Salute 14 Aprile 2016

Chiriacò: «L’Italia è leader sull’omeopatia ma bisogna formare meglio medici e cittadini»

È aprile il mese dell’omeopatia. In tutto il mondo, e in Italia in particolare, la medicina e i farmaci omeopatici sono sempre più al centro dell’attenzione e da statistiche recenti il nostro risulta il terzo mercato europeo. Ma, in realtà, quella classifica, l’Italia, potrebbe anche comandarla. Questo secondo uno dei massimi esperti italiani intervistato da […]

Immagine articolo

È aprile il mese dell’omeopatia. In tutto il mondo, e in Italia in particolare, la medicina e i farmaci omeopatici sono sempre più al centro dell’attenzione e da statistiche recenti il nostro risulta il terzo mercato europeo. Ma, in realtà, quella classifica, l’Italia, potrebbe anche comandarla.

Questo secondo uno dei massimi esperti italiani intervistato da Sanità informazione, il professor Dario Chiriacò, docente di Omeopatia e Medicine Naturali e Presidente dell’Ordine dei Medici di Rieti.

«Secondo me siamo qualcosa di meglio, per un motivo molto semplice: il primo e il secondo mercato sono la Francia e la Germania, paesi nei quali l’omeopatia ha una veste ufficiale decisamente superiore, e nei quali c’è un parziale rimborso da parte del sistema sanitario delle spese e delle visite omeopatiche. In Italia questo non avviene, per cui tutta l’omeopatia è a carico del portafoglio del cittadino, per cui forse come utilizzo siamo i secondi o i primi. Questo ci conferma un’altra cosa, che anche in un momento di difficoltà economica, di crisi, il cittadino italiano sta crescendo a livello di consapevolezza, e questo è importante nonostante ci siano delle carenze normative nel nostro Paese che stenta ad adeguarsi anche alle sollecitazioni della Ue».

L’omeopatia però, a volte, viene chiamata in causa dalla cronaca e si finisce per parlarne a sproposito. In questo senso proprio il corso ECM da lei tenuto per Sanità in Formazione, uno dei più seguiti nel 2015, può essere fondamentale per spiegare esattamente cos’è l’omeopatia, come si pratica e tutte le ricadute positive che può avere.
«Vede, lei ha messo il dito nella piaga. Qui c’è un problema serio, l’omeopata deve essere opportunamente formato. Ho partecipato, in quanto presidente dell’OMCeO di Rieti, Presidente della Federazione degli Ordini dei Medici del Lazio e responsabile della Commissione Nazionale FNOMCeO per le medicine non convenzionali, al percorso legislativo che ha portato alla recente normativa. Per cui sono fondamentali questi corsi FAD, come quello a cui lei accennava (“L’omeopatia tra le medicine complementari in Italia”) perché così si dà una prima informativa precisa, dettagliata, documentata, per chi poi vuole avvicinarsi a questa disciplina con corsi più specifici come quelli del Centro Omeopatico Italiano Ippocrate che ho contribuito a creare negli anni scorsi. Il medico deve essere formato bene, con regole certe. Poi, altro aspetto, è quello del nuovo codice di deontologia medica FNOMCeO che dice chiaramente che l’utilizzo di medicine non convenzionali non può assolutamente, a maggior ragione in determinate patologie gravi, escludere l’uso della medicina ufficiale. Serve il chirurgo? Si va dal chirurgo. Serve l’oncologo? Si va dall’oncologo. Solo dopo associamo l’omeopatia, associamo l’agopuntura. Non siamo né maghi, né niente, siamo prima di tutto laureati in medicina. L’omeopatia è una cosa meravigliosa, se lei pensa che in quasi tutti i Paesi esistono gli ospedali omeopatici e mancano in Italia. Ed è fondamentale che ci sia un chiarimento, cioè si deve capire che cos’è l’omeopatia, cioè da chi va fatta, della possibilità di controllare il medico. Io cittadino, io paziente, chiamo l’ordine e dico il dottor Chiriacò, nel caso mio all’Ordine di Rieti, è laureato in medicina? Sì. È iscritto nei registri dell’omeopatia? Sì. È una sorta di garanzia per l’utente».

Quindi un corso è fondamentale per formare ancora di più i medici e informare i cittadini?
«È buono per il farmacista, è buono per il medico, è buono per chiunque. Ed è anche una cosa estremamente comoda, tranquilla. Questa è la tecnologia del 2016, e secondo me lo sarà sempre di più. È importantissimo che il cittadino, il medico, che tutti si rendano conto di che cosa è e di che cosa stiamo parlando».

Articoli correlati
Governo, Magi (Omceo Roma): «Bene l’attenzione di Conte sulla sanità, ma serve lo sblocco del turnover»
Intervistato in occasione della fiducia in Senato, il presidente Omceo Roma, Antonio Magi commenta positivamente i programmi per la sanità esposti dal premier Conte e dal ministro della Salute, Roberto Speranza. Critico sull'utilizzo nei non specializzati in corsia, l'appello: «Non abbassare mai la qualità della professione»
La frequenza di un evento all’estero, non accreditato in Italia, dà crediti validi nel sistema nazionale?
Per gli eventi non accreditati in Italia è possibile fare richiesta di riconoscimento dei crediti secondo quanto stabilito al paragrafo 3.4 (Formazione individuale all’estero) del Manuale sulla formazione continua del professionista sanitario.
Conte bis, in sanità priorità per formazione e assunzioni. Vaccini, lotta agli sprechi, aggressioni: la nuova agenda in Commissione
A Montecitorio lungo discorso del premier che riserva un passaggio anche alla sanità. M5S-PD convinti dalle parole del premier, Lega e Fdi annunciano opposizione dura. Mandelli (Forza Italia): "Il vero banco di prova sono i fondi da destinare alla sanità"
«Assunzioni straordinarie e potenziamento percorsi formativi», la ricetta del premier Conte per la Sanità
«Questo progetto politico segna l'inizio di una nuova stagione riformatrice», ha spiegato all'inizio del suo intervento il premier Giuseppe Conte
Autismo, al via il primo Corso di Alta Formazione presso l’ISS
Sono 100 i dirigenti medici neuropsichiatri, psichiatri e psicologi che saranno formati e aggiornati attraverso il primo Corso Analisi del comportamento applicata al disturbo dello spettro autistico organizzato dall’Istituto Superiore di Sanità. La prima lezione si è tenuta oggi in ISS ma saranno coinvolte anche le sedi della IULM di Milano e dell’Università Federico II di Napoli […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

Firenze, a motivare gli aspiranti medici c’è anche l’influencer Marta Pasqualato: «Non arrendetevi»

Sta per diventare medico, dopo essere diventata celebre su Uomini&Donne: «Io sono entrata dopo due anni. Se non passate valutate il ricorso»
di Diana Romersi e Viviana Franzellitti
Salute

Toscana, allarme per superbatterio “New Delhi”: 350 portatori e 44 infetti. Istituita unità di crisi

Nuova Delhi Metallo-beta-lattamasi è un enzima recentemente identificato che rende i batteri resistenti ad un ampio spettro di antibiotici beta-lattamici. «Il numero di pazienti portatori dall'inizi...
Politica

Roberto Speranza: abolizione superticket e assunzioni. Ecco chi è il nuovo ministro della Salute

Cambio di vertice per il Ministero della Salute, al posto della pentastellata Giulia Grillo l’ex Pd, Roberto Speranza. Ecco il profilo e le idee del deputato di Liberi e Uguali