Politica 15 Marzo 2018

Rovegno, il paese senza medico. Il sindaco Isola: «Non siamo cittadini di serie B, vogliamo un dottore che viva in città»

A due mesi dal provocatorio cartello “Vietato ammalarsi e morire”, il primo cittadino del Comune dell’entroterra ligure continua la sua battaglia: «Il supplente viene nel nostro paese due ore a settimana, quando va via siamo senza presenza sanitaria». E chiede il ripristino della condotta

Immagine articolo

Aveva fatto affiggere un cartello fuori dal Municipio con la scritta “Vietato ammalarsi e morire”. Una provocazione, che nelle intenzioni di Giovanni Isola, sindaco di Rovegno, nel cuore della Val Trebbia in provincia di Genova, doveva servire a portare l’attenzione sul problema di un paese, il suo, rimasto senza medico generico. Non sembra però essere cambiato molto a due mesi dall’iniziativa con cui si invitava, non senza ironia, la cittadinanza ad «adottare tutte le precauzioni possibili, ed anche le impossibili al fine di preservare le proprie difese immunitarie per non incorrere in situazioni infettivologiche nei periodi non coperti ad oggi dalla figura medicale professionale incaricata dall’Asl».

«Sono indignato e preoccupato – spiega Isola – Non riesco a capire come sia potuto succedere che al Ministero della Salute non si siano accorti di quello che sta accadendo. È stato un disastro aver tolto la condotta così che un medico non è obbligato a vivere sul territorio».

Ora a Rovegno c’è un medico supplente iraniano, «una bravissima persona» sottolinea il primo cittadino, con l’arduo compito di servire 7 comuni in 13 ore a settimana. «In pratica resta circa due ore a settimana a Rovegno, e quando va via rimaniamo senza presenza sanitaria. Per questo ho scritto “vietato ammalarsi”», afferma Isola.

Il medico si sposta lungo la Val Trebbia: oltre a Rovegno serve i comuni di Fascia, Fontanigorda, Gorreto, Torriglia, Montebruno, Propata, Rondanina. Mentre la notte e nel week-end tocca alla guardia medica, che però ha base a Toriglia, a 20 chilometri da Rovegno. «Noi siamo nell’entroterra, avevamo ancora ieri il ghiaccio sulle strade. Quando c’è neve ci vogliono 40 minuti da Toriglia, sempre che ci si riesca a muovere. Questo non possiamo più accettarlo, non siamo cittadini di serie B».

LEGGI ANCHE: MEDICI, STUDIO FIMMG – ANAAO LANCIA L’ALLARME: «NEI PROSSIMI 5 ANNI VIA IN 45MILA». SCOTTI: «14 MILIONI DI ITALIANI RESTERANNO SENZA MEDICO DI BASE»

Isola è pronto a invitare a Rovegno il prossimo Ministro della Salute, di qualsiasi partito sia, per prendere coscienza del problema. «Chiedo – spiega il vulcanico sindaco – che venga ripristinata con urgenza la ‘condotta’. È necessario che i medici prendano la residenza, bisogna stare sul territorio come una volta. È giusto che il medico sia pagato per le ore che fa, vanno bene le 13 ore. Ma se domani c’è un’emergenza, un medico che vive sul territorio può intervenire perché ha una sua etica professionale».

Il primo cittadino non rinnega la scelta di affiggere il provocatorio manifesto, anche se non tutti hanno apprezzato: «Non ho ricevuto nessuna solidarietà dai sindaci, quelli locali mi hanno detto che ho fatto troppo casino. Mi hanno persino minacciato di denuncia per procurato allarme per il manifesto “vietato morire”. Ma io sarei felice di essere denunciato. Il manifesto serviva per attirare l’attenzione del Ministro della Salute. La denuncia sarebbe come una freccia rossa. Io sono un combattente».

