco
Congresso ICAR, l’immunologo Silvestri: «Non abbassare la guardia contro l’Aids, contagi non si stanno fermando»

Con la partecipazione di oltre 1200 medici e ricercatori, Milano in questi giorni è la capitale della ricerca contro l’Aids. In occasione della undicesima edizione del congresso ICAR (Italian Conference on AIDS and Antiviral Research) che si è tenuto presso la sede dell’Università Statale di Milano, è stato sancito tra professionisti del mondo sanitario, della cultura e della comunicazione un Patto trasversale per la scienza con lo scopo di sensibilizzare la popolazione sull’infezione da Hiv che solo negli ultimi 12 mesi ha fatto registrare 3443 nuove diagnosi, pari a 5,7 casi ogni 100 mila residenti. «Lo scopo del patto è quello di ricordare a tutti: politici, istituzioni, scuola, – spiega Guido Silvestri, immunologo e capo dipartimento dell’Università di Atlanta, ideatore insieme a Roberto Burioni del Patto Trasversale per la scienza – che la salute è un valore di tutti, non c’è scienza di centro, di destra o di sinistra, e che tutte le forze politiche dovrebbero riuscire ad andare d’accordo, a lavorare insieme e a fare sì che la salute dei cittadini attraverso la medicina basata sulla scienza venga sempre tutelata in ogni occasione possibile».

Come sono i dati sull’Aids in Italia oggi?

«Il problema permane, perché noi non abbiamo una cura e neppure un vaccino. Ora si usano farmaci antivirali con cui si rimane in vita e si ha una buona qualità della vita, però occorre prenderli sempre e se si smette si ritorna ad avere i sintomi dell’Aids. Inoltre, non abbiamo uno strumento oggi per debellare il virus dal corpo di una persona. il mio laboratorio sta lavorando per questo, ma ancora non abbiamo un vaccino e le persone possono infettarsi».

Quali sono i maggiori rischi oggi?

«Uno dei rischi maggiori è che si abbassi la guardia. Se una persona non si controlla, e non sa di essere infettato, può infettare altri e quindi l’epidemia non si ferma. Infatti non si sta fermando in Italia e nel resto del mondo».

Per cercare di affrontare ed arginare una nuova ondata di infezioni che interessa giovani tra i 25 e i 29 anni, ma soprattutto persone tra i 40 e i 50 anni, in occasione di ICAR sono state realizzate iniziative per sensibilizzare la popolazione: dalla ICAR RUN, una corsa per le vie della città, ai test rapidi di screening per HIV e HCV nelle principali piazze.

«Milano oggi registra il triste primato di infezioni da Hiv. Con un dato che non sta diminuendo ma è stabile, questo vuol dire che è molto importante fare prevenzione ed informazione – racconta Filippo Turrini, volontario ICAR impegnato nello screening – sono tanti i ragazzi che per la prima volta oggi fanno il test: sono curiosi e attenti, questo è un buon segnale».

In che cosa consiste il test?

«Si tratta di due tamponi salivari, uno per HIV e l’altro per Epatite C. In 20 minuti è pronto il risultato che ci dice se nella saliva sono presenti gli anticorpi contro questi due virus, che significa che la persona è stata esposta potenzialmente a questi due virus».

Se il test risulta positivo, cosa si deve fare?

«Occorre andare in uno dei centri ospedalieri che organizzano ICAR e andare a fare immediatamente il prelievo in modo da avere nel più breve tempo possibile la diagnosi».

Articoli correlati
Villa Marelli a Milano, modello di integrazione tra medicina ospedaliera e del territorio
Ribera (direttore Servizi territoriali ASST Niguarda): «Entro 72 ore siamo in grado fare la diagnosi e definire la cura del paziente Covid grazie alla collaborazione tra professionisti ospedalieri, medici di medicina generale e infermieri di comunità»
di Federica Bosco
Nuove terapie Covid-19, Garattini: «Interessanti studi su quattro antivirali, ma dobbiamo capirne di più»
Il Presidente dell'Istituto Mario Negri: «Farmaci e vaccini ci faranno tornare alla normalità solo se saranno disponibili in tutto il mondo. Occuparci dei Paesi in via di sviluppo non è una forma di beneficenza, ma è soprattutto nel nostro interesse»
di Peter D'Angelo
Primi due treni Covid free sulla tratta Milano-Roma: come funziona il servizio di FS e CRI?
Partito lo scorso 16 aprile il treno Covid free ha già conquistato i viaggiatori. Liebschner (CRI): «Così si viaggia in sicurezza e si monitora la salute della popolazione»
di Federica Bosco
Giornata della salute della donna, a Milano c’è un ospedale tutto al femminile
L'ospedale Macedonio Melloni è dedicato alla salute della donna. Realizzato sul modello di Boston, offre percorsi di cura dall’adolescenza alla senescenza. Marisa Errico (direttore medico): «La donna viene presa in carico da un’equipe che la seguirà in un percorso di cura a 360 gradi»
di Federica Bosco
Inaugurato il primo drive through vaccinale d’Italia a Milano, poche ore prima della sospensione di AstraZeneca
300 somministrazioni nella prima giornata ad insegnanti e personale scolastico, ma poche ore dopo lo stop precauzionale di Aifa ad AstraZeneca ha fermato la macchina operativa messa a punto da Esercito e ASST Santi Paolo e Carlo
di Federica Bosco
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 7 maggio, sono 156.080.676 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 3.256.425 i decessi. Ad oggi, oltre 1,22 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&n...
Voci della Sanità

Terapia domiciliare Covid, Ministero ricorre al Consiglio di Stato. Il Comitato: «Ricorso in appello va contro voto del Senato»

«Chiediamo al Ministro della Salute Speranza delucidazioni in merito alla decisione di ricorrere in Appello, alla luce dell’opposto indirizzo votato dal Senato» scrive in una nota Er...
Salute

Vaccini e rischi, Peyvandi (EMA): «No ad eparina o aspirina prima dell’inoculazione»

Le raccomandazioni di Flora Peyvandi del comitato scientifico dell’Agenzia: «Non bisogna neppure sospendere la pillola anticoncezionale»
di Federica Bosco