Voci della Sanità 11 Maggio 2022 18:20

Autismo, i tribunali siciliani riconoscono i diritti dei bambini ad avere terapie adeguate

I ricorrenti hanno ottenuto il riconoscimento del diritto al trattamento riabilitativo cognitivo comportamentale con metodologia ABA (Applied Behavior Analysis)

In meno di due anni sono diversi i tribunali siciliani che si sono espressi sul delicato tema delle terapie per i bambini con disturbo dello spettro autistico. In particolare, è stato chiesto e ottenuto il riconoscimento del diritto al trattamento riabilitativo cognitivo comportamentale con metodologia ABA (Applied Behavior Analysis). Il primo caso nell’isola ha riguardato una famiglia di Noto, nel siracusano, nell’estate del 2020. In quel caso il giudice ha ordinato all’Asp locale di erogare terapie riabilitative per 40 ore settimanali per 48 mesi. Poche settimane dopo anche il tribunale di Catania si è espresso con una pronuncia che garantisce immediatamente a due fratellini con sindrome dello spettro autistico 20 ore di terapie settimanali e la supervisione mensile.

In meno di due anni le ordinanze dei tribunali siciliani si sono moltiplicate. Le famiglie, su consiglio dei propri legali di fiducia, hanno attivato una procedura d’urgenza per vedere riconosciuto il diritto alla salute dei propri figli. Le famiglie sono 18 e provengono da Catania, Fiumefreddo di Sicilia, Gravina di Catania, Siracusa, Noto, Avola, Pachino, Ferla, Enna, Messina e Marsala. In un solo caso l’azienda sanitaria provinciale ha riconosciuto la fondatezza e la necessità delle richieste formulate dalla famiglia senza che il caso finisse in un’aula di tribunale, proponendo così terapie adeguate ad un minore del messinese. Negli altri casi le aziende si sono opposte e i giudici, accogliendo le richieste dei genitori, si sono espressi ordinando l’erogazione delle terapie ai minori da parte delle Asp territorialmente competenti che hanno provveduto rimborsando le famiglie dei costi sostenuti per le terapie private o mettendo a disposizione direttamente le prestazioni di professionisti del settore con le modalità indicate dal tribunale (dalle 20 alle 40 ore settimanali per ciascun bambino).

Gli interventi intensivi con metodologia ABA hanno portato risultati positivi per i bambini che hanno visto riconosciuti i loro diritti, segno che è la strada da intraprendere. Tutte le famiglie sono state seguite dagli avvocati Corrado Valvo e Chiara Calabrese che hanno contribuito a dare speranze a persone con disabilità e ai loro cari che li seguono ed assistono. «Abbiamo accolto ogni singolo provvedimento – dicono gli avvocati Chiara Calabrese e Corrado Valvo del foro di Siracusa – con grande soddisfazione. Diversi giudici, da Siracusa a Marsala, si sono espressi nel riconoscere la fondatezza delle nostre argomentazioni e il diritto di questi minori a cure intensive e qualificate con costi a totale carico delle Asp territoriali. E’ irragionevole privare un disabile, soprattutto se si tratta di minori, di un diritto inalienabile come quello alla salute. Continueremo con decisione a sostenere le richieste di queste famiglie che non possono aspettare, gli interventi nei confronti di bambini con sindrome dello spettro autistico devono essere precoci e intensivi».

Articoli correlati
Con il Festival In & Out Stato, istituzioni e imprenditori per dare un futuro ai ragazzi autistici
Madrina della tre giorni, la Presidente del Senato Maria Elisabetta Casellati che ha promesso più attenzione per garantire più cure e assistenza, ma anche formazione e lavoro. Un percorso avviato anche da Regione Lombardia con il piano per l’autismo e dal comune di Milano con il manifesto per l’autismo
Autismo, il caso dei 77 milioni bloccati. Marino (ANGSA): «Ministero sordo alle nostre richieste»
Il presidente dell’Associazione Nazionale genitori Persone con autismo, Giovanni Marino, contesta il Ministero: «Da un anno chiediamo di modificare la norma per sbloccare i fondi ma è tutto fermo». E mette nel mirino le regioni: «I trattamenti nell’autismo sono nei LEA ma non tutte le Regioni li erogano»
di Francesco Torre
Chi trova un amico trova un tesoro, con la Banca del tempo Sociale è 2 aprile tutto l’anno
Dieci studenti di una scuola superiore dedicano due ore del loro tempo libero alla settimana a ragazzi autistici coetanei, insieme giocano a calcio, ascoltano musica, raccontano barzellette e chiacchierano, proprio come fanno gli amici. È questo ciò che accade nel progetto messo a punto dalla fondazione I bambini delle Fate di Franco Antonello in 12 città italiane e che coinvolge scuole, imprenditori e associazioni con la convinzione che nessun ragazzo autistico deve essere lasciato solo
Giornata dell’Autismo 22. Tecnologia interattiva e attività motoria per migliorare la vita dei bambini
Nasce all’ASST Santi Paolo e Carlo di Milano in collaborazione con il Politecnico di Milano e l’associazione KOALA il progetto SENSEi per stimolare il bambino con disturbi dello spettro autistico al fine di ottenere un miglioramento delle competenze sensoriali e cognitive
“Sul sentiero blu”, in viaggio lungo la via Francigena per superare le barriere dell’autismo
Dodici ragazzi autistici piemontesi hanno percorso 200 chilometri a piedi per raggiungere Roma ed incontrare il Papa. Un percorso difficoltoso sul piano fisico e psicologico condotto dal dottor Roberto Keller, direttore del centro regionale per i disturbi dello spettro autistico dell’Asl di Torino, per migliorare le loro relazioni sociali e l’autonomia. Il viaggio è diventato un film che sarà nelle sale cinematografiche italiane dal 28 febbraio
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 27 maggio, sono 527.841.227 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.284.538 i decessi. Ad oggi, oltre 11,48 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Salute

Vaiolo delle scimmie, la “profezia” di Bill Gates e il bioterrorismo

Bill Gates aveva parlato pubblicamente del rischio di future pandemia e di bioterrorismo, facendo riferimento a possibili attacchi con il vaiolo. Spazio per nuove teorie del complotto
Cause

Medici specializzandi, apertura della Cassazione su prescrizione, rivalutazione interessi e borse di studio

Due ordinanze della Cassazione riaprono la vertenza, con udienza pubblica. L’avvocato Tortorella: «La giurisprudenza può rivedere le sue posizioni in senso più favorevole ai ...