Salute 20 Febbraio 2021 15:36

Codogno un anno dopo: una targa in ricordo dei 326 medici vittime del Covid

All’ospedale dove venne riconosciuto il primo caso italiano, una cerimonia per ricordare chi non c’è più e ringraziare coloro che con dedizione ogni giorno si adoperano per salvare vite

di Federica Bosco

Sono trascorsi dodici mesi dal giorno in cui all’ospedale di Codogno venne individuato il primo paziente italiano affetto da Covid. Era il 20 febbraio 2020 e per l’Italia iniziava la lunga ed estenuante battaglia contro il virus.

Una targa per non dimenticare

Questa mattina proprio nel presidio ospedaliero della cittadina lodigiana è stata scoperta una targa in ricordo dei 326 medici ed odontoiatri che hanno perso la vita per il Covid. Alla cerimonia, organizzata dalla Federazione Nazionale degli Ordini dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri tenutasi in contemporanea con Roma, hanno preso parte il prefetto Giuseppe Montella, il sindaco di Lodi Sara Canova, il sindaco di Codogno Francesco Passerini – che ha scoperto la targa -, il Presidente della Federazione Lombarda dei medici e degli odontoiatri Gianluigi Spata, gli assessori regionali Pietro Foroni e Guido Guidesi. Presente anche il primo paziente a cui fu diagnosticato il Covid, Mattia Maestri, accompagnato dalla moglie e dalla figlioletta nata pochi mesi dopo l’inizio della pandemia.

20 febbraio: la Giornata della Memoria

Un momento carico di emozione, come le parole di Gianluigi Spata che nel suo intervento ha voluto ricordare il primo medico vittima del Covid, Roberto Stella, presidente dell’ordine dei medici di Varese, morto il 10 marzo a pochi giorni dall’avvio della pandemia. «Dobbiamo tenere vivo il ricordo delle storie di medici, infermieri e operatori sociosanitari che hanno salvato vite in una emergenza pandemica senza precedenti – ha detto il presidente della Federazione Lombarda dei medici e degli operatori sanitari -. Questa deve essere anche la giornata del ringraziamento a tutti coloro che lavorano in ambito medico sanitario, negli ospedali, nelle farmacie e sul territorio.  Persone che non si possono e non si dovranno dimenticare quando l’emergenza sarà finita. Questa dovrà essere la Giornata della Memoria per sempre».

Sinergia territoriale, presidi ospedalieri locali e volontariato: tre luci nel tunnel della pandemia

Per Pietro Foroni, assessore alla protezione Civile di Regione Lombardia, originario della zona, «è importante ricordare per costruire. Quando la sera del 19 febbraio arrivò la telefonata che era stato individuato il primo caso italiano di coronavirus proprio qui – ha spiegato dal presidio ospedaliero di Codogno – rimasi sorpreso perché pensare che in questa cittadina della bassa lodigiana, ai margini delle grandi metropoli, era stato scoperto, grazie all’intuizione di un’anestesista, il virus che spaventava il mondo, era qualcosa di inimmaginabile».

«Invece la realtà a cui ci siamo trovati di fronte non lasciava dubbi – ha aggiunto – ed allora ho compreso quanto fosse importante il ruolo dei presidi ospedalieri territoriali. Non solo per le cure e l’attenzione rivolta ai malati, ma anche per il grande valore del personale sanitario che nella lunga maratona iniziata quel giorno non si sono mai risparmiati, mettendo a repentaglio la loro vita».

«Questa esperienza drammatica deve lasciarci in eredità tre tesori – ha sottolineato Foroni nella sua riflessione -.  Una sinergia territoriale che dalle prime ore è emersa tra Regione e amministratori locali, presidi ospedalieri locali preparati sui quali è necessario investire in prospettiva futura e il grande lavoro del volontariato che, nella circostanza, si è messo a disposizione di tutte le realtà locali con 300 mila giornate lavorative gratuite offerte in un anno per aiutare il territorio. Credo che queste possano essere considerate tre luci nel tunnel della pandemia, su cui investire per il futuro».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Nuovo report Cabina di regia: «Situazione in miglioramento». Da lunedì solo Valle d’Aosta in zona arancione
«La mappa dell'Ue si sta schiarendo, si vedono spot gialli anche in Europa, compresa l'Italia. Segnale positivo che viene confermato anche dalle curve in tutti i Paesi dove sono stabili o in decrescita»
«Il burnout tra gli anestesisti rianimatori»
di Claudio Melloni, specialista in anestesia e rianimazione, già primario dei servizi di Anestesia e Rianimazione Ospedali di Lugo e Faenza
di Claudio Melloni, specialista in anestesia e rianimazione
Scudo penale nel Dl Covid: «Professionisti sanitari punibili solo per colpa grave in emergenza»
Al Senato passa emendamento chiesto da tutto il mondo della sanità. Ora il giudice dovrà tenere conto “della limitatezza delle conoscenze scientifiche al momento del fatto sulle patologie da SARS-Cov-2 e sulle terapie appropriate, nonché della scarsità delle risorse umane e materiali”. Le reazioni
Dl Covid, Evangelista (M5S): «Finalmente per operatori sanitari punibilità solo per colpa grave»
«Non si può non tenere conto della situazione e del contesto in cui i nostri sanitari hanno operato durante quest’anno per far fronte al Covid-19» sottolinea la senatrice M5S
David Donatello 2021, premiati i sanitari del Lazio. Marongiu: «Una grande e inaspettata emozione»
Consegnate le targhe d’onore a tre professionisti sanitari laziali: Silvia Angeletti, Ivanna Legkar e Stefano Marongiu. Quest'ultimo, nell'intervista a Sanità Informazione, dichiara: «Abbiamo bisogno di sognare e riflettere e il cinema, in questo, è maestro»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 14 maggio, sono 161.188.177 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 3.344.757 i decessi. Ad oggi, oltre 1,38 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Voci della Sanità

Terapia domiciliare Covid, Ministero ricorre al Consiglio di Stato. Il Comitato: «Ricorso in appello va contro voto del Senato»

«Chiediamo al Ministro della Salute Speranza delucidazioni in merito alla decisione di ricorrere in Appello, alla luce dell’opposto indirizzo votato dal Senato» scrive in una nota Er...
Cause

Medico denuncia per diffamazione paziente che lo aveva portato in tribunale per lesioni personali. Risarcito

Donna denuncia penalmente dermatologo ma l’accusa cade. Il medico avvia a sua volta un iter processuale verso la paziente che lo aveva accusato pubblicamente. «Una sentenza che farà...