Salute 26 Settembre 2017

Chikungunya, Cappellano (OMCeO Roma): «Occorre riconoscere sintomi rapidamente, i virus esotici possono essere letali»

È allarme Chikungunya a Roma e nel Lazio: 102 casi accertati finora e il numero, a detta degli esperti, è destinato a crescere. «Fronte unito sanità e istituzioni per combattere emergenza» l’intervista a Ernesto Cappellano, Coordinatore Commissione Prevenzione OMCeO Roma

«Servono aggiornamenti costanti per il personale sanitario su malattie scomparse in Italia, i viaggi internazionali mettono a rischio il Paese, dobbiamo sempre essere preparati. È bene rinfrescare la memoria dei colleghi e l’Ordine ha anche questo compito» lo dichiara Ernesto Cappellano, Coordinatore Commissione Prevenzione OMCeO Roma che fa il punto della situazione sull’allarme Chikungunya, malattia virale trasmessa da zanzare infette che ha colpito prevalentemente il Lazio. Infatti continua a salire il numero di contagi e la Regione ha comunicato che, ad oggi, al Seresmi (Servizio Regionale di Sorveglianza Malattie Infettive) sono pervenute un totale di 102 infezioni da zanzare infette.

LEGGI ANCHE: CHIKUNGUNYA, MINISTRO LORENZIN: «FONDAMENTALE DISINFESTAZIONE IN TUTTE LE ZONE A RISCHIO»

«È chiaro che l’Ordine di Roma non poteva rimanere indifferente a questa problematica che ha grande rilevanza sanitaria e sociale – prosegue Cappellano-. Nel Lazio, in particolare a Roma ed Anzio, si sono verificati, da questa estate, alcuni casi di questa malattia trasmessa attraverso la puntura di zanzare del genere Aedes (la zanzara tigre). I sintomi sono: febbre, forti dolori articolari, in qualche caso rash cutaneo. La malattia è tipica dei climi caldi, ma da alcuni anni cominciano a verificarsi casi anche in Italia. In genere ha una buona risoluzione e non lascia eccessivi strascichi. Per motivi di profilassi, in questo momento, sono state escluse alcune persone, quindi sono diminuite le donazioni di sangue, in particolare nelle zone della Asl Roma 2 e di Anzio e questo potrebbe avere ripercussioni per le scorte ematiche della nostra Regione. Per evitare questo e potenziare le scorte di sangue per i cittadini della Regione Lazio, sono intervenute altre Regioni».

LEGGI ANCHE: MALARIA, «IN ITALIA CENTINAIA DI CASI L’ANNO: IN TROPPI PARTONO SENZA PROFILASSI» L’INTERVISTA AL DOTTOR IPPOLITO (SPALLANZANI)

Per fare il punto sull’emergenza e tenere aggiornati i professionisti sanitari «abbiamo ritenuto importante – spiega Cappellano – come Ordine di Roma, organizzare un convegno che si terrà il 7 ottobre presso l’aula Teatro dell’Ospedale Santo Spirito per sensibilizzare tutti i colleghi romani e far conoscere la vera situazione epidemiologica. Abbiamo invitato a parlare i maggiori esperti nazionali, tra cui il Prof. Rezza dell’Istituto Superiore della Sanità ed il Prof. Ippolito, Direttore Scientifico dello Spallanzani. Invito tutti i medici romani ad intervenire dal momento che questa malattia non è molto conosciuta nel nostro territorio».

In merito a ciò, la Regione Lazio informa, in una nota stampa, che mercoledì 27 settembre si terrà “un corso formativo per medici e pediatri sulla gestione dell’infezione da Chikungunya presso il Centro congresso dell’INMI L. Spallanzani di Roma. L’iniziativa è finalizzata a garantire una elevata capacità di gestione nei confronti di altri casi con sintomi riconducibili all’infezione nelle strutture sanitarie regionali. Il corso coinvolgerà 150 persone ed è rivolto ai dirigenti dei Dipartimenti prevenzione delle Asl con particolare riferimento ai Servizi malattie infettive, medici di Pronto soccorso, dei reparti di malattie infettive di medicina generale e pediatri. Obiettivi dell’evento formativo sono la conoscenza dell’epidemiologia clinica correlata alla Chikungunya le misure di sorveglianza e controllo dell’infezione prodotta dal virus” .

 

Articoli correlati
Test salivari per Covid-19, Andreoni (Tor Vergata): «Rapidi, semplici e meno invasivi, sono ideali per le scuole»
«Ad oggi non esistono test efficaci al 100% - ha spiegato a Sanità Informazione -. I test salivari hanno sensibilità ridotta rispetto al tampone, ma se funzionano al 90-95% possiamo ritenerci soddisfatti. Validi soprattutto in campagne di screening in aeroporto e nelle scuole»
«Sono un volontario per le sperimentazioni del vaccino anti-Covid. E sono stato sommerso dalle offese online»
La storia di Rinaldo Sidoli, candidato idoneo per la Fase 2 della sperimentazione clinica del vaccino sviluppato dallo Spallanzani. Portavoce APE e animalista, molti non hanno capito la sua scelta e ha dovuto fronteggiare l'odio online
ECM, i provider scrivono a Speranza: «Ci rassicuri su Consulta e futuro della formazione in Italia»
«Convocare al più presto la Consulta nazionale a supporto della Commissione ECM e discutere quanto prima il futuro del comparto professionale»
Partita allo Spallanzani la sperimentazione sull’uomo del vaccino italiano anti-Covid
Allo Spallanzani inoculata in una volontaria la prima dose: è una donna di 50 anni. Si dà così inizio alla fase clinica I del vaccino italiano. Il direttore sanitario Vaia: «Il nostro auspicio è che sia prodotto in primavera»
Covid-19, Speranza: «L’Italia si sta rialzando ma la battaglia non è vinta. Scriviamo insieme il futuro»
«Il virus è una grande sfida globale, non conosce confini tra nazioni e questo significa che dobbiamo costruire insieme una risposta». Così il ministro della Salute in visita allo Spallanzani insieme all'ambasciatore Usa in Italia Eisenberg
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 23 settembre, sono 31.606.979 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 971.116 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 23 settembre: Ad oggi in...
Formazione

Test di Medicina 2020, ecco come è andata: la cronaca dalle università di Roma, Firenze, Milano, Napoli e Bari

Oltre 66 mila candidati per 13.072 posti disponibili. Tra speranze, sogni, proteste e irregolarità, anche quest’anno il Test di medicina ha fatto parlare di sé. Pubblicate le risposte corrette al ...
Salute

Covid-19, studio italiano scopre meccanismo responsabile della morte dei pazienti in terapia intensiva

Lo studio, che vede come capofila il S. Orsola di Bologna, è stato pubblicato su “Lancet Respiratory Medicine” lo scorso 27 agosto