Salute 31 Ottobre 2019 10:30

Congresso AIPO, Poletti: «Prevenzione e cure personalizzate per combattere le malattie polmonari»

Per il Presidente dell’Associazione Italiana Pneumologi Ospedalieri, Venerino Poletti, è fondamentale focalizzare i progressi della medicina e le nuove frontiere introdotte dalla globalizzazione

di Federica Bosco
Congresso AIPO, Poletti: «Prevenzione e cure personalizzate per combattere le malattie polmonari»

Dalla prevenzione, ai biologici, fino alla messa a punto di un vaccino efficace per le malattie polmonari, tante novità saranno presentate al XX Congresso Nazionale di Pneumologia organizzata da AIPO che si terrà a Firenze dal 13 al 16 novembre. Tre giornate in cui oltre 2000 specialisti si confronteranno su patologie che oggi rappresentano la terza causa di morte dopo le malattie cardiovascolari e i tumori. Per il Presidente dell’Associazione Italiana Pneumologi Ospedalieri, Venerino Poletti, è fondamentale focalizzare i progressi della medicina e le nuove frontiere introdotte dalla globalizzazione.

«I cinque punti che rappresentano il sale di tutto questo congresso – spiega Poletti – sono: la prevenzione, ovvero lo stile di vita, non ammalarsi è il primo passo che potremmo fare con risorse inferiori rispetto a quelle che utilizziamo oggi per le cure; secondo punto è la diagnosi precoce, ovvero è fondamentale essere inseriti in screening a partire dal tumore del polmone fino a quello per la BPCO che è una delle malattie più diffuse, terzo punto è avere coscienza dell’esistenza delle malattie, ossia non trascinare un sintomo a lungo, ma rivolgersi alle prime avvisaglie ad un medico e, se necessario, ad uno pneumologo; quarto punto riconoscere che la ricerca ha un ruolo fondamentale nell’attività clinica e non si fa buona attività clinica se non si fa un’attività di ricerca. Ultimo ma non ultimo, la funzione della società civile affinché la sanità abbia un ruolo importante, in tal senso è fondamentale il ruolo dell’associazione di pazienti e di tutti i cittadini che devono intervenire a livello istituzionale e politico, affinché la sanità pubblica sia sempre al massimo livello».

LEGGI: FUMO E TUMORE AL POLMONE, IL RISCHIO DI MALATTIA NON È UGUALE PER TUTTI. LA RICERCA INT

A proposito di novità, in che direzione sta andando la ricerca?
«L’arrivo dei biologici nelle terapie polmonari è stato fondamentale, ha reso la medicina sempre più raffinata e la cura dei tumori è cambiata in modo significativo, così come dei cardiopatici e di chi ha l’asma grave, e anche delle malattie infettive. Proprio ieri è uscito sull’English Journal of medicine un articolo sul vaccino per la tubercolosi, quindi, come vede, abbiamo un numero rilevante di novità diagnostiche e terapeutiche che fanno riferimento soprattutto al fatto che la ricerca in campo pneumologico è di altissimo livello quindi i farmaci prodotti rispettano tutti i canoni della medicina personalizzata».

Lei diceva che è importante prima di tutto la prevenzione, a proposito diamo qualche consiglio
«Il primo, in assoluto, è non fumare, invece i giovani, in particolare le donne, tendono a riprendere questa abitudine ed è una cosa molto grave. Nonostante sui pacchetti di sigarette si legga che il fumo uccide, il messaggio non è preso in alcuna considerazione. Inoltre, i polmoni vivono all’interno di un corpo più complicato, quindi lo stile di vita è altresì importante per l’apparato respiratorio e dunque fare sport, fare attività fisica e una buona alimentazione sono fondamentali per una buona prevenzione. L’ultima cosa importante riguarda tutta la società civile che ha il dovere di agire con Istituzioni e politica affinché l’inquinamento sia il più contenuto possibile».

Articoli correlati
“Movember”: la Società Italiana di Urologia in Senato per promuovere informazione e prevenzione sui tumori maschili
La Siu ha presentato la sua campagna di informazione e sensibilizzazione sui tumori della prostata e dei testicoli. Al centro del dibattito la necessità di un cambiamento culturale nella percezione che gli uomini hanno della propria salute ma anche le difficoltà dei clinici ad agire senza una normativa specifica che ne tuteli le scelte e le azioni. Il contrappasso è il rischio di una medicina difensiva costosa e inutile.
Donne “cenerentole” della ricerca in Europa, anche se metà dei laureati e dottorati è “rosa”
Le donne rappresentano circa la metà dei laureati e dei dottorati in Europa, ma abbandonano progressivamente la carriera accademica, arrivando a costituire appena il 33% della forza lavoro nel mondo della ricerca, e solo il 26% dei professori ordinari, direttori di dipartimento o di centri di ricerca. È il quadro tratteggiato in un articolo sulla rivista The Lancet Regional Health
Tumori: Rai e AIRC insieme per trasformare la ricerca in cura
"La ricerca cura". E' questo lo slogan della grande maratona di Rai e Fondazione Airc che, come ogni anno, uniscono le forze per trasformare la ricerca sul cancro in cura
Prevenzione, Ordine TSRM PSTRP Roma: «Serve grande alleanza tra le professioni sanitarie»
«La nostra presenza alla Race for The Cure vuole testimoniare il nostro sostegno alla ricerca e alla prevenzione, sempre al fianco delle donne che affrontano una battaglia contro un male subdolo e insidioso. È importante accompagnare le donne in tutto il percorso della malattia, con una presa in carico che parta dalla diagnosi e che garantisca anche il sostegno psicologico necessario» spiega Andrea Lenza, presidente dell’Ordine TSRM PSTRP di Roma
Pnrr: con PRP@CERIC nuova infrastruttura di ricerca per studiare agenti patogeni
Un'infrastruttura di ricerca altamente specializzata, unica in Europa, che integra strumentazioni e competenze in biologia, biochimica, fisica, bio-elettronica, bio-informatica e scienza dei dati per studiare agenti patogeni di origine umana, animale e vegetale e intervenire rapidamente per contrastare la diffusione di possibili nuovi focolai di malattie. Questo è l'obiettivo del progetto PRP@CERIC, finanziato con 41 milioni di euro dal Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Advocacy e Associazioni

Mieloma multiplo. Aspettativa di vita in aumento e cure sul territorio, il paradigma di un modello da applicare per la prossimità delle cure

Il mieloma multiplo rappresenta, tra le patologie onco-ematologiche, un caso studio per l’arrivo delle future terapie innovative, dato anche che i centri ospedalieri di riferimento iniziano a no...
Salute

Parkinson, la neurologa Brotini: “Grazie alla ricerca, siamo di fronte a una nuova alba”

“Molte molecole sono in fase di studio e vorrei che tutti i pazienti e i loro caregiver guardassero la malattia di Parkinson come fossero di fronte all’alba e non di fronte ad un tramonto&...
di V.A.
Advocacy e Associazioni

Oncologia, Iannelli (FAVO): “Anche i malati di cancro finiscono in lista di attesa”

Il Segretario Generale Favo: “Da qualche anno le attese per i malati oncologici sono sempre più lunghe. E la colpa non è della pandemia: quelli con cui i pazienti oncologici si sco...