Salute 6 Giugno 2019

Congresso ICAR, l’immunologo Silvestri: «Non abbassare la guardia contro l’Aids, contagi non si stanno fermando»

A Milano il congresso dell’Italian Conference on AIDS and Antiviral Research alla Statale. «Se una persona non si controlla, e non sa di essere infettato, può infettare altri e quindi l’epidemia non si ferma», sottolinea il ricercatore dell’Università di Atlanta

di Federica Bosco
Immagine articolo

Con la partecipazione di oltre 1200 medici e ricercatori, Milano in questi giorni è la capitale della ricerca contro l’Aids. In occasione della undicesima edizione del congresso ICAR (Italian Conference on AIDS and Antiviral Research) che si è tenuto presso la sede dell’Università Statale di Milano, è stato sancito tra professionisti del mondo sanitario, della cultura e della comunicazione un Patto trasversale per la scienza con lo scopo di sensibilizzare la popolazione sull’infezione da Hiv che solo negli ultimi 12 mesi ha fatto registrare 3443 nuove diagnosi, pari a 5,7 casi ogni 100 mila residenti. «Lo scopo del patto è quello di ricordare a tutti: politici, istituzioni, scuola, – spiega Guido Silvestri, immunologo e capo dipartimento dell’Università di Atlanta, ideatore insieme a Roberto Burioni del Patto Trasversale per la scienza – che la salute è un valore di tutti, non c’è scienza di centro, di destra o di sinistra, e che tutte le forze politiche dovrebbero riuscire ad andare d’accordo, a lavorare insieme e a fare sì che la salute dei cittadini attraverso la medicina basata sulla scienza venga sempre tutelata in ogni occasione possibile».

Come sono i dati sull’Aids in Italia oggi?

«Il problema permane, perché noi non abbiamo una cura e neppure un vaccino. Ora si usano farmaci antivirali con cui si rimane in vita e si ha una buona qualità della vita, però occorre prenderli sempre e se si smette si ritorna ad avere i sintomi dell’Aids. Inoltre, non abbiamo uno strumento oggi per debellare il virus dal corpo di una persona. il mio laboratorio sta lavorando per questo, ma ancora non abbiamo un vaccino e le persone possono infettarsi».

Quali sono i maggiori rischi oggi?

«Uno dei rischi maggiori è che si abbassi la guardia. Se una persona non si controlla, e non sa di essere infettato, può infettare altri e quindi l’epidemia non si ferma. Infatti non si sta fermando in Italia e nel resto del mondo».

Per cercare di affrontare ed arginare una nuova ondata di infezioni che interessa giovani tra i 25 e i 29 anni, ma soprattutto persone tra i 40 e i 50 anni, in occasione di ICAR sono state realizzate iniziative per sensibilizzare la popolazione: dalla ICAR RUN, una corsa per le vie della città, ai test rapidi di screening per HIV e HCV nelle principali piazze.

«Milano oggi registra il triste primato di infezioni da Hiv. Con un dato che non sta diminuendo ma è stabile, questo vuol dire che è molto importante fare prevenzione ed informazione – racconta Filippo Turrini, volontario ICAR impegnato nello screening – sono tanti i ragazzi che per la prima volta oggi fanno il test: sono curiosi e attenti, questo è un buon segnale».

In che cosa consiste il test?

«Si tratta di due tamponi salivari, uno per HIV e l’altro per Epatite C. In 20 minuti è pronto il risultato che ci dice se nella saliva sono presenti gli anticorpi contro questi due virus, che significa che la persona è stata esposta potenzialmente a questi due virus».

Se il test risulta positivo, cosa si deve fare?

«Occorre andare in uno dei centri ospedalieri che organizzano ICAR e andare a fare immediatamente il prelievo in modo da avere nel più breve tempo possibile la diagnosi».

Articoli correlati
L’Ospedale Niguarda compie 80 anni. Il direttore Bosio: «Una storia di generosità e innovazione»
Con una grande festa al teatro dal Verme, condotta da Simona Ventura, si sono conclusi i festeggiamenti per l’Ospedale Niguarda di Milano, alla presenza delle istituzioni e di artisti del calibro di Vittorio Sgarbi e Roberto Vecchioni
di Federica Bosco
HIV, nel 25% dei casi stimati il virus provoca disturbi di tipo cognitivo. In 2 casi su 3 di tipo asintomatico
Oltre 100 specialisti provenienti da Stati Uniti e Europa a Roma per l’8°edizione di NeuroHIV, International Meeting on HIV Infection of the Central Nervous System. «Secondo studi recenti una persona con HIV su quattro mostra deficit di tipo cognitivo; anche se in due casi su tre, grazie all’effetto delle terapie, si tratta di disturbi di tipo asintomatico», spiega il Prof. Andrea Antinori, Direttore Malattie Infettive dell'IIRCCS INMI Spallanzani
Milano “capitale del cuore”, 1300 cardiologi per promuovere donazioni e prevenzione
A partecipare in collegamento dagli Stati Uniti anche Reginald Green, papà di Nicholas, il bambino ucciso 25 anni fa da una pallottola vagante sulla Salerno Reggio Calabria
di Federica Bosco
Milano, la “spinta” dei genitori: «Test da cambiare. E se mio figlio non passa farò ricorso»
Visibilmente emozionati, ma tanto orgogliosi dei loro ragazzi. La squadra dei genitori che ha accompagnato gli oltre 2mila aspiranti medici questa mattina all’università Bicocca di Milano ha atteso per oltre tre ore che le porte dei padiglioni 6 e 7 si aprissero per conoscere l’esito di un test che è stato motivo di preoccupazione per […]
di Federica Bosco
Milano, arriva il nuovo Pronto soccorso al San Paolo: tecnologia e riservatezza per migliorare la gestione del paziente
«Le aree nuove ci aiuteranno a garantire una migliore sistemazione per i pazienti che, una volta destinati ad un’area, saranno assistiti senza essere spostati da un luogo ad un altro», spiega il direttore Marco Gardinali. Nel 2018 oltre 78mila accessi alla struttura
di Federica Bosco
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Ecm

ECM estesa a tutte le professioni sanitarie. L’Agenas pubblica la delibera

L’Educazione Continua in Medicina sarà obbligatoria per tutte le professioni sanitarie aventi ordini di categoria, prima esclusi dal vincolo formativo
Lavoro

Bilancio 2020: «Caro Ministro, ecco dove trovare i soldi per pagare di più i medici. Senza che lo Stato aggiunga un euro»

Intervista al segretario nazionale Anaao-Assomed Carlo Palermo: «Nei prossimi 8 anni nelle aziende sanitarie ci saranno 250 milioni di euro di “retribuzione individuale di anzianità”. Basterebbe...
Salute

Droga, bambini in astinenza. Parla il neonatologo: «Non c’è un picco, ma a volte conseguenze devastanti»

L'intervista ad Antonello Del Vecchio, neonatologo della Società Italiana di Pediatria: «Mix di droghe devastante, ma il loro utilizzo in gravidanza non è in aumento». E a provocare le crisi non c...