Salute 31 Ottobre 2019

Congresso AIPO, Poletti: «Prevenzione e cure personalizzate per combattere le malattie polmonari»

Per il Presidente dell’Associazione Italiana Pneumologi Ospedalieri, Venerino Poletti, è fondamentale focalizzare i progressi della medicina e le nuove frontiere introdotte dalla globalizzazione

di Federica Bosco
Congresso AIPO, Poletti: «Prevenzione e cure personalizzate per combattere le malattie polmonari»

Dalla prevenzione, ai biologici, fino alla messa a punto di un vaccino efficace per le malattie polmonari, tante novità saranno presentate al XX Congresso Nazionale di Pneumologia organizzata da AIPO che si terrà a Firenze dal 13 al 16 novembre. Tre giornate in cui oltre 2000 specialisti si confronteranno su patologie che oggi rappresentano la terza causa di morte dopo le malattie cardiovascolari e i tumori. Per il Presidente dell’Associazione Italiana Pneumologi Ospedalieri, Venerino Poletti, è fondamentale focalizzare i progressi della medicina e le nuove frontiere introdotte dalla globalizzazione.

«I cinque punti che rappresentano il sale di tutto questo congresso – spiega Poletti – sono: la prevenzione, ovvero lo stile di vita, non ammalarsi è il primo passo che potremmo fare con risorse inferiori rispetto a quelle che utilizziamo oggi per le cure; secondo punto è la diagnosi precoce, ovvero è fondamentale essere inseriti in screening a partire dal tumore del polmone fino a quello per la BPCO che è una delle malattie più diffuse, terzo punto è avere coscienza dell’esistenza delle malattie, ossia non trascinare un sintomo a lungo, ma rivolgersi alle prime avvisaglie ad un medico e, se necessario, ad uno pneumologo; quarto punto riconoscere che la ricerca ha un ruolo fondamentale nell’attività clinica e non si fa buona attività clinica se non si fa un’attività di ricerca. Ultimo ma non ultimo, la funzione della società civile affinché la sanità abbia un ruolo importante, in tal senso è fondamentale il ruolo dell’associazione di pazienti e di tutti i cittadini che devono intervenire a livello istituzionale e politico, affinché la sanità pubblica sia sempre al massimo livello».

LEGGI: FUMO E TUMORE AL POLMONE, IL RISCHIO DI MALATTIA NON È UGUALE PER TUTTI. LA RICERCA INT

A proposito di novità, in che direzione sta andando la ricerca?
«L’arrivo dei biologici nelle terapie polmonari è stato fondamentale, ha reso la medicina sempre più raffinata e la cura dei tumori è cambiata in modo significativo, così come dei cardiopatici e di chi ha l’asma grave, e anche delle malattie infettive. Proprio ieri è uscito sull’English Journal of medicine un articolo sul vaccino per la tubercolosi, quindi, come vede, abbiamo un numero rilevante di novità diagnostiche e terapeutiche che fanno riferimento soprattutto al fatto che la ricerca in campo pneumologico è di altissimo livello quindi i farmaci prodotti rispettano tutti i canoni della medicina personalizzata».

Lei diceva che è importante prima di tutto la prevenzione, a proposito diamo qualche consiglio
«Il primo, in assoluto, è non fumare, invece i giovani, in particolare le donne, tendono a riprendere questa abitudine ed è una cosa molto grave. Nonostante sui pacchetti di sigarette si legga che il fumo uccide, il messaggio non è preso in alcuna considerazione. Inoltre, i polmoni vivono all’interno di un corpo più complicato, quindi lo stile di vita è altresì importante per l’apparato respiratorio e dunque fare sport, fare attività fisica e una buona alimentazione sono fondamentali per una buona prevenzione. L’ultima cosa importante riguarda tutta la società civile che ha il dovere di agire con Istituzioni e politica affinché l’inquinamento sia il più contenuto possibile».

Articoli correlati
Podologi, Ponti (AIP): «Collaborando con MMG e specialisti possiamo dare contributo a prevenzione e monitoraggio»
Il Presidente dell’Associazione Italiana Podologia Valerio Ponti auspica un ruolo per i podologi anche nelle RSA: «Molti pazienti hanno difficoltà a fare riabilitazione a causa di patologie podaliche». Intanto il Covid complica l’attività: fatturato calato del 30-40%
Il 21 novembre 2020 è la Giornata dell’assistente sanitario
Un professionista di grande importanza nel mondo sanitario: in possesso della laurea in Assistenza sanitaria (L/SNT/4) abilitante all'esercizio della professione di Assistente sanitario, e dell’iscrizione all’albo presso gli Ordini dei Tecnici sanitari di radiologia medica e delle professioni sanitarie tecniche, della riabilitazione e della prevenzione (TSRM e PSTRP). Rappresenta una delle prime figure professionali che si incontra in ambito della prevenzione fin dai primi giorni di vita, per le vaccinazioni dell'infanzia
Baricitinib, il farmaco contro l’artrite riduce del 70% i decessi degli anziani per Covid-19?
Per comprendere accuratamente cosa dica la pubblicazione, Sanità Informazione ha intervistato Roberto Gerli, Presidente della Società Italiana di Reumatologia
di Peter D'Angelo
C’è un legame tra dislessia e la mancanza di ritmo: musica e danza possono aiutare i ragazzi con DSA
Uno studio dell’Università Bicocca e dell’Istituto Besta apre nuove ipotesi sul disturbo dell’apprendimento più diffuso. I ricercatori: «Abbiamo rilevato che nei dislessici il tempo che intercorre tra sguardo e azione è di circa mezzo secondo. Ma per avere ritmo servono sincronizzazione e tempo di intervento»
di Federica Bosco
Una molecola potrebbe inibire l’ingresso del Covid nel corpo umano: la scoperta di una 14enne texana
Anika Chebrolu ha vinto il primo premio della 3M Young Scientist Challenge 2020 e si racconta a Sanità Informazione: «Ho intenzione di utilizzare parte del denaro del concorso per promuovere la mia ricerca e per finanziare il mio progetto no-profit AcademyAid, dedicato ai bambini svantaggiati»
di Isabella Faggiano
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 27 novembre, sono 60.997.052 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.432.299 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 27 novembre...
Voci della Sanità

Manovra 2021, prevista indennità per gli infermieri. Beux (FNO TSRM e PSTRP): «Offesa alle altre professioni sanitarie, si premi il merito»

L’articolo 66 della bozza della Legge di Bilancio prevede una indennità di “specificità infermieristica” in vigore a partire dal primo gennaio 2021. Ma il Presidente del maxi Ordine delle prof...
Salute

Covid-19, Stefano Vella: «Dall’HIV abbiamo imparato che i virus vanno affamati»

Intervista a Stefano Vella dell'Università Cattolica di Roma: «Pandemia dichiarata colpevolmente in ritardo, ci siamo fidati della SARS. Testare tutti è impossibile, dobbiamo raggiungere una copert...
di Tommaso Caldarelli