Salute 15 Marzo 2018

Rovegno, il paese senza medico. Il sindaco Isola: «Non siamo cittadini di serie B, vogliamo un dottore che viva in città»

A due mesi dal provocatorio cartello “Vietato ammalarsi e morire”, il primo cittadino del Comune dell’entroterra ligure continua la sua battaglia: «Il supplente viene nel nostro paese due ore a settimana, quando va via siamo senza presenza sanitaria». E chiede il ripristino della condotta

Immagine articolo

Aveva fatto affiggere un cartello fuori dal Municipio con la scritta “Vietato ammalarsi e morire”. Una provocazione, che nelle intenzioni di Giovanni Isola, sindaco di Rovegno, nel cuore della Val Trebbia in provincia di Genova, doveva servire a portare l’attenzione sul problema di un paese, il suo, rimasto senza medico generico. Non sembra però essere cambiato molto a due mesi dall’iniziativa con cui si invitava, non senza ironia, la cittadinanza ad «adottare tutte le precauzioni possibili, ed anche le impossibili al fine di preservare le proprie difese immunitarie per non incorrere in situazioni infettivologiche nei periodi non coperti ad oggi dalla figura medicale professionale incaricata dall’Asl».

«Sono indignato e preoccupato – spiega Isola – Non riesco a capire come sia potuto succedere che al Ministero della Salute non si siano accorti di quello che sta accadendo. È stato un disastro aver tolto la condotta così che un medico non è obbligato a vivere sul territorio».

Ora a Rovegno c’è un medico supplente iraniano, «una bravissima persona» sottolinea il primo cittadino, con l’arduo compito di servire 7 comuni in 13 ore a settimana. «In pratica resta circa due ore a settimana a Rovegno, e quando va via rimaniamo senza presenza sanitaria. Per questo ho scritto “vietato ammalarsi”», afferma Isola.

Il medico si sposta lungo la Val Trebbia: oltre a Rovegno serve i comuni di Fascia, Fontanigorda, Gorreto, Torriglia, Montebruno, Propata, Rondanina. Mentre la notte e nel week-end tocca alla guardia medica, che però ha base a Toriglia, a 20 chilometri da Rovegno. «Noi siamo nell’entroterra, avevamo ancora ieri il ghiaccio sulle strade. Quando c’è neve ci vogliono 40 minuti da Toriglia, sempre che ci si riesca a muovere. Questo non possiamo più accettarlo, non siamo cittadini di serie B».

LEGGI ANCHE: MEDICI, STUDIO FIMMG – ANAAO LANCIA L’ALLARME: «NEI PROSSIMI 5 ANNI VIA IN 45MILA». SCOTTI: «14 MILIONI DI ITALIANI RESTERANNO SENZA MEDICO DI BASE»

Isola è pronto a invitare a Rovegno il prossimo Ministro della Salute, di qualsiasi partito sia, per prendere coscienza del problema. «Chiedo – spiega il vulcanico sindaco – che venga ripristinata con urgenza la ‘condotta’. È necessario che i medici prendano la residenza, bisogna stare sul territorio come una volta. È giusto che il medico sia pagato per le ore che fa, vanno bene le 13 ore. Ma se domani c’è un’emergenza, un medico che vive sul territorio può intervenire perché ha una sua etica professionale».

Il primo cittadino non rinnega la scelta di affiggere il provocatorio manifesto, anche se non tutti hanno apprezzato: «Non ho ricevuto nessuna solidarietà dai sindaci, quelli locali mi hanno detto che ho fatto troppo casino. Mi hanno persino minacciato di denuncia per procurato allarme per il manifesto “vietato morire”. Ma io sarei felice di essere denunciato. Il manifesto serviva per attirare l’attenzione del Ministro della Salute. La denuncia sarebbe come una freccia rossa. Io sono un combattente».

Il sindaco ha intenzione di non mollare e continuerà la sua battaglia per avere un medico di base residente a Rovegno. «Adesso sto aspettando il direttore generale dell’Asl genovese con il quale ho avuto un confronto costruttivo per sapere a che punto siamo. Il comune di Rovegno mette a disposizione del medico l’appartamento. Gli paghiamo l’affitto. Ha un appartamento nuovo, fiammante a disposizione». La questione, c’è da scommetterci, non finirà qui.

Articoli correlati
Lombardia, dal Governo 672 mln per la sanità. Monti (Comm. Sanità): «Riorganizzazione Pronto soccorso e più medici, aspettando l’autonomia»   
Il presidente della Commissione Sanità di Regione Lombardia, Emanuele Monti, spiega come saranno utilizzate le risorse stabilite con l’intesa governo-regioni: «Un collegamento più vicino alle persone, all’ospedale-territorio, la presa in carico della cronicità, quel 30% dei pazienti che assorbono il 70/80% delle risorse economiche». Sulla carenza di medici: «Autonomia differenziata potrebbe aiutarci»
di Federica Bosco
Neolaureati nei Pronto Soccorso, oltre 50mila firme per dire no
Aumentare borse e stipendi di chi lavora in Pronto Soccorso, attivare i concorsi, riconoscere lo status di lavoro usurante: queste alcune delle soluzioni proposte dal Coordinamento degli Specializzandi in Medicina d'Emergenza-Urgenza e da FederSpecializzandi per far fronte alla carenza di personale e salvare i Pronto Soccorso
#DestinazioneSanità | Emilia-Romagna, un’eccellenza sulle spalle dei (pochi) medici: «Qualità destinata ad abbassarsi»
GUARDA IL VIDEO | La prima tappa del reportage di Sanità Informazione, in collaborazione con CIMO, è l’Emilia-Romagna. Un racconto delle contraddizioni di una delle sanità regionali migliori d’Italia attraverso le voci dei medici, tra storie di eccellenza, carenza di personale, turni massacranti e la latenza del rinnovo del contratto
Carenza medici, in Lombardia sindacati proclamano agitazione. Mazzacane (Cisl medici): «Aspettiamo convocazione dal 25 marzo»
«Il problema fondamentale è che i medici sono abbandonati e non esiste un sistema di relazione sindacale», spiega Danilo Mazzacane, segretario Cisl medici Lombardia che aggiunge: «La riforma regionale così come è stata pensata presenta delle evidenti criticità, regione investa nella sanità pubblica»
di Federica Bosco
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

ECM, finisce a Striscia la Notizia il caso dei medici non in regola. FNOMCeO: «Dal 2020 sanzioni per chi non sarà in regola»

Anche la popolare trasmissione di Canale 5 punta i riflettori sul caso dei tanti medici che non rispettano l’obbligo di legge sull’aggiornamento continuo in medicina. Gerry Scotti: “Pazienti pre...
Formazione

Obbligo ECM, Rosset (OMCeO Aosta): «La formazione tutela la salute pubblica. Con sentenza si esce dall’ambiguità»

«Il rispetto della formazione, la tutela della salute e l’obbligo di rispondere a quanto viene dettato dal legislatore, quindi a osservare la legge, sono cose assolutamente imprescindibili e che re...
di Giovanni Cedrone e Diana Romersi
Salute

Guarire dalla balbuzie si può: Chiara Comastri, psicologa ed ex balbuziente, ci spiega come agisce il metodo Psicodizione

Da balbuziente ad esperta di linguaggio: la psicologa Chiara Comastri si racconta a Sanità Informazione e rivela: «Con un approccio di tipo cognitivo comportamentale e un percorso preciso si possono...