Il sindaco ha intenzione di non mollare e continuerà la sua battaglia per avere un medico di base residente a Rovegno. «Adesso sto aspettando il direttore generale dell’Asl genovese con il quale ho avuto un confronto costruttivo per sapere a che punto siamo. Il comune di Rovegno mette a disposizione del medico l’appartamento. Gli paghiamo l’affitto. Ha un appartamento nuovo, fiammante a disposizione». La questione, c’è da scommetterci, non finirà qui.

Articoli correlati
Carenza medici, Luca Zaia: «Concorsi deserti in Veneto, problema grave». Marini (Acoi): «Parole di verità, noi pronti a piano straordinario»
Il presidente dell’Associazione nazionale dei chirurghi ospedalieri commenta le parole di Luca Zaia: «Pronti a fornire il nostro contributo alle Regioni così come al Ministero per mettere in campo azioni urgenti che evitino che si superi il livello di guardia e accelerare i tempi di una indispensabile e seria riforma della formazione professionale»
Specialisti ambulatoriali, la Campania è senza Accordo Integrativo Regionale. Peperoni (Sumai): «Campani hanno poche strutture di riferimento»
Il Vice Presidente nazionale Sumai sottolinea: «In mancanza di un Accordo Integrativo - spiega - resta difficile far lavorare al meglio questi specialisti». Il segretario campano Buoninconti aggiunge: «Manca volontà di investire sul territorio, auspichiamo fine del Commissariamento ed equa ridistribuzione dei fondi»
Carenza medici, l’appello di Leoni (FNOMCeO): «Cittadini e professionisti combattano insieme per un SSN adeguato»
Il vicepresidente della Federazione Nazionale degli Ordini dei Medici: «Cosa stiamo aspettando? I medici italiani scappano all’estero o nel privato e gli stranieri non vogliono più venire a lavorare nel nostro Paese. Dovrebbero essere previsti aumenti stipendiali importanti per riconoscere il disagio professionale di alcune branche»
di Giovanni Cedrone e Giulia Cavalcanti
Carenza medici, Tuzi (M5S): «Con noi record di borse di specializzazione. Viceministro Fioravanti al lavoro per soluzione»
In una interpellanza urgente al viceministro del Miur, Lorenzo Fioramonti, il deputato Cinque Stelle, che ha ricevuto garanzia da parte del viceministro Miur Fioramonti, ha sottolineato: «Il prossimo anno ci saranno 24mila potenziali nuovi candidati e il sistema Universitario attualmente non è in grado di formare più di 11mila medici, va fatto un cambio di passo»
Visita all’ospedale Cannizzaro di Catania. Il DG: «Grazie a nostre professionalità, meno siciliani si curano al Nord»
Il direttore generale dell’AO Cannizzaro Salvatore Giuffrida: «A breve saranno pronti i nuovi locali del Pronto soccorso. Le liste d’attesa si combattono anche dialogando con i medici di famiglia»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Lo psicologo di famiglia è un diritto riconosciuto dalla legge. Alle Regioni il compito di trovare accordi con gli MMG

La norma inserita nel Dl Calabria. Lazzari (Cnop): «Gli psicologi saranno al servizio dei cittadini anche nell’ambito delle cure primarie, accanto ai medici di medicina generale ed ai pediatri di l...
di Isabella Faggiano
Lavoro

Contratto medici e unificazione fondi: ecco cosa sta succedendo all’Aran

Il nuovo pomo della discordia è l’unificazione dei fondi della dirigenza medica, sanitaria non medica e delle professioni sanitarie. Palermo (Anaao-Assomed): «A guadagnarci sono i medici». Quici ...
Formazione

«Numero chiuso non sarà abolito, ma dal 2021 il test sarà dopo il primo anno». Parla il relatore della riforma Manuel Tuzi (M5S)

Il deputato Cinque Stelle, medico specializzando, presenterà a breve il testo base della riforma che andrà in discussione a settembre a Montecitorio. Accesso al primo anno comune a diverse facoltà ...