Salute 15 Giugno 2018

Carenza MMG, le proposte dei Giovani Medici al Ministro Grillo: «Formazione accademica per i medici di base e borse ad hoc»

Il Dipartimento di Medicina Generale della SIGM ha elaborato un documento in cinque punti: tra questi facilitazioni in termini di graduatoria per chi si è formato in un’area carente e possibilità per i corsisti di esercitare

Un documento programmatico in cinque punti inviato al Ministro della Salute Giulia Grillo per superare il problema della carenza di medici di medicina generale. Lo ha preparato il Dipartimento di Medicina Generale della SIGM, Segretariato Italiani Giovani Medici, allo scopo di sollecitare le istituzioni a trovare una soluzione a un problema che nei prossimi anni rischia di diventare una emergenza sanitaria del nostro Paese: secondo i dati della FIMMG nei prossimi cinque anni smetteranno di lavorare 14.908 medici di famiglia e 14 milioni di italiani potrebbero rimanere senza medico di base. Un trend destinato anche a peggiorare: al 2028 verranno a mancare 33.392 medici di famiglia. L’anno ‘nero’, che registrerà il picco delle uscite, sarà per i medici di famiglia il 2022: solo in quell’anno ne andranno in pensione 3.902.

La SIMG sottolinea “un panorama della medicina generale sempre più in difficoltà” dovuto all’imminente massivo pensionamento dei MMG e alla ridotta reperibilità di medici tra quelli già iscritti nelle graduatorie regionali. Per questo è fondamentale concentrarsi sulla formazione e su questo si basano i cinque punti inviati non solo al Ministro ma anche a Rossana Ugenti della direzione Professioni Sanitarie del Ministero della Salute e Renato Botti del Coordinamento Tecnico Commissione Salute Regione Piemonte. Nel documento si sottolinea la necessità che la Formazione Specifica in Medicina Generale sia meritevole di un percorso di formazione accademica, «affinché diventi capace di formare professionisti funzionali ad operare all’interno di Cure Primarie ispirate ad un modello di Comprehensive Proactive Primary Health Care».

LEGGI ANCHE: ROVEGNO, IL PAESE SENZA MEDICO. IL SINDACO ISOLA: «NON SIAMO CITTADINI DI SERIE B, VOGLIAMO UN DOTTORE CHE VIVA IN CITTA’»

Ecco i punti:

POSSIBILITA’ DI ESERCITARE LA PROFESSIONE PER I CORSISTI

Rispetto dell’Art. 29 della Direttiva 2005/36/CE. Gli Stati Membri possano esentare da questa condizione i medici che stanno conseguendo la FSMG e prevedendo la modifica delll’Art 19 comma 11, Legge 28 Dicembre 2001, n° 448 si potrebbe far sì che i corsisti possano esercitare la medicina generale solo in assenza di medici già in possesso del titolo di FSMG, permettendo così ai corsisti di acquisire l’incarico di assistenza primaria già direttamente durante la formazione.

SUPERARE I MASSIMALI

Prevedere, per compensare un’area carente, la possibilità di superare il massimale. Secondo il Decreto Balduzzi si possa prevedere che ciascun medico, operante nelle AFT e nelle UCCP, presenti un numero ottimale di scelte e un massimale che può essere superato solo momentaneamente; superato un numero minimo di esuberi, la richiesta di pubblicazione dell’area carente.

BORSE DI FORMAZIONE IN AREE CARENTI

Nel caso vi sia carenza di medici con il titolo di formazione in medicina generale, associare la richiesta di pubblicazione di un’area carente alla richiesta di attivazione di una borsa di formazione specifica in medicina generale; associare quindi l’assegnazione della borsa di formazione specifica in medicina generale all’acquisizione del contratto di sostituzione in medicina generale nell’area carente corrispondente.

PART TIME PER FSMG

Attivazione del part time per il corso di FSMG nelle Regioni in cui si renda necessario il ricorso a medici senza titolo di FSMG, come già previsto dall’art 24 comma 3 del D.lgs 368/99, in accordo con la normativa europea Art. 28 della Direttiva 2005/37/CE. Permettendo così una da un lato la riduzione del carico di lavoro ai MMG “senjor”, dall’altra la possibilità della formazione sul campo per il medico in formazione.

