Salute 15 Luglio 2020 16:05

Che cos’è la ‘Fear of Missing Out’, l’ansia “social” degli adolescenti

La psicologa: «Colpisce soprattutto i maschi ed in particolare i giovani con bassa autoefficacia percepita e maggiore insicurezza sociale. Può dare origine a problemi psicopatologici più importanti, dalla dipendenza dalla rete fino alla depressione»

di Isabella Faggiano

Relax sì, ma non ozio totale, soprattutto per gli adolescenti. «Trasformando le vacanze estive in un tempo vuoto, privo di impegni già programmati, come la scuola o gli allenamenti tipici del periodo invernale, si corre il rischio di trascorrere troppo tempo immersi nel mondo virtuale, tanto da cominciare a soffrire di F.O.M.O., Fear of Missing Out, letteralmente la “paura di essere tagliati fuori”». L’avvertimento arriva da Vera Cuzzocrea, psicologa giuridica, esperta di comportamenti a rischio tra gli adolescenti e consigliera dell’Ordine degli psicologi del Lazio.

FEAR OF MISSING OUT: TAGLIATI FUORI DA CHI O DA COSA?

Chi resta chiuso in casa sarà inevitabilmente spinto a controllare come gli altri, amici e conoscenti, stanno passando la loro estate. «Chi guarda il mondo solo attraverso uno schermo – aggiunge l’esperta -, nell’osservare foto, video e post di persone immerse nel divertimento, potrebbe provare sentimenti di ansia, isolamento e solitudine. La F.O.M.O è una condizione patologica che si alimenta quando non si riescono a tenere sotto controllo tutte le attività dei propri contatti online, oppure quando sul proprio profilo non si visualizzano gli aggiornamenti e i “like” sperati». È, dunque, una vera è propria ansia sociale nutrita dalla paura di perdere gli aggiornamenti social e dall’invidia per le esperienze belle e gratificanti altrui.

ALCUNI DATI

La F.O.M.O ha una preferenza di genere e di età: «Gli studi ci dicono che questo fenomeno colpisce soprattutto i maschi, che sono soliti usare in modo eccessivo i social. L’età è un fattore di vulnerabilità – commenta la psicologa – se si considera la familiarità con internet sempre più diffusa e quasi assoluta (94%) tra adolescenti e giovani adulti (15-24 anni) che usano per comunicare, soprattutto attraverso l’invio di messaggi, social come Viber, Messenger, Skype e WhatsApp. Di conseguenza, considerando la giovane età dei soggetti coinvolti, sono innanzitutto le famiglie a dover osservare attentamente i propri figli, scovando i possibili campanelli di allarme della F.O.M.O.».

LE CAUSE

«Il primo fattore di rischio per lo sviluppo di quest’ansia sociale è il tempo passato in rete – sottolinea Cuzzocrea -. Alcune ricerche dimostrano come la F.O.M.O. si sviluppi maggiormente in quegli individui che non riescono ad appagare alcuni bisogni psicologici, come ad esempio quello di affiliazione, ovvero la necessità di stare in contatto con gli altri, di far parte di un gruppo».

«Quest’ansia sociale può essere collegata anche alla capacità di autoregolamentazione: molti adolescenti che attivano questo comportamento possono non aver ancora sviluppato le abilità necessarie per gestire i propri spazi e i tempi di vita in modo autonomo e responsabile. Un altro campanello di allarme può essere considerato un basso livello di autoefficacia percepita, la consapevolezza cioè di poter incidere positivamente e fattivamente sulla propria vita, spesso avvertita come insoddisfacente».

LE CONSEGUENZE DELLA FEAR OF MISSING OUT

Quest’ansia sociale, se non intercettata tempestivamente, può dare origine a seri problemi psicopatologici: «Può degenerare in un’ansia più strutturata che coinvolge anche altri aspetti della vita dell’individuo – spiega la psicologa -. Diventare una vera e propria dipendenza dalla rete, portare ad un eccessivo isolamento, fino a sfociare in depressione».

I RIMEDI

L’intervento psicologico può essere opportuno, soprattutto quando sono presenti livelli importanti di disagio, ma prima ancora serve rendersi conto del bisogno: «Nel caso di bambini e adolescenti, la responsabilità di intercettare la condizione di rischio è delle figure di riferimento affettivo che vivono con loro e che devono porsi come supervisori attenti del tempo trascorso in rete e della qualità delle interazioni sociali, spesso solo virtuali, dei propri figli».

«Se necessario – dice Cuzzocrea – sospendere temporaneamente l’utilizzo di smartphone, pc e il collegamento alla rete, stabilendo un tempo preciso e limitato da trascorrere nel mondo virtuale. Sarà poi compito dello psicologo ricollocare l’adolescente nel mondo reale, attivare una riflessione critica, rinforzare risorse e ripristinare uno stato di benessere personale e socio-relazionale, individuando e lavorando su quei bisogni e vulnerabilità che lo hanno spinto ad immergersi nella rete, per evitare – conclude l’esperta – che quel disagio possa portare ad esiti disadattivi e problemi psicopatologici più gravi».

 

Articoli correlati
Covid-19, il Comitato bioetica: «Sul vaccino decide adolescente, non genitore»
«La sua volontà prevale». Nel caso rifiuti l'iniezione, «va informato ma non obbligato»
Covid-19, Dad e generazioni perse, Sellini (AUPI): «Ormai non è più un’emergenza, servono provvedimenti strutturali»
Secondo il Segretario Generale dell’Associazione Unitaria Psicologi Italiani, gli stanziamenti previsti per gli psicologi nel Decreto Sostegni bis sono «una buona notizia ma rappresentano interventi parziali»
Europei, Lazzari (CNOP): «Vittoria Italia nutre speranza e prospettiva di ritorno alla normalità»
«La vittoria degli azzurri agli Europei di calcio, sul piano psicologico, nutre la speranza delle persone ed è un’affermazione della normalità, con la prospettiva di un ritorno a una dimensione meno emergenziale. Avvicina anche ad una situazione di ripartenza». Così David Lazzari, presidente del Consiglio Nazionale dell’Ordine degli psicologi che aggiunge: «L’affermazione della nazionale di […]
Giornata mondiale del bacio, lo psicologo: «La pandemia ci ha privato del nostro alfabeto emotivo»
Michele Spaccarotella: «Quando tutto sarà finito torneremo a baciarci come prima, ma avremo bisogno di tempo per dimenticare restrizioni e timori»
di Isabella Faggiano
Al via i saldi estivi, ma quando lo shopping diventa una malattia?
Lo psicoterapeuta Claudio Dalpiaz, in un’intervista a Sanità Informazione, delinea l’identikit dello shopper compulsivo e offre consigli utili a coloro che, pur non avendo comportamenti patologici, vorrebbero utilizzare il portafogli in modo più consapevole. Dalla Flinders University le linee guida per diagnosi e trattamento dello shopping compulsivo
di Isabella Faggiano
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 2 agosto, sono 198.944.127 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 4.236.600 i decessi. Ad oggi, oltre 4.15 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&n...
Covid-19, che fare se...?

Posso bere alcolici prima o dopo il vaccino anti-Covid?

Sbronzarsi nei giorni a cavallo della vaccinazione può compromettere la risposta immunitaria e, dunque, depotenziare gli effetti del vaccino?
Salute

Guida al Green pass, può essere revocato? Serve anche ai ragazzi? Le risposte di Cittadinanzattiva

Chi ne è esentato? E cosa deve fare chi è guarito? Intervista a Isabella Mori, Responsabile del servizio tutela di Cittadinanzattiva