Salute 11 Settembre 2017

Malaria, «In Italia centinaia di casi l’anno: in troppi partono senza profilassi» l’intervista al dottor Ippolito (Spallanzani)

«Il 25 e il 26 settembre l’Istituto Nazionale Malattie Infettive organizzerà una riunione per dettare linee guida di gestione della malaria in tutti i principali centri clinici del Paese» lo dichiara all’indomani della morte della piccola Sofia, il Direttore Scientifico dell’Istituto Nazionale Malattie Infettive Lazzaro Spallanzani

«In Italia non c’è un allarme malaria, tuttavia è vero che ogni anno si verificano un centinaio di casi di infezione a causa di viaggiatori che non fanno profilassi o che la fanno incompleta» lo dichiara Giuseppe Ippolito, Direttore Scientifico dello Spallanzani di Roma all’indomani della morte della piccola Sofia, la bambina trentina di quattro anni che ha contratto la malaria presumibilmente presso l’Ospedale di Trento ed è morta poche ore dopo all’Ospedale di Brescia.

«A studiare le cause della morte di Sofia ci sta pensando l’ospedale e gli ispettori di turno per capire se la bambina è stata contagiata nella struttura sanitaria o in altri ambienti. Intanto posso dire che in molti casi di contagio la diagnosi arriva tardi perché i pazienti non segnalano di aver viaggiato in Paesi a rischio e senza una corretta profilassi». La profilassi anti-malaria altro non è che «alcune dosi di compresse da prendere prima della partenza a seconda del farmaco, quello che non tutti sanno (perché non ritengono opportuno informarsi da chi di dovere) la profilassi deve essere portata avanti anche di ritorno dalla vacanza».

«Per quel che riguarda le terapie – prosegue il Professore – esistono più farmaci registrati per la malaria, tuttavia è innegabile che esista una concreta difficoltà ad acquisire altri farmaci oltre il chinino ed è questo il motivo per cui alla fine di questo mese, il 25 e 26 settembre, l’Istituto Nazionale per le Malattie Infettive organizza una riunione per avviare un programma con i principali centri clinici per la standardizzazione nella gestione della malaria grave».

«Dunque come appare evidente – continua Ippolito – non sono certo i migranti a determinare un cambiamento nell’incidenza delle malattie infettive. Anzi,  bisogna smettere di dire che i migranti ci portano le infezioni. I migranti portano le infezioni esattamente come tanti italiani che viaggiano senza premunirsi». Si tratta di ‘bufale’, tiene a specificare il Professore, diffuse da chi rifiuta di documentarsi in maniera appropriata. «Stessa cosa per la resistenza ai vaccini, le famiglie che non vogliono vaccinare i propri figli dovrebbero informarsi correttamente: non c’è nessuna prova che i vaccini facciano male, ci sarebbe bisogno di un vaccino contro la stupidità ma ancora non l’hanno inventato».

Articoli correlati
Partita allo Spallanzani la sperimentazione sull’uomo del vaccino italiano anti-Covid
Allo Spallanzani inoculata in una volontaria la prima dose: è una donna di 50 anni. Si dà così inizio alla fase clinica I del vaccino italiano. Il direttore sanitario Vaia: «Il nostro auspicio è che sia prodotto in primavera»
Il più grande finanziamento start-up del biotech italiano: l’EU Malaria Fund finanzia AchilleS Vaccines
AchilleS Vaccines, scale-up italiana incubata presso Toscana Life Sciences, si aggiudica il finanziamento di ben tre progetti di ricerca sulla malaria e altre malattie infettive, e di uno relativo al Covid-19. Il polo di ricerca senese si conferma propulsore di innovazione in area life sciences e attrattore di investimenti
Audizioni in Parlamento, gli esperti fanno il punto sull’evoluzione dell’epidemia, la sieroprevalenza, la terapia al plasma e i vaccini
Miozzo (Cts): «Ecco cosa ha fatto il Comitato tecnico-scientifico». Ippolito (Spallanzani): «Indagine di sieroprevalenza su 150mila italia fotograferà situazione». De Donno (Poma): «Non capisco accanimento contro l'utilizzo del plasma iperimmune». Scaccabarozzi (Farmindustria): «Sono 110 i vaccini candidati nel mondo, speriamo che qualcuno arrivi in fondo»
di Giovanni Cedrone e Gloria Frezza
Studio italiano: «Bambini possono essere chiave per sconfiggere Covid-19»
Un articolo su “The Lancet Child and Adolescent Health” parla di una migliore risposta immunitaria dei più piccoli, che raramente contraggono una forma grave dell'infezione. Tra i ricercatori anche Giuseppe Ippolito e Franco Locatelli
Coronavirus, Di Maio alla stampa estera: «Coinvolto lo 0,089% dei Comuni. Italia sicura per turisti e imprenditori»
Stop a tamponi a pazienti asintomatici. Speranza: «Eseguiti 10mila test, ma non possiamo essere puniti per aver fatto più controlli degli altri Paesi»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 18 settembre, sono 30.183.223 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 946.158 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 18 settembre: Ad oggi in...
Formazione

Test di Medicina 2020, ecco come è andata: la cronaca dalle università di Roma, Firenze, Milano, Napoli e Bari

Oltre 66 mila candidati per 13.072 posti disponibili. Tra speranze, sogni, proteste e irregolarità, anche quest’anno il Test di medicina ha fatto parlare di sé. Pubblicate le risposte corrette al ...
Salute

Covid-19, studio italiano scopre meccanismo responsabile della morte dei pazienti in terapia intensiva

Lo studio, che vede come capofila il S. Orsola di Bologna, è stato pubblicato su “Lancet Respiratory Medicine” lo scorso 27 agosto