FACILITAZIONI PER CHI SI E’ FORMATO IN AREA CARENTE

Prevedere facilitazioni in termini di graduatoria per chi si è formato in un’area carente (analogamente a quanto oggi avviene per la residenza), in modo da favorire al termine del percorso formativo la possibilità per il medico di medicina generale neodiplomato di conseguire la titolarità nella sede in cui ha svolto la formazione. In modo da rafforzare la continuità longitudinale dell’assistenza, limitando la frammentazione oltre ad un possibile stimolo per i giovani MMG a restare nei territori periferici e/o svantaggiati.

LEGGI ANCHE: CARENZA MEDICI, ANAAO: «35MILA SPECIALISTI VIA NEI PROSSIMI CINQUE ANNI». BIASCI (FIMP): «PEDIATRI  A RISCHIO, SERVONO RISORSE E STRUTTURE»

 

Articoli correlati
Medicina di famiglia e prescrizione di farmaci antidiabetici, FIMMG: «Incontro in Aifa con fumata grigia»
L’obiettivo era quello di portare al direttore dell’Agenzia Italiana del Farmaco la preoccupazione per il permanere del divieto di far prescrivere ai medici di famiglia farmaci efficaci nel ridurre le complicanze della malattia diabetica e gli effetti collaterali dei farmaci prescrivibili
Medici di famiglia, Corti (Fimmg): «Siano affiancati da un collaboratore di studio»
Il vicesegretario nazionale della Federazione: «Ad oggi non ci sono le condizioni per sviluppare la figura dell’infermiere di famiglia». E sull’autonomia differenziata: «Non peggiori ulteriormente le differenze tra le diverse realtà regionali»
Carenza Medici di famiglia, Angelo Testa: «Lavoriamo affinché ‘camici grigi’ possano completare formazione»
Il Sindacato Autonomo interviene sul tema sempre più attuale della carenza di Medici di Medicina Generale. «Da anni puntualmente denunciamo inascoltati – dice Angelo Testa, presidente nazionale dello Snami – la politica scellerata dei governi che nel tempo hanno sempre procrastinato una adeguata programmazione del fabbisogno di borse di studio per il corso di formazione […]
Convenzione MMG, Scotti (Fimmg): «La ‘busta paga’ dei medici di famiglia è ferma al 2010. Tre mesi per firmare»
Il Segretario della Federazione Italiana Medici di Famiglia spiega ai nostri microfoni qual è la principale urgenza da affrontare. Poi interviene sul regionalismo differenziato: «La variazione dell’assetto attuale può aumentare differenze tra Regioni»
di Cesare Buquicchio e Arnaldo Iodice
Scuole specializzazione, Bonsignore (FNOMCeO): «No a deroghe su qualità formazione né a chiusure»
Una scuola su quattro rischierebbe l’accreditamento perché non rispetterebbe gli standard qualitativi previsti. Il coordinatore dell’Osservatorio giovani della FNOMCeO: «Le reti formative integrino università, ospedali e territorio». E sul numero chiuso: «Prova di accesso attuale non fa gran selezione. Dovrebbero essere valutate anche le motivazioni dei candidati»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Riscatto agevolato della laurea, ecco perché ai medici conviene. Cavallero (Cosmed): «È l’unico modo per programmare un’uscita dal lavoro prima dei 70 anni»

La norma voluta dal governo permetterà a chi ha iniziato a lavorare dal 1996 di poter guadagnare anni di contribuzione pagando 5240 euro per ogni anno di studio. «Dobbiamo capire perché universitar...
Lavoro

Allarme pensioni, Palermo (Anaao): «Si rischia il caos. Speriamo che aderisca a Quota 100 solo il 25%»

In base alle stime del sindacato, per il combinato disposto di Quota 100 e gobba pensionistica, in tre anni lasceranno il SSN 24mila medici, che si aggiungono all’attuale deficit di 10mila camici bi...
Lavoro

Rinnovo contratto sanità privata, Aiop: «Siano coinvolte Regioni». Cgil: «Chi fa profitti non può chiedere che a pagare siano altri»

Dopo 18 mesi di trattativa, i sindacati confederati hanno interrotto il dialogo perché le controparti, Aiop e Aris, non sono disposte a farsi carico della parte economica del rinnovo del contratto di...
di Giulia Cavalcanti e Giovanni Cedrone