Salute 18 maggio 2016

CHERSEVANI: «Assunzioni, turni massacranti e formazione, salviamo medici e pazienti da tempesta perfetta»

Parla il presidente Fnomceo: «Su crediti ECM in ritardo quasi la metà dei medici, bisogna intervenire»

Quale medico, quale paziente, quale medicina nel SSN? Si intitola così la III Conferenza Nazionale della Professione Medica e Odontoiatrica di Rimini, che traccia un punto importante sullo stato dell’arte del Servizio Sanitario Nazionale alle prese con le numerose questioni che attualmente riguardano tutte le parti in causa: investono il medico e, inevitabilmente, coinvolgono il paziente.

Su questi temi Sanità informazione ha intervistato Roberta Chersevani, presidente della FNOMCeO.


«Sì: quale medicina, quale organizzazione, quale medico e anche quale paziente, perché se ci guardiamo attorno notiamo che i pazienti vanno via via acquisendo posizioni diverse, e che possono essere frastornati dalla mole di informazioni. Non abbiamo parlato di sostenibilità del sistema sanitario ma siamo preoccupati anche di questo perché potrebbe essere un problema, una tempesta annunciata, una tempesta perfetta».

Una delle criticità della categoria è quella dei turni massacranti. Si parla di razionalizzazione, di organizzazione, però poi alla fine il cittadino spesso si trova un medico che ha dovuto fare 2 turni di seguito…
«Noi possiamo organizzare quanto vogliamo, ma se la coperta è corta o è fuori la testa o i piedi. Da questo punto di vista non possiamo che essere propositivi. Grandi cambiamenti dopo il decreto europeo non ci sono stati, quindi mi auguro che succeda adesso. Ricordo che il ministro Lorenzin ha detto: “se siamo ancora qui a dare un buon servizio ai nostri cittadini è proprio per i sacrifici della classe medica e delle professioni sanitarie” e questo è vero. Ho lavorato in un ospedale per 40 anni, quindi ricordo bene queste situazioni. Il nostro non è un mestiere, è una professione in cui è difficile dire “adesso timbro e vado a casa” se hai ancora qualcosa da risolvere».

Passando dai diritti ai doveri dei medici si parla molto di formazione ECM su cui da più parti si denuncia un ritardo…
«Sembrerebbe così, dovrei rivedere gli ultimissimi dati che mi ha fornito il Cogeaps. Tra l’altro ci sono anche delle problematiche nel passaggio dei dati al Cogeaps, perché alcune regioni hanno dei sistemi che non comunicano con il software del Cogeaps. Sembrerebbe che la metà dei medici non abbia fatto questo tipo di ECM. Io però, al di là dell’ECM e delle sue regole  – assolutamente ben fatte anche se in certi momenti difficili da seguire – parlerei di Continuous Professional Developement, cioè sviluppo professionale continuo, che non è solo il credito ‘portato a casa’, ma è l’informazione utile, l’ampliamento di determinate conoscenze, la verifica del proprio operato, ed è su quello che bisogna puntare, al di là di quelli che possono essere i crediti previsti nel triennio».

Però visto che una regola c’è, se dovesse finire questo triennio con questo ritardo quali sarebbero i provvedimenti per i medici?
«Al momento non abbiamo previsto alcun tipo di provvedimento, penso però che si debba parlare in positivo. Ad esempio, se si deve fare un concorso, tra i documenti si presentano anche quelli che dimostrano il proprio aggiornamento. Se mai ci si trovasse in qualche problematica o possibilità di errore, si può dimostrare che l’aggiornamento c’è. Sempre che quel tipo di aggiornamento abbia il valore che gli vogliamo dare».

Articoli correlati
Responsabilità professionale e cause temerarie, De Lillo (Agenas): «Formazione continua fondamentale per ridurre rischi»
Ai microfoni di Sanità Informazione il Presidente Facente Funzione dell’Agenzia Nazionale per i Servizi Sanitari Regionali spiega quali sono le possibili soluzioni per ridurre un contenzioso che riguarda circa 300mila cause all’anno: «Bene l’arbitrato della salute, ma rivedere anche applicazione del patto quota lite»
di Arnaldo Iodice e Giovanni Cedrone
Formazione, Vanja Ciolli (CeOR): «Aggiornamento fondamentale, tecnico ortopedico responsabile sicurezza dispositivi e qualità processi di produzione»
«Il tecnico ortopedico è obbligato da norme regionali e nazionali ad aggiornarsi al passo con l’evoluzione continua in medicina e a rispondere ai crediti formativi necessari» dichiara Vanja Ciolli (Amministratore Ce.OR) a Sanità Informazione
Le pubblicazioni scientifiche danno diritto a crediti ECM?
Sì, sono una tipologia di formazione individuale, secondo quanto stabilito al paragrafo 3.2.1 (Pubblicazioni scientifiche) del Manuale sulla formazione continua del professionista sanitario. I professionisti sanitari autori di pubblicazioni scientifiche censite nelle banche dati internazionali Scopus e Web of Science/Web of Knowledge maturano il diritto al riconoscimento, per singola pubblicazione, di: – 3 crediti (se […]
Aaa cercansi medici italiani. Storie di procacciatori e di camici bianchi in fuga dal SSN
Si aggirano negli ospedali del Nord Italia e promettono soldi, carriera e una vita più semplice al di là delle Alpi. Sono dei veri e propri talent scout e portano all’estero i professionisti più ricercati, contribuendo ad aggravare la carenza di specialisti che sta svuotando le corsie delle nostre strutture. Giovanni Leoni (FNOMCeO): «Così perdiamo qualità intellettuale importante per l’evoluzione della classe medica»
Sicurezza delle cure, la FNOMCeO lancia gli Sportelli del cittadino dove confrontarsi con medici e avvocati
Nell’ambito dell’incontro con il Consiglio nazionale forense, concordato anche un tavolo di confronto sulla ‘pubblicità etica’ in sanità
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Taglio pensioni e quota 100, che succede ai medici iscritti all’Enpam? Parla il vicepresidente Malagnino

Ad agosto le prime uscite dei dipendenti pubblici con 62 anni di età e 38 di contributi. Secondo i sindacati, saranno circa mille i medici che ogni anno approfitteranno della riforma pensionistica, c...
Sanità internazionale

La lettera di un medico stressato: «Il mio lavoro sta prosciugando la mia umanità»

«L’ultimo tuo contatto umano, poco prima che le tue condizioni peggiorassero velocemente e morissi, è stato con un medico stressato e distaccato, che ha interrotto il tuo ricordo felice. Ti chiedo...
Lavoro

Ex specializzandi: nel 2018 dallo Stato rimborsi per oltre 48 milioni e nuovi ricorsi sono pronti per il 2019

La "road map dei risarcimenti" regione per regione: Lazio in testa con 9 milioni, sul podio Lombardia e Sicilia. Più di 31 milioni al centro-sud con la Sardegna in forte crescita. Pronta la nuova azi...