Salute 6 Aprile 2018 18:48

In Italia gli ordini di cibo sano a domicilio aumentano del 123%. Dalla quinoa al poke, l’healthy food che ci facciamo consegnare a casa

5mila chili di frutta e 18mila chili di insalata. Non solo pizza e panini: il food delivery è sempre più ricco e più sano. I dati dell’osservatorio Just Eat

In Italia gli ordini di cibo sano a domicilio aumentano del 123%. Dalla quinoa al poke, l’healthy food che ci facciamo consegnare a casa

«Che mangiamo stasera? Ordino una pizza?». «No, facciamoci portare un chicken bowl con quinoa e avocado, un burger veggy e un bel centrifugato detox». Addio ai tempi in cui le consegne a domicilio prevedevano solo pizze e, al massimo, panini; il food delivery è ormai sempre più vario, ricco di possibilità e, soprattutto, più sano. Come emerge dall’osservatorio Just Eat, l’app leader per ordinare on line pranzo e cena a domicilio, le richieste di healthy food sono cresciute di oltre il 120% a livello nazionale. E le ragioni sono le più varie: per il 41% la scelta del vegano o vegetariano rappresenta l’opportunità di assaporare gusti diversi ed ingredienti nuovi, per il 33% poter alternare cibo sano ai food golosi senza rinunciare alla consegna a domicilio, per il 18% semplicemente perché il cibo sano è buono, e solo per l’8% una variante che permette di non sgarrare la dieta alimentare.

Ma cosa si sono fatti consegnare a domicilio, nel 2017, gli italiani? Oltre 5mila chili di frutta e 18mila chili di insalata. Sono cresciuti del 22% i dolci vegan, soprattutto torta alla frutta, cheesecake e tiramisù, seguiti da burger vegetariani, poke (ricetta hawaiiana a base di pesce crudo), e centrifugati detox ed energizzanti, spesso ordinati insieme a sandwich leggeri o ricette a base di quinoa.

In particolare, il piatto sano più ordinato a Roma è l’insalata di riso venere, a Genova quella greca, a Bologna la cesar salad, mentre a Milano troviamo il chicken bowl alla quinoa, a Napoli le polpettine di quinoa, a Bari la crostata vegana, a Torino i centrifugati, a Firenze la lasagna vegan e a Palermo il veggie burger.

Tra le città Milano è quella in cui si ordina più cibo sano e che cresce di più in termini di ordini (+530%), seguita al secondo posto da Firenze con +72% di crescita rispetto al 2017, al terzo dalla capitale, che cresce del +173%, al quarto da Torino (+16%) e al quinto da Bari (+36%). Un incremento importante lo stanno vivendo però anche Genova, che ha visto raddoppiare gli ordini anno su anno, Palermo con + 46% e Napoli con +25% di richieste.

E se pensate che siano il venerdì o il sabato i giorni in cui proprio non si ha voglia di cucinare e si ordina qualcosa da ricevere a domicilio, vi sbagliate. È il giovedì il giorno della settimana in cui si ordina di più cibo sano, anche se sta crescendo la richiesta nei giorni di lunedì e martedì, per ricominciare la settimana con leggerezza. Non stupisce, invece, che i giorni in cui si è più attenti a mangiar sano siano aprile, maggio e giugno, quando la prova costume è alle porte ed il desiderio di molti è arrivare in spiaggia con un fisico bestiale. E coloro che non andranno al mare, potranno comunque provare nuovi gusti ed ingredienti. Altrimenti, ordineranno una pizza.

LEGGI ANCHE: OGNI ORA, I BAMBINI VEDONO IN TV 12 SPOT PUBBLICITARI DI JUNK FOOD. LA PROPOSTA PER VIETARLI

 

SEGUICI ANCHE SU FACEBOOK <— CLICCA QUI

 

Articoli correlati
Gli insetti croccanti e nutrienti saranno il cibo del futuro
Si stima che più di 2.000 specie di insetti commestibili facciano parte dei pasti tradizionali di almeno 2,5 miliardi di persone
di Stefano Piazza
Il futuro della nostra alimentazione passa dai cibi Superfood
Lo chef Carmine Mottola ci propone una sua ricetta semplice ma ricca di «super food»: il Risotto con  curcuma, sesamo nero, salsa falafel e Pepe nero
di Stefano Piazza
Giornata mondiale DCA, Valentina adesso sa volare. «Ho imparato ad amarmi. Il diario la mia salvezza»
A Sanità Informazione Valentina Capogna racconta come ha ripreso in mano la sua vita, segnata dai DCA, da anni di bulimia nervosa: «Ho imparato ad ascoltare i segnali del mio corpo, allenare il muscolo del cuore, sciogliere la corazza coperta da chili di cibo. Per donare amore a me stessa e agli altri. Cambiando io, è cambiato tutto il mondo intorno a me»
Colonscopia, anche per vegani una dieta senza sacrifici
«In accordo con i nutrizionisti, abbiamo redatto una serie di consigli specifici per vegani e vegetariani, con diete a bassissimo contenuto di fibre, che ci hanno consentito, di avere ottime preparazioni intestinali i cui valori sono pari a quelle dei pazienti che hanno assunto le preparazioni riportate nelle linee guida internazionali» spiega Luca Pecchioli, responsabile del Servizio di Endoscopia Digestiva dell’INI di Grottaferrata
La lotta al Covid comincia a tavola. I benefici della dieta chetogenica
Caprio (endocrinologo): «Da alcuni studi è emerso che tra i pazienti ricoverati in terapia intensiva sottoposti a dieta chetogenica il rischio di mortalità si è notevolmente ridotto. Questa dieta associata ad esercizio fisico può accelerare anche la ripresa dopo una forma severa di Covid»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 1° luglio, sono 547.500.575 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.335.874 i decessi. Ad oggi, oltre 11,74 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dall...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi della variante Omicron BA.5 e quanto durano?

La variante Omicron BA.5 tende a colpire le vie aeree superiori, causando sintomi lievi, come naso che cola e febbre. I primi dati indicano che i sintomi durano in media 4 giorni
Covid-19, che fare se...?

Negativo con i sintomi, quando posso ripetere il test?

Capita sempre più spesso che una persona con i sintomi del Covid-19 risulti negativa al primo test. Con Omicron sono stati segnalati più casi di positività ritardata. Meglio ripet...