Salute 16 Maggio 2022 14:56

Con il Festival In & Out Stato, istituzioni e imprenditori per dare un futuro ai ragazzi autistici

Madrina della tre giorni, la Presidente del Senato Maria Elisabetta Casellati che ha promesso più attenzione per garantire più cure e assistenza, ma anche formazione e lavoro. Un percorso avviato anche da Regione Lombardia con il piano per l’autismo e dal comune di Milano con il manifesto per l’autismo

Con l’inno di Mameli cantato dai ragazzi della Fondazione Istituto dei Ciechi, si è aperto a Milano lo scorso 13 maggio il primo festival dell’inclusione e dell’autismo. Una tre giorni che ha richiamato alla Fabbrica del Vapore istituzioni, associazioni e imprenditori con l’obiettivo di accendere i riflettori su una condizione – la sindrome dello spettro autistico – che interessa 600 mila persone in Italia.

Casellati: «Progetti di inclusione, non solo assistenza»

Alla richiesta dei genitori di tanti ragazzi autistici di avere progetti e non solo assistenza, hanno risposto associazioni e privati, mentre la Presidente del Senato Maria Elisabetta Casellati, madrina dell’evento, ha sottolineato il ruolo primario che deve avere il governo nell’accompagnare le famiglie nella dura battaglia quotidiana «Il lavoro può restituire dignità e speranza a questi ragazzi e alle loro famiglie. Attenzione è la parola chiave perché le disabilità intellettive non sono omogenee, e ogni caso richiede percorsi riabilitativi particolari, aiuto e sostegno personalizzato».

Un bambino ogni 77 soffre di un disturbo dello spettro autistico

Secondo un recente studio condotto in diversi stati europei un bambino ogni 77 oggi presenta un disturbo dello spettro autistico. «Numeri che si fanno ancora più terribili e angosciosi se si pensa che le disabilità intellettive non sono omogenee, ogni forma è diversa dall’altra, ogni caso richiede attenzioni specifiche e percorsi riabilitati particolari, aiuto e sostegni personalizzati – ha rimarcato la seconda carica dello Stato nel suo intervento -. Tutto questo per le famiglie si traduce in un calvario di visite, consulti, non sempre lineari e adeguati tanto che spesso diventano fragili anche i genitori lasciati soli e impotenti». Il Festival In & Out ha chiamato a raccolta amministratori, politici, aziende e cittadini per ricordare al paese quanto è importante investire nelle strutture e nei servizi per le famiglie che convivono con l’autismo, quanto è importante aiutare le scuole per mettere a disposizione più insegnanti di sostegno e quanto è importante offrire ai giovani adulti con autismo dei percorsi di formazione in grado di migliorare la qualità della vita e garantire loro un futuro diverso. «Solo quando lo Stato avrà potenziato il sistema di risposta pubblica educative, sanitarie e sociali dei fragili e nessuna famiglia in difficoltà sarà lasciata indietro – ha concluso Casellati -, potremo dire di aver compiuto fino in fondo il nostro dovere».

Con il Piano per l’autismo di Regione Lombardia si fanno progetti personalizzati

Una strada che Regione Lombardia ha imboccato da tempo, come ha ribadito la Vicepresidente e assessore al Welfare Letizia Moratti: «Questo festival nasce in un momento importante perché segue la redazione da parte di Regione Lombardia di un piano per l’autismo, realizzato con l’associazione “Uniti per l’autismo”, espressione del terzo settore e dei famigliari, che si concentra su un progetto di vita personalizzato, dove oltre alla cura e all’assistenza, si punta all’inserimento lavorativo, all’autonomia abitativa e alle relazioni sociali. Le persone sono molto di più della loro condizione ed è giusto aiutare le famiglie ad avere una qualità di vita che sia la migliore possibile».

 A Milano collaborazione tra pubblico e privato

«Per dare risposte concrete alle tante richieste e sollecitazioni avanzate dai genitori presenti al primo Festival dell’inclusione e dell’autismo, occorre potenziare la collaborazione tra pubblico e privato che rappresenta la chiave del successo» ha ribadito nel suo intervento il sindaco di Milano e della città metropolitana Giuseppe Sala «Bandi e progetti per inserimento nel mondo del lavoro di ragazzi autistici a Milano sono una realtà – ha sottolineato – abbiamo redatto un manifesto Milano per l’autismo, che è un vademecum e un impegno per associazioni e imprese, per il presente e per il futuro».

 

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Autismo, i tribunali siciliani riconoscono i diritti dei bambini ad avere terapie adeguate
I ricorrenti hanno ottenuto il riconoscimento del diritto al trattamento riabilitativo cognitivo comportamentale con metodologia ABA (Applied Behavior Analysis)
Autismo, il caso dei 77 milioni bloccati. Marino (ANGSA): «Ministero sordo alle nostre richieste»
Il presidente dell’Associazione Nazionale genitori Persone con autismo, Giovanni Marino, contesta il Ministero: «Da un anno chiediamo di modificare la norma per sbloccare i fondi ma è tutto fermo». E mette nel mirino le regioni: «I trattamenti nell’autismo sono nei LEA ma non tutte le Regioni li erogano»
di Francesco Torre
Chi trova un amico trova un tesoro, con la Banca del tempo Sociale è 2 aprile tutto l’anno
Dieci studenti di una scuola superiore dedicano due ore del loro tempo libero alla settimana a ragazzi autistici coetanei, insieme giocano a calcio, ascoltano musica, raccontano barzellette e chiacchierano, proprio come fanno gli amici. È questo ciò che accade nel progetto messo a punto dalla fondazione I bambini delle Fate di Franco Antonello in 12 città italiane e che coinvolge scuole, imprenditori e associazioni con la convinzione che nessun ragazzo autistico deve essere lasciato solo
Giornata dell’Autismo 22. Tecnologia interattiva e attività motoria per migliorare la vita dei bambini
Nasce all’ASST Santi Paolo e Carlo di Milano in collaborazione con il Politecnico di Milano e l’associazione KOALA il progetto SENSEi per stimolare il bambino con disturbi dello spettro autistico al fine di ottenere un miglioramento delle competenze sensoriali e cognitive
“Sul sentiero blu”, in viaggio lungo la via Francigena per superare le barriere dell’autismo
Dodici ragazzi autistici piemontesi hanno percorso 200 chilometri a piedi per raggiungere Roma ed incontrare il Papa. Un percorso difficoltoso sul piano fisico e psicologico condotto dal dottor Roberto Keller, direttore del centro regionale per i disturbi dello spettro autistico dell’Asl di Torino, per migliorare le loro relazioni sociali e l’autonomia. Il viaggio è diventato un film che sarà nelle sale cinematografiche italiane dal 28 febbraio
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 1° luglio, sono 547.500.575 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.335.874 i decessi. Ad oggi, oltre 11,74 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dall...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi della variante Omicron BA.5 e quanto durano?

La variante Omicron BA.5 tende a colpire le vie aeree superiori, causando sintomi lievi, come naso che cola e febbre. I primi dati indicano che i sintomi durano in media 4 giorni
Covid-19, che fare se...?

Il vaccino può causare il Long Covid?

Uno studio americano ha segnalato una serie di sintomi legati alla vaccinazione anti-Covid. Ma per gli esperti non si tratta di Long Covid, ma solo di normali effetti collaterali