Salute 20 luglio 2017

Chirurgia plastica: «Interventi sicuri in tempi record» l’intervista a Giorgio De Santis Presidente Congresso SICPRE 2017

Una tre giorni di confronto tra il mondo della chirurgia plastica italiano e brasiliano. Dal 21 al 23 settembre Modena diventa la culla della medicina chirurgica ricostruttiva. Giorgio De Santis, Presidente Congresso SICPRE 2017: «Spazio ai giovani, il Congresso sarà dedicato a loro»

«La chirurgia plastica ricostruttiva prima di avere un elevato valore medico-scientifico, ha innanzitutto un ruolo socialmente utile» dichiara Giorgio De Santis, Presidente Congresso Società Italia di Chirurgia Plastica, Ricostruttiva ed Estetica 2017. «Faccio riferimento agli interventi post terapie oncologiche che, negli ultimi anni, hanno compiuto enormi progressi nell’ambito delle strumentazioni sofisticate e delle terapie sempre più all’avanguardia».

«Fortunatamente oggi, rispetto al passato – prosegue il Professor De Santis intervistato a Modena in occasione dell’iniziativa “37 milioni in 37 giorni” organizzata da Consulcesi, realtà leader nel settore di tutela legale dei professionisti sanitari – si hanno prospettive di vita molto più lunghe e di maggiore qualità anche dopo interventi chirurgici impegnativi successivi a malattie oncologiche. Quindi – prosegue – avere una prospettiva di ricostruzione dopo una vera e propria ‘demolizione’, è fondamentale dal punto di vista psicologico ma anche per una normale integrazione sociale. Inoltre, importanti sono anche le tempistiche: stiamo lavorando per ridurre i tempi di intervallo tra intervento di asportazione di un tumore e ricostruzione successiva».

Di chirurgia ricostruttiva, micro-chirurgia post oncologica e tempi operativi «se ne parlerà approfonditamente in occasione del 66° Congresso SICPRE previsto dal 21 al 23 settembre» dichiara De Santis che per l’occasione ricoprirà il ruolo di Presidente congressuale. «Auspico, in previsione dell’evento, una grande affluenza soprattutto perché, per la prima volta, abbiamo organizzato un incontro congiunto con l’importante Società Brasiliana di Chirurgia Plastica che, nell’immaginario collettivo, è la fondatrice della chirurgia plastica in termini universali». Infatti il Brasile è considerato la “terra promessa” della chirurgia plastica e un confronto fra professionisti brasiliani e italiani «sarà un interessante momento di confronto».

«Ci tengo a precisare inoltre – conclude il Presidente –  che il Congresso sarà rivolto in particolare ai giovani, (per cui abbiamo ridotto le tariffe di registrazione) perché crediamo molto in un contributo scientifico degli specializzandi e dei neo specialisti che rappresentano il futuro della categoria».

 

Articoli correlati
Ricerca e formazione, parlano i vincitori del Premio “SICPRE Giovani”
Il Premio, organizzato dalla Società Italiana di Chirurgia Plastica Ricostruttiva ed Estetica, è andato a 10 giovani promesse della chirurgia italiana. I lavori verranno pubblicati sulla prestigiosa rivista internazionale PRS GO
Chirurgia plastica, il neo presidente Sicpre Fasano: «Farò sentire i soci a casa loro, puntando su confronto e aggiornamento»
Adriana Cordova tira le somme della sua presidenza, appena terminata: «Ho cercato di rafforzare il ruolo di guida scientifica della società e organizzato percorsi diagnostico-terapeutici per i pazienti transessuali»
Chirurgia plastica, il presidente del congresso Sicpre Palombo: «Non è più la specialità della vanità, ma serve per guarire»
Trasformata per tre giorni in capitale della chirurgia plastica, da Roma il messaggio degli specialisti: «Lavoriamo sempre più a braccetto con altre discipline, migliorando la qualità delle cure e l’aspettativa di vita dei pazienti»
Tumore al seno e ricostruzione mammella, con screening a fluorescenza diminuisce il rischio di necrosi
Il Professore Giorgio De Santis, Primario di Chirurgia Plastica e Ricostruttiva al Policlinico di Modena, spiega ai nostri microfoni quanto sia importante riuscire a prevedere quali lembi utilizzare nella ricostruzione: «Alcuni hanno problemi di riperfusione. Con il Quest riusciamo a capire quali e a scegliere quelli giusti»
Caso ‘Ken umano’, attenzione alla ‘febbre del ritocco’: bisogna saper dire di no
Tiene banco in questi giorni il caso del ‘Ken umano’, l’uomo che detiene il Guinness dei primati per il numero di interventi di chirurgia estetica sostenuti – in tutto 58 – tra cui la pericolosa asportazione di alcune costole per rendere più sottile il punto vita. La Sicpre, Società italiana di chirurgia plastica ricostruttiva ed estetica, anche in seguito […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

E-fattura, Marino (OMCeO Roma): «Dal 2019 cambia tutto, professionisti sanitari si attivino o rischio sanzioni»

«Per attivare la procedura occorre il ‘sistema d’interscambio’: ecco come funziona» così Emanuela Marino dell’Ufficio relazioni con il pubblico dell’OMCeO Roma parla delle novità in mate...
Salute

Endometriosi, arriva nuovo Ddl: 25 milioni per la ricerca e bonus malattia. Sileri (Comm. Sanità): «Prevenzione e tutela contro patologia subdola»

Per contrastare il ritardo nella diagnosi il disegno di legge presentato al Senato prevede corsi di formazione per ginecologi e medici di famiglia e una Giornata nazionale per parlare della malattia. ...
Politica

Sunshine Act, ecco cosa prevede Ddl trasparenza. Il relatore Baroni (M5S): «Così si previene corruzione. Per i medici no oneri burocratici»

Il provvedimento, in discussione in Commissione Affari Sociali, è sul modello di una analoga legge francese. Soglia minima per la dichiarazione è 10 euro: l’obbligo sarà in capo alle industrie sa...