Salute 20 Febbraio 2021 15:36

Codogno un anno dopo: una targa in ricordo dei 326 medici vittime del Covid

All’ospedale dove venne riconosciuto il primo caso italiano, una cerimonia per ricordare chi non c’è più e ringraziare coloro che con dedizione ogni giorno si adoperano per salvare vite

di Federica Bosco

Sono trascorsi dodici mesi dal giorno in cui all’ospedale di Codogno venne individuato il primo paziente italiano affetto da Covid. Era il 20 febbraio 2020 e per l’Italia iniziava la lunga ed estenuante battaglia contro il virus.

Una targa per non dimenticare

Questa mattina proprio nel presidio ospedaliero della cittadina lodigiana è stata scoperta una targa in ricordo dei 326 medici ed odontoiatri che hanno perso la vita per il Covid. Alla cerimonia, organizzata dalla Federazione Nazionale degli Ordini dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri tenutasi in contemporanea con Roma, hanno preso parte il prefetto Giuseppe Montella, il sindaco di Lodi Sara Canova, il sindaco di Codogno Francesco Passerini – che ha scoperto la targa -, il Presidente della Federazione Lombarda dei medici e degli odontoiatri Gianluigi Spata, gli assessori regionali Pietro Foroni e Guido Guidesi. Presente anche il primo paziente a cui fu diagnosticato il Covid, Mattia Maestri, accompagnato dalla moglie e dalla figlioletta nata pochi mesi dopo l’inizio della pandemia.

20 febbraio: la Giornata della Memoria

Un momento carico di emozione, come le parole di Gianluigi Spata che nel suo intervento ha voluto ricordare il primo medico vittima del Covid, Roberto Stella, presidente dell’ordine dei medici di Varese, morto il 10 marzo a pochi giorni dall’avvio della pandemia. «Dobbiamo tenere vivo il ricordo delle storie di medici, infermieri e operatori sociosanitari che hanno salvato vite in una emergenza pandemica senza precedenti – ha detto il presidente della Federazione Lombarda dei medici e degli operatori sanitari -. Questa deve essere anche la giornata del ringraziamento a tutti coloro che lavorano in ambito medico sanitario, negli ospedali, nelle farmacie e sul territorio.  Persone che non si possono e non si dovranno dimenticare quando l’emergenza sarà finita. Questa dovrà essere la Giornata della Memoria per sempre».

Sinergia territoriale, presidi ospedalieri locali e volontariato: tre luci nel tunnel della pandemia

Per Pietro Foroni, assessore alla protezione Civile di Regione Lombardia, originario della zona, «è importante ricordare per costruire. Quando la sera del 19 febbraio arrivò la telefonata che era stato individuato il primo caso italiano di coronavirus proprio qui – ha spiegato dal presidio ospedaliero di Codogno – rimasi sorpreso perché pensare che in questa cittadina della bassa lodigiana, ai margini delle grandi metropoli, era stato scoperto, grazie all’intuizione di un’anestesista, il virus che spaventava il mondo, era qualcosa di inimmaginabile».

«Invece la realtà a cui ci siamo trovati di fronte non lasciava dubbi – ha aggiunto – ed allora ho compreso quanto fosse importante il ruolo dei presidi ospedalieri territoriali. Non solo per le cure e l’attenzione rivolta ai malati, ma anche per il grande valore del personale sanitario che nella lunga maratona iniziata quel giorno non si sono mai risparmiati, mettendo a repentaglio la loro vita».

«Questa esperienza drammatica deve lasciarci in eredità tre tesori – ha sottolineato Foroni nella sua riflessione -.  Una sinergia territoriale che dalle prime ore è emersa tra Regione e amministratori locali, presidi ospedalieri locali preparati sui quali è necessario investire in prospettiva futura e il grande lavoro del volontariato che, nella circostanza, si è messo a disposizione di tutte le realtà locali con 300 mila giornate lavorative gratuite offerte in un anno per aiutare il territorio. Credo che queste possano essere considerate tre luci nel tunnel della pandemia, su cui investire per il futuro».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Inaugurata Breast Unit a Tor Vergata, Speranza: «Investire nella diagnosi e trattamento del tumore al seno»
Presente anche l'Assessore alla Sanità D'Amato: «Una donna su otto può avere questo problema – ha dichiarato ai nostri microfoni – la prevenzione è fondamentale, è necessario arrivare tempestivamente alla diagnosi e poi alla cura»
I morti per Covid-19 sono davvero meno di 4mila? La risposta dell’ISS
Ma davvero l’Istituto Superiore di Sanità ha scritto nero su bianco che i morti in Italia per Covid sono meno di 4mila (per la precisione 3.783)? Risponde proprio l’Istituto
SIMRI, Midulla: «Non solo Sars-CoV-2. Ci attende una stagione di virus respiratori»
Focus del XXV Congresso SIMRI, in programma a Verona dal 24 al 26 ottobre, nuovi farmaci, sigarette elettroniche e Long Covid. Midulla: «Da un nostro progetto di follow up è emerso che il Long Covid pediatrico non riguarda solo il polmone: il 20-22% di bambini presenta una sintomatologia neuropsichiatrica»
di Isabella Faggiano
Congresso Aiom, Beretta: «Ora un New Deal per affrontare la pandemia da cancro che ci attende»
Dal XXIII Congresso dell'Associazione italiana di oncologia medica i punti da cui ripartire con il peso del Covid-19: screening, esami diagnostici e follow up, regolamentare la telemedicina e rafforzare la sanità territoriale
In Inghilterra niente restrizioni e crescono i contagi. La testimonianza: «Ma gli ospedali sono vuoti»
Un cardiologo italiano a Londra: «Il vaccino ha abbassato la virulenza del virus, ma troppo lassismo e una campagna vaccinale debole su giovani e booster rischiano di aggravare la situazione in inverno»
di Federica Bosco
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 26 ottobre, sono 244.073.373 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 4.954.951 i decessi. Ad oggi, oltre 6,83 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Ecm

Formazione ECM, Sileri: «Tre mesi per recuperare trienni passati, poi controlli e sanzioni a irregolari»

Il sottosegretario alla Salute Pierpaolo Sileri ricorda la scadenza della proroga dei trienni formativi 2014-2016 e 2017-2019 prevista per il 31 dicembre 2021, e chiarisce: «Non ci saranno altre...
Lavoro

Esonero contributivo Enpam, c’è tempo fino al 31 ottobre. Come funziona

Chi può accedere all'esonero contributivo per gli iscritti Enpam che arriva fino a 3mila euro?