Voci della Sanità 11 Maggio 2022 18:20

Autismo, i tribunali siciliani riconoscono i diritti dei bambini ad avere terapie adeguate

I ricorrenti hanno ottenuto il riconoscimento del diritto al trattamento riabilitativo cognitivo comportamentale con metodologia ABA (Applied Behavior Analysis)

In meno di due anni sono diversi i tribunali siciliani che si sono espressi sul delicato tema delle terapie per i bambini con disturbo dello spettro autistico. In particolare, è stato chiesto e ottenuto il riconoscimento del diritto al trattamento riabilitativo cognitivo comportamentale con metodologia ABA (Applied Behavior Analysis). Il primo caso nell’isola ha riguardato una famiglia di Noto, nel siracusano, nell’estate del 2020. In quel caso il giudice ha ordinato all’Asp locale di erogare terapie riabilitative per 40 ore settimanali per 48 mesi. Poche settimane dopo anche il tribunale di Catania si è espresso con una pronuncia che garantisce immediatamente a due fratellini con sindrome dello spettro autistico 20 ore di terapie settimanali e la supervisione mensile.

In meno di due anni le ordinanze dei tribunali siciliani si sono moltiplicate. Le famiglie, su consiglio dei propri legali di fiducia, hanno attivato una procedura d’urgenza per vedere riconosciuto il diritto alla salute dei propri figli. Le famiglie sono 18 e provengono da Catania, Fiumefreddo di Sicilia, Gravina di Catania, Siracusa, Noto, Avola, Pachino, Ferla, Enna, Messina e Marsala. In un solo caso l’azienda sanitaria provinciale ha riconosciuto la fondatezza e la necessità delle richieste formulate dalla famiglia senza che il caso finisse in un’aula di tribunale, proponendo così terapie adeguate ad un minore del messinese. Negli altri casi le aziende si sono opposte e i giudici, accogliendo le richieste dei genitori, si sono espressi ordinando l’erogazione delle terapie ai minori da parte delle Asp territorialmente competenti che hanno provveduto rimborsando le famiglie dei costi sostenuti per le terapie private o mettendo a disposizione direttamente le prestazioni di professionisti del settore con le modalità indicate dal tribunale (dalle 20 alle 40 ore settimanali per ciascun bambino).

Gli interventi intensivi con metodologia ABA hanno portato risultati positivi per i bambini che hanno visto riconosciuti i loro diritti, segno che è la strada da intraprendere. Tutte le famiglie sono state seguite dagli avvocati Corrado Valvo e Chiara Calabrese che hanno contribuito a dare speranze a persone con disabilità e ai loro cari che li seguono ed assistono. «Abbiamo accolto ogni singolo provvedimento – dicono gli avvocati Chiara Calabrese e Corrado Valvo del foro di Siracusa – con grande soddisfazione. Diversi giudici, da Siracusa a Marsala, si sono espressi nel riconoscere la fondatezza delle nostre argomentazioni e il diritto di questi minori a cure intensive e qualificate con costi a totale carico delle Asp territoriali. E’ irragionevole privare un disabile, soprattutto se si tratta di minori, di un diritto inalienabile come quello alla salute. Continueremo con decisione a sostenere le richieste di queste famiglie che non possono aspettare, gli interventi nei confronti di bambini con sindrome dello spettro autistico devono essere precoci e intensivi».

Articoli correlati
Dall’Istituto Superiore di Sanità nuove linee guida sull’autismo
L’ISS ha pubblicato il testo completo della Linea Guida sulla diagnosi e il trattamento del disturbo dello spettro autistico in bambini e adolescenti che include 27 raccomandazioni e 1 indicazione di buona pratica clinica che gli esperti hanno formulato sulla base della letteratura più aggiornata e della loro esperienzanprofessionale e personale
Autismo: con nuovo strumento di tracciamento oculare possibili diagnosi precoci
Messo a punto uno strumento di tracciamento oculare in grado di diagnosticare l'autismo, con maggior certezza, nei bambini con appena 16 mesi mesi di vita. I risultati eccezionali sono stati pubblicati in due studi
Salute orale e disabilità, un binomio complicato. E spesso le famiglie sono costrette a rivolgersi all’ospedale
«Nel campo della salute orale il 50% dei professionisti ha poche competenze sulla gestione del paziente con disabilità» racconta Alberto Aureli, Igienista dentale e padre di un paziente con autismo. Che lancia un progetto di formazione per gli studi privati
Autismo, sbloccati 77 milioni per assunzioni e ricerca. Ma Angsa chiede la proroga dei termini per i piani
«È necessario  dare un tempo congruo  alle istituzioni e alle famiglie per elaborare piani ponderati e non buttati là in fretta con il rischio di sprechi» spiega il presidente Angsa Giovanni Marino
Autismo, ANGSA: «Ministero della Disabilità  si avvia a chiudere esame delibere regionali»  
«A distanza di due mesi dalla scadenza mancano ancora all’appello le determinazioni  di Calabria e Puglia, insieme a quelle di Lombardia e Lazio giustificate perché  impegnate nelle recenti elezioni» spiega l'Associazione Nazionale Genitori Persone con Autismo
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Politica

Liste d’attesa: nel decreto per abbatterle c’è anche la Carta dei diritti dei cittadini

Il Cup dovrà attivare un sistema di “Recall”. Il paziente che non si presenterà alla visita senza disdirla dovrà pagare la prestazione. Cambiano le tariffe orarie per ...
Politica

Liste di attesa addio? La risposta del Consiglio dei Ministri in due provvedimenti

Ieri il Consiglio dei ministri, su proposta del Presidente, Giorgia Meloni, e del Ministro della salute, Orazio Schillaci, ha approvato due provvedimenti, un decreto-legge e un disegno di legge, che i...
Salute

Tumori: boom di casi nei paesi occidentali. Cinieri (Aiom): “Prevenzione attiva per ridurre carico della malattia”

Nel 2024 negli USA, per la prima volta nella storia, si supera la soglia di 2 milioni di casi di tumore. Una crescita importante, comune a tutti i Paesi occidentali. Per Saverio Cinieri, presidente di...