Salute 11 Settembre 2017 15:42

Malaria, «In Italia centinaia di casi l’anno: in troppi partono senza profilassi» l’intervista al dottor Ippolito (Spallanzani)

«Il 25 e il 26 settembre l’Istituto Nazionale Malattie Infettive organizzerà una riunione per dettare linee guida di gestione della malaria in tutti i principali centri clinici del Paese» lo dichiara all’indomani della morte della piccola Sofia, il Direttore Scientifico dell’Istituto Nazionale Malattie Infettive Lazzaro Spallanzani

«In Italia non c’è un allarme malaria, tuttavia è vero che ogni anno si verificano un centinaio di casi di infezione a causa di viaggiatori che non fanno profilassi o che la fanno incompleta» lo dichiara Giuseppe Ippolito, Direttore Scientifico dello Spallanzani di Roma all’indomani della morte della piccola Sofia, la bambina trentina di quattro anni che ha contratto la malaria presumibilmente presso l’Ospedale di Trento ed è morta poche ore dopo all’Ospedale di Brescia.

«A studiare le cause della morte di Sofia ci sta pensando l’ospedale e gli ispettori di turno per capire se la bambina è stata contagiata nella struttura sanitaria o in altri ambienti. Intanto posso dire che in molti casi di contagio la diagnosi arriva tardi perché i pazienti non segnalano di aver viaggiato in Paesi a rischio e senza una corretta profilassi». La profilassi anti-malaria altro non è che «alcune dosi di compresse da prendere prima della partenza a seconda del farmaco, quello che non tutti sanno (perché non ritengono opportuno informarsi da chi di dovere) la profilassi deve essere portata avanti anche di ritorno dalla vacanza».

«Per quel che riguarda le terapie – prosegue il Professore – esistono più farmaci registrati per la malaria, tuttavia è innegabile che esista una concreta difficoltà ad acquisire altri farmaci oltre il chinino ed è questo il motivo per cui alla fine di questo mese, il 25 e 26 settembre, l’Istituto Nazionale per le Malattie Infettive organizza una riunione per avviare un programma con i principali centri clinici per la standardizzazione nella gestione della malaria grave».

«Dunque come appare evidente – continua Ippolito – non sono certo i migranti a determinare un cambiamento nell’incidenza delle malattie infettive. Anzi,  bisogna smettere di dire che i migranti ci portano le infezioni. I migranti portano le infezioni esattamente come tanti italiani che viaggiano senza premunirsi». Si tratta di ‘bufale’, tiene a specificare il Professore, diffuse da chi rifiuta di documentarsi in maniera appropriata. «Stessa cosa per la resistenza ai vaccini, le famiglie che non vogliono vaccinare i propri figli dovrebbero informarsi correttamente: non c’è nessuna prova che i vaccini facciano male, ci sarebbe bisogno di un vaccino contro la stupidità ma ancora non l’hanno inventato».

Articoli correlati
Malaria in Africa: perché la maggior parte dei paesi non l’ha ancora sconfitta?
La malaria rimane una delle malattie parassitarie più devastanti che colpiscono gli esseri umani. Nel 2020 si sono registrati circa 241 milioni di casi e 672.000 decessi
di Stefano Piazza
La lunga battaglia contro la malaria, tra sfide vinte e ancora aperte
Da quando la sua eziologia è stata descritta per la prima volta più di 100 anni fa, la malaria è diventata una delle malattie infettive più conosciute al mondo. Tuttavia, nel 2019 ci sono stati ancora più di 620.000 decessi e circa 230 milioni di casi in tutto il mondo, quasi tutti nell'Africa subsahariana
di Stefano Piazza
Origini Sars-Cov-2, Galli e Ciccozzi: «Improbabile fuga da laboratorio». Ippolito: «Non si può escludere ma servono dati»
Alla Camera il dibattito tra esperti nel corso delle audizioni per l’istituzione della Commissione d’inchiesta sulle cause dello scoppio della pandemia di Sars-CoV-2 con un focus sul comportamento delle autorità cinesi. Al Nord Italia due varianti già a febbraio 2020
Vaccini, Ippolito (Cts): «Rischi Covid maggiori di ipotetici eventi avversi. Tanto basta per decisioni razionali»
Dalle rare reazioni avverse di AstraZeneca e Johnson&Johnson ai dubbi sulla seconda dose, le risposte del direttore scientifico dello Spallanzani e membro del Cts Giuseppe Ippolito
di Peter D'Angelo
«Monoclonali servono a poco per pazienti ospedalizzati, parli la scienza». Intervista al prof. Ippolito sullo stato della pandemia
Con il direttore scientifico dello Spallanzani, Giuseppe Ippolito, parliamo di vaccini e anticorpi monoclonali. L'immunità di gregge arriverà? Quel che è certo è che non sarà il Covid a sparire, ma si trasformerà probabilmente in un "normale" raffreddore
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Dalla Redazione

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Ad oggi, 27 gennaio 2023, sono 669.913.624 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.821.347 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia L’ultimo bollettino di...
Covid-19, che fare se...?

Come distinguere la tosse da Covid da quella da influenza?

La tosse da Covid è secca e irritante, quella da influenza tende invece a essere grassa. In ogni caso non esistono rimedi se non palliativi, come gli sciroppi lenitivi. No agli antibiotici: non...
Salute

Kraken, la nuova variante di Omicron dietro il boom di contagi negli Usa

Secondo il Cdc, Kraken ha più che raddoppiato il numero di contagi ogni settimana, passando dal 4% al 41% delle nuove infezioni