Salute 15 marzo 2018

Rovegno, il paese senza medico. Il sindaco Isola: «Non siamo cittadini di serie B, vogliamo un dottore che viva in città»

A due mesi dal provocatorio cartello “Vietato ammalarsi e morire”, il primo cittadino del Comune dell’entroterra ligure continua la sua battaglia: «Il supplente viene nel nostro paese due ore a settimana, quando va via siamo senza presenza sanitaria». E chiede il ripristino della condotta

Immagine articolo

Aveva fatto affiggere un cartello fuori dal Municipio con la scritta “Vietato ammalarsi e morire”. Una provocazione, che nelle intenzioni di Giovanni Isola, sindaco di Rovegno, nel cuore della Val Trebbia in provincia di Genova, doveva servire a portare l’attenzione sul problema di un paese, il suo, rimasto senza medico generico. Non sembra però essere cambiato molto a due mesi dall’iniziativa con cui si invitava, non senza ironia, la cittadinanza ad «adottare tutte le precauzioni possibili, ed anche le impossibili al fine di preservare le proprie difese immunitarie per non incorrere in situazioni infettivologiche nei periodi non coperti ad oggi dalla figura medicale professionale incaricata dall’Asl».

«Sono indignato e preoccupato – spiega Isola – Non riesco a capire come sia potuto succedere che al Ministero della Salute non si siano accorti di quello che sta accadendo. È stato un disastro aver tolto la condotta così che un medico non è obbligato a vivere sul territorio».

Ora a Rovegno c’è un medico supplente iraniano, «una bravissima persona» sottolinea il primo cittadino, con l’arduo compito di servire 7 comuni in 13 ore a settimana. «In pratica resta circa due ore a settimana a Rovegno, e quando va via rimaniamo senza presenza sanitaria. Per questo ho scritto “vietato ammalarsi”», afferma Isola.

Il medico si sposta lungo la Val Trebbia: oltre a Rovegno serve i comuni di Fascia, Fontanigorda, Gorreto, Torriglia, Montebruno, Propata, Rondanina. Mentre la notte e nel week-end tocca alla guardia medica, che però ha base a Toriglia, a 20 chilometri da Rovegno. «Noi siamo nell’entroterra, avevamo ancora ieri il ghiaccio sulle strade. Quando c’è neve ci vogliono 40 minuti da Toriglia, sempre che ci si riesca a muovere. Questo non possiamo più accettarlo, non siamo cittadini di serie B».

LEGGI ANCHE: MEDICI, STUDIO FIMMG – ANAAO LANCIA L’ALLARME: «NEI PROSSIMI 5 ANNI VIA IN 45MILA». SCOTTI: «14 MILIONI DI ITALIANI RESTERANNO SENZA MEDICO DI BASE»

Isola è pronto a invitare a Rovegno il prossimo Ministro della Salute, di qualsiasi partito sia, per prendere coscienza del problema. «Chiedo – spiega il vulcanico sindaco – che venga ripristinata con urgenza la ‘condotta’. È necessario che i medici prendano la residenza, bisogna stare sul territorio come una volta. È giusto che il medico sia pagato per le ore che fa, vanno bene le 13 ore. Ma se domani c’è un’emergenza, un medico che vive sul territorio può intervenire perché ha una sua etica professionale».

Il primo cittadino non rinnega la scelta di affiggere il provocatorio manifesto, anche se non tutti hanno apprezzato: «Non ho ricevuto nessuna solidarietà dai sindaci, quelli locali mi hanno detto che ho fatto troppo casino. Mi hanno persino minacciato di denuncia per procurato allarme per il manifesto “vietato morire”. Ma io sarei felice di essere denunciato. Il manifesto serviva per attirare l’attenzione del Ministro della Salute. La denuncia sarebbe come una freccia rossa. Io sono un combattente».

Il sindaco ha intenzione di non mollare e continuerà la sua battaglia per avere un medico di base residente a Rovegno. «Adesso sto aspettando il direttore generale dell’Asl genovese con il quale ho avuto un confronto costruttivo per sapere a che punto siamo. Il comune di Rovegno mette a disposizione del medico l’appartamento. Gli paghiamo l’affitto. Ha un appartamento nuovo, fiammante a disposizione». La questione, c’è da scommetterci, non finirà qui.

Articoli correlati
Concorsi emergenza-urgenza senza specializzazione, Pugliese (Simeu): «Ok se soluzione tampone, ma con percorso formativo»
Il presidente della Società italiana della Medicina di Emergenza-urgenza sull’emendamento al Dl Semplificazione che prevede la partecipazione ai concorsi 2019 di chi ha lavorato per 4 anni, negli ultimi 10, nei servizi di emergenza: «Non risolve carenza di specialisti ma sana la posizione del singolo medico»
SSN, nel 2025 mancheranno 16.500 specialisti. L’allarme dell’Anaao: «È vera emergenza nazionale»
Tra i fattori della carenza di specialisti, secondo lo studio condotto dal sindacato, imbuto formativo, blocco del turnover ed emorragia di pensionamenti. A mancare, saranno soprattutto medici d'emergenza-urgenza, pediatri, internisti e anestesisti
Crollo Ponte Morandi, Viale (Ass. Sanità Liguria): «Mettiamo a disposizione del Sistema Paese la nostra risposta ad una emergenza unica nel suo genere»
Intervenuta al Forum Risk Management di Firenze, la titolare della sanità ligure sottolinea: «Siamo stati in mezzo alle persone e tutto il sistema ha funzionato: è stato un gioco di squadra importante». Poi aggiunge: «Genova non è in ginocchio, ora fare giustizia su quello che è accaduto»
Sciopero medici, la voce degli studenti: «Senza programmazione e finanziamenti il nostro futuro è drammatico»
Blocco del turnover, imbuto formativo e precarietà sono solo alcune delle ragioni che hanno spinto tanti studenti di medicina e specializzandi a supportare lo sciopero di venerdì scorso indetto dalla dirigenza medica e sanitaria: «Per noi studenti diventa sempre più complesso capire se avremo un futuro nell’ambito della sanità»
Sciopero medici, c’è il supporto di Federspecializzandi. Guicciardi: «Ecco come possono aderire i medici in formazione»
Il presidente dell’Associazione nazionale dei medici in formazione specialistica a Sanità Informazione: «Gli specializzandi non godono del diritto di sciopero, ma possono richiedere un permesso per assenza giustificata o, al limite, ricorrere all’assenza ingiustificata. Fondamentale che strutturati in sciopero non facciano ricadere tutte le attività su specializzandi»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

Formazione ECM, tutte le novità 2019: dall’aggiornamento all’estero alla certificazione

Un dovere sentito sempre più come opportunità professionale. Ecco, in una rapida carrellata, i principali cambiamenti che hanno investito negli ultimi anni il sistema dell’Educazione Continua in M...
Politica

Deroga iscrizione Ordini, Beux (TSRM e PSTRP): «Condividiamo obiettivi ma così si rischia sanatoria. In decreti attuativi si ponga rimedio o faremo da soli»

Il provvedimento inserito in legge di Bilancio prevede che chi ha lavorato 36 mesi negli ultimi 10 anni possa continuare ad esercitare anche senza i titoli per iscriversi al maxi Ordine delle professi...
Politica

Deroga iscrizione Ordini, la bocciatura dei fisioterapisti. Tavarnelli (Aifi): «Si riaprano i percorsi di equivalenza già previsti dalla legge 42 del ’99»

Il presidente Aifi: «Senza un passo indietro si rischia una sanatoria globale, una grande confusione per il cittadino ed una scarsissima tutela della sua salute»
di Isabella Faggiano