Salute 22 Gennaio 2021 13:57

Che cos’è l’autoemoterapia e perché aiuta ad alzare le difese immunitarie

Apuzzo (Sapienza): «Grande e piccola auto emo-infusione permettono di stimolare la produzione di anticorpi e mantenere alta l’ossigenazione del sangue»

di Federica Bosco
Che cos’è l’autoemoterapia e perché aiuta ad alzare le difese immunitarie

Si chiama autoemoterapia ed è una tecnica che, attraverso l’ossigenazione del sangue e la produzione di citochine, consente di alzare le difese immunitarie. Per il professor Dario Apuzzo, docente presso la facoltà di Medicina e Chirurgia de La Sapienza di Roma e presidente di A.I.R.O (Accademia Internazionale di Ricerca in Ossigeno Ozono terapia) questa tecnica aiuterebbe, dunque, anche a difendersi dal Covid.

Piccola e grande emo-infusione

«Ci sono due modalità di somministrazione: la grande e la piccola auto emo-infusione – spiega Apuzzo –. La differenza sta nella quantità di sangue estratto e trattato con ossigeno ed ozono e la modalità di infusione. Nel caso della grande emo-infusione viene estratta una quantità di sangue pari a 150 – 200 ml, trattata con l’ozono e l’ossigeno e reinfusa con una normale flebo».

«La piccola emo-infusione, come dice il nome, prevede il prelievo di una piccola quantità di sangue, 10cc, che viene ozonizzato e reinfuso non più in endovena, ma intramuscolo. È interessante osservare che non si formano ematomi perché il sangue viene assorbito regolarmente senza lasciare traumi, proprio perché ossigenato, ovvero reso più fluido e dunque più facilmente assimilabile. Questo tipo di trattamento va a stimolare le citochine da parte dei linfociti, delle cellule bianche del sangue (monociti e macrofagi) che contribuiscono a stimolare la produzione di anticorpi, e di conseguenza ad aumentare le difese immunitarie».

Dieci sedute sufficienti ad alzare le difese immunitarie

«Una seduta la settimana per due mesi e mezzo è sufficiente ad alzare le difese immunitarie – puntualizza il presidente di A.I.R.O. –. Allo stesso modo per la grande auto emo-infusione si prevede un ciclo di un trattamento la settimana per due mesi e poi si può fare qualche richiamo a distanza di quindici giorni o di un mese per mantenere alta l’ossigenazione del sangue. Il dato significativo è che il sangue, dopo il trattamento, acquisisce una colorazione rosso vivo e permane ossigenato a lungo».

Effetto antivirale, antibatterico e anti-age

Una tecnica utilizzata già in passato dai medici condotti per alzare le difese immunitarie dei proprio pazienti. Oggi, grazie all’apporto dell’ozono e dell’ossigeno, funziona anche come antiossidante ad un costo che varia da 80 a 150 euro a seduta senza effetti collaterali. «Per la piccola auto emo non esistono controindicazioni, mentre la grande auto emo è meglio non effettuarla durante la gravidanza, nei pazienti con ipotiroidismo (perché potrebbe stimolare eccessivamente l’organismo) e in caso di favismo, deficit enzimatico a livello del sangue che provoca crisi emolitiche. Per gli anziani che invece hanno abusato di farmaci è un grande toccasana perché purifica l’organismo, aumenta l’energia e porta ossigenazione a livello celebrale. Ha poi un effetto antiossidante ed infatti molti scelgono questa via per rallentare gli effetti del decorso del tempo».

«Prima, durante e dopo Covid è un prezioso alleato»

Per il Professor Apuzzo, è molto utile nella battaglia contro il Covid: «È indicato nella fase pre-Covid per alzare le difese immunitarie, durante la fase critica è utile perché ha proprietà antivirali e antibatteriche. Tende ad inattivare il virus perché, modificando il capside, impedisce l’attacco alle cellule bersaglio.Inoltre stimola le cellule a produrre enzimi antivirali che vanno ad attaccare il virus e ha una funzione fluidificante del sangue. Infine, nel post-Covid, può agire sulla sindrome da affaticamento che è frequente in chi ha avuto la malattia».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Giornata mondiale dei donatori di sangue, in Toscana cresce il numero dei “supereroi”
Intervista ad Adelmo Agnolucci, presidente di Avis Toscana uscente: «Le donazioni di sangue, plasma e multicomponenti di Avis nel 2020 sono aumentate dell'1,5%. Gli uomini oggi rappresentano il 63% dei donatori, contro il 37% di donatrici. Al contrario i donatori tra i 18 e i 25 anni sono soprattutto donne»
di Federica Bosco
Emergenza bombole d’ossigeno in Campania, ma è complicato riconsegnare quelle esaurite
Federfarma Napoli: «Domanda aumentata del 400%». E inizia a scarseggiare anche l'ossigeno liquido: «Situazione gravissima»
I sintomi del Covid variano in gruppi sanguigni diversi? Lo studio: «Più gravi nel gruppo A. Lo 0 il più protetto»
Prati (Policlinico Milano): «Questo meccanismo può essere legato ad una maggiore tendenza alla trombosi nei soggetti con gruppo sanguigno A». Bonfanti (Uni Bicocca): «Scoperta preliminare, seguiranno altri studi»
di Federica Bosco
World Blood Donor Day, in Italia aumentano i giovani donatori. Il report del Centro nazionale sangue
Il 14 giugno è la Giornata dedicata ai donatori di sangue. Nel report del Centro Nazionale Sangue tornano ad aumentare i donatori giovani:+1,6% per i ragazzi da 18 a 25 anni. Lo slogan di quest'anno è: "In ogni goccia c'è una storia. La nostra".
Covid-19, con albumina bassa maggior rischio di trombosi. Violi (Umberto I): «Controllare spesso i valori, soprattutto negli anziani»
Lo studio Sapienza-Policlinico Umberto I fornisce un’interpretazione del rischio trombotico nei pazienti Covid-19 e apre la strada «all’individuazione precoce delle persone ad alto rischio con screening mirati e a nuove prospettive terapeutiche per ridurre gli eventi vascolari» spiega il coordinatore Francesco Violi
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 21 settembre, sono 229.083.964 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 4.700.041 i decessi. Ad oggi, oltre 5,93 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Salute

Aumentano i contagi tra i sanitari: 600% in più in un mese, l’84% sono infermieri

La presidente FNOPI Mangiacavalli interpreta i dati dell'ISS. Anche nel Regno Unito gli studi confermano che la protezione dall'infezione si riduce dopo 5 mesi dalla seconda dose per Pfizer e AstraZen...
Salute

Pericarditi e miocarditi dopo il vaccino, Perrone Filardi (SIC): «Casi rari e mai gravi»

Dopo i casi della pallavolista Marcon e del calciatore Obiang colpiti da pericardite e miocardite, la parola al professor Pasquale Perrone Filardi, presidente eletto della Società Italiana di C...
di Federica Bosco