Salute 20 Agosto 2019 12:23

Simulazione medica avanzata per la didattica universitaria: a Torino duecento metri quadri di alta tecnologia

Il responsabile del Centro: «Grazie ai simulatori gli studenti di medicina, delle scuole sanitarie e gli specializzandi potranno apprendere, senza rischi, le manovre necessarie all’esecuzione di atti medici o chirurgici-infermieristici, secondo linee guida internazionali»

di Isabella Faggiano
Simulazione medica avanzata per la didattica universitaria: a Torino duecento metri quadri di alta tecnologia

Duecento metri quadri dedicati alla simulazione di visite specialistiche, gestione delle emergenze, interventi chirurgici e molto altro. Il tutto arricchito da tecnologie di ultima generazione.

«Aggiornatissimi high fidelity mannequin/models, innovativi sistemi multimediali di videocamere ambientali e di sistemi audio consentiranno una simulazione medica sempre più realistica e vicina agli scenari quotidiani», spiega Franco Veglio, docente di Medicina Interna all’università di Torino, descrivendo le enormi potenzialità del nuovo Centro di simulazione medica avanzata per la didattica universitaria, inaugurato all’interno dello stesso Ateneo, presso la ex palazzina Odontoiatria, sede della Scuola di Medicina.

«Grazie ai simulatori – continua Veglio, responsabile del Centro – gli studenti di medicina, delle scuole sanitarie e gli specializzandi potranno apprendere, senza rischi, le manovre necessarie all’esecuzione di atti medici o chirurgici-infermieristici, secondo linee guida internazionali. Attività che non sostituisce il contatto diretto al letto del paziente, ma fornisce la preparazione pratica propedeutica,  rendendo il tirocinio clinico molto più efficace e istruttivo».

LEGGI ANCHE: RISCHIO CLINICO, STELLA (AGENAS): «PER ABBATTERLO VA TRASFORMATO IL MODELLO FORMATIVO DANDO SPAZIO ALLA SIMULAZIONE»

Le tecnologie a disposizione nel Centro permetteranno di simulare interventi con diversi gradi di difficoltà: «Un primo livello sarà dedicato alla visita di un paziente, dall’ausculto alla palpazione – commenta il professore -. Ad un livello più avanzato si faranno prelievi del sangue e saturazione di ferite. Fino a manovre più cruente come il prelievo di liquido dalle cavità pleuriche, l’esplorazione rettale o delle mammelle, esami oculistici, di otorinolaringoiatria, prelievo del liquido cerebrospinale. In una terza sezione teorico-pratica saranno creati degli scenari, servendosi sia di un manichino adulto che di uno pediatrico, per simulare situazioni di una certa gravità, come l’arresto cardiaco o aritmie letali».

Oltre alle due aule plenarie e di simulazione avanzata ed alle due aule “Clinical Skill”, equipaggiate con attrezzatura all’avanguardia per esercitazioni con trainer specifici, è prevista una sala regia, provvista di vetri unidirezionali che garantiscono la visione degli istruttori nelle sale di simulazione, oscurando la visione della stessa sala agli studenti e ai tutori. «Al termine delle simulazione –  aggiunge Veglio – gli studenti potranno vedere il loro intervento videoregistrato e confrontarsi con i docenti sugli eventuali errori commessi». Si soddisfa così la necessità di apprendere un ampio numero di patologie in ambienti clinici diversi e in situazioni realistiche, permettendo agli studenti di sviluppare la capacità decisionale.

La struttura comincerà ad ospitare i primi studenti già dal prossimo anno accademico (2019-2020). «Saranno circa 40 gli universitari che si alterneranno quotidianamente all’interno del Centro. Al loro fianco – sottolinea Veglio – ci sarà un team dedicato, di circa 15 docenti, che stiamo reclutando proprio in questi giorni. I professori, individuati tra coloro che hanno già competenza di simulazione e didattica fisica – conclude – , seguiranno un corso di aggiornamento durante i mesi estivi».

Articoli correlati
Torino avrà il più grande parco della salute post Covid
Luigi Genesio Icardi (assessore alla sanità Regione Piemonte): «È la più grande opera di edilizia sanitaria degli ultimi anni. Sarà un polo di ricerca, didattica e cura. I lavori si concluderanno nel 2027»
di Federica Bosco
Torino, prime lettere di sospensione per i medici no vax
Il Presidente dell’OMCeO, Guido Giustetto: «Chi non vuole vaccinarsi si tolga il camice e cambi lavoro»
Seconda ondata Covid-19, i medici che chiedono il lockdown immediato
Gli appelli alle istituzioni degli Ordini di Milano, Torino e Oristano affinché si predisponga velocemente un efficace lockdown per contenere l'epidemia
Paziente tetraplegico recupera la funzione delle mani grazie a intervento innovativo. È la prima volta in Italia
Per la prima volta in Italia una tecnica innovativa e rivoluzionaria permetterà ad un paziente tetraplegico di recuperare la funzione delle mani, utilizzando tecniche chirurgiche che hanno permesso di bypassare il livello della lesione al midollo spinale trasferendo e ricollegando come fili elettrici nervi donatori sani (sopra la lesione stessa del midollo) a nervi non […]
Città Salute Torino, Nursing Up: «Reparti a rischio chiusura per carenza di organico. Chiediamo incontro al presidente Cirio»
«Apprendiamo dalla delegazione del Piemonte la grave situazione che si sta configurando presso la Città della Salute di Torino, dove sarebbe imminente la chiusura di alcuni reparti a causa della carenza di personale. Un fiore all’occhiello della Sanità pubblica rischia così di andare in malora grazie ad una visone miope ed ottusa della politica, che […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Dalla Redazione

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Ad oggi, 1 dicembre 2022, sono 643.396.783 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.635.192 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia L’ultimo bollettino di...
Covid-19, che fare se...?

Se ho avuto il Covid-19 devo fare lo stesso la quarta dose?

Il secondo booster è raccomandato anche per chi ha contratto una o più volte il virus responsabile di Covid-19. Purché la somministrazione avvenga dopo almeno 120 giorni dall'esit...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono gli effetti collaterali della quarta dose?

Gli effetti collaterali dell'ultimo richiamo di Covid-19 sono simili a quelli associati alle dosi precedenti: un leggero gonfiore o arrossamento nel punto di iniezione, stanchezza e mal di